la-recita-finale-di-richi-silva-forse
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
NUOTO
2 ore

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
9 ore

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
9 ore

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
10 ore

Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale

Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
ATLETICA
11 ore

La staffetta torna in pista, ma Mujinga non c’è

Come ai Mondiali il tecnico Adrien Rothenbühler decide di correre le eliminatorie senza la sua numero uno. Sarà il gran giorno di Melissa Gutschmidt
MOUNTAIN BIKE
13 ore

Europei di Monaco, Filippo Colombo ambizioso

Venerdì si assegnano le medaglie nel cross-country e il ticinese, reduce da ottime prove in Nordamerica, si sente pronto
Calcio
13 ore

L’addio all’Acb di Sesa: ‘Bentancur scorretto con me’

La società: non accettiamo le sue dimissioni
Calcio
14 ore

Tatjana Hänni lascerà a fine 2022

La direttrice del calcio svizzero femminile andrà negli USA
CICLISMO
17 ore

Scatta la Vuelta, Roglic cerca il poker

Venerdì a Utrecht (Olanda) prende il via l’edizione numero 77 del Giro di Spagna
Calcio
17 ore

Giovanni Simeone firma col Napoli

Dopo le indiscrezioni, ecco l’ufficialità: il Cholito lascia il Verona
CICLISMO
18 ore

Per Vingegaard momenti difficili dopo il Tour

Lo rivela il direttore sportivo della Jumbo-Visma
CICLISMO
18 ore

Antonio Ferretti: ‘Abbiamo una grande scuola’

L’ex professionista analizza i successi continentali elvetici nelle prove contro il tempo
Calcio
1 gior

Tra David Sesa e il Bellinzona è già divorzio

L’amichevole col Lugano U21 è stata l’ultima da allenatore dei granata: due mesi dopo il suo arrivo, il 48enne tecnico lascia la panchina dell’Acb
Hockey
1 gior

Canada troppo forte: fine della corsa per la U20

Non basta una doppietta di Attilio Biasca: la Svizzera di Marco Bayer si ferma ai quarti di finale, inchinandosi ai nordamericani
STRONGMAN
1 gior

Fabio Guglielmini, davvero un tipo forte!

Vita, record e progetti di un ragazzo dai molti interessi e talenti, diviso fra Svizzera e Brasile
atletica
1 gior

Ricky Petrucciani ‘vola’ all’argento

Splendido secondo posto sui 400 m dell’onsernonese agli Europei di Monaco di Baviera, con l’ottimo tempo di 45”03
Calcio
1 gior

Il Bellinzona si impone di misura in amichevole

Una doppietta di Pollero nella ripresa ribalta il risultato della partita
nuoto
1 gior

Antonio Djakovic si regala l’argento nei 400 stile libero

Seconda medaglia individuale per lo zurighese, mentre Mityukov e Desplanches devono accontentarsi del quarto posto nei 100 dorso e nei 200 misti
Altri sport
1 gior

La Baviera è degli Stefan: festa svizzera a cronometro

Bissegger precede Küng in una gara memorabile
Hockey
1 gior

Hockey, lo spareggio sarà con quattro stranieri

Lo ha deciso l’assemblea svoltasi a Ittigen
beachvolley
1 gior

Altro successo per Anouk Vergé-Dépre e Bentele

La coppia elvetica ha facilmente la meglio sulle austriache Schützenhofer e Plesiutschnig e si qualificano per la fase finale
ciclismo
1 gior

Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour

Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
ciclismo
1 gior

Marlen Reusser ripete il titolo continentale a cronometro

L’elvetica bissa a Monaco il successo dell’anno scorso di Trento, precedendo l’olandese Van Dijk
Hockey
1 gior

Goran Bezina si ritira a 42 anni

Il difensore vallesano dice basta dopo oltre mille partite giocate
Calcio
1 gior

Team Ticino, pareggia l’U18 e vince l’U16

Cominciato il campionato per i migliori talenti del calcio cantonale
INLINE HOCKEY
1 gior

Swiss Awards, ticinesi agli onori

Diversi premi individuali e di squadra sono finiti a sud delle Alpi
Calcio
1 gior

Uli Forte cacciato dall’Arminia Bielefeld

Già finita la prima esperienza all’estero del tecnico zurighese
Calcio
1 gior

Elon Musk vuole acquistare lo United, ma è solo uno scherzo

In un tweet il miliardario si era detto interessato, ma poco dopo ha smentito
Tennis
1 gior

Nuova sconfitta per Serena Williams

A Cincinnati l’americana eliminata dalla Raducanu
NUOTO
1 gior

Europei, Djakovic in finale dei 400 sl

Terzo tempo delle qualificazioni per il turgoviese, che precede anche Popovici
Altri sport
2 gior

Sfuma all’ultimo l’oro di Ehammer. E pure quello di Mujinga

L’appenzellese superato all’ultimo nel decathlon è costretto ad accontentarsi dell’argento. La bernese, invece, beffata al fotofinish da Lückenkemper
Pugilato
laR
 
25.11.2021 - 17:31
Aggiornamento: 17:52

La recita finale di ‘Richi’ Silva. Forse

Il professionista ticinese sul ring della ‘Faido Boxing Night’ di sabato sera: ‘Voglio godermi quello che la sfida mi offre, forse per l’ultima volta’

Sabato 29 maggio, riunione di Ascona: Ricardo Silva batte ai punti il serbo Sladjan Dragisic in un match per lui “fuori categoria”, in quanto il rivale apparteneva a una categoria di peso (o due) superiore a quella del ticinese campione svizzero pesi welter. Un rischio che aveva deciso di correre, come aveva spiegato “Richi” in sede di presentazione, in virtù di una superiorità tecnica palese che lo condusse al successo nonostante la differenza di peso con l’avversario e un fugace passaggio “al tappeto” che aveva rischiato di compromettere un match in seguito molto ben gestito.

Lotta, tempra

“La boxe è lotta, tempra, capacità di resistere. E di adattarsi”, analizzammo quel giorno. “Ricardo in questo esercizio, è stato maestro: un taglio alla fronte in uno scontro fortuito già nella prima ripresa, il sangue copioso che gli invadeva il viso impedendogli una visuale nitida, un colpo ben assestato da parte del serbo che ha fatto valere tutta la propria potenza. Ha rischiato, “Richi”, ma ha reagito. «Un pugile non molla, un pugile resiste», dichiarò il 32enne a fine match. “Richi” il colpo lo ha subìto – aggiungemmo –, ma ha incassato ed è ripartito. Non ha potuto fare nulla di quanto aveva preparato, ma di colpi ne ha messi a segno tanti. Verdetto unanime e vittoria che non fa una grinza e lo ripaga degli sforzi compiuti in una preparazione un po’ sommaria, affrettata ma eseguita con la passione di chi agli appuntamenti ci sa arrivare nella maniera giusta, potendo anche contare sul supporto di due che il pugilato lo conoscono, Giovanni Laus e Federico Beresini”.

Capacità di gestione dei match

C’è tanto di Ricardo Silva nel suo ultimo incontro ufficiale: la tempra di un gladiatore, la capacità di gestione dei match e quella di adattamento alle difficoltà che sorgono quando la preparazione è un po’ sommaria. Poi, c’è la voglia di riprovare le sensazioni del ring, le emozioni che il “quadrato” gli regala. Tutto quello che ancora lo tiene legato a una carriera cominciata vent’anni fa e avviata alla conclusione, sempre in attesa di un ultimo incontro, che poi però diventa sempre il prossimo. Stavolta forse ci siamo? Probabilmente la riunione in programma sabato, la “Faido Boxing Night”, offrirà al pugile ticinese l’ultima vetrina lungo un percorso costellato da 23 incontri, 19 dei quali vinti (9 per ko, 2 i pareggi, 2 le sconfitte). Per gli appassionati è un match da non perdere. Vuoi perché potrebbe essere quello del definitivo commiato di un pugile che esordì vent’anni fa e che ancora calca i ring con riscontri niente male. Vuoi anche perché di riunioni in Ticino non ce ne sono tante, ragion per cui ogni uscita ufficiale diventa un’occasione da non perdere, per gli amanti della nobile arte.

Voglia di ring

«La licenza – spiega Ricardo – è ancora valida, ho voglia di salire sul ring e combattere per i sei round previsti con un atteggiamento piuttosto sereno, più consapevole, più maturo. Allo scopo di godermi quello che la sfida mi offre, forse per l’ultima volta. Ringrazio la mia compagna, il cui contributo si è rivelato fondamentale per conciliare lavoro e allenamenti. Gli anni, però, passano per tutti. Ho iniziato nel 2001, sono 20 anni di carriera attiva nella boxe, il mio percorso l’ho fatto. So che già mi sono espresso così, in passato, ma davvero questo potrebbe essere il mio ultimo combattimento. Se guardo avanti, non è che io veda chissà quali possibilità di tornare sul ring. Se non lo facessi sabato, avrei chiuso un anno intero con un solo incontro all’attivo. Avrei finito il 2021 in passivo anche dal punto di vista economico, manco avrei coperto il costo della licenza (ride, ndr)».

La domanda sorge spontanea: ma chi te lo fa fare di rimetterti in gioco una volta di più? «La passione. È una forma di dipendenza da pugilato, faccio fatica a staccarmi dalla boxe, ciclicamente questa voglia di ring torna».

Evento con tutti i crismi

Dal successo di Ascona all’evento di sabato sono trascorsi sei mesi. «Qualche proposta l’ho avuta, ma non erano ben definite ed erano difficilmente conciliabili con la mia professione (caporeparto all’istituto San Carlo di Locarno, ndr), oltre che rischiose, limitatamente al contesto Covid. Mia figlia domani compie due mesi, non è questo il momento più facile per conciliare i vari impegni. Non è un caso che abbia scelto un incontro qui in Ticino. A maggio, nonostante un preavviso piuttosto corto, avevo accettato di combattere soprattutto per Marzio Franscella (professionista del Boxe Club Ascona, ndr). Quella di maggio era la sua serata (in palio vi era il titolo svizzero supermedi, ndr). Stavolta lo faccio perché è un meeting “di casa”, organizzato con la complicità del Boxe Club Riazzino. È un’iniziativa simpatica alla quale sono lieto di contribuire. Carina l’idea di portare la boxe anche a Faido che credo non l’abbia mai ospitata, in passato».

Avversario sconosciuto

La data della “Boxing Night” è in calendario da un po’, ma nonostante l’anticipo la ricerca dell’avversario non è mai semplice. «In contesti “nostrani” come questi il budget è ridotto e diventa complicato organizzare match titolati o di grande spessore. Proprio per l’ingaggio preteso da certi pugili. Inizialmente si erano fatti avanti avversari di una certa caratura. Profili interessanti, di atleti che avevano combattuto a un certo livello, a prescindere dal numero delle sconfitte in carriera. Già mi stavo preoccupando, all’idea di affrontarli (sorride, ndr). A un certo punto credevo che tutto fosse fatto con un francese, ma la trattativa è saltata. Così, anche stavolta il mio avversario è stato definito all’ultimo istante: si tratta del 20enne georgiano Rati Migriauli, all’attivo 21 match (4 vittorie e 14 sconfitte, una sola delle quali per ko, ndr). Non lo conosco, né posso preparare il match sulle sue caratteristiche. Nelle ultime due settimane ormai il più è fatto, a livello di preparazione. Proporrò una boxe… standard (sorride ancora, ndr). L’obiettivo è... non aprirmi la testa. Ad Ascona mi ero esposto troppo al rischio di contatto con la testa. Un errore che a volte ho riscontrato anche durante gli “sparring”, non va bene. Devo cambiare un po’ la posizione e l’atteggiamento tattico per evitare il rischio di ferita. Con avversari di qualità, il rischio che accada è minore. Per contro, con pugili di non altissimo livello più portati allo scontro, le possibilità di contatto aumentano».

Con Beresini, Laus e Canneto

Contrariamente all’incontro del Forum di Friborgo (14 dicembre 2019) e al citato match di Ascona dello scorso maggio, segnati da una certa improvvisazione, per la Notte di Faido “Richi” si è preparato in maniera adeguata. Anche se non mirata a un avversario specifico, il cui nome – come detto – ha saputo solo nelle ore precedenti il match. Nulla di nuovo, per un atleta dalla spiccata capacità di adattamento che negli anni ha maturato un’esperienza tale da non fargli perdere il sonno alla vigilia dell’ennesimo duello. «È una sorta di rientro – precisa “Richi” – poiché da quel match disputato anche un po’ “alla cieca” per il taglio sopra l’occhio e la copiosa perdita di sangue che mi avevano letteralmente impedito di vedere cosa stessi facendo, non ho più combattuto. Avevo anche staccato un po’, per il lavoro e per dedicarmi alla famiglia. La mia è stata una preparazione “artigianale” e indigena. Per la parte dedicata alla preparazione atletica mi sono affidato a Federico Beresini, l’allenatore con il quale avevo iniziato la carriera di dilettante, il tecnico dei miei esordi. Sono molto contento di averlo fatto e che lui abbia trovato il tempo, tra le varie attività della Nazionale (Beresini è tecnico federale in seno a Swiss Boxing), di affiancarmi. Al Centro sportivo di Tenero ho svolto un lavoro specifico per togliere un po’ di ruggine e affinare le condizione atletica. È stato molto bello e utile, godere del suo appoggio. Mi ha fatto “ringiovanire”. Federico e Giovanni Laus erano al mio angolo, nella serata di Ascona. A Faido ci saranno Laus (con il quale ho iniziato e proseguito l’iter da professionista) e Giuseppe Canneto, ex pugile del Boxe Club Ascona. Era forte, partecipò a un Mondiale a Cuba, proprio con Beresini. Vent’anni fa, io ragazzino undicenne entravo per le prime volte nella palestra in cui lavorava Canneto, pugile di alto livello emergente, punta di diamante del Bc Ascona. Rimasi affascinato nel vedere come “faceva sacco”. Mi diede enormi motivazioni, la sua presenza. Oggi Giuseppe dà una mano a Laus a Riazzino. È con loro che ho poi svolto il resto della preparazione, quella più specifica relativa alla boxe, al ring, al match che sosterrò a Faido. Gli “sparring” li ho fatti con i ragazzi del locale Boxe Club».

La riunione

Maliqaj sfida Alfieri

L’organizzazione e la promozione della “Faido Boxing Night” sono merito di Antonio Liucci, il quale ha trovato il sostegno di Toni Barbera, noto manager, tra gli altri di Davide Faraci e Egzon Maliqaj, che avrebbero dovuto completare, con Silva, il terzetto di pugili professionisti impegnati domani. Purtroppo però Faraci (30enne mediomassimo italo-svizzero, 42esimo nella classifica mondiale, 15 vittorie e una sconfitta per ko contro Arthur Lyndon, lo scorso luglio a Kensington) si è infortunato in allenamento martedì e ha dovuto rinunciare al match.

«Conosco molto bene Egzon Maliqaj – spiega Silva –. Da dilettante abbiamo combattuto assieme. È un attaccante, un combattente. Darà spettacolo, va avanti, non molla mai. Conosco anche il suo avversario, Luigi Alfieri, 21enne abruzzese (6 vittorie, 1 sconfitta), buon pugile. Rispetto a Maliqaj è meno da “corpo a corpo”, da pressing. Sono molto curioso, è un incontro che seguirò molto volentieri». «Sarà un incontro molto interessante – conferma Liucci – tra due atleti che hanno più o meno il medesimo ranking. Spiace per Davide, ha fatto di tutto per esserci, ma la salute viene prima di tutto, è giusto che non combatta. Parteciperà comunque alla serata».

Una serata-evento, è così che Liucci l’ha concepita. «Sono nato a Faido, ho ottenuto il sostegno del Comune, dotato di strutture di primo livello, e di Toni Barbera che molto bene conosce la realtà del pugilato. Abbiamo fatto le cose per bene, con l’obiettivo di allestire un evento che potesse piacere alla gente, a prescindere dalla passione o meno per la boxe. Ci sarà un bell’ambiente, con musica, una regia luci, una pedana che sale verso il ring, il fumo. Una serata – si parte alle 15.30 con i nove match di pugili dilettanti in cartellone, i “pro” combattono dalle 19 – che possa essere ricordata come bella e riuscita, da riproporre ogni anno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved