VAN DE ZANDSCHULP B. (NED)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
2
fine
(3-6 : 1-6)
BENCIC B. (SUI)
KREJCIKOVA B. (CZE)
16:00
 
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
19 min

Il Chiasso perde la causa e non riceverà mezzo milione di euro

Lo ha deciso il Tas di Losanna nel contenzioso che opponeva la società rossoblù al Frosinone, per il trasferimento dell’olandese Rai Vloet
TENNIS
54 min

Forfait di Belinda Bencic a Ostrava

La sangallese non disputerà l’ottavo di finale contro la ceca Krejcikova. Alla base della rinuncia, un infortunio al piede sinistro
CICLISMO
1 ora

Van Vleuten stella del primo Tour de Romandie femminile

Il meglio del parterre mondiale al via domani da Losanna per una corsa che si concluderà domenica a Ginevra
CORSA D'ORIENTAMENTO
3 ore

Il Ticino cerca la conferma nel Trofeo Arge Alp

Sabato e domenica in alta Val Carvina gareggeranno ben 600 atleti. La selezione rossoblù dovrà difendersi da Baviera, San Gallo, Trentino e Grigioni
Hockey
16 ore

In Champions vincono Zugo, Rapperswil e Friborgo

Serata da incorniciare per le squadre svizzere sul palcoscenico d’Europa: Zugo e Friborgo agli ottavi da primi della classe, sangallesi fuori con onore
Calcio
16 ore

Con due gol di Rabiot la Juventus stende il Maccabi

Nel mercoledì di Champions League nulla da fare invece per il Milan, sconfitto 3-0 dal Chelsea allo Stamford Bridge di Londra
Formula 1
18 ore

La Fia rinvia il verdetto sul budget cap. Verso sanzioni lievi?

Da Parigi nessuna novità: la conclusione dell’analisi il 10 ottobre. Intanto, però, Sky lancia l’indiscrezione: il tetto sarebbe stato sforato, ma di poco
Calcio
20 ore

Seoane silurato, arriva Xabi Alonso

Il Bayer Leverkusen licenzia il tecnico elvetico, sostituito dall’ex centrocampista spagnolo
Calcio
20 ore

Si è spento Jürgen Sundermann

82enne, aveva giocato e allenato in molti Paesi, fra cui Germania e Svizzera
Calcio
21 ore

Europa, lo Zurigo cerca punti per il morale

Il Basilea vuole invece ipotecare il passaggio del turno
ginnastica artistica
22 ore

‘Vogliamo offrire una serata di grande ginnastica’

Il nuovo presidente del comitato organizzatore Alberto Mogliazzi, si sta preparando per il 39esimo Memorial Gander, in programma a Chiasso il 23 novembre
calcio
1 gior

Ucraina con Spagna e Portogallo per i Mondiali 2030

Lo hanno annunciato i presidenti delle tre federazioni nazionali
inline hockey
1 gior

Hockey inline, Sayaluca e Malcantone, buona la prima

Le ticinesi si impongono in gara 1 dei quarti di finale in Lna
CALCIO
1 gior

Quel gol divorato al Maracanà, pesante come un macigno

Higuain sarà per sempre ricordato soprattutto per l’errore nella finale mondiale del 2014 fra Argentina e Germania
l'angolo delle bocce
1 gior

Agli italiani Paone-Andreani il Gp della Vendemmia 2022

Battuti a zero in finale Roberto Antonini e Paolo Brambilla
Tennis
1 gior

Astana, Hüsler fuori al primo turno

Lo zurighese nettamente battuto dal numero 53 Ruusuvuori
Calcio
1 gior

‘Il sindacato calciatori ci ha messo in difficoltà’

Il capitano del Chiasso esclude il boicottaggio delle partite
Hockey
1 gior

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
1 gior

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos, vincitore contro l’Ocelari, e lo Zurigo, pur se sconfitto in Svezia, raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
1 gior

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
1 gior

Insulti razzisti, Atalanta multata

12mila euro di ammenda per le ingiurie contro il presidente della Fiorentina
Calcio
1 gior

Possibile ritorno di Messi al Barça

Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
CICLISMO
1 gior

Tre Valli varesine, vince Pogacar

Successo allo sprint per lo sloveno, che sabato nel Lombardia difenderà lo scettro vinto lo scorso anno
VOLLEY
1 gior

Weekend da cinque punti per il Bellinzona

Le ticinesi hanno sconfitto nettamente Val-de-Travers e soltanto al tie-break l’Aadorf
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior

Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500

Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
FORMULA E
2 gior

Contratto pluriennale per Buemi

Il pilota elvetico ha firmato per il team inglese Envision Racing
Calcio
2 gior

L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho

L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
ATLETICA LEGGERA
2 gior

Ai ‘ticinesi’ doppietta di Sepulveda, Borin, Küng e Cerutti

Oltre 150 atleti si sono dati appuntamento al Comunale di Bellinzona per giocarsi i 31 titoli in palio
Pattinaggio di figura
25.02.2022 - 08:30
Aggiornamento: 17:55

Valieva e le sue sorelle, come stelle cadenti nel buio

Il crollo psico-fisico della 15enne ai Giochi ha riacceso i riflettori sui discutibili metodi russi. Ne abbiamo parlato con un giudice presente a Pechino.

valieva-e-le-sue-sorelle-come-stelle-cadenti-nel-buio
+8

Vittorie e sconfitte. Gioie e dolori. Sorrisi e lacrime. Termini in antitesi che sono l’essenza stessa di un appuntamento come le Olimpiadi e più in generale dello sport. Emozioni vissute dagli atleti e regalate agli spettatori in un gioco carico di phatos e drammaticità che può arrivare a toccare corde particolarmente sensibili, a volte persino in maniera quasi disturbante. In particolare quando lasciano l’ambito prettamente sportivo e toccano quello umano, come successo ai Giochi di Pechino con il caso della pattinatrice russa Kamila Valieva e in parte anche delle sue connazionali.

La 15enne di Kazan, nonostante la giovanissima età fenomeno assoluto del pattinaggio mondiale e grande favorita per l’oro nel concorso individuale in Cina, si è ritrovata al centro delle polemiche in seguito alla sua positività a una sostanza dopante emersa dopo il titolo conquistato nella gara mista (ma relativa a un controllo di dicembre) e la successiva sospensione della squalifica decisa dal Tribunale arbitrale dello sport (Tas), che ha voluto prendersi più tempo per valutare la situazione e prendere una decisione con effetto retroattivo. Una situazione che ha sì permesso alla Valieva di scendere sul ghiaccio nella prova individuale, ma non certo nelle migliori condizioni. Alla fine infatti la giovanissima russa non ha retto alla grande pressione psicologica alla quale è stata sottoposta per più giorni ed è crollata durante il programma libero, lei che dopo il corto guidava la classifica con un buon margine sulle avversarie. Insolitamente insicura sin dalle prime battute della sua esibizione, la Valieva è finita gambe all’aria in più occasioni e questo, assieme ad altre imprecisioni, non le ha permesso di andare oltre i 141,93 punti di giornata (quinto punteggio) e i 224,09 totali, finendo ai piedi di un podio occupato nell’ordine dalle sue connazionali Anna Shcherbakova (255,95), Alexandra Trusova (251,73) e dalla giapponese Kaori Sakamoto (233,13).

A fare il giro del mondo, oltre alle lacrime della Valieva, è stata però anche la reazione della sua allenatrice, Eteri Tutberidze, tristemente nota per i suoi metodi duri e a tratti disumani con cui negli anni ha sì portato al successo campionesse come Lipnitskaia, Zagitova, Medvedeva e la stessa Shcherbakova, ma a un prezzo molto alto per delle ragazze a cui sembrerebbe sia stata privata, oltre alla gioventù, anche l’acqua durante gli allenamenti e alle quali si dice ritardata la pubertà obbligandole a mangiare solo nutrienti in polvere e ad assumere il "lupron", un bloccante noto per indurre alla menopausa. Fattostà che anche dopo il crollo psicofisico della Valieva a Pechino, la 48enne nata a Mosca da padre georgiano e madre russa e armena non si è smentita, attaccando la sua protetta (si fa per dire) chiedendole i motivi dei suoi errori e del suo spirito poco combattivo quando quest’ultima non era praticamente ancora uscita dal ghiaccio. Così come si è ben guardata dal consolare anche la 17enne Trusova, pure lei sua allieva e scoppiata sotto il peso dell’estrema competitività e chissà cos’altro in una crisi isterica con lacrime e urla – "Odio tutti! Non voglio fare nient’altro nel pattinaggio, mai nella mia vita! Mai, odio questo sport! Lo odio, odio tutto!" – per essersi messa al collo "solo" l’argento e non l’oro, andato tra l’altro a una compagna di squadra.

Istanti per certi versi agghiaccianti che hanno spostato l’attenzione dalla questione del doping – va ricordato ancora aperta e per la quale lo stesso entourage della Valieva, che è anche quello delle due russe finite sul podio, è sotto inchiesta – sulla problematica delle fin troppo giovani atlete russe e del percorso che le porta a incantare il mondo per poi però sparire altrettanto rapidamente come stelle cadenti nel buio.

‘È stato troppo anche per un talento come Kamila’

Chi conosce bene l’argomento ed ha vissuto da vicino quanto capitato a Pechino, visto che era presente al National Indoor Stadium di Pechino proprio per giudicare le prove di pattinaggio di figura, è Marco Buttarelli, medico di professione e giudice internazionale per passione.

«Beh sì diciamo che di passione ce n’è tanta ed è quello che mi ha fatto arrivare, partendo in realtà dalla posizione di pattinatore della domenica ma affascinato da questo mondo, a essere un giudice Isu (Unione internazionale di pattinaggio, ndr) – ci racconta il 52enne di Lavena Ponte Tresa ma attivo professionalmente in Ticino, che in Cina ha valutato le prove delle donne e delle coppie nella gara a squadre, nonché il concorso delle coppie –. Avevo giudicato Kamila (Valieva, ndr) al Gran Prix in Russia a novembre ed era arrivata alle Olimpiadi da vincitrice annunciata per tutti gli addetti ai lavori, in quanto ha un livello tecnico e una solidità nell’esecuzione dei vari elementi elevatissimi. Poteva perdere l’oro solamente lei facendo un disastro in pista e purtroppo è capitato. La notizia del doping e la pressione dei media su una giovane di 15 anni sono stati troppo anche per un talento come Kamila. Umanamente parlando mi rattrista molto quanto accaduto. La giustizia deve fare ancora il suo corso ed è prematuro esprimere qualsivoglia giudizio su questa triste vicenda che ha in parte compromesso il clima di festa che deve regnare in una manifestazione come i Giochi olimpici, oltretutto quest’anno già "intristiti" dalla situazione legata al Covid e tutte le restrizioni a cui sono stati sottoposti atleti e addetti ai lavori. Quello che sia in qualità di giudice, sia come persona mi ha lasciato un po’ perplesso è che il prelievo incriminato sia stato effettuato a dicembre, per cui mi chiedo perché la Wada (l’Agenzia mondiale antidoping, ndr) ha tirato fuori dal cilindro la positività al doping della Valieva non prima degli Europei disputati a gennaio e nemmeno prima dell’inizio dei Giochi, bensì solo dopo la gara a mista a Pechino».

Gettando ulteriori ombre su un meccanismo – a prescindere dall’assunzione volontaria (se non forzata) o meno della sostanza proibita da parte di Valieva, che ha dichiarato di aver scambiato con il nonno il bicchiere contenente la sua medicina – che rientra in un sistema già notoriamente bacato, come dimostra il fatto che gli atleti russi erano alle Olimpiadi sotto la bandiera del Roc (Comitato olimpico russo, ndr)... «La scuola russa ha negli ultimi due quadrienni olimpici monopolizzato la disciplina nel singolo donne, vincendo tutti i titoli continentali, buona parte di quelli mondiali e gli ultimi tre olimpici (l’ultima non russa a imporsi è stata la coreana Yuna Kim nel 2010 a Vancouver, ndr). Questa fila impressionante di vittorie è frutto dell’ampio bacino di atleti a cui attingere, della disponibilità di ghiaccio e di un sistema di allenamento difficilmente riproducibile da noi. Tutto questo con il vantaggio di formare grandi talenti e campionesse ma pagando a volte lo scotto di bruciarne prematuramente la carriera».

Come dimostra il fatto che ben pochi dei baby-prodigi russi riescono poi a rimanere agli altissimi livelli raggiunti sul medio-lungo termine, sparendo spesso dalla scena internazionale poco dopo aver passato i 20 anni, se non prima. Tanto che sono già molti i dubbi sulla presenza tra quattro anni ai Giochi di Milano e Cortina di Kamila Valieva. Come potrebbero non esserci atlete al di sotto dei 17 anni. Sì perché il problema della fin troppo giovane età delle atlete in questo caso nel pattinaggio di figura (anche se per certi versi ricorda anche quanto capita nella ginnastica artistica) è un argomento dibattuto da anni… «Esatto e al prossimo Congresso dell’Isu previsto a giugno dovrebbe venir accolta piuttosto facilmente la proposta di alzare il limite d’età per partecipare alle grandi manifestazioni, che dovrebbe passare da 15 a 17 anni per le Olimpiadi, lanciando il messaggio che non si possono portare "bambine" ai Giochi». Un cambiamento che non risolverebbe evidentemente il problema alla radice, ma potrebbe perlomeno far sì che determinate nazioni come la Russia non siano più motivate a spremere le ragazzine già così giovani, ritardando l’inizio di questo processo fino a un’età un po’ meno rischiosa dal punto di vista fisico e psicologico per le atlete, che avrebbero il corpo più pronto a reggere un certo tipo di allenamenti e in generale rischierebbero meno di spezzarsi.

Giudicare senza farsi condizionare, la dura vita del giudice

Una situazione quella creatasi a Pechino attorno al mondo del pattinaggio che di certo non ha reso la vita facile a chi era chiamato a giudicare esclusivamente la performance sportiva… «Uno cerca sempre di rimanere distaccato e non farsi coinvolgere o condizionare da ciò che accade fuori dal ghiaccio, la cultura del giudice dice proprio che quando ti siedi in pista, devi resettare il cervello e giudicare unicamente ciò che accade sul ghiaccio. E siamo allenati per farlo. Restare obiettivi e non farsi condizionare non è sempre facile ma è uno dei doveri di noi giudici: giudicare in maniera imparziale e valutare solo e soltanto quello che l’atleta ha eseguito in quel momento sul ghiaccio. Non deve importare quanto fatto l’anno, il mese o il giorno prima. Facile a dirsi ma a volte più difficile da mettere in pratica. Ad esempio se pattina il campione del mondo, è difficile dimenticarsi che è appunto il campione del mondo. Ricordo che anni fa a un Grand Prix in Cina il giapponese Yuzuru Hanyu (iridato nel 2014 e 2017 e detentore di due titoli olimpici, ndr) fece un disastro ma prese ugualmente punteggi relativamente alti. È nella natura umana farsi condizionare dal contesto e dalle esperienze pregresse. Proprio per questo siamo nove giudici in pannello, questo rende il punteggio il più corretto possibile e d’altro canto a livello di preparazione viene effettuato un lavoro specifico con corsi e seminari proprio per limitare gli errori di giudizio dovuti a bias (una forma di distorsione della valutazione causata dal pregiudizio, ndr). Chiaramente però come detto non è così evidente azzerare la componente emotiva, c’è chi riesce a farlo con più facilità e chi meno, dipende anche dalle varie situazioni e quella vissuta a Pechino non è sicuramente stata tra le più semplici da gestire anche per i giudici».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved