Verona
1
Lazio
1
fine
(0-1)
Monza
0
Sampdoria
0
1. tempo
(0-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
4 ore

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
5 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
5 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
7 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
15 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
21 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
21 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
1 gior

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
1 gior

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
1 gior

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
1 gior

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 gior

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
MOUNTAIN BIKE
08.07.2022 - 19:02
Aggiornamento: 21:53

Prima vittoria in Coppa del mondo per Filippo Colombo

A Lenzerheide il biker ticinese si è imposto allo sprint nella short-track, davanti a Flückiger, Hatherly e Schurter

prima-vittoria-in-coppa-del-mondo-per-filippo-colombo

Filippo Colombo ha rotto il ghiaccio e a Lenzerheide ha conquistato il suo primo successo in Coppa del mondo. Lo ha fatto nella specialità nella quale veste la maglia di campione svizzero, vale a dire la short-track, precedendo allo sprint il bernese Mathias Flückiger, il sudafricano Alan Hatherly e il beniamino di casa Nino Schurter. Che fosse soltanto questione di tempo, lo avevano capito tutti e tutti sapevano che prima o poi il biker ticinese si sarebbe issato ai vertici del cross-country. Che lo facesse proprio in terra grigionese, per contro, non era affatto scontato. Colombo, infatti, nel corso dell’ultimo mese ha dovuto lottare con problemi di salute che gli hanno fatto perdere diversi giorni di allenamento… «Non sapevo quale sarebbe stata la mia forma qui a Lenzerheide. A quanto pare, le ultime due settimane nel corso delle quali mi sono potuto preparare molto bene nel corso dello stage in Engadina, hanno dato i loro frutti. Questa vittoria è di ottimo auspicio per la gara di domenica».

La prestazione di Colombo è stata poco meno che perfetta. Dopo una partenza che lo ha visto scivolare dall’11° al 19° posto al termine del giro di lancio, il biker ticinese ha iniziato la sua rimonta, per ritrovare le prime posizioni già al terzo dei dieci giri in programma. «I primi 50 metri non sono stati i migliori e avevo timore di una brutta partenza, perché su questo tracciato c’è il rischio di ritrovarsi subito lontano dai primi. Invece, quasi senza accorgermene in due giri mi sono ritrovato davanti. Il ritmo non era particolarmente elevato, per cui ho cercato di restare lì in agguato, pronto a rispondere nel caso in cui qualcuno avesse attaccato».

Una dimostrazione della capacità di gestire la situazione anche dal profilo tattico e di rimanere sempre nelle prime posizioni, senza però esporsi troppo... «A tre giri dalla fine Hatherly ha attaccato molto forte e siamo rimasti in cinque. Nella tornata seguente è arrivata la strattonata di Flückiger e mi sono ritrovato davanti con il bernese e con Schurter». Il terzetto elvetico è transitato al comando all’imbocco dell’ultimo giro. Come è andata la tornata decisiva, vale la pena che a raccontarlo sia proprio il vincitore… «Personalmente, se possibile preferisco affrontare il giro conclusivo al comando, per cui mi sono messo subito davanti. Ho fatto la salita a tutta e quando ho scollinato in testa ho capito che le mie possibilità di vittoria erano considerevolmente aumentate. In effetti, sapevo che nella parte di bosco, oltretutto in discesa, non mi avrebbero potuto sorpassare, per cui ho giocato anche di tattica, cercando di rallentare per recuperare là dove potevo. Ero conscio dell’importanza di arrivare sul ponte in prima posizione, perché a Lenzerheide lo sprint ce lo si gioca praticamente in curva e così ho potuto scegliere la traiettoria migliore, già sapendo di possedere una punta di velocità superiore a molti avversari».

Il successo nella short-track permetterà a Colombo di partire in pole-position domenica in una gara che sarà molto diversa, sia dal profilo dello sviluppo chilometrico, sia per quanto riguarda l’aspetto tattico... «Innanzitutto sono contento di poter affrontare la gara di domenica con ricordi piacevoli di Lenzerheide 2022. Il fatto di partire in prima linea, su un percorso come questo rappresenta senza dubbio un vantaggio. I presupposti per fare bene ci sono e ho una gran voglia di godermi il percorso e l’ambiente eccezionale di Lenzerheide. Il fisco ha risposto bene, bisognerà capire se tutti i tasselli andranno al loro posto anche tenuto conto del chilometraggio più importante. Di sicuro c’è la testa, pronta per una gara subito davanti e da protagonista».

La prova di domenica incombe, non c’è stato tempo per festeggiare questo primo successo in Cdm... «Spero di festeggiare ancora di più domenica...».

In classifica generale, Nino Schurter mantiene la leadership con 1’004 punti, davanti al romeno Vlad Dascalu, ottavo nella short-track, a quota 810 e Mathias Flückiger con 776. Filippo Colombo occupa la 13.ma posizione con 480 punti.

Ancora una volta il movimento elvetico della mountain-bike ha dimostrato tutto il suo valore. Oltre ad aver piazzato tre suoi rappresentanti nei primi quattro posti della gara maschile, ha portato sul podio due atlete nella prova femminile: Alessandra Keller e Jolanda Neff. Le due sono state battute soltanto dalla svedese Jenny Rissveds che se n’è andata in solitaria quando al termine mancavano ancora due giri. Alle sue spalle, Keller e Neff hanno a lungo lottato con le francesi Pauline Ferrand-Prevot e Loana Lecomte e hanno avuto la meglio allo sprint.

Per quanto riguarda la classifica generale comanda l’australiana Rebecca McConnell con 1’125 punti, seguita dalla francese Lecomte (954) e dalla svedese Rissveds (750). La migliore delle elvetiche è Alessandra Keller al sesto posto (672), con Sina Frei nona (587) e Jolanda Neff decima (559).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved