Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
3
Lugano
6
2. tempo
(1-3 : 2-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
4
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 2-2)
Davos
3
Berna
2
2. tempo
(2-0 : 1-2)
Zugo
5
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
4
2. tempo
(0-3 : 1-1)
Sierre
2
GCK Lions
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
2. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
1. tempo
(0-1)
Langnau
3
Lugano
6
2. tempo
(1-3 : 2-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
4
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 2-2)
Davos
3
Berna
2
2. tempo
(2-0 : 1-2)
Zugo
5
Ajoie
0
2. tempo
(2-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
4
2. tempo
(0-3 : 1-1)
Sierre
2
GCK Lions
2
2. tempo
(2-1 : 0-1)
vincente-e-con-il-sorriso-richi-silva-il-ring-lo-saluta-cosi
+5
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
2 ore

Anche Alina e Sinja spiccano il volo. Con Ammann e Odermatt

Reduci da isolamento, le due ragazze della Nazionale di hockey raggiungono Pechino assieme al saltatore e al leder di Coppa del mondo di sci
CALCIO
3 ore

Quindici anni al vertice e non sentirli

Ancillo Canepa, da tre lustri alla testa dell’Fc Zurigo, è pieno di entusiasmo per la ripresa di una stagione che la sua ‘ceratura’ affronta da leader
Hockey
5 ore

Lugano, sciolto il contratto di Nodari. Finirà a Kloten?

Il trentaquattrenne difensore ticinese non rientrava ormai più nei piani di Chris McSorley, e ora potrebbe raggiungere Zurkirchen alla Stimo Arena
Basket
5 ore

Gubitosa: Per la Coppa ‘intelligenza, gioco e aggressività’

A Montreux si assegna nel weekend il primo trofeo stagionale, la Swiss Basketball Cup. Semifinali Sam-Neuchâtel e Olympic-Ginevra. Finale domenica alle 16
VOLLEY
5 ore

Due sfide fondamentali per il Lugano

Nel tentativo di rincorsa ai playoff, le ticinesi dovranno superare domani il Val de Travers e martedì il Franches-Montanges. Le due partite a Cadempino
CALCIO
5 ore

Dieci anni in bianconero, Sabbatini bandiera del Lugano

Il capitano uruguaiano spera di poter prolungare il contratto in scadenza. E sulla ripresa della stagione afferma: ‘Rosa da completare, ma sono fiducioso’
SCI ALPINO
6 ore

Grave infortunio per Urs Kryenbühl in Coppa Europa

Lo svittese è caduto in SuperG a Saalbach ed è stato elitrasportato a Zurigo dove ha subito un intervento chirurgico al bacino
SCI ALPINO
6 ore

A ottobre appuntamento con la velocità sul Cervino

Due discese maschili e altrettante femminili lungo la Gran Becca disegnata da Didier Défago. Le prime gare già nella prossima stagione
Gallery
Tennis
8 ore

Australian Open, in finale Nadal contro Medvedev

Il maiorchino ha sconfitto Matteo Berrettini in quattro set (6-6 6-2 3-6 6-3), il russo ha fatto lo stesso contro il greco Tsitsipas (7-6 4-6 6-4 6-1)
Freestyle
12 ore

Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno

Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
21 ore

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
21 ore

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
22 ore

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Pugilato
 
29.11.2021 - 18:300

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli

«Credo che sia stato un bel match da vedere, a livello tecnico, di velocità e di intensità. Sono soddisfatto». Si esprime così, Ricardo Silva, fresco di vittoria (unanime il verdetto dei tre giudici) ai danni del georgiano Rati Migriauli alla prima edizione della ‘Faido Boxing Night’, evento pugilistico organizzato da Antonio Liucci e dal manager Tony Barbera, con la collaborazione del Boxe Club Riazzino. «Ho vinto bene, dal punto di vista della condizione mi sono trovato molto bene. Sei round sono il minimo che io possa sostenere, mi sarei trovato bene a farne anche otto. Non ho finito stremato, non perché non avessi dato tutto, ma fisicamente a livello di strategia e di tattica non avrei potuto dare di più. È stato un match interessante perché il georgiano in avvio di match mi ha preso alla sprovvista. Non avevo avuto modo di studiarlo e mi sono ritrovato sul ring un ambidestro. “Boxava” anche in guardia mancina, ciò che da sempre mi mette in difficoltà. Non me l’aspettavo, sono stato colto in contropiede, anche perché continuava a cambiare. Dall’analisi dei cartellini dei giudici è emerso che si è aggiudicato lui le prime due riprese. Ma non solo per effetto della guardia. È un atleta di 20 anni, giovane e prestante, bene allenato. Non combatte tanto per, è uno che ci tiene, che lavora, disputa match con regolarità. Non potevo pensare di prenderlo alla sprovvista o di coglierlo impreparato. È un pugile sul pezzo, veloce con i pugni, tecnicamente valido. Non che mi sentissi in difficoltà, visto che mi consideravo solo nella cosiddetta fase di studio, resta però il fatto che dopo due round ero in svantaggio. Gradatamente le cose, però, sono cambiate. Il mio grafico era in crescita, la sua curva in flessione. Ho vinto gli altri quattro round, a partire dal terzo. Ero tranquillo e in controllo. Ha accusato un paio di colpi all’addome che ha poi coperto bene, impedendomi di portarne altri. Non ce l’ho fatta a mandarlo al tappeto, ma ho assestato tanti buoni colpi. Ho avuto anch’io la mia razione. Alludo soprattutto a un gancio che ho sentito e mi ha fatto ricordare Ascona (dove “Richi” per un attimo barcollò prima di riprendersi e vincere con autorità). Quello più efficace, però, ero io. Ho mantenuto alti i contenuti atletici della sfida, fatta di velocità di piedi, di mobilità, esercizio in cui il mio avversario è progressivamente calato. All’ultimo round la differenza era palese. Ho avuto la sensazione che mi stessi caricando e che con qualche secondo in più a disposizione avrei chiuso il match prima del termine».

‘Non ho un altro match in previsione’

La 20esima vittoria in carriera su 24 match da professionista è coincisa con l’ultima recita di un pugile sul ring da ormai vent’anni, come più o meno annunciato alla vigilia (con riserva per eventuali ripensamenti)? «Il pensiero – puntualizza ‘Richi’ – è quello della vigilia del match. Se ringiovanissi, il Covid sparisse e mi venisse offerto un titolo allettante con una borsa all’altezza, potrei anche fare un pensiero a un ulteriore match. Sono pur sempre umano, la passione continua a esserci. Alla luce però del corso degli ultimi due anni, del mio percorso a livello familiare e professionale, non vedo profilarsi all’orizzonte un prossimo incontro. La situazione è di stasi. Se ripenso al match di Friborgo di fine 2019, non c’è stata una grande evoluzione. Posso sempre combattere, posso disputare un match nel quale me la caverei dignitosamente, ma sarebbe un po’ fine a se stesso. Lo farei per me, ma senza grandi prospettive dal punto di vista sportivo. Ritengo di essere arrivato dove potevo arrivare, con i mezzi che ci sono. O che non ci sono. Andare avanti così è un onere, è un sacrificio che a me e a tutti quelli che mi danno una mano, dai familiari agli allenatori, non porta a nulla di che. Facciamo tutti un po’ fatica a continuare di questo passo. Per farmi ritornare su questa decisione dovrebbe saltare fuori uno spunto importante, uno stimolo speciale che possa dare un senso al rinnovo della licenza medica e sportiva per il 2022. All’orizzonte, però, non scorgo nulla. Né sono sicuro che ne varrebbe la pena. Attualmente la situazione è la seguente: rimango fedele alla mia linea: non ho in previsione un piano futuro nel pugilato a livello agonistico. Come tutti, anch’io ho i miei sogni. Avrei voluto chiudere con un bel match con tutti i crismi, con un titolo in palio e i fuochi d’artificio. Purtroppo però, per tutte le svariate circostanze che hanno caratterizzato gli ultimi mesi, Covid su tutte, non è stato possibile coronarlo. Ma va bene anche così».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved