SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
OLIMPIADI
5 ore

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
6 ore

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
9 ore

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
13 ore

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
nuoto pinnato
14 ore

Nuoto pinnato, Flippers Team in evidenza a Ravenna

Al Trofeo Bizantino Hrechko si impone nei 100 e 200 m monopinna, Smishchenko nei 50 apnea e monopinna e nei 100 monopinna e Del Ponte nei 50 apnea e mono
pallanuoto
14 ore

I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera

Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
14 ore

Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’

Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
14 ore

Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis

Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
15 ore

Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali

Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
CALCIO
1 gior

Frei e il Basilea respirano grazie alla vittoria in Coppa

Al Letzigrund battuto il Grasshopper grazie soprattutto a una doppietta di Zeki Amdouni. Dopo le magre in Super League, i renani rialzano la testa
BASKET
1 gior

La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey

Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
1 gior

‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’

Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
1 gior

Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo

L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
CALCIO
1 gior

Per la Fifa i reati sessuali diventano imprescrittibili

La federazione internazionale ha provveduto a un aggiornamento del codice etico. In precedenza, i casi andavano in prescrizione dopo 10 anni
CALCIO
1 gior

È guerra tra Alpstaeg e il Cda dell’Fc Lucerna

Il principale azionista della società ha sporto denuncia, sia penale, sia civile e ha chiesto alla Sfl di indagare prima di concedere la licenza 2023-24
pugilato
1 gior

Tiago Pugno diventa professionista

Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
TENNIS
1 gior

La Svizzera sfida la Germania con un Wawrinka nel motore

Coppa Davis, da venerdì a domenica a Treviri affronta la squadra del campione olimpico Alexander Zverev
Altri sport
1 gior

Tom Brady annuncia il (nuovo) ritiro

L’uomo dei record, 45 anni, ha detto in un video che lascerà il football, stavolta ‘per davvero’
Hockey
1 gior

Ecco i 25 convocati di Fischer per i Beijer Hockey Games

Si gioca a Zurigo e Malmö, con Fora, Mirco e Marco Müller, Thürkauf, Heim, Eggenberger e Bichsel
Calcio
1 gior

Non valido il contratto di Ziyech al Psg

I documenti relativi al trasferimento dal Chelsea sono giunti fuori tempo massimo alla Lega francese di calcio
Hockey
1 gior

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
2 gior

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
2 gior

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
2 gior

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
2 gior

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
05.05.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:33

Black Power in campo, non in panchina

Negli Stati Uniti, dove nel basket e nel football oltre il 70% dei giocatori è di colore, gli allenatori afroamericani rimangono una minoranza

black-power-in-campo-non-in-panchina
Bill Russell, primo coach afroamericano della Nba, assieme a Arnold Red Auerbach

In principio fu Frederick Douglass "Fritz" Pollard. Nato nel 1894, 29 anni dopo l’abolizione della schiavitù, fu il primo giocatore di colore della National Football League (nel 1920 portò al titolo gli Akron Pros) e il primo head coach afroamericano (1921, sempre con Akron). Nel 1926, assieme agli altri nove giocatori neri, fu espulso dalla Lega e non vi fece più ritorno. Morto nel 1986, nel 2005 fu introdotto nella Hall of Fame. Ma, nonostante sia stato il primo, non fu Pollard a spalancare alla minoranza afroamericana le porte della professione di allenatore nello sport statunitense. Occorre cambiare palla, passare da quella ellittica a quella a spicchi e, soprattutto, attendere altri 45 anni prima di assistere a una significativa inversione di tendenza.

Nella Nba non vi erano mai stati allenatori neri dal giorno della fondazione della Lega, nel 1946. E nemmeno era un tema all’ordine del giorno, fino a quando al termine di gara 1 della finale del 1966, Arnold Red Auerbach fece il nome del suo successore alla guida dei Boston Celtics: il nero Bill Russell. Nei tre anni nei quali diresse la squadra dal campo (in qualità di giocatore-allenatore, scelta per nulla inusuale a quei tempi), Russell vinse due titoli e disputò una finale di Conference. "Hanno deciso di offrirmi il posto non perché sono un ‘negro’, ma perché ritengono che sia all’altezza", aveva affermato il giorno di una nomina giunta appena un anno dopo l’abolizione delle Leggi Jim Crow, quelle che su base statale regolavano il sistema di apartheid vigente nel Sud degli Stati Uniti (nelle scuole, sui mezzi pubblici, nei ristoranti…). I tempi per il cambiamento iniziavano a maturare, nonostante un mese prima della nomina di Russell, davanti alla platea della Southern Methodist University, il reverendo Martin Luther King avesse ricordato, in un famoso discorso, come la strada da percorrere sul cammino dell’integrazione razziale fosse ancora molto, molto lunga.

L’ingaggio di Bill Russell ha spalancato le porte e spianato la via alla possibilità per i neri di accomodarsi sulle panchine della Nba e in molti ne hanno approfittato, per quanto il cammino verso la piena parità dei diritti rimanga tortuoso e lungi dall’essere concluso. Se all’inizio della stagione 2012-13 gli head coach di colore rappresentavano il 48% del totale, lo scorso anno la percentuale era crollata al 23%. In questa stagione, però, ha conosciuto un’inattesa quanto sensibile progressione. Delle 30 squadre della Nba, ben 13 hanno un allenatore nero e altre due ne hanno uno "non bianco", quindi appartenente a una diversa minoranza etnica: nel complesso 15 su 30, il 50%. Degli otto posti vacanti a inizio stagione, sette sono andati ad allenatori afroamericani, un risultato da mettere sul conto, almeno in parte, della Coaching Equality Initiative, un programma promosso dalla Lega e dall’associazione degli allenatori per sviluppare nuovi tecnici e assicurare la visibilità, in caso di posizioni aperte, ai candidati qualificati. È stata sviluppata anche una app, a beneficio dei dirigenti delle varie franchigie, sulla quale è possibile trovare i profili di oltre 300 allenatori.

Ciò nonostante la strada verso una panchina della Nba, per un coach di colore, rimane lunga. Ne è un esempio Jamahl Mosley, attuale responsabile degli Orlando Magic. Dopo aver svolto la sua carriera da giocatore quasi tutta all’estero (Australia, Spagna, Finlandia e Corea del Sud), per 16 anni è rimasto in seno a tre coaching staff della Nba, senza mai riuscire, nonostante sette "interviste", a trovare un ingaggio da capo allenatore, almeno fino all’estate 2021, quando le sue qualità hanno convinto i dirigenti dei Magic.

Non sempre, però, il processo di scelta appare limpido e rispettoso dei diritti delle minoranze. Qualche polemica, ad esempio, l’aveva suscitata lo scorso anno l’ingaggio da parte dei Minnesota Timberwolves di Chris Finch, in sostituzione dell’esonerato Ryan Saunders. L’annuncio era giunto lo stesso giorno del licenziamento e, contrariamente a quanto solitamente avviene in occasione di cambi in corso di stagione, non era stata presa in considerazione la possibile candidatura di David Vanterpool, assistente di colore di Saunders.

La Nfl marcia sul posto

Nella Nba, pur con qualche inciampo, negli ultimi anni le opportunità di lavoro per allenatori appartenenti a minoranze etniche sono sensibilmente aumentate. La Nfl, per contro, non può dire altrettanto. Dopo aver offerto un posto da capo allenatore a Fritz Pollard nel secondo anno di esistenza della Lega, nata il 17 settembre 1920 a Canton (Ohio), la Nfl ha emarginato dalle sideline gli head coach di colore. Considerato ancora negli anni Cinquanta e Sessanta uno sport per soli bianchi (il primo nero a vincere l’Heisman Trophy della Ncaa, premio per il miglior giocatore universitario, fu Ernie Davis nel 1961), il football ha conosciuto pochissimi allenatori afroamericani. Nella storia ultracentenaria della Lega se ne contano 24 su un totale di 511 (il 4,7%) e per trovare il successore di Pollard occorre scorrere l’annuario fino al 1998, quando i Los Angeles Raiders affidarono la squadra ad Art Shell. In tutto ciò non è difficile scorgere tracce di possibile razzismo in uno sport da sempre considerato bianco, conservatore e sudista. Tanto è vero che per decenni gli afroamericani non sono stati considerati sufficientemente intelligenti per ricoprire lo strategico ruolo di quarterback. Negli ultimi anni la situazione è migliorata, ciò nonostante nel 2021 solo 19 dei 62 Qb scesi in campo erano "non bianchi", 18 neri e un hawaiano, in uno sport nel quale oltre il 70% dei giocatori è afroamericano. A livello di capi allenatore, come detto, la situazione è ben peggiore: lo scorso anno erano soltanto 4 su 32 (12,5%) e altrettanti saranno nella prossima stagione (Lovie Smith a Houston, Mike McDaniel a Miami, Todd Bowles a Tampa Bay e Mike Tomlin a Pittsburgh), ai quali vanno però aggiunti altri due "non bianchi" (l’ispanico Ron Rivera a Washington e a New York, sponda Jets, Robert Saleh, di origine libanese).

La Rooney Rule

Il tentativo di invertire la rotta è in atto già dall’inizio degli anni Duemila. Nel 2005, infatti, è entrata in vigore la Rooney Rule, una norma che obbliga le franchigie a prendere in considerazione almeno un esponente di una minoranza etnica per ogni posto da capo allenatore vacante (dal 2009 la regola si estende pure al posto di general manager). A partire dal 2022, le squadre saranno obbligate ad annoverare nel coaching staff d’attacco almeno un allenatore proveniente da una minoranza etnica, oppure una donna (nel 2021 erano 12), mentre dal 2020 i colloqui per il posto di allenatore devono essere due (uno per i ruoli di coordinatore dell’attacco e della difesa). Nel tentativo di incentivare lo sviluppo di allenatori afroamericani (o ispanici), la Nfl, la quale all’inizio premiava con scelte supplementari al draft le società virtuose, a partire da quest’anno ha cambiato strategia e, con scelte al terzo giro del draft, ricompensa chi ha visto un membro del coaching staff partire per assumere il ruolo di capo allenatore o general manager in un’altra franchigia.

Coach Flo e l’sms di Belichick

Come nel caso della Nba, però, non tutto funziona a puntino. È di questa primavera, infatti, la causa intentata da Brian Flores contro la Nfl, i New York Giants e i Denver Broncos: l’accusa è di razzismo. I fatti: esonerato da Miami dopo tre stagioni (le ultime due con un record vincente), coach Flo, di origine honduregna, come previsto dalla Rooney Rule ha avuto regolari colloqui con Giants e Broncos per il posto di capo allenatore. Prima dell’incontro tra Flores e i dirigenti newyorchesi, però, Bill Belichick, storico capo allenatore di New England, ha avuto la brillante idea di spedire a Brian Daboll (altro candidato alla panchina dei Giants) un messaggio di felicitazioni per l’avvenuto ingaggio: peccato che sul suo smartphone Belichick abbia selezionato il destinatario sbagliato, inviando l’sms non a Daboll bensì a Flores. Il quale si è reso conto che la decisione era già stata presa e che il futuro colloquio sarebbe stato farlocco. Da qui la causa intentata per discriminazione razziale.

Alla luce dei quattro soli allenatori afroamericani per la stagione 2022, si può senza dubbio affermare che la Rooney Rule non ha avuto lo stesso positivo effetto della Coaching Equality Initiative della Nba. Tuttavia, lo sforzo non è da sottovalutare. Già nel primo anno dopo l’entrata in vigore della norma, la percentuale di head coach di colore era passata dal 6% al 22% e in generale, la presenza delle minoranze etniche è aumentata in altre posizioni del coaching staff (ogni squadra conta mediamente una trentina di allenatori). Segnali positivi, dunque, se ne sono visti, come dimostra il fatto che la Ncaa, l’organo che gestisce lo sport a livello universitario, sta seriamente pensando di adottare la Rooney Rule. A livello di college, infatti, il numero di head coach afroamericani raggiunge appena il 6 per cento.

Nelson Mandela aveva intitolato la sua autobiografia "Lungo cammino verso la libertà". Come lungo rimane il cammino verso la piena integrazione della minoranza afroamericana nel tessuto sociale degli Stati Uniti. Un cammino non iniziato attraverso lo sport, ma che lo sport potrebbe contribuire a rendere un po’ meno tortuoso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved