KOSTYUK M. (UKR)
0
BENCIC B. (SUI)
1
2 set
(4-6 : 4-3)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Ciclismo
45 min

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ‘Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
58 min

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
1 ora

Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti

Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
CURLING
3 ore

La Chicchera non se ne va da Chiasso

Podio tutto momò nella decima edizione della coppa andata in scena nello stesso weekend del Carnevale Nebiopoli
Sci
4 ore

Fallimento elvetico nel superG iridato vinto dalla Bassino

Soltanto sesta Lara Gut-Behrami, che era campionessa in carica. Decimo posto per Michelle Gisin, 13a la Hälen, 20a la Suter, 22a la Flury
Calcio
5 ore

Hoffenheim, a Matarazzo la panchina di Breitenreiter

Condannato dalla sconfitta 5-2 subita dal Bochum, l’ex tecnico dello Zurigo - licenziato lunedì - lascia il posto all’ex allenatore dello Stoccarda
Calcio
5 ore

Domenico Tedesco nuovo selezionatore del Belgio

Il 37enne tecnico italo-tedesco ha firmato coi Diavoli Rossi un accordo valido per la campagna relativa a Euro 2024
Basket
5 ore

Lebron James supera Kareem

Il giocatore dei Lakers ha stabilito il nuovo record di punti segnati nella storia della Nba
Calcio
5 ore

Addio a ‘Ciro’ Blazevic

A lungo protagonista nel calcio svizzero come giocatore e allenatore, guidò la Croazia allo strepitoso 3° posto mondiale nel ’98
Calcio
18 ore

Flamengo nel pallone, Al Hilal in finale

La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
19 ore

Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni

Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
23 ore

Mondiali, Simon Ammann ci sarà

Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
23 ore

Moggi e Petrucciani da record a Macolin

I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
23 ore

Una squadra in Europa? No, meglio quattro

La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
1 gior

Lara a difesa del suo titolo iridato

In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
1 gior

Il Berna mette le mani su Josh Teves

Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
1 gior

Nuovo look per l’Alfa Sauber

Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
Parigi 2024
1 gior

‘Niente russi finché c’è la guerra’

Anne Hidalgo, sindaca della capitale francese, cambia idea: ora è contraria alla presenza di Mosca alle Olimpiadi di Parigi del 2024
Sci
1 gior

Combinata d’oro per Pinturault

Sulle nevi di casa, il veterano francese precede sul podio gli austriaci Schwarz e Haaser. Rossocrociati senza acuti
Basket
1 gior

Calendari troppo fitti e time out sprecati

Fra i problemi del nostro basket c’è l’uso spesso improprio e controproducente da parte degli allenatori dei minuti di sospensione
Sci
1 gior

Pinturault al comando dopo il superG

Nella combinata iridata di Méribel-Courchevel, Meillard chiude solo 12° la prova veloce, staccato di 1"34 dal francese. La manche di slalom alle 14.30
Calcio
1 gior

Terremoto in Turchia, ritrovato vivo Christian Atsu

Il ghanese ex Chelsea e Newcastle, che figurava fra i numerosissimi dispersi, è stato tratto in salvo dalle macerie provocate dal sisma
Calcio
1 gior

Alex Frei esonerato

Il Basilea, in profonda crisi, ha deciso di cambiare l’allenatore che aveva ingaggiato soltanto la scorsa estate
PODISMO
1 gior

Sono Roberto Delorenzi ed Elena Roos i nuovi campioni di cross

Questo l’esito dopo l’ultima prova di Coppa Ticino, andata in scena nel weekend sul tortuoso circuito di 1,5 km disegnato dalla Sam in zona Malombra
BASKET
2 gior

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
2 gior

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
2 gior

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
2 gior

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Volley
2 gior

Le ragazze del Bellinzona guadagnano due punti

Dopo un buon avvio, le ticinesi subiscono la reazione dell’Aarau, ma alla fine riescono comunque a imporsi al tiebreak
ATLETICA
laR
 
12.09.2022 - 05:10

Galà dei Castelli, i segreti di un grande successo

Beat Magyar, co-presidente del meeting di stasera: ‘Siamo una vetrina per Bellinzona e per l’intero Cantone’

gala-dei-castelli-i-segreti-di-un-grande-successo

Il livello tecnico dei partecipanti quest’anno al Galà dei Castelli di atletica leggera, giunto alla 12a edizione, si è ulteriormente alzato. Al co-presidente Beat Magyar chiediamo dunque qual è il segreto del successo di un meeting così piccolo, ma allo stesso tempo così grande.

«Il fatto che il pubblico sia così vicino agli atleti è una cosa meravigliosa. Ciò dà un’enorme carica a chi sta gareggiando, ed è anche per questo che riusciamo ad avere al Comunale un cast di altissimo livello: gli atleti vogliono venire a Bellinzona proprio per l’atmosfera che si respira, per quel calore particolare che è unico direi al mondo. Come meeting siamo molto cresciuti, lo dicono le classifiche mondiali, e con ogni probabilità dopo questa edizione faremo un ulteriore balzo avanti. Siamo a ogni modo ormai nella top 20 mondiale. Mi piace dire che noi siamo una boutique: di lusso, simpatia, cordialità, ambiente, e ciò fa senz’altro la differenza. Non sto dicendo che l’atleta viene qui in vacanza, ma è nettamente più rilassato che a Zurigo, dove è schiavo ad esempio degli orari dei trasporti pubblici. Qui gli atleti possono andare ovunque a piedi: sono pochissimi i meeting dove i protagonisti, partendo dagli alberghi, possono andare a piedi ad allenarsi. Molti sportivi famosi, ad esempio Shelly-Ann Fraser – che qui è già venuta a gareggiare – mi dicono che quello di Bellinzona è un meeting con ambiente, calore, semplicità, onestà, divertimento e buon cibo».

Un impegno finanziario considerevole

Tutto ciò a ogni modo non sarà sufficiente per convincere le più grandi star mondiali a venire a Bellinzona, dovete anche ricompensarle secondo il loro valore: come fate a coprire i costi?

«Senza gli sponsor privati, il meeting e tutti gli eventi collaterali sarebbero ovviamente impossibili da organizzare. Il mondo privato ha capito che siamo un buon veicolo a livello pubblicitario, e ci dà un aiuto fondamentale. Con loro funziona bene già da tempo, forse perché in ambito privato è più facile muoversi e ottenere aiuti, perché lì non si deve sottostare alla burocrazia e ai tempi inevitabilmente più lunghi che caratterizzano la macchina delle istituzioni pubbliche. Devo comunque dire che la Città ha capito bene l’importanza del Galà, e con lei collaboriamo sempre di più. Con l’Ufficio del turismo, invece, nell’immediato futuro dovremo sederci a un tavolo per trovare soluzioni migliori – sia per noi che per loro – rispetto a quelle attuali».

Nuove idee per un Galà più grande

Qualche tempo fa si parlava di organizzare magari qualche concorso del Galà a Castel Grande o Piazza del Sole, o magari addirittura fuori da Bellinzona: l’idea è ancora valida?

«Certo, il Galà si svolge a Bellinzona, ma ovviamente noi ci riteniamo un meeting ticinese. Si potrebbe dunque pensare di organizzare il salto con l’asta in Piazza Grande a Locarno, o in Piazza Riforma a Lugano. Il nostro bacino, infatti, non si limita certo soltanto a Bellinzona. Sarebbe bello trovare un accordo con le istituzioni per organizzare una volta uno street event. Ma a quel punto, ovviamente, servirebbero maggiori finanze, perché la manifestazione in questo caso dovrebbe svilupparsi su due giorni. Le infrastrutture costerebbero parecchio, e noi come Galà dei Castelli non abbiamo quei soldi a disposizione. Lì servirebbe davvero una grossa mano da parte degli enti pubblici».

Un enorme potenziale

Ma le istituzioni hanno davvero capito il potenziale che una manifestazione come la vostra si porta in dote, a livello di indotto e di promozione turistica?

«A seguire in diretta tv il nostro Galà sono 8-9 Paesi, parliamo quindi di alcuni milioni di persone che vengono raggiunte, in ogni continente. Ma ci sono altri canali, oltre a quello televisivo, e cioè i social media: calcoliamo che i migliori 20 atleti presenti qui a Bellinzona posseggano in tutto oltre due milioni e mezzo di contatti, forse anche tre milioni, tutta gente che riceve racconti, foto e filmati relativi al Ticino, a Bellinzona e al meeting. Ovviamente, un atleta con moltissimi follower, al giorno d’oggi, quando discute con noi dell’ingaggio, fa valere il fatto che il suo nome è in grado di portare la nostra manifestazione e la nostra regione in ogni angolo del pianeta, e dunque – giustamente, visto che si tratta di un professionista – chiede più soldi. Ed è qui che chi si occupa di turismo dovrebbe comprendere il potenziale tornaconto di simili operazioni, e dunque dovrebbe darci una mano più consistente. E parlo ovviamente degli attori di tutto il Cantone, non solo di quelli del distretto».

La guida alle gare di stasera

PROVE MASCHILI

100 m: Gara di altissimo livello, con 5 atleti capaci di scendere quest’anno sotto i 10". Si tratta del keniano Omanyala, del sudafricano Simbine, del canadese De Grasse, del giamaicano Blake e dell’americano Williams. Col vento buono, attesi tempi inferioreiai 10". Da segnalare la presenza di due elvetici, Reais e Mancini, entrambi in grado di far bene.

110 ostacoli: Manca purtroppo lo svizzero Jason Joseph, infortunatosi giovedì a Zurigo. Finalista ai Mondiali e argento 2022 a Monaco, il francese Martinot-Lagarde (personale 12"95) è il grande favorito. Occhio anche allo statunitense Britt e al giamaicano Thomas. L’obiettivo è battere il record dello stadio, stabilito dal grande Colin Jackson nel 1998 (13"10). Ci sarà anche il decatleta svizzero Finley Gaio, sorprendentemente arrivato in finale a Monaco: avrà una grande occasione davanti al pubblico di casa.

400 m: Uno dei pezzi forti del Galà, grazie a nomi come Kirani James – il grenadino vincitore giovedì alla Weltklasse in 44"29 – e al sudafricano Van Niekerk, anche lui protagonista a Zurigo. Senza dimenticare il ticinese Ricky Petrucciani (45"31 giovedì), che può sognare il record svizzero di Mathias Rusterholz. Abbinare limite nazionale e record dello stadio sarebbe il massimo. Dei 12 presenti, 8 erano a Zurigo la scorsa settimana: è garanzia di qualità estrema.

400 ostacoli: Altra gara con grandi campioni, a cominciare dal brasiliano Dos Santos, che a Eugene quest’estate ha vinto l’oro iridato. A Zurigo ha chiuso in 46"98. Il record al Comunale già gli appartiene, ed è facile che lo migliorerà. A dargli fastidio ci sarà il francese Happio, quarto ai Mondiali e argento europeo. Fra gli svizzeri, presenti Bonvin e il ticinese Mattia Tajana, che confrontandosi con l’élite mondiale potranno migliorare il proprio limite personale.

Getto del peso: Sarà un concorso straordinario, visto che sarà presente l’intero podio dell’ultimo Mondiale. Si tratta dei tre statunitensi Crouser (oro), Kovacs (argento) e Awotunde (bronzo). Meglio di così gli organizzatori non potevano fare: forse qualcuno proverà ad attaccare il record mondiale, i 23,37 metri stabiliti da Crouser.

Salto con l’asta: Manca Duplantis, ma ci saranno l’argento e il bronzo degli ultimi Mondiali, cioè l’americano Nilsen e il filippino Obiena, oltre al francese Renaud Lavillenie, che ha fatto la storia della disciplina. Ci sarà anche un altro francese, Anthony Ammirati, campione del mondo under 20 e futura stella dell’asta. La Svizzera è presente con Valentin Imsand, campione continentale under 18 del 2022. Su 11 iscritti, 5 sono reduci dalla Weltklasse.

3’000 m: All’ultimo momento si è dovuto rinunciare al keniano Jacob Krop, infortunatosi a Zurigo. Al suo posto ci sarà Lobalu, sudanese che vive a San Gallo, secondo alla Weltklasse sui 5mila metri. Insieme all’etiope Bekele attaccherà il record dello stadio, che dura dal 1997. Potremmo vedere una delle migliori prestazioni stagionali a livello mondiale. Attenzione anche al rossocrociato Tom Elmer, terzo miglior tempo svizzero della storia sui 1’500.

GARE FEMMINILI

100 m: Nomi altisonanti per la gara più veloce, a cominciare da Shericka Jackson, campionessa mondiale sulla doppia distanza e olimpica nella 4 x 100. Poi ci sono l’ivoriana Ta Lou, terza a Zurigo, e la sua connazionale Haouré. Ma soprattutto avremo la nostra Mujinga Kambundji a completare un quartetto da sogno. Gara ancor migliore di quella maschile, se possibile. L’obiettivo è battere il record del Comunale, stabilito nel 2021 da un’altra leggenda: Shelly-Ann Fraser-Pryce.

100 ostacoli: Parterre nobile anche qui, con la campionessa olimpica Camacho-Quinn (portoricana) – terza agli ultimi Mondiali – e con l’americana Nia Ali, iridata a Doha 2019. I colori rossocrociati saranno difesi da Ditaji Kambundji, bronzo a Monaco poche settimane fa nella gara vinta dalla polacca Pia Skrzyszowska, pure lei presente stasera. Sarà grande spettacolo.

800 m: Occhi puntati sulla giamaicana Goule, seconda giovedì a Zurigo. Se troverà una buona lepre, darà la caccia al record dello stadio. C’è anche l’elvetica Lore Hoffman, che ama la pista del Comunale. Ma non dobbiamo dimenticare la polacca Wielgosz, bronzo continentale, e la slovena Horvat, unica europea presente nell’ultima finale mondiale.

Salto in alto: Concorso nobilitato dalla presenza dell’australiana Patterson – campionessa iridata – e dell’italiana Vallortigara, terza ai Mondiali. Presente anche la serba Topic (classe 2005), considerata il futuro del salto in alto. Lei è figlia d’arte: suo padre, che la allena, fu infatti un grande della disciplina.

200 m: Qui a brillare sarà ovviamente Mujinga Kambundji, oltre alla britannica Daryll Neita, due volte bronzo olimpico (2016 e 2021). Probabile protagonista pure la polacca Kielbasinska, terza agli Europei sui 400 metri, ma bravissima anche nei 200. Outsider la namibiana Masilingi. Competizione appositamente pensata per Mujinga, nella speranza che possa attaccare il record del Comunale, stabilito dalla leggendaria Merlene Ottey nel 1996 (22"09).

400 m: Questa gara è stata costruita su misura per le ragazze della staffetta 4 x 400 svizzera, che meritano una bella passerella dopo gli exploit ai Mondiali e agli Europei, dove hanno raggiunto entrambe le volte la finale, risultati per nulla scontati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved