SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
1 ora

Gianluca Ferrero nuovo presidente della Juve

L’uomo d’affari 59enne scelto dall’azionista principale per succedere ad Andrea Agnelli
Formula 1
2 ore

Mattia Binotto si è ufficialmente dimesso dalla Scuderia Ferrari

Il Team Principal lascerà il suo ruolo il 31 dicembre. ‘Giusto compiere questo passo, per quanto sia stata per me una decisione difficile’
Qatar 2022
4 ore

L’ombra delle minacce alle famiglie dei giocatori dell’Iran

La Cnn cita una fonte della sicurezza interna: decine di Pasdaran in Qatar per controllare i giocatori ed evitare proteste e contatti con stranieri
atletica
7 ore

Del Ponte si opera ‘per evitare questo infortunio in futuro’

La ticinese è vittima di una frattura da stress. Coach Meuwly detta i tempi di recupero: ‘Allenamento a pieno regime da metà marzo, gare in estate’,
SERIE A
14 ore

Il CdA della Juve si è dimesso in blocco: lascia anche Agnelli

Il dirigente 46enne saluta il club bianconero dopo più di dodici anni: decisive le contestazioni sulle plusvalenze.
Qatar 2022
14 ore

La doppietta di Bruno Fernandes porta il Portogallo agli ottavi

Ottima prestazione che si meritano a pieno merito i tre punti con l’Uruguay, dopo la Corea ci sarà la seconda classificata del girone della Svizzera
volley
15 ore

Bellinzona chiaramente sconfitto dal Therwil

Le basilesi passano all’Arti e Mestieri con un secco 3-0. Valentina Mirandi: ‘Ci siamo fatte sopraffare dalle difficoltà’.
Qatar 2022
15 ore

Yakin: ‘Col Brasile serviva più coraggio’

Freuler: ‘Sapevamo che la gara decisiva sarebbe stata quella coi serbi’
SCACCHI
29.09.2022 - 21:10

‘Hans ha barato!’. Adesso la Federazione vuol vederci chiaro

Dopo le proteste della superstar Magnus Carlsen, la Fide apre l’inchiesta sull’accusa nei confronti del rivale americano che già aveva imbrogliato sul web

hans-ha-barato-adesso-la-federazione-vuol-vederci-chiaro
Keystone
‘Ho avuto l’impressione che non fosse né teso, né che si concentrasse sul gioco nei momenti critici’

Dopo tanti attacchi con il fioretto, il tre volte campione del mondo di scacchi Magnus Carlsen lunedì aveva deciso di affondare i colpi con la sciabola, accusando pubblicamente su internet Hans Niemann, il suo giovanissimo rivale americano, di «aver barato, e più recentemente di quanto non dica». Una chiara allusione a ciò che aveva dichiarato lo stesso Niemann in un’intervista, in cui ammise di aver imbrogliato due volte quand’era ragazzino, ma in occasione di partite online e mai davanti a una scacchiera. Ciò è comunque bastato a far sì che il sito chess.com, la più grande piattaforma scacchistica online, decidesse di bannare il diciannovenne astro nascente americano degli scacchi.

Le accuse della superstar norvegese Magnus Carlsen, contenute nell’articolata lettera diffusa via Twitter, non hanno tardato a destare l’attenzione della Federazione scacchistica internazionale, che oggi ha deciso di allestire un’apposita commissione d’inchiesta. Stando a quanto riporta il sito t-online, tale commissione sarà composta da tre persone, chiamate a indagare in tutte le direzioni, quindi non soltanto nei confronti di Niemann. «Da una parte – spiega il funzionario tedesco Klaus Deventer – dovremo valutare se esistono fatti che giustifichino le accuse di frode, e se del caso faremo appello davanti alla Commissione etica della Fide (la Federazione internazionale di scacchi, ndr). Tuttavia, faremmo lo stesso nel caso in cui dovessimo appurare che quelle accuse sono false».

Carlsen aveva accusato il suo avversario di utilizzare mezzi illeciti per vincere le partite: in occasione della Sinquefield Cup di St. Louis, la superstar scandinava era stata battuta tra la sorpresa generale dal giovanissimo rivale e aveva poi scelto di ritirarsi dal torneo, cosa che non aveva mai fatto prima in carriera. «So che le mie azioni hanno frustrato molti nella comunità scacchistica, ma anche io sono frustrato: voglio giocare a scacchi, voglio continuare a farlo ai massimi livelli nei migliori eventi. Credo che Niemann abbia imbrogliato più di quanto abbia ammesso pubblicamente, e più di recente. I suoi progressi sulla scacchiera sono stati insoliti e durante la nostra partita alla Sinquefield Cup ho avuto l’impressione che non fosse teso e che non si concentrasse pienamente sul gioco nei momenti critici, mentre mi batteva con le pedine nere in un modo che credo sia riuscito a pochi giocatori. Questa partita ha contribuito a cambiare la mia prospettiva. Dobbiamo fare qualcosa contro gli imbrogli e, da parte mia, non voglio giocare contro persone che hanno imbrogliato in passato, perché non so cosa saranno in grado di fare in futuro. Spero che la verità su questa vicenda venga fuori, qualunque essa sia».

© Regiopress, All rights reserved