TIRI LIBERI

L’Olympic Friborgo alza la voce: precedenza al 5x5

Nella sua presa di posizione il club romando mette in evidenzia la notevole perdita finanziaria causata da un campionato compresso

(Il 5x5 prima di tutto)

La presa di posizione ufficiale dell’Olympic Friborgo in merito alla scelta della Sb League di modificare il calendario del campionato di Swiss Basket, scelta votata da sei squadre su dieci, mette bene in evidenza come si viaggi su due binari diversi: da una parte la Federazione che spinge, da troppo tempo ormai, sul 3x3 e dall’altra i club, come l’Olympic, che vogliono preservare la precedenza al 5x5. Le divergenze sono evidenti e anche l’Olympic, come abbiamo fatto noi su questo giornale, denuncia una prevaricazione. Nessun ostracismo contro il 3x3, dicono i burgundi, ma la precedenza va al 5x5. Il discorso, meglio sarebbe definirla una diatriba, sulla scelta dei tre migliori giocatori svizzeri da mettere a disposizione del 3x3 (Kazadi, Cotture e Jerkovitz) rimane un quiz: li vogliono o no? Staremo a vedere, ma l’Olympic sottolinea che i vari club avranno una notevole perdita finanziaria con un campionato compresso, e con sfide infrasettimanali. Già di sabato o domenica i club fanno fatica ad avere un certo numero di spettatori, figuriamoci in settimana con le concomitanze che ci saranno con la Champions League e con il disco su ghiaccio. Giustamente a Friborgo chiedono che la Federazione intervenga a sostegno dei club con contributi finanziari, senza dimenticare che una compressione del calendario provoca spese inutili per gli stranieri ingaggiati fino a giugno e non solo fino a fine aprile. Insomma, si viaggia veramente con obiettivi e dinamiche molto diverse e tutto per aderire a un torneo di qualificazione ai Giochi olimpici in una disciplina, il 3x3, che vedrà all’opera solo otto nazioni in campo maschile e in campo femminile: come ci potrà arrivare la Svizzera? Solo nei sogni di certi dirigenti può albergare simile traguardo.

La denuncia di una mancanza di coerenza fa il paio con altri aspetti che la nostra Federazione deve affrontare nei prossimi mesi e questa incombenza deve ricadere sulla nuova dirigenza a cominciare dal nuovo presidente Siviero. Sappiamo che nei suoi progetti c’è in ballo tutta una serie di riforme che dovrebbero dare maggior chiarezza e, sportivamente parlando, a soluzioni più consone: la struttura dei campionati con una terza fase garante di scelte adeguate e non di fantasiose classifiche dell’anno precedente, dare una migliore struttura di sostegno alle società e riformare tutto il settore giovanile con scelte operative sostenibili e verificabili. Oggi, e da qualche lustro ormai, abbiamo visto una marea di progetti che sono finiti nel nulla o, per lo meno, non si sono avuti riscontri tangibili di questo o quel gruppo di lavoro che in vari ambiti è stato creato. Gli investimenti dalla base in avanti devono essere fatti, altrimenti in nostro basket avrà un futuro molto aleatorio e di conseguenza sempre senza una crescita di interesse e di coinvolgimento dei giovani che sono il futuro di ogni sport. Speriamo vivamente che si operi con una nuova visione, perché il basket ha bisogno di tante piccole cose da portate avanti con coerenza a livello nazionale.

Resta connesso con la tua comunità leggendo laRegione: ora siamo anche su Whatsapp! Clicca qui e ricorda di attivare le notifiche 🔔
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE