SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
3 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
3 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
4 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
7 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
10 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
13 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
14 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
16 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
21 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
QATAR 2022
1 gior

Inghilterra tenuta in scacco dagli ottimi Stati Uniti

Il Team Usa offre una prestazione di qualità e va più vicino al successo rispetto ai cugini di sua Maestà
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Beat Müller nuovo responsabile della Nazionale maschile

Prende il posto di Bruno Diethelm che lascerà Swiss Cycling. Per il nuovo coach gli obiettivi sono i Giochi di Parigi 2024 e i Mondial in Vallese nel 2025
SCI ALPINO
1 gior

Le condizioni meteo costringono a rinviare la discesa libera

Niente da fare a Lake Louise per i velocisti, ancora fermi al palo in questo tribolato inizio di stagione. Donne in gara nel weekend a Killington
QATAR 2022
1 gior

L’Ecuador di Valencia mette alle corde l’Olanda

La sfida finisce in parità e a entrambi basterà un punto nell’ultima partita per accedere agli ottavi di finale. Tanti applausi per i sudamericani
QATAR 2022
1 gior

L’ultimo arrivato fa già tanto rumore

A Fabian Rieder sono bastati 9’ più recupero nell’esordio in rossocrociato per dimostrare di essere un jolly importante per Yakin: ‘Mi tremavano le gambe’
CURLING
1 gior

Anche gli uomini in finale: non accadeva dal 2009

Come le ragazze di Silvana Tirinzoni, anche Yannick Schwaller e compagni si guadagnano il diritto di giocarsi l’oro europeo: sfideranno la Scozia
Qatar 2022
1 gior

Il Senegal fa il minimo indispensabile per vincere

Dia, Diatta e Dieng mettono sotto il Qatar, che si consola con la prima rete storica di Muntari
QATAR 2022
1 gior

Distorsione alla caviglia, contro la Svizzera Neymar non ci sarà

Il brasiliano si era infortunato nella sfida contro la Serbia. Potrebbe rientrare nella fase a eliminazione diretta
QATAR
1 gior

Romelu Lukaku è tornato ad allenarsi in gruppo

Il belga è reduce da un infortunio alla coscia. Lo staff dei Diavoli rossi ritiene che sarà pronto a scendere in campo il 1° dicembre contro la Croazia
BASKET
1 gior

In campo solo i Tigers, con un impegno alla portata

Riposa la Spinelli Massagno. Il Lugano ospita la Cenerentola Swiss Central per confermare la crescita mostrata nelle ultime settimane
QATAR 2022
1 gior

I minuti di recupero regalano la vittoria all’Iran

Il Team Melli supera 2-0 il Galles con reti al 98’ e al 101’ e torna in corsa per la qualifica agli ottavi di finale
Qatar 2022
1 gior

Una cucina vista... stadio. Il Mondiale di chef Roberto

Originario di Cusano Mutri (Benevento), il 38enne da nove anni vive a Lusail, alla periferia di Doha. ‘In otto anni la città ha cambiato volto’
CURLING
2 gior

La Svizzera è inarrestabile: a Östersund giocherà la finale

Le ragazze di Silvana Tirinzoni lasciano soltanto le briciole alle italiane guadagnandosi il diritto di sfidare la Danimarca paer il titolo europee
Qatar 2022
2 gior

Una doppietta di Richarlison mette le ali al Brasile

Spettacolare inizio di Mondiale per la selezione verdeoro, che dopo un primo tempo senza sussulti chiude il match grazie all’attaccante del Tottenham
Qatar 2022
2 gior

Pagelle: Widmer il migliore, debutto con personalità di Rieder

I voti riflettono la prestazione discreta della Svizzera. Il terzino destro prende cinque, insufficienti Rodriguez, Vargas, Frei e Okafor
CANOA
laR
 
29.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:39

Pagaiando in kayak lungo i 1’230 km del Reno

L’emozionante avventura della scorsa estate di due amici ticinesi appassionati di canoa

pagaiando-in-kayak-lungo-i-1-230-km-del-reno

«La nostra prima impresa risale al 2001, quando gli Esploratori di Claro e del Gambarogno ci contattarono perché volevano organizzare un campeggio diverso dal solito». Così inizia il racconto di Ivo Gentilini, ex docente di Lumino in pensione, appassionato filatelico, contadino di montagna part-time, ma soprattutto cassiere del Gruppo canoisti ticinesi, sodalizio con 120 soci che proprio in questi giorni festeggia il 45º di fondazione. «I responsabili degli Esploratori ci chiesero di istruire i ragazzi affinché potessero affrontare una lunga tratta in kayak, e al termine delle lezioni introduttive fummo in grado di condurli fino a Venezia, passando per il Verbano, il Ticino, il Po e l’Adriatico», ricorda ancora emozionato il 65enne Ivo. «Da lì in avanti, il nostro club ha sempre cercato di organizzare brevi vacanze, di solito di una settimana, in cui poter praticare il nostro sport preferito. Ricordo in particolare magnifiche avventure lungo i fiumi francesi o sloveni».

Dapprima il Rodano

Poi, nel 2019, la decisione di discendere il Rodano lungo l’intero suo percorso, dall’Alto Vallese fino alla foce nel Mediterraneo, in Camargue. «L’idea venne al mio amico Andreas Schmid, un attivissimo 75enne. E così, calcolando che avremmo potuto portare a termine l’impresa in 3 o 4 settimane, nel settembre di 3 anni fa caricammo le nostre canoe di tutto il necessario – tenda, sacco a pelo, bombole di gas e un po’ di viveri – e ci mettemmo in acqua. Un’avventura fantastica fra Svizzera e Francia, ma che purtroppo rimase incompiuta: giunti ad Avignone, quando al mare mancavano dunque ancora 100 km, i giorni di vacanza a disposizione del mio amico si erano ormai esauriti e così, a malincuore, dovemmo abbandonare prima di giungere al traguardo. Ma giurammo che un giorno l’avremmo comunque portata a termine, e infatti l’anno seguente tornammo ad Avignone per completare gli ultimi 100 km, stavolta riuscendoci».

Non soltanto acqua dolce

E poi, visto che erano stati capaci di pagaiare per i 680 km del Rodano, i due amici si misero in testa di affrontare anche il Reno, il cui corso di km ne misura addirittura 1’230. «Anche quella fu un’idea di Andreas», spiega l’ex maestro. «All’inizio pensavamo di cominciare la nuova sfida in settembre, come avevamo fatto per il Rodano, ma poi, visto che si andava verso nord e dato che le giornate in autunno si accorciano, cambiammo i programmi e decidemmo saggiamente di rimandare al giugno successivo». Come si organizza un’avventura del genere? «Ovviamente serve una più che discreta esperienza di canoa, e poi ci vuole un po’ di tempo a disposizione.

Un amico di Andreas e sua moglie erano andati da Coira a Rotterdam in 16 giorni, e così noi stimammo che, partendo da più in alto, dalla sorgente vera e propria – presso il Passo dell’Oberalp – avremmo potuto farcela in 23 giorni». Sempre soltanto voi due? «Sì, ormai eravamo un duo affiatato, e poi molti dei nostri soci del club, nello stesso periodo, andavano a fare il giro delle Isole Eolie, in Sicilia». Non solo fiumi e laghi, dunque? «No, non ci poniamo limiti: qualche anno fa andammo anche a fare il giro dell’Isola d’Elba, un’altra avventura bellissima. Eravamo ovviamente accompagnati da una guida locale, perché in mare non si scherza, i rischi legati alla meteo sono davvero notevoli, ed è meglio affidarsi agli esperti. Infatti, appena giunti a destinazione, la guida ci fece affrontare il giro nel senso contrario a quello che avevamo previsto, proprio perché sull’altro versante dell’isola c’era una perturbazione che ci avrebbe reso la vita difficile. Girando nell’altra direzione, invece, siamo giunti sul lato sud quando la burrasca era ormai passata».

Bellezze e insidie del percorso

Torniamo sul Reno. «La sera dormivamo in tenda: se c’era, in un campeggio, altrimenti sulla riva del fiume. Non sempre infatti nei luoghi dove decidi di fermarti per la notte riesci a trovare un’area attrezzata. Idem per i ristoranti, spesso devi arrangiarti con bombolette di gas e cibi liofilizzati. Stavamo in acqua 9-10 ore al giorno, svegliandoci alle 6 e mezza e partendo verso le 9. Dopo la prima settimana, però, ha iniziato a fare caldo sul serio – fino a 37 gradi in zone dove di solito ce ne sono 25 o 26 – e dunque abbiamo anticipato i tempi, mettendoci a pagaiare alle 7 del mattino, per sfruttare le ore più fresche. Dopo Basilea, al massimo alle 3 del pomeriggio la nostra giornata in acqua terminava». Dettagli sul percorso? «Il tratto svizzero è costellato da sbarramenti costruiti per sfruttare l’acqua per produrre elettricità. In quei punti, trovi una specie di lift: senza scendere dalla canoa, ti metti sopra una sorta di carrellino, premi un pulsante e, quando sei pronto, un marchingegno ti alza, ti fa superare lo sbarramento e poi ti deposita dall’altra parte. Da Basilea in avanti, invece, ci sono chiuse fatte apposta per permettere a chi naviga di superare i dislivelli. In quel caso, con la tua canoa lasci il canale e ti immetti nel Vecchio Reno, evitando di startene dentro la chiusa in compagnia di chiatte e battelli enormi, un’operazione che potrebbe risultare molto pericolosa, c’è infatti il rischio di rimanere schiacciati o sommersi. Inoltre, le pareti sono a picco, non puoi certo immaginare di uscire, in caso di necessità.

Le digressioni lungo il Vecchio Reno, ad ogni modo, sono un magnifico diversivo: il fiume attraversa zone naturali bellissime, protette, dove puoi vedere molti animali, specie un sacco di uccelli. Ricordo una coppia di cigni reali apparsi un paio di metri sopra le nostre teste dopo una curva fra i meandri, nel fitto della vegetazione.

In altre zone, invece, il paesaggio è incantevole per via dei castelli, dei vigneti e dei villaggi che scorgi lungo le sponde. Peccato non avere il tempo per fermarci a dare un’occhiata: se volevamo giungere a Rotterdam in 23 giorni, non potevamo fare troppe soste, né per riposarci e neppure per ammirare le bellezze del paesaggio. Inoltre, non ci fidavamo troppo ad abbandonare tutta la nostra attrezzatura, lasciandola a disposizione di eventuali malintenzionati».

Quali sono i pericoli che una simile impresa potrebbe potenzialmente comportare? «Chiatte e battelli sono davvero enormi, e quando ti superano subisci parecchio gli effetti delle onde che alzano, sia direttamente sia indirettamente – quando l’onda torna indietro una volta che ha raggiunto la riva – quindi devi sempre stare all’erta, specie per ciò che succede alle tue spalle. Non sai nemmeno se chi pilota quelle grandi imbarcazioni riesce a scorgerti, date le tue dimensioni minuscole e visto che i ponti di comando di quei bestioni sono praticamente sempre sistemati a poppa. La soluzione è stare molto defilati, più vicini possibile alla riva, dove però puoi sfruttare ben poco la corrente, e dunque ti tocca fare più fatica nel pagaiare. Oltretutto, quest’anno c’era ovunque pochissima acqua, e dunque la spinta fornita dalla corrente era ancora minore: riuscivamo al massimo a viaggiare a 10 km orari: 5 ricavati dalla nostra spinta di braccia e altri 5 dalla forza della corrente». E la meteo? «Abbiamo perso 2 o 3 mezze giornate sulla tabella di marcia a causa dei temporali, che ci obbligavano ogni tanto a uscire dall’acqua, specie sul Bodensee. Per fortuna, però, le allerte diramate erano precisissime. Una volta, la mattina alle 6 abbiamo ricevuto l’avviso di un pericolo su Arbon per le 14.30: ebbene, alle 14.31 è davvero piovuto l’universo e siamo usciti dal lago appena in tempo. E una cosa molto simile ci è successa anche a Stein am Rhein».

Giornate emotivamente intense

E cosa possiamo dire delle emozioni vissute nel corso di una simile impresa? «Sono davvero impagabili, sia per il feeling che si crea col tuo compagno di viaggio sia per il rapporto che si instaura fra te e la natura, fra te e il tuo corpo sotto sforzo, fra te e i tuoi mille pensieri. Le giornate trascorse sul fiume o sul lago sono lunghe, e dunque puoi permetterti di riflettere, pensare, ricordare, pianificare. Certo, quando sotto il ponte di Costanza vedi il cartello che indica il km "zero" – e sai che devi percorrerne altri 997 fino al Ponte di Erasmus a Rotterdam – a livello psicologico non è facile, perché ti pare infatti di non avanzare mai abbastanza, benché certi giorni fortunati tu riesca a percorrere anche 80 km». E infatti, dopo i fatidici 23 giorni messi in preventivo, la meta non l’avevate ancora raggiunta. «Colpa dei contrattempi portati dai temporali e dal calore tropicale, come detto. E il 23º giorno eravamo soltanto a Emmerich, al confine fra Germania e Olanda, a 150 km dalla meta».

Gli ultimi chilometri

«Il mio socio, a quel punto, purtroppo si è arreso: aveva diverse vesciche sulle mani e non riusciva più a pagaiare. Ho tentato di spronarlo a continuare, ma non c’è proprio stato verso. Allora, dopo essermi fatto consigliare da mia moglie e dai miei figli nel corso di telefonate molto intense a livello emotivo, ho deciso di continuare da solo. Rinunciare quando mancava ormai poco al traguardo mi aveva fatto molto male, la volta che discendemmo il Rodano, e non volevo dover rivivere la stessa identica delusione anche sul Reno. E così, come detto, ho affrontato in solitaria gli ultimi 150 km che mancavano fino a Rotterdam. E quando il 26º giorno sono arrivato al traguardo, ai piedi del famoso faro, ho provato una gioia davvero inenarrabile». Progetti per il futuro? «Possiamo dire che, a questo punto, ci manca soltanto il Danubio. Ma immagino che per un’impresa simile serva molto più tempo, oltre che un allenamento un po’ più mirato e strutturato. Ad ogni modo, limiti non vogliamo metterne, e chissà che la prossima nostra meta sia proprio la foce del Danubio, sulle rive del Mar Nero».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved