SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
16 ore

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
17 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
17 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
19 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Volley
21 ore

Le ragazze del Bellinzona guadagnano due punti

Dopo un buon avvio, le ticinesi subiscono la reazione dell’Aarau, ma alla fine riescono comunque a imporsi al tiebreak
Tennis
1 gior

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
1 gior

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
1 gior

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
1 gior

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
1 gior

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
1 gior

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
1 gior

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 gior

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
1 gior

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
2 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
2 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
2 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
3 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
3 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
GINNASTICA ARTISTICA
laR
 
23.08.2022 - 08:30
Aggiornamento: 15:27

‘Quella di Monaco non è una Svizzera B’

Fulvio Castelletti, responsabile tecnico élite all’Actg, traccia il bilancio di un Europeo in chiaroscuro: ‘In campo femminile bisogna aspettare il 2028’

quella-di-monaco-non-e-una-svizzera-b
Keystone
Noè Seifert, capofila di una spedizione di talento. ‘Il ricambio è già pronto’

Dev’essere davvero dura vedere il podio svanire davanti agli occhi. A Noè Seifert, ad Andrin Frey e al resto della Svizzera al maschile è successo per ben tre volte in un solo weekend, a un Europeo di Monaco che ha rivelato al mondo intero le qualità di un gruppo di ragazzi che, dopo le defezioni degli infortunati Christian Baumann, Eddy Yusof e Benjamin Gischard e il pensionamento di Pablo Brägger, si è visto catapultare improvvisamente sulla ribalta internazionale. Fulvio Castelletti, responsabile tecnico del settore élite dell’Associazione ticinese di ginnastica non vuol però sentir parlare di nazionale B. «Dobbiamo partire dal presupposto che non lo è – spiega –. Di quei cinque campioni di Tokyo sono rimasti Baumann, Yusof e Gischard, e tutti e tre sono passati sotto i ferri: quindi bisognerà vedere come saranno in grado di riprendere. Io conto moltissimo soprattutto su Baumann e Gischard, ma quando stai fermo un intero anno mentre gli altri lavorano duramente... Se riusciremo a ritrovare due o tre senatori che hanno fatto grande la nostra ginnastica tanto meglio, però adesso non possiamo parlare di Svizzera B: semmai diciamo che questa è una nazionale ringiovanita, come succede un po’ ovunque, e da noi questo è quanto di meglio ci sia. Assieme, appunto, ai tre nomi prima citati, i quali dovranno però dimostrare di essere validi quanto lo erano prima, per poter togliere il posto a questi giovani. Infatti, dopo esser passato sotto i ferri, in uno sport duro come la ginnastica quando risali alla sbarra o agli anelli devi vedere se il fisico risponde come prima. Questo è un punto che i tre dovranno chiarire».

Di sicuro, Seifert e compagni hanno subito risposto presente: se fosse proprio stata l’assenza di Baumann, Yusof e Gischard ad aver dato una spinta determinante a un gruppo di ragazzi che, magari, adesso sarebbe ancora nella loro ombra?

Esattamente, proprio così. Un Noè Seifert, ad esempio, il livello dei ginnasti citati ce l’aveva già prima. Solo che, appunto, ne aveva solo il livello: quindi la scelta definitiva è caduta su altri, anche per questioni di esperienza, di continuità, di sicurezza. Adesso, però, tutte queste assenze sono servite da sprone a tutto l’ambiente. Per questi ragazzi così come per quelli della squadra juniores, arrivata quarta a Monaco: quei talenti non spuntano dal nulla, ci sono già.

È la dimostrazione del grande lavoro che si fa in Svizzera nella ginnastica maschile?

Già dal settore giovanile, ma soprattutto dagli juniores si lavora con una certa continuità. Quindi non bisogna fasciarsi la testa pensando al fatto che magari tre o quattro senatori che hanno fatto grande la nostra ginnastica possano improvvisamente venire a mancare: magari non si arriverà subito ai medesimi livelli, ma c’è un ricambio che è pronto. L’hanno dimostrato a Monaco, dove questi ragazzi sono andati a mille. Seifert in particolare si è sentito caricato di una responsabilità immensa, e ha risposto presente alla grande.

Pur se domenica dev’essere è passato attraverso un po’ tutti gli stati d’animo, con quel verdetto dei giudici che sembrava non arrivare mai e che poi l’ha buttato giù dal podio per un decimo di punto.

No, non è stato facile per lui ma non lo è stato neppure per la delegazione rossocrociata, che ha fatto un incetta incredibile di quarti posti (o quinti, ndr). Tuttavia, come dice bene il presidente nazionale Fabio Corti, bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno: è chiaro, le medaglie di legno non fanno piacere a nessuno, ma sono pur sempre quarti posti ottenuti da una squadra arrivata all’Europeo modificata nella misura del cento per cento! Pensiamo invece all’Italia, che pur se non era presente alle Olimpiadi poteva contare su elementi rodati come Cingolani e Bertolini, oppure alla Turchia o all’Inghilterra che hanno portato a Monaco la squadra dei Giochi quasi al completo. La Svizzera, invece, con un gruppo del tutto nuovo ha subito portato dei giovani a ridosso del podio: meglio di così era impossibile sperare.

Del resto, è emblematico che, a caldo, anziché mostrarsi deluso dopo aver visto sfumare il podio, Seifert abbia semplicemente detto ‘peccato, non è andata come volevo; ciò mi darà la motivazione per la prossima volta’.

Diciamo che la delusione arriva dal fatto che quando sali sull’attrezzo e sai che in precedenza eri terzo, un pensierino alla medaglia non puoi non farlo. Lui è stato gentile, ha ammesso che gli sarà da stimolo per la prossima volta, ma io da tecnico mi dico che se avesse preso un 14 o 14.05 nessuno, ma proprio nessuno, avrebbe potuto parlare d’ingiustizia. Ma è chiaro, quando tutto si gioca sui decimi, è sufficiente che un giudice sia un po’ più votato a vedere questo o quello ed ecco che esce un 13.90, e da un 13.90 al 14 ci sono dieci centesimi, di cui hanno invece potuto beneficiare il lituano e lo spagnolo. Al di là della delusione per essere arrivato tanto vicino alla medaglia, Seifert ha la consapevolezza di aver fatto il suo, dimostrando di esserci in quella che era la sua prima finale di tale caratura.

A Monaco, però, in gara non c’erano solo gli uomini. Delle ragazze s’è parlato meno visti i risultati, ma in quel caso i presupposti erano ben altri...

Sarei ipocrita se in quel caso non parlassi di grossa delusione. Mitigata in parte dall’assenza della numero uno, la nostra Lena Bickel, che un paio di settimane prima degli Europei si era infortunata a un piede mentre in allenamento stava effettuando un doppio avvitamento al suolo (strappo di un legamento, ndr). Speriamo che possa recuperare in tempo per i Mondiali di Liverpool (a fine ottobre, ndr), perché la ticinese tra le nostre atlete è l’unica che sa di potersi presentare al via sapendo di fare una figura decorosa.

Significa che poi c’è il vuoto?

Apro una parentesi personale: dal Duemila commento la ginnastica alla tv e non ho mai visto quattro ginnaste cadere dieci volte a un solo attrezzo. E non so quante volte una cosa simile sia potuta accadere nella storia della ginnastica. Psicologicamente è stato qualcosa di terribile, e chi più ne ha pagato il prezzo è stato il nuovo team di allenatori statunitensi, che sta facendo un bel lavoro d’assieme. Se in passato – anche giustamente, vista la gloria e i risultati – si era puntato sulle Ariella Käslin, sulle Giulia Steingruber e un pochettino anche su Ilaria Käslin, ma mai sulla squadra, ora si sta cercando di forgiare un gruppo. E un gruppo non si crea dall’oggi al domani. Direi che dei nomi delle ragazze presenti a Monaco, la metà andrà a sparire. Il vero obiettivo sono le giovani della squadra juniores, arrivate ottave: lì davvero c’è talento, perché a livello femminile si sta puntando decisamente al 2028 (l’anno dei Giochi di Los Angeles, ndr). Prima sarebbe utopico pensare che si possa trasformare in talento ciò che talento non è. Insomma, c’è senz’altro delusione ripensando a Monaco, ma la consapevolezza è che per i risultati bisognerà aspettare.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved