Grasshopper
1
Basilea
0
fine
(0-0)
S.Gallo
Servette
20:30
 
Roma
2
Empoli
0
fine
(2-0)
Sassuolo
Atalanta
20:45
 
ALTMAIER D. (GER)
1
Wawrinka S. (SUI)
1
3 set
(3-6 : 7-5 : 0-0)
Berna
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
3
Langnau
2
1. tempo
(3-2)
Lakers
2
Zugo
0
1. tempo
(2-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
6 ore

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
20 ore

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
20 ore

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
21 ore

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
21 ore

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
22 ore

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
1 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
1 gior

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
1 gior

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
1 gior

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
1 gior

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
1 gior

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
1 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
1 gior

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
Basket
08.10.2021 - 10:22

Olympic lo squadrone, Lions l’incognita, Monthey l’outsider

L’analisi delle avversarie di Massagno e Lugano nel campionato di serie A maschile, al via questo weekend con le solite attese protagoniste

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
olympic-lo-squadrone-lions-l-incognita-monthey-l-outsider

Sabato riparte sul serio la stagione del basket svizzero, dopo l’antipasto un po’ farsesco di una Supercoppa senza sugo, viste le abissali differenze fra le due squadre di Friborgo al cospetto delle due ginevrine, letteralmente asfaltate. Un campionato di Lna maschile che si ripresenta al via con le solite protagoniste o meglio, con Olympic e Spinelli Massagno in prima fila, seguite dai Lions di Ginevra, sempre che tornino sul mercato in maniera adeguata. Poi, visto e considerati i movimenti delle varie squadre, a naso ci mettiamo il Monthey, seguito in ordine un po’ sparso dalle altre. D’altronde se ricordiamo che lo scorso anno gli Starwings sono arrivati in finale, è meglio un po’ di prudenza, anche perché non sono certamente le amichevoli estive a definire le forze reali.

E, forse, nemmeno i primi mesi, visti i molti movimenti che hanno accompagnato tutte le compagini, di cui i nuovi stranieri rappresentano la stragrande maggioranza e i cui nomi non sono certamente reduci dall’Nba o dall’Eurolega. Siamo la Svizzera, terra nella quale, se tutto va bene, si trova un trampolino di lancio ideale per andare a giocare in campionati più competitivi, sempre che si abbiano qualità superiori alla media. Non vogliamo essere disfattisti, ma nemmeno ottimisti come lo sono altri e crediamo che il livello del nostro basket stia calando. Si ha la possibilità di avere fino a sette stranieri in rosa, mettendone quattro a referto in ogni partita (al massimo tre in campo contemporaneamente), ma solo Olympic e Spinelli sfruttano al massimo tale possibilità, le altre squadre sono ferme a tre, mentre Nyon e Neuchâtel solo due. Non bastassero questi numeri, se consideriamo i giocatori che sono in nazionale, vediamo che il Friborgo ne ha ben sei (Natan Jurkovitz, Zinn, Cotture, Gravet, Mbala e Solcà), la Spinelli ha i due fratelli Mladjan, Kovac e un “papabile” come Martino, Ginevra ne conta tre con Thomas Jurkovitz, Portannese e Kuba, ma sono mediamente di un livello inferiore. Alle altre formazioni restano solo alcune briciole qua e là.

Insomma, pensare che possa essere una stagione esaltante è veramente difficile perché, piaccia o meno, avere due stranieri o quattro, al netto di possibili “bufale”, fa una differenza sostanziale. Un discorso che è strettamente legato alle disponibilità finanziarie dei club, con cifre che spaziano da oltre 1’300’000 franchi giù fino a 300’000. Risulta quindi difficile fare dei paragoni fra chi spende 6-7’000 franchi per uno straniero e chi, con le stesse cifre, ne prende due o tre. Il rapporto qualità prezzo non è sempre una regola, ma indicativo lo è certamente.

Friborgo costruito per l’Europa (che non farà), Ginevra ancora sul mercato

L’Olympic, costruito per un’Europa alla quale non parteciperà essendo stato eliminato nelle qualificazioni, sotto la guida del sempiterno Aleksic ha preso N. Jurkovitz da Ginevra e ingaggiato i serbi Jankovic (dal Boncourt) e Petar Tomic, il play statunitense Mitchell (pescato in Serbia) e l’altro americano Quincy Diggs (guardia-ala proveniente dall’Austria), che assieme al montenegrino Slobodan Miljanic formano il pokerissimo straniero dei burgundi.

Ginevra ha perso Kovac e N. Jurkovitz e ha lo statunitense Adams fuori per infortunio; per contro ha preso l’ex Lugano Portannese, il portoghese (ma formato in svizzera) Monteiro dal Morges, Solioz dal Boncourt e Milenkovic dagli Starwings, unitamente agli stranieri Scott Suggs (guardia Usa proveniente dalla Grecia) e Dragan Zekovic (serbo, dalla Romania). Si vedrà che mercato farà nelle prossime settimane per capire se tornerà ai primi piani o se si manterrà in seconda linea.

Dicevamo del Monthey: la squadra vallesana ha tre americani, l’ala Jalen Hayes (che ha giocato in Inghilterra), Aminenye Lakoju (pivot proveniente dall’Austria) e Jacori Payne, post-pivot dall’Olanda. Poi ha preso due svizzeri, Denzel Tchougang (208 cm, in Ncaa 1 la scorsa stagione) e Clayton Le Sann (play, dalla Eba spagnola). In Vallese si dice un gran bene di questo gruppo e noi saremo felici di verificarne l’efficienza.

Uno dei colpi più eclatanti è stato il passaggio di Jérémy Jaunin a Nyon: un nazionale, un play di valore che ha scelto una squadra di terza fascia per giocare con maggior regolarità e divertirsi magari un po’ di più. Ginevra gli stava oramai stretta, vista la concorrenza ma anche una certa filosofia che, dicono o dice, non si sposava più con la sua passione.

Delle ticinesi abbiamo già ampiamente parlato nelle scorse settimane in sede di presentazione delle singole compagini, ed è inutile stare qui a elencare altri nomi, anche perché magari fra due settimane non ci saranno già più considerando che quando cominciano i “saldi” nei paesi vicini con i primi tagli, le offerte interessanti non mancano e i movimenti sono parecchi. Spazio quindi al campo, con il primo appuntamento delle ticinesi che vedrà impegnati i Lugano Tigers, sabato alle 17.30 a Boncourt, mentre la Sam debutterà in casa (palestra Nosedo) domenica alle 16 contro gli Starwings.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved