Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
la-sezione-arbitri-non-ha-molto-da-aggiungere
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
32 sec

Slalom maschile a Kitzbühel: successo storico per Ryding

Per il 35enne britannico è il primo successo in Coppa del Mondo. Fra i rossocrociati il migliore è stato Loic Meillard, che si aggiudica il settimo posto
Sci
2 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
17 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
20 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
20 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
21 ore

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
21 ore

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
22 ore

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
Calcio regionale
13.10.2021 - 13:470
Aggiornamento : 16:56

‘La Sezione arbitri non ha molto da aggiungere’

Silvio Papa: ‘Sanzioni appropriate. Spero che possano indurre a una profonda riflessione capace di portare a un miglioramento della situazione’

«Le sezione arbitrale, invero, non ha molto da aggiungere a quanto deciso dalla commissione disciplinare. Nel caso in questione, non eravamo direttamente coinvolti». Silvio Papa, responsabile degli arbitri ticinesi, tiene comunque a precisare quella che è stata la linea tenuta in queste settimane e ciò che succederà d’ora in poi… «Subito dopo i fatti, avevamo deciso di non più inviare arbitri alle partite di Locarno e Semine. Non si trattava di un atto punitivo nei confronti delle due società, ma una prevenzione a favore sia degli arbitri, sia degli stessi club. Non volevamo, infatti, che una situazione già tesa potesse essere ulteriormente esacerbata da qualche episodio o da qualche decisione contestata. Adesso, con la pubblicazione delle sanzioni, tutto rientra nella norma e i direttori di gara torneranno ad arbitrare le partite di Locarno e Semine».

La commissione disciplinare ha avuto la mano pesante. La speranza è che pene esemplari possano contribuire a far compiere un esame di coscienza a tutto il movimento del calcio regionale, contribuendo così anche alla salvaguardia degli arbitri, in passato troppe volte presi di mira… «Assolutamente sì. Con sanzioni simili, giocatori e società dovrebbero pensarci più di una volta prima di andare al di là del consentito. Purtroppo, però, non sono convinto che questa sentenza sia sufficiente per risolvere il problema. Anche perché le pene di cinque o due anni inflitte ai giocatori di Locarno e Semine sono in linea con decisioni prese negli anni passati per casi analoghi e purtroppo siamo ancora qui a parlare di violenza sui campi da calcio. Comunque, le sanzioni mi sembrano appropriate e spero vivamente che possano indurre a una profonda riflessione capace di portare a un miglioramento della situazione».

Certo che se nemmeno cinque anni di squalifica sono sufficienti, vien da chiedersi cos’altro ci si possa inventare… «La federazione più di tanto non può fare. È un problema che tocca in primo luogo le società e i loro giocatori. Sono i dirigenti e gli allenatori a conoscere chi fa parte delle loro squadre e sta a loro lavorare in settimana per cercare di abbassare i toni. La testa matta è sempre possibile trovarla e in quel caso c’è poco da fare (ci sarebbe sempre il buon vecchio detto “alla prima che mi fai ti licenzio e te ne vai”, ndr). Da parte loro, i giocatori dovrebbero rendersi conto di essere dilettanti e di giocare con il solo scopo di divertirsi. Purtroppo, a volte, calciatori, allenatori e dirigenti hanno quale unico obiettivo la vittoria, di una partita o del campionato. Bisognerebbe entrare in campo con uno spirito diverso».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved