sam-imprecisa-e-poco-lucida-tanto-in-difesa-quanto-al-tiro
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
atletica
5 min

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
1 ora

Debacle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
1 ora

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
3 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
6 ore

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
13 ore

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
13 ore

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
14 ore

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
tiri liberi
11.05.2022 - 17:48
Aggiornamento: 18:22
di Dario ‘Mec’ Bernasconi

Sam imprecisa e poco lucida tanto in difesa quanto al tiro

Nella sconfitta in gara 2 troppo lo spazio concesso ai temibili neocastellani Fofana, Popovic e Colon, mentre nelle conclusioni è mancata la lucidità

Massagno-Neuchâtel il giorno dopo: assorbite nella notte, magari con gli incubi, l’adrenalina e la rabbia, si può guardare a gara 2 con un po’ più di distacco, soprattutto per capire come e dove si è sbagliato.

Sgomberiamo subito il campo e non attribuiamo certamente la sconfitta ai due tiri liberi sbagliati da Dusan Mladjan a 27" dalla fine. Al massimo si può dire che Dusan ha forzato un paio di conclusioni, non servendo un compagno libero, ma sappiamo che lui è fatto così, prendere o lasciare. A volte mette la tripla decisiva, a volte sbaglia. Ma quando si chiude una gara con 26/59 al tiro e si lasciano agli avversari ben 91 punti, ci pare ridicolo attribuire a quei due liberi la causa della sconfitta. Sarebbe un mettere un coperchio su una pentola alla quale è mancata… la pressione. Perché la difesa della Sam è stata deficitaria e solo in alcuni frangenti, vedi il recupero nel terzo quarto, la zona è stata efficace (perché sono funzionati meglio gli aiuti difensivi).

Questo aspetto tecnico è stato la palla al piede della Sam proprio perché, quando il Colon o il Fofana di turno battevano l’avversario diretto in uno contro uno, nessuno chiudeva o andava in aiuto, favorendo le conclusioni da sotto ai due. Giocatori questi che, appena hanno spazio, diventano mortali. In gara 1 Fofana era stato contenuto molto bene, zero punti, proprio perché non era mai riuscito a penetrare. Invece martedì ha trovato praterie. Se poi ci mettiamo la buona vena di Popovic (4/6), uno che di pallone ne spreca pochissimo ma che sa anche difendere, e un Morris con 7/13, la frittata è fatta. I 32 punti messi da James e Nikolic, 17 e 15, testimoniano come in mezzo all’area il Neuchâtel è molto fragile, anche perché Giddens – non certamente un fenomeno –, che ha commesso tre falli in 4’ rimanendo in totale meno di 9’ in campo, non ha sostituti. Ma Neuchâtel ha difeso bene di squadra, lasciando alla Sam solo 9 rimbalzi offensivi, contro i 3 dei neocastellani. La giornata storta dei tiratori scelti di Massagno (11/35 dei due Mladjan e Kovac), è stata l’ulteriore conferma di un gioco troppo poco lineare e logico, con conclusioni estemporanee e senza uomini in area a prendere rimbalzi, là dove era assente proprio Giddens.

Un’incapacità di lettura grave, come il fatto di non appoggiare il gioco sui giocatori difesi da Colon e Fofana quando erano gravati di quattro falli. Tutte letture che giocatori esperti dovrebbero saper fare. Ma quando manca la lucidità e non si vuole operare di squadra, è inevitabile pagarne il conto. Nulla è perduto, sia chiaro, ma la Spinelli deve ritrovarsi in fretta – leggasi per gara 3 delle semifinali in programma sabato in terra neocastellana – perché Neuchâtel ci crede eccome.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sam massagno swiss basketball league union neuchâtel
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved