SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR
3 ore

In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez

Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
6 ore

Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento

Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
7 ore

L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale

I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
8 ore

Pelé di nuovo ricoverato

O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
8 ore

Remco Evenepoel al Giro, per lui niente Tour

Il campione del mondo belga ha fatto la sua scelta, anche in considerazione del fatto che in Italia avrà a disposizione 70 km a cronometro
CICLISMO
9 ore

Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion

Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
9 ore

In silenzio Xhaka e Shaqiri

L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
10 ore

La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi

Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
11 ore

Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere

Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
Qatar 2022
13 ore

Ronaldo in Arabia Saudita per 200 milioni?

CR7 starebbe per firmare con l’Al-Nassr di Riad un accordo valido due anni e mezzo
Calcio
13 ore

Muore a 22 anni durante l’allenamento

Vittima il colombiano Andres Balanta, in forza agli argentini dell’Atletico Tucuman
Hockey
14 ore

Josi decisivo contro i Ducks

Il difensore bernese firma il gol-vittoria al supplementare per Nashville
I Mondiali dal divano
20 ore

Vengo anch’io: no, tu no!

Scopriamo come stanno vivendo la rassegna iridata gli assenti
IL DOPOPARTITA
1 gior

L’Ambrì, il pessimo affare e la rabbia. ‘È ora di intervenire’

Le porte dello spogliatoio restano chiuse a lungo alla Gottardo Arena dopo la sconfitta col Losanna. Cereda: ‘Io ho detto poco, hanno parlato i giocatori’
ATLETICA
laR
 
25.07.2022 - 18:56
Aggiornamento: 26.07.2022 - 23:30

‘Guardate gli States, nella staffetta sbagliare ci sta’

Da Eugene Enrico Cariboni torna sul pasticcio della 4 x 100 e su un Mondiale che ha offerto molto. Anche alla Svizzera: ‘Abbiamo un fenomeno per le mani’

guardate-gli-states-nella-staffetta-sbagliare-ci-sta
Keystone
‘Tra Ajla e Salomé Kora non so chi abbia sbagliato. Quel che so è che bisogna restare tranquilli’

Cala il sipario sui Mondiali di Eugene, con gli echi ormai sopiti di quel pasticciaccio della staffetta 4 x 100 rossocrociata, che puntava a brillare agli occhi del mondo intero e invece s’è dovuta accontentare del penultimo posto davanti soltanto alle italiane. In una finale in cui il quartetto tedesco dal livello piuttosto simile a quello delle elvetiche (sommando i primati personali, infatti, la media delle quattro rossocrociate è di oltre due decimi migliore delle germaniche) ha saputo invece conquistarsi la medaglia di bronzo, correndo in 42’’03, contro il 42’’81 della nostra Ajla Del Ponte, di Géraldine Frey, Mujinga Kambundji e Salomé Kora. «Senz’altro i cambi non sono stati precisi, in particolare l’ultimo, lungo, tra Salomé Kora e Ajla – dice da Eugene Enrico ‘Chico’ Cariboni, grande appassionato di atletica prima ancora che allenatore e direttore sportivo del Galà dei Castelli –. Ora, io non so chi abbia sbagliato né cosa decideranno di fare, ma senz’altro apporteranno dei correttivi in vista dei Campionati europei di Monaco di Baviera. Quel che so, tuttavia, è che bisogna restare tranquilli. Abbiamo visto, ad esempio, ciò che è successo agli americani, grandi favoriti, che si sono dovuti arrendere ai canadesi. Quindi ci sta: nelle staffette si può anche sbagliare. Bisogna prendere le cose con serenità, e tutto tornerà come prima. Compresa Ajla, che sta trovando la via d’uscita dopo l’infortunio: bisogna soltanto far sì che abbia tranquillità, bisogna lasciarla lavorare, perché l’anno scorso ha saputo dimostrare di avere grande talento».

Vale per lei come per l’altro ticinese Ricky Petrucciani. «Il discorso è lo stesso. Anche lui deve soltanto restare tranquillo e trovare una buona gara, e rimanere positivo pensando all’Europeo di Monaco. Perché davvero tutto può cambiare, e in pochissimo tempo».

I Campionati del mondo in Oregon, tuttavia, alla Svizzera hanno regalato anche qualche bella soddisfazione. A cominciare, naturalmente, dall’eccezionale risultato da cui tutto era partito, quello storico balzo sul podio di Simon Ehammer. «Quella è la nona medaglia di tutti i tempi per la Svizzera a un Mondiale – ricorda Cariboni –. Ed è senz’altro un risultato fuori dal comune, perché un decatleta che va a conquistare il podio in una gara singola è una cosa che non capita quasi mai. Insomma, abbiamo un fenomeno per le mani, che cercherà senz’altro di festeggiare il bis agli Europei fra un paio di settimane. Riguardo agli altri rossocrociati, oltre alla citata finale della 4 x 100 abbiamo festeggiato quella della 4 x 400 al femminile, senza contare l’eccezionale Mujinga Kambundji e le sue due finali, ma pure sua sorella Ditaji che è andata forte».

Europa batte Africa, 40 anni dopo

Naturalmente, questi non saranno gli unici ricordi che rimarranno nella memoria degli appassionati d’atletica. «Direi che è stato un Mondiale molto bello, disputato su una pista molto veloce e con ottime condizioni. Ed è stato pure molto avvincente sul finale, con i due record del mondo nell’ultima giornata. Da parte di un Armand Duplantis che non si ferma più, e arriverà ancora ad altezze maggiori, per non parlare poi di quello dei 100 ostacoli femminili, che è una sorpresa, perché il 12’’12 è un tempo più che eccezionale da parte di Tobi Amusan». Anzi: la nigeriana in finale è riuscita a scendere addirittura a 12’’06, ma quello che sarebbe stato il suo secondo primato mondiale in poche ore non ha potuto essere convalidato, poiché il vento a favore era superiore ai due metri al secondo consentiti (2,5 m/s).

Quello della venticinquenne africana, tuttavia, non è stato l’unico ‘tempone’. «Il 50’’68 di Sydney McLaughlin nei 400 ostacoli ha portato la disciplina su un nuovo pianeta – aggiunge Cariboni –, perché stiamo parlando di un miglioramento incredibile per questa disciplina. Se devo invece pensare a una gara che mi ha deluso, direi che sono i cento metri al maschile: mi aspettavo un po’ di più, ma dopo la defezione di Marcell Jacobs ha perso un po’ di interesse. Sempre buoni tempi, con la tripletta statunitense, ma comunque un po’ al di sotto delle aspettative. Ben altra cosa, restando alla velocità, sono stati i 100 e i 200 femminili con i risultati fantastici delle giamaicane, e i 200 al maschile, una delle gare più belle».

Un’altra grande, grandissima impresa arriva dalle gare di fondo. «Quella di Jakob Ingebrigtsen un’impresa senz’altro lo è, in mezzo a tutti quegli atleti africani: tralasciando logicamente Mo Farah, era dal 1983 che un europeo non riusciva più a battere quegli specialisti fenomenali degli altopiani». C.S.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved