vincente-e-con-il-sorriso-richi-silva-il-ring-lo-saluta-cosi
+5
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
2 ore

La storia non si ripete: Teichmann saluta Cincinnati

Incapace di sfruttare un match point nel tiebreak del secondo set, dopo una lunga battaglia, l’elvetica cede il passo a Petra Kvitova
STORIE MONDIALI
4 ore

La Fifa fra guerre e ricchi contratti

Le qualificazioni ai Mondiali del 1970 furono la miccia che innescò un conflitto da seimila morti fra El Salvador e Honduras
Tennis
10 ore

A Cincinnati tre ore di battaglia, poi Stan s’arrende

Nuova batutta d’arresto per il vodese, costretto a cedere strada ad Andy Murray nell’Ohio, che lo batte per la tredicesima volta in carriera
Hockey
11 ore

Una rete di Attilio Biasca regala i quarti alla Svizzera U20

Il diciannovenne di origine ticinese segna il gol-partita nella sfida con l’Austria e permette agli elvetici di proseguire la loro avventura ai Mondiali
ciclismo
14 ore

Tom Dumoulin è pensionato, da subito

L’olandese 31enne, non smetterà, come preannunciato, a fine stagione: per lui è già ora del ritiro
calcio
15 ore

L’inizio non entusiasma, ma le prospettive sono buone

Il Lugano può sfruttare la vittoria di Basilea per lanciare definitivamente la sua stagione. Intanto però c’è da pensare alla Coppa Svizzera
NUOTO
15 ore

A Roma la Svizzera brilla di luce intensa: Mamié nuova regina

Dopo l’argento di Noè nei 100 delfino, gli elvetici tornano due volte sul podio: la zurighese vince i 200 rana, il turgoviese è secondo nei 200 sl
Calcio
17 ore

Procedura aperta contro Marius Müller

Sotto la lente della Lega c’è una dichiarazione omofoba
CICLISMO
17 ore

Roglic in Spagna per difendere la sua tripla corona

Lo sloveno, che si era ritirato dal Tour de France dopo una caduta, correrà la Vuelta
BASKET
17 ore

Brittney Griner farà appello

La cestista statunitense condannata e detenuta in Russia ha deciso di ricorrere
Altri sport
17 ore

Sébastien Buemi lascia la e.dams: rimarrà in Formula E?

Il trentatreenne pilota vodese con un passato in F1, alla Toro Rosso, annuncia sui social che lascerà la scuderia per cui correva dal 2014
CICLISMO
18 ore

Bernal torna a correre dopo sette mesi

Il colombiano, vittima di un incidente lo scorso inverno, al via del Tour di Danimarca
ATLETICA
18 ore

Europei, oro nella maratona per Richard Ringer

Successo allo sprint per il tedesco, israeliano il resto del podio
Pugilato
laR
 
29.11.2021 - 18:30

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli

«Credo che sia stato un bel match da vedere, a livello tecnico, di velocità e di intensità. Sono soddisfatto». Si esprime così, Ricardo Silva, fresco di vittoria (unanime il verdetto dei tre giudici) ai danni del georgiano Rati Migriauli alla prima edizione della ‘Faido Boxing Night’, evento pugilistico organizzato da Antonio Liucci e dal manager Tony Barbera, con la collaborazione del Boxe Club Riazzino. «Ho vinto bene, dal punto di vista della condizione mi sono trovato molto bene. Sei round sono il minimo che io possa sostenere, mi sarei trovato bene a farne anche otto. Non ho finito stremato, non perché non avessi dato tutto, ma fisicamente a livello di strategia e di tattica non avrei potuto dare di più. È stato un match interessante perché il georgiano in avvio di match mi ha preso alla sprovvista. Non avevo avuto modo di studiarlo e mi sono ritrovato sul ring un ambidestro. “Boxava” anche in guardia mancina, ciò che da sempre mi mette in difficoltà. Non me l’aspettavo, sono stato colto in contropiede, anche perché continuava a cambiare. Dall’analisi dei cartellini dei giudici è emerso che si è aggiudicato lui le prime due riprese. Ma non solo per effetto della guardia. È un atleta di 20 anni, giovane e prestante, bene allenato. Non combatte tanto per, è uno che ci tiene, che lavora, disputa match con regolarità. Non potevo pensare di prenderlo alla sprovvista o di coglierlo impreparato. È un pugile sul pezzo, veloce con i pugni, tecnicamente valido. Non che mi sentissi in difficoltà, visto che mi consideravo solo nella cosiddetta fase di studio, resta però il fatto che dopo due round ero in svantaggio. Gradatamente le cose, però, sono cambiate. Il mio grafico era in crescita, la sua curva in flessione. Ho vinto gli altri quattro round, a partire dal terzo. Ero tranquillo e in controllo. Ha accusato un paio di colpi all’addome che ha poi coperto bene, impedendomi di portarne altri. Non ce l’ho fatta a mandarlo al tappeto, ma ho assestato tanti buoni colpi. Ho avuto anch’io la mia razione. Alludo soprattutto a un gancio che ho sentito e mi ha fatto ricordare Ascona (dove “Richi” per un attimo barcollò prima di riprendersi e vincere con autorità). Quello più efficace, però, ero io. Ho mantenuto alti i contenuti atletici della sfida, fatta di velocità di piedi, di mobilità, esercizio in cui il mio avversario è progressivamente calato. All’ultimo round la differenza era palese. Ho avuto la sensazione che mi stessi caricando e che con qualche secondo in più a disposizione avrei chiuso il match prima del termine».

‘Non ho un altro match in previsione’

La 20esima vittoria in carriera su 24 match da professionista è coincisa con l’ultima recita di un pugile sul ring da ormai vent’anni, come più o meno annunciato alla vigilia (con riserva per eventuali ripensamenti)? «Il pensiero – puntualizza ‘Richi’ – è quello della vigilia del match. Se ringiovanissi, il Covid sparisse e mi venisse offerto un titolo allettante con una borsa all’altezza, potrei anche fare un pensiero a un ulteriore match. Sono pur sempre umano, la passione continua a esserci. Alla luce però del corso degli ultimi due anni, del mio percorso a livello familiare e professionale, non vedo profilarsi all’orizzonte un prossimo incontro. La situazione è di stasi. Se ripenso al match di Friborgo di fine 2019, non c’è stata una grande evoluzione. Posso sempre combattere, posso disputare un match nel quale me la caverei dignitosamente, ma sarebbe un po’ fine a se stesso. Lo farei per me, ma senza grandi prospettive dal punto di vista sportivo. Ritengo di essere arrivato dove potevo arrivare, con i mezzi che ci sono. O che non ci sono. Andare avanti così è un onere, è un sacrificio che a me e a tutti quelli che mi danno una mano, dai familiari agli allenatori, non porta a nulla di che. Facciamo tutti un po’ fatica a continuare di questo passo. Per farmi ritornare su questa decisione dovrebbe saltare fuori uno spunto importante, uno stimolo speciale che possa dare un senso al rinnovo della licenza medica e sportiva per il 2022. All’orizzonte, però, non scorgo nulla. Né sono sicuro che ne varrebbe la pena. Attualmente la situazione è la seguente: rimango fedele alla mia linea: non ho in previsione un piano futuro nel pugilato a livello agonistico. Come tutti, anch’io ho i miei sogni. Avrei voluto chiudere con un bel match con tutti i crismi, con un titolo in palio e i fuochi d’artificio. Purtroppo però, per tutte le svariate circostanze che hanno caratterizzato gli ultimi mesi, Covid su tutte, non è stato possibile coronarlo. Ma va bene anche così».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
antonio liucci faido boxing night ricardo silva toni barbera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved