Verona
1
Lazio
1
fine
(0-1)
Monza
0
Sampdoria
0
1. tempo
(0-0)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
4 ore

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
4 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
5 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
7 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
15 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
21 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
21 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
1 gior

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
1 gior

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
1 gior

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
1 gior

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 gior

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
1 gior

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
1 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
2 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
2 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
2 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
2 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
2 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
2 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
3 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
3 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
3 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
3 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
3 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
3 gior

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
3 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
HOCKEY
laR
 
13.10.2022 - 07:37
Aggiornamento: 14:47

Cereda: ‘Mettermi in dubbio è il ruolo di chi mi sta attorno’

Allenatori nel regno della passione, dove l’istinto e il coraggio contano più dell’esperienza. A tre settimane da un secondo derby che sarà ticinese ‘doc’

cereda-mettermi-in-dubbio-e-il-ruolo-di-chi-mi-sta-attorno
Ti-Press/Crinari
Gioie, dolori ed errori, magari anche tanti. ‘E quando si sbaglia, lo si riconosce e si va avanti. Semplicemente’

Quella lavagna bianca con cinque cerchi e qualche linea rossa e blu è la tavola della legge. Il pennarello, invece, è lo scettro del potere, in uno spogliatoio in cui gli altri dovrebbero starsene tutti zitti ad ascoltare, anche se non è sempre così che vanno le cose.

Criticato dai tifosi, incalzato dai giornalisti e persino messo in dubbio dai suoi stessi giocatori: senz’altro, quello dell’allenatore non è un mestiere per tutti. Bisogna esserci tagliati. E bisogna andare un po’ a cercarsela. «È vero, da parte dei giocatori è un continuo metterti alla prova – spiega Luca Cereda, allenatore che non ha certo di bisogno di presentazioni e che con i suoi 41 anni fa parte della nouvelle vague di giovani tecnici che iniziano ad affollare le panchine del nostro campionato –. Giustamente, aggiungerei. Credo tuttavia che sia così un po’ in tutti i lavori: dovunque c’è un capo, ci sarà qualcuno che starà sotto di lui, e quel qualcuno non sarà sempre d’accordo con le decisioni prese, ma dovrà comunque fare ciò che gli viene chiesto. A quel punto proverà a insinuare dei dubbi, credo sia umano. Del resto è così: quando si comanda, bisogna saper convincere gli altri, saperli coinvolgere. Ma talvolta non è così semplice».

È a quel punto che emerge il carattere di un allenatore?

Credo di sì. Non c’è un modo giusto e uno sbagliato di fare le cose. C’è chi è più autoritario, e chi invece vuol rendere maggiormente partecipi i giocatori: ognuno ha il proprio stile. Per come la vedo io, l’importante è che ognuno rimanga se stesso e non si metta a imitare qualcun’altro, oppure che si lasci influenzare e perda il controllo della situazione.

Tu hai 41 anni, ma quando sei arrivato sulla panchina dell’Ambrì ne avevi 35. Johan Lundskog del Berna invece ne ha 38, e quel Luca Gianinazzi fresco d’intronizzazione a Lugano ne ha addirittura appena 29. Quanto conta davvero l’età di un allenatore?

Non penso sia un fattore importante. Se guardiamo a ciò che succede in Germania nel calcio, ad esempio, ci sono parecchi casi di giovani tecnici che hanno cominciato presto la carriera di allenatore, e di conseguenza sono arrivati prima su qualche panchina in Bundesliga. Io credo che a contare sia più l’autorevolezza: quello che sai, quello che hai potuto imparare, quello che già hai nella testa e nel cuore. E poi come riesci a trasmetterlo. Naturalmente all’inizio ti mancherà l’esperienza, ma d’altra parte avrai senz’altro grande energia, grande passione e gran voglia di fare, cose che un po’ ti permetteranno di compensare.

Dando per assodato che la preparazione è la base delle qualità di un coach, infatti senza un’idea e degli schemi di gioco non andrebbe da nessuna parte, tra esperienza e istinto l’aspetto preponderante qual è?

Direi il secondo. Trovo sia più importante perché di esperienze non finirai mai di farne, e avrai sempre qualcosa da imparare. Mentre invece l’istinto o ce l’hai, oppure no. Naturalmente ci sarà sempre la possibilità di allenarlo, per così dire, ma vale un po’ lo stesso discorso che per i giocatori: pur se con l’esperienza uno può comunque riuscire a migliorare, a chi non ha di suo una buona capacità di leggere il gioco sarà difficile insegnargliela. Quindi sì, direi l’istinto. Anche se poi a contare moltissimo è la passione, che ti permette di superare i momenti più difficili, i quali andrebbero affrontati come se fossero un’opportunità, non come se fossero un macigno da portarsi appresso.

Per difendere ciò che dice l’istinto dinnanzi alle difficoltà, tu cosa fai? Torni mai sui tuoi passi?

Direi che è personale: molto dipende da che tipo sei. Però nell’hockey le cose vanno talmente veloci che nessuno, ma proprio nessuno può pensare di portare a termine un allenamento, una settimana, oppure una stagione intera senza sbagliare niente. Vale per i giocatori come per l’allenatore. E quando si sbaglia, lo si riconosce e si va avanti. Semplicemente.

Per una volta, senza rischiare di abusarne possiamo scomodare l’aggettivo ‘storico’ pensando al secondo derby stagionale: sul ghiaccio di Lugano, il 1. novembre, sulle panchine ci saranno due allenatori ticinesi, cosa mai successa in passato.

Prima di tutto mancano ancora tre settimane, quindi calma: dobbiamo ancora arrivarci. Però è vero, per la prima volta Ambrì e Lugano si sfideranno con due coach ticinesi: sarà qualcosa che rimarrà nei libri di storia, e farne parte senz’altro è motivo d’orgoglio per tutti noi.

Ma tu sapevi di essere soltanto il secondo allenatore ticinese in Leventina? Tuffandosi negli archivi di Ambrì e Lugano, grazie all’immane lavoro di Brenno Canevascini e Paolo Poretti ci si accorge che alla Valascia prima di te c’è stato solo Giovanni ‘Nani’ Zamberlani, tra il 1947 e il 1949. Mentre a Lugano, tolto il famoso derby diretto in panchina da Ruben Fontana nel gennaio 2009, l’ultimo precedente ticinese risale alla stagione 1968/1969, quando la squadra venne affidata per sei partite a Giuseppe ‘Beppe’ Faoro.

No... (risponde sorpreso, ndr). No, questo sinceramente non lo sapevo.

E se questo storico momento finisse per essere da ulteriore stimolo a quei giovani che sognano di vestire un giorno le maglie di Ambrì e Lugano, e che ora sanno di poter legittimamente anche ambire a metter piede su una di quelle panchine?

Io lo spero, lo spero vivamente. Ma non soltanto su quelle due. Adesso stiamo parlando di professionismo, ma in realtà di allenatori c’è gran bisogno anche nelle categorie inferiori. E servono coach che siano validi, che sappiamo insegnare ai più giovani. Nell’hockey ci sono moltissimi bambini che iniziano, ma solo pochi di loro riusciranno a fare di questo sport il loro mestiere. L’hockey è soprattutto una scuola di vita, e io vedo che in quell’ambito si potrà lavorare molto con le famiglie e con le scuole, e far sì che quei bimbi crescano in un ambiente sano.

Del resto, anche tu sei partito dal basso, nel senso che prima di arrivare ai Rockets già allenavi nel settore giovanile dell’Ambrì, proprio come quel Luca Gianinazzi che fino a qualche giorno fa dirigeva gli juniores élite bianconeri. Ricordi il momento preciso in cui alla Valascia accettasti il posto sulla panchina della prima squadra?

Certo che sì. Ricordo il primo colloquio con Paolo (Duca, ndr), qualche giorno dopo il famoso spareggio vinto a Langenthal (era l’aprile del 2017, ndr). All’epoca in testa avevo una visione già piuttosto chiara, siccome erano ormai dieci anni che allenavo: sapevo bene cos’avrei voluto fare, ma evidentemente avevo il dubbio di riuscire a trasmettere questo mio pensiero a una squadra di professionisti. Non avendolo mai fatto, non sapevo se ne sarei stato effettivamente capace. C’era un mix di emozioni che spaziavano dall’euforia all’orgoglio, dai dubbi ai timori.

Può, in verità, un allenatore avere dubbi?

Ah sì, certamente (risponde deciso, ndr). Ed è giusto così. Anzi, io ritengo che il ruolo di chi sta attorno a un allenatore è proprio quello di metterlo in dubbio, per costringerlo a riflettere di più. A coloro che mi stanno attorno chiedo sempre di esprimere le loro opinioni, senza per forza aspettare che io dica la mia per prima. E quando mi rispondono ‘sì, va bene’, io insisto: ‘mettetemi dei dubbi in testa!’. Poi è chiaro, in fin dei conti sarò io a prendere quella decisione, però almeno prima di allora sapremo di aver messo tutte le carte in tavola.

Un conto è però avere dei dubbi dopo dieci anni di panchina, un altro è averli nelle prime ore in cui si ottiene un mandato come può essere quello di Luca Gianinazzi. Quanto fegato ci vuole per accettare un’offerta del genere di punto in bianco, specialmente in mezzo a tanta pressione?

Ci vuole coraggio, indubbiamente. Del resto è così che stanno le cose per un allenatore. Di tanto in tanto ne discutiamo con Paolo (Duca, ndr): a volte si fanno delle scelte che magari possono sembrare impopolari, ma le si fanno sempre con coraggio. Poi questa o quella scommessa alla fine magari si perderà, ma certamente non perché è mancato il coraggio di agire. Nel caso contrario, invece, si sarebbe già perso in partenza. Secondo me è proprio quella la più grande sconfitta, il non affrontare una sfida.

Ripensando al derby di novembre, pur se un po’ in anticipo: non ti sembra strano doverti misurare in pista con un Luca Gianinazzi che in passato, sul ghiaccio di Biasca, avevi allenato?

Ammetto di averci pensato. Infatti era capitato anche a me di dover ‘sfidare’ dei tecnici che in passato erano stati miei allenatori, come ad esempio Doug Shedden o a Serge Pelletier. Mi sono sempre detto che il giorno in cui sarebbe successo a me ne sarei stato contento: infatti, se un mio ex giocatore è arrivato fin lì significa che negli anni in cui l’ho allenato perlomeno sono riuscito a non spegnere in lui la passione per l’hockey. E anche se ho allenato Luca Gianinazzi per due sole stagioni, mi rende felice sapere che è arrivato dov’è ora: è la prova che questa passione per lui non è mai stata effimera.

Ma Luca Gianinazzi che tipo è?

Ricordo ancora ciò che gli dissi a Biasca durante il colloquio di fine stagione. Vedevo tanto, ma proprio tanto in lui il desiderio di aiutare gli altri. Specialmente i giocatori più giovani, che cercava di mettere a loro agio. Aveva la passione di mettersi a disposizione, di discutere i problemi. Non so se socievole è il termine giusto, ma di sicuro Luca è una persona molto aperta, che ha voglia di aiutare. Lo notai perché si percepiva, era un qualcosa di marcato. Onestamente non ricordo se alla fine glielo dissi, ma ciò che pensai è che effettivamente un giorno sarebbe potuto diventare un buon allenatore.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved