SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
il dopopartita
3 ore

Ambrì punito ‘oltre misura’ dal Ginevra

I Leventinesi tengono testa alle Aquile con una prova generosa e un po’ sfortunata, ma pagano la tripletta di Teemu Hartikainen nel periodo centrale
IL DOPOPARTITA
3 ore

Riecco i tre punti, nonostante Asselin. ‘Prova di carattere’

I bianconeri chiudono le quattro trasferte di fila espugnando la Raiffeisen Arena di Porrentruy. Samuel Guerra: ‘In queste settimane abbiamo imparato’
QATAR 2022
3 ore

Alla fine la spunta l’Argentina, Olanda beffata dopo la rimonta

In avanti con Molina e Messi, l’Albiceleste si fa riprendere nel finale dalla doppietta di Weghorst. Dagli undici metri i ‘gauchos’ sono più precisi
hockey
4 ore

Ambrì generoso ma sconfitto dal Ginevra

In casa della capolista i biancoblù sono stati sconfitti 5-2.
Hockey
4 ore

Il Lugano espugna Porrentruy e torna a sorridere

I ragazzi di Luca Gianinazzi tornano al successo nell’ultima traferta della serie, piegando i giurassiani con il punteggio di 5-2
QATAR 2022
8 ore

I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie

In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
8 ore

Wawrinka sconfitto da Medvedev

L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
11 ore

Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa

Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
11 ore

L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia

La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
13 ore

Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen

In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
CICLISMO
31.05.2022 - 16:58
Aggiornamento: 01.06.2022 - 12:55

Tour de Suisse, è qui la festa. ‘Bentornata normalità’

A dieci giorni dal via da Küsnacht, Oliver Senn lancia il conto alla rovescia di un’edizione ricca di Ticino. ‘Un bagno di folla, come dev’essere’

tour-de-suisse-e-qui-la-festa-bentornata-normalita
Keystone
Oliver Senn in compagnia di Joko Vogel, Ceo di Swiss Cycling

Dopo la cancellazione nel 2020, a causa della prima ondata della pandemia, e l’edizione ‘televisiva’ dello scorso anno, il Tour de Suisse si appresta a tornare alla normalità. Questo, almeno, è ciò che si augurano gli organizzatori, che se dodici mesi or sono chiedevano a tutti di restarsene comodamente sdraiati sul divano, stavolta sperano che la gara a tappe nazionale torni a essere una festa popolare. «Infatti avere i tifosi soltanto davanti ai televisori non è stato entusiasmante» dice Oliver Senn, direttore generale del Tds nella conferenza stampa che anticipa di dieci giorni il via dell’edizione numero 85 della storia, dalla cittadina zurighese di Küsnacht. «Sarà un ritorno alla normalità, con i tradizionali bagni di folla nelle sedi di tappa. Una festa di piazza, proprio come il Tour de Suisse dovrebbe essere».

Sono molti i pretendenti al ruolo di favorito nella corsa che scatterà domenica 12 giugno sul Forch, il passo che – appunto – sovrasta Küsnacht, a un altitudine di 682 metri: da Thomas Pidcock a Geraint Thomas, da Remco Evenepoel a Peter Sagan, anche se lo slovacco (il detentore del record del Tour de Suisse, con 17 vittorie di tappa) sta vivendo una stagione molto difficile, con appena quattordici giorni di corsa e neppure lo straccio di una vittoria. Al contrario di Evenepoel, il belga che ha già ottenuto otto vittorie a metà stagione, reduce da un Giro di Norvegia dominato quasi a piacimento. Come il vincitore della Liegi-Bastogne-Liegi, il 22enne britannico Pidcock è uno dei più grandi talenti del ciclismo. A loro si aggiunge pure il nome del russo Alexander Vlasov, colui che ha saputo lasciarsi tutti alle spalle al Romandia, un mese fa. Tra i grandi assenti, invece, spiccano senz’altro il vincitore dello scorso anno, Richard Carapaz, che fino a domenica scorsa era in lotta per la vittoria assoluta al Giro d’Italia, e il colombiano Egan Bernal alle prese con una convalescenza.

‘Il favorito? Per me è Remco Evenpoel’

Quanto agli svizzeri, sulle strade del TdS tutta l’élite nazionale sarà rappresentata praticamente senza alcuna eccezione: saranno più di 20 i professionisti svizzeri al via, tra cui Stefan Bissegger, Marc Hirschi, Stefan Küng, Gino Mäder e un Mauro Schmid che ha fatto più volte parlare di sé sulle strade del Giro. «Molte tappe sembrano fatte su misura per Marc Hirschi: lui è senz’altro un protagonista da non sottovalutare. Tuttavia, per me il favorito per la vittoria è il mio compagno Remco Evenepoel, e nutro grandi speranze anche per Gino Mäder (secondo al Romandie, ndr)», dice Mauro Schmid, sulle cui reali ambizioni ci sarà un punto interrogativo fino a poco prima del via. «Per prima cosa – aggiunge il ventiduenne zurighese – dovrò assicurarmi di recuperare per bene tutte le energie spese al Giro d’Italia».

Al via domenica 12 giugno da Küsnacht, come detto, il Tour de Suisse 2022 giungerà a conclusione sette giorni più tardi nel Liechtenstein, a Vaduz, con una frazione a cronometro. Nel ricco menu figura anche la tradizionale puntata a sud delle Alpi: il 16 giugno i girini arriveranno a Novazzano dopo essere partiti da Ambrì, il giorno seguente scatteranno da Locarno in direzione di Moosalp, in Vallese, passando dalla Novena, per quello che sarà il tappone di quest’edizione, mentre il 18 la carovana ripartirà dalla Leventina in direzione di Malbun, transitando sul Lucomagno.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved