laRegione
Nuovo abbonamento
Lucerna
2
Losanna
2
fine
(1-1)
Servette
1
Basilea
0
fine
(0-0)
Vaduz
0
S.Gallo
1
fine
(0-0)
Chiasso
0
Grasshopper
2
fine
(0-0)
Wawrinka S. (SUI)
1
MURRAY A. (GBR)
0
2 set
(6-1 : 0-0)
lugano-calcio-e-attesa-una-svolta
Un salto di qualità mentale ©Ti-Press/Keystone
CALCIO
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
5 min

Bellinzona, un pareggio prezioso

I granata conquistano un punto a Nyon. Il presidente Righetti: 'Molto contento dell'atteggiamento. Il periodo difficile è quasi alle spalle'
Sci
16 min

TiSki, dopo Enzo Filippini c'è Marco Gut

CICLISMO
1 ora

Splendido bronzo per Marc Hirschi

Ai Mondiali di Imola il titolo iridato va a Julien Alaphilippe che precede di 24" Van Aert. Al fotofinosh il rossocrociato supera Kwiatkowski
Hockey
2 ore

Archiviato l'ultimo derby amichevole, ora si pensa a giovedì

I test sono finiti: da giovedì si fa sul serio. Pelletier: 'Abbiamo raggiunto un buon livello, ma c'è ancora margine per crescere'
Formula 1
3 ore

A Sochi vince Valtteri Bottas, davanti a Verstappen

Di poco fuori dai punti l'Alfa Sauber di Giovinazzi. Terzo il leader del mondiale Lewis Hamilton, che paga a caro prezzo i dieci secondi di penalità
Motociclismo
4 ore

Tom Lüthi fuori dalla top-10 in Catalogna

Il bernese chiude undicesimo la gara delle Moto2. 'Eravamo davvero lontani'. A imporsi è l'italiano Marini, che allunga in vetta alla generale
BASKET
4 ore

Lugano battuto in amichevole dalla Derthona

Seconda sfida di preparazione per i Tigers, superati 81-107 dalla compagine di A2 italiana
Gallery
Hockey
19 ore

Anche il secondo derby amichevole va al Lugano

I bianconeri chiudono la preparazione al nuovo campionato con una vittoria: Ambrì Piotta battuto 5-3 alla Cornèr Arena
Calcio
21 ore

Guidotti cuor di Lugano, che pareggio al Letzigrund

Il ticinese sigla il 2-2 al 91' contro uno Zurigo con un uomo in più dal 53' per l'espulsione di Sabbatini. Perla di Gerndt per l'1-0, Marchesano il migliore
Volley
1 gior

Lugano ambizioso: 'Vogliamo prenderci ancora l'Europa'

Gli obiettivi delle ragazze di coach Lacerda, che dopo la stagione interrotta a causa della pandemia, mordono il freno
Gallery
Tennis
1 gior

Nadal cerca di fare tredici, Djokovic permettendo

Al Roland Garros Rafa, in cerca dello Slam numero 20, contende al serbo un titolo al quale ambiscono entrambi con argomenti diverso ma ugualmente validi
Calcio
1 gior

'Potremmo anche soffrire, ma questo Lugano lo sa fare'

FCLugano, Maurizio Jacobacci in vista della trasferta di Zurigo: ‘Se ripetiamo i primi 70' di Cornaredo contro il Lucerna possiamo fare bene’
Calcio
03.09.2019 - 09:430

Lugano calcio, è attesa una svolta

La squadra è chiamata a dimostrare di aver compiuto un salto di qualità mentale

È troppo presto per allertare i vigili del fuoco, la casa-Lugano non è ancora in fiamme. Tuttavia, si inizia a percepire un lieve odore di bruciato, per cui un’ispezione approfondita di tutto l’edificio sarebbe auspicabile per spegnere sul nascere un eventuale focolaio. Quattro sconfitte consecutive, d’altra parte, non possono non lasciare il segno. Nelle certezze tecnico-tattiche, ma in primo luogo nelle sicurezze psicologiche di un gruppo apparso troppo spesso timoroso e rinunciatario, ben lontano dalla mentalità che Fabio Celestini vorrebbe trasmettere. E la classifica piange: rispetto allo stesso periodo di un anno fa il Lugano ha racimolato la metà dei punti (4 contro 8).

A ben guardare, questo Lugano appare come un rebus di difficile soluzione. Perché le sei partite fin qui giocate hanno dimostrato che la squadra possiede talento, organizzazione e capacità offensive. Il problema sta nel fatto che queste caratteristiche vengono espresse in alternanza a lunghi momenti di blackout. Era successo a San Gallo, quando i bianconeri non erano riusciti a chiudere la partita nel primo tempo e si erano poi sciolti (per quanto con un uomo in meno) dopo il pareggio locale, si è ripetuto domenica a Basilea con un primo tempo timido e rinunciatario, valso ai renani il gol del vantaggio.

Prima dell’avvio della stagione il presidente Angelo Renzetti aveva più volte affermato di essere preoccupato per la prima parte di stagione, da affrontare con una squadra non ancora amalgamata, con molti elementi nuovi e non tutti in condizione fisica ineccepibile. Ed è probabile che la squadra di Celestini stia pagando anche questo aspetto. Junior sta migliorando, ma non è ancor quello della passata stagione (fors’anche disturbato dalle voci di mercato), Holender sta iniziando a farsi avanti in attacco (due gol a San Gallo), Lovric sembra ancora un corpo estraneo, mentre Rodriguez dopo una prestazione di livello a Zurigo è progressivamente sparito dai radar.

Ma al di là della forma non ancora prefetta di alcuni giocatori, il problema principale sembra al momento essere legato all’aspetto mentale. Da alcune settimane Celestini insiste sulla necessità di ritrovare quello spirito di squadra, quella disponibilità ad andare in campo a “morire” per il compagno che nella passata stagione aveva portato a una striscia di 18 risultati utili consecutivi e che in queste prime settimane della nuova stagione fa fatica ad affiorare. Uno spirito per trovare il quale Celestini ha ora a disposizione due settimane, perché a metà del mese i bianconeri andranno a Losanna per il secondo turno di Coppa Svizzera, per poi volare il 19 settembre a Copenaghen per l’esordio in Europa League. Due settimane durante le quali lo staff tecnico dovrà convincere il gruppo di possedere qualità importanti, così come capacità di andare in rete. E anche questo è un aspetto sul quale c’è parecchio da lavorare. Contro il Basilea i bianconeri hanno avuto palle gol a sufficienza per uscire imbattuti dal St. Jakob. Purtroppo, è mancata la freddezza nella finalizzazione (vedi gli errori sottoporta di Holender e Aratore), ma anche l’assunzione di responsabilità al momento della conclusione. A Basilea, è vero, mancava l’infortunato Gerndt, ma neppure lo svedese è un bomber di razza. D’altra parte, per il calcio svizzero trovare un cannoniere da 20 reti a stagione in un mercato sempre più globalizzato sta viepiù diventando un’impresa titanica. Proprio per questo motivo tutti sono chiamati a fornire il loro contributo sottoporta. L’esordio di Zurigo, in quest’ottica, era stato più che promettente con le reti di Maric (difensore), Rodriguez, Aratore e Vecsei (centrocampisti, l’ungherese entrato dalla panchina), ma poi la vèrve si è andata spegnendo velocemente. Lascia per contro ben sperare la crescita espressa da Noam Baumann tra i pali. La bella prestazione di Basilea, con la quale ha tenuto a galla il Lugano, conferma quanto visto nelle precedenti partite. L’estremo difensore ha compiuto grandi progressi tra i pali (restano da migliorare le uscite) e sin qui ha sempre garantito sicurezza al reparto difensivo con parate decisive.

La stagione è ancora giovane, ma ancor prima della ripresa della Super League (il 22 contro il Lucerna) il Lugano è chiamato a dimostrare di aver cambiato registro mentale. Losanna e Copenaghen rappresenteranno test significativi.

CALCIO: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved