SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
6 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
8 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
12 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
14 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
14 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
17 ore

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
21 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
atletica
laR
 
29.11.2022 - 05:25
Aggiornamento: 15:41

Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’

La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’

del-ponte-si-opera-per-evitare-questo-infortunio-in-futuro
‘Lo scorso anno Ajla ha dimostrato carattere’

Ajla Del Ponte deve nuovamente fermarsi, per la seconda volta in questo sfortunato 2022. Questa volta la ventiseienne sprinter valmaggese ha subito una tripla frattura da stress alla tibia, che la costringerà a sottoporsi a un’operazione. Per chiarire le implicazioni di questo stop abbiamo interpellato l’allenatore di Del Ponte, Laurent Meuwly: «È un infortunio serio, per questo si opererà, così non diminuirà i tempi di recupero, ma abbasserà il rischio di recidiva, l’obiettivo è di assicurare l’osso ed essere sicuri che non ci saranno passi a ritroso da qui a tre mesi, che l’osso sia stabile e che questo infortunio non si ripresenti più in futuro».

Rispetto all’infortunio alla coscia subito in febbraio cosa cambia? «Il morale è più alto che non dopo l’infortunio di febbraio, sta dimostrando pazienza e sta lavorando bene durante l’allenamento alternativo. Ora sa cosa succederà, quanto tempo ci vorrà e ha più sicurezza che dopo potrà riprendere ad allenarsi al 100% senza troppi rischi di ricaduta. L’infortunio di febbraio era più fastidioso poiché ha coinvolto molto, sollecitato negli sprint, mentre questo non è un infortunio che la ferma completamente, stiamo sempre cercando quel limite di velocità al quale può andare, i tempi per tornare al meglio sono noti, per cui è tutto un po’ più facile, non c’è troppa delusione e frustrazione».

La fase di riabilitazione come si svilupperà? «Dal giorno successivo all’operazione potrà mettere nuovamente tutto il peso sulla gamba, potrà dunque già fare molte cose in allenamento; affinché possa allenarsi a pieno regime, come se l’infortunio non fosse avvenuto, calcoliamo dodici settimane. Se tutto va bene potrà dunque allenarsi a tutta a partire da metà marzo, a quel punto potrà preparare la stagione, speriamo che possa tornare alle competizioni nella seconda metà dell’estate, nel corso di luglio. Ci saranno i Campionati del Mondo e la staffetta, ma l’obiettivo di questa operazione è anche di avere più di un anno intero di allenamento normale in vista dei Giochi olimpici di Parigi».

I primi segnali a maggio

Quand’è che Ajla ha capito che c’era qualcosa che non andava? «Ha iniziato a percepire il disturbo in certe situazioni già nello scorso mese di maggio, ma altri giorni non sentiva nulla. Avendo ancora l’altro infortunio da smaltire non ce n’eravamo occupati allora. Alla ripresa degli allenamenti i dolori sono tornati nel giro di una settimana e lì ho detto che non era normale avere questo dolore dopo due mesi senza allenarsi ed è lì che abbiamo scoperto la lesione».

La scorsa stagione è stata la più difficile dal punto di vista dei risultati per Ajla, quali insegnamenti può trarre per il futuro? «Ha mostrato comunque molto carattere in una situazione difficile, si è qualificata per i Campionati del mondo, è stata in grado di superare il trial di Langenthal resosi necessario per qualificarsi agli Europei, ma anche di rinunciare a gareggiare individualmente agli Europei, in quanto non aveva le possibilità fisiche di raggiungere l’obiettivo di una finale. Ha imparato molto sulla resilienza mentale e sul fatto che la carriera di una sportiva d’élite non è soltanto battere record, ma ogni tanto è anche attraversare dei momenti più difficili».

Per la nuova stagione si possono già stilare degli obiettivi? «Al momento è difficile stabilire obiettivi per la prossima stagione, se non quello di tornare ad allenarsi al 100% a marzo e poi di tornare alle competizioni in estate. Al momento ciò conta più della prestazione stessa, poiché il grande obiettivo sono le Olimpiadi di Parigi».

Il programma di allenamento invece attualmente cosa prevede? «Fino all’operazione, ma la strategia sarà la stessa anche dopo, si tratta di caricare il corpo progressivamente, trovando dei modi per alleggerirlo, che sia in piscina, in bici o su uno speciale tapis roulant sul quale si può togliere fino al 70% del peso corporeo, al fine di continuare a far lavorare l’osso con del peso, senza caricarlo del peso del corpo intero, ma aumentando gradualmente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved