laRegione
Nuovo abbonamento
fotoservizio Ti-Press/Golay
+2
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
4 ore
La Federazione svizzera di ginnastica sospende Felix Stingelin
Dopo le accuse di maltrattamenti, mobbing e insulti la federazione ha deciso di sospendere il responsabile dello sport d’élite
Tennis
4 ore
Hüsler e In-Albon conquistano il torneo di Cadro
Si è chiuso dopo dieci giorni di partite lo Swiss Master organizzato dal tennista di casa Luca Margaroli. Tra le donne fuori in semifinale la ticinese Bandecchi
Calcio
6 ore
Il Lugano è pronto a difendere il suo fortino dal San Gallo
Domani i bianconeri ricevono il leader virtuale del campionato (1 punto in meno dall'Yb ma con una partita in meno) a Cornaredo, dove sono imbattuti da 7 partite
Hockey
9 ore
L'Ambrì rinuncia (per ora) alla presentazione della squadra
La società leventinese, che ha anche annunciato il programma delle amichevoli), ha confermato la cancellazione dell'abituale incontro estivo con i tifosi
Golf
9 ore
La Ryder Cup andrà in buca nel 2021
La situazione sanitaria ha spingo la Pga a posticipare di un anno la storica sfida tra Stati Uniti ed Europa in programma a settembre in Wisconsin
Hockey
10 ore
La Curva nord dell'Hc Lugano perde anche i Veterans
Dopo Fossa e Ragazzi della Nord anche il terzo e ultimo gruppo della tifoseria organizzata bianconera avrebbe deciso di sciogliersi
Formula 1
11 ore
Alonso torna in F1: 'Abbiamo i mezzi per salire sul podio'
Il 38enne asturiano dalla prossima stagione tornerà a correre con la Renault, scuderia con la quale ha conquistato i suoi due titoli mondiali 2005 e 2006)
Hockey
14 ore
Olimpiadi con giocatori Nhl più vicine
Il comitato del sindacato dei giocatori ha approvato l'accordo per le prossime due edizioni dei Giochi, Pechino 2022 e Milano/Cortina 2026
Calcio
25.05.2020 - 13:010

Lugano al lavoro. Jacobacci: 'Bello rivedere i ragazzi'

Primo allenamento dopo 75 giorni agli ordini di Jacobacci senza sette giocatori, due dei quali (Baumann e Obexer) in quarantena

Il Lugano è tornato a correre. Questa mattina i giocatori bianconeri si sono ritrovati a Cornaredo e per la prima volta dopo 75 giorni di attesa (l'ultimo allenamento prima dello stop a causa dell'emergenza Coronavirus si era tenuto l'11 marzo) sono tornati ad allenarsi in gruppo e senza particolari restrizioni. Perlomeno in campo, dove sono permessi (anche se da limitare) anche i contatti, mentre sono diverse le restrizioni da seguire fuori dal terreno da gioco e vanno dalle misure di igiene e dalla distanza sociale alla divisione dei giocatori in più spogliatoi, con l'obbligo di fare la doccia a casa (escluso chi abita più lontano).
All'appello mancavano gli annunciati Sasere (bloccato in Nigeria in quanto non ci sono voli per tornare), Sulmoni (non ha ancora recuperato da un recente intervento chirurgico), Baumann e Obexer (dovrebbero essere loro i due giocatori in quarantena) e Daprelà (probabilmente positivo al test sierologico, si è sottoposto a ulteriori esami), mentre Janga e Rodriguez si sono allenati a parte.

Maurizio Jacobacci: «Rivedere i ragazzi - assicura il mister bianconero - è una bella sensazione, si vede che non sono tutti allo stesso livello e sarà difficile arrivare pronti al 20 giugno se si dovesse riprendere, ma faremo il possibile. Il fatto di giocare ogni 3-4 giorni e con 5 cambi a disposizione favorirà certamente le compagini con una panchina più lunga e di qualità».

Maric: 'Le incognite non mancano'

Mijat Maric: «È andata meglio del previsto - spiega l'esperto difensore centrale -, abbiamo già messo una buona intensità nell'allenamento e le sensazioni sono state positive. Certo è che guardando avanti le incognite non mancano, fosse per me (e così la pensano anche molti miei compagni) non ricomincerei. Ho voglia di tornare a giocare, ma non così, vedo troppa approssimazione e fretta. Non possiamo paragonarci alla Germania dove sono organizzatissimi e hanno le strutture e le possibilità di fare tutto per bene, qui è diverso. I miei figli non vedono i loro nonni da 4 mesi e non vorrei vanificare tutto per giocare a calcio».

Ipotesi 13 partite in meno di 2 mesi

Se come sembra mercoledì il Consiglio federale darà il via libera alla fase 3 degli allentamenti alle restrizioni (che prevede tra le altre cose la possibilità per i campionati prevalentemente professionistici di organizzare partite a porte chiuse a partire dall'8 giugno) e venerdì la maggioranza dei club della Swiss Football League riunita in assemblea opterà per portare a termine la stagione interrotta a febbraio alla 23esima giornata dei campionati di Super e Challenge League, dal weekend del 19-21 giugno per i bianconeri e i loro avversari si aprirà un vero e proprio tour de force che li vedrà disputare le 13 partite restanti in meno di due mesi, giocando quindi ogni 3-4 giorni.

CALCIO: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 6 immagini
© Regiopress, All rights reserved