acqua-e-fango-sara-davvero-l-inferno-del-nord
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
7 ore

Niente Mondiali per la stella dell’asta Sam Kendricks

Il californiano, che era già stato costretto a rinunciare ai Giochi a causa del Covid, sempre alle prese con problemi al ginocchio a una settimana dal via
Calcio
7 ore

S’alza il sipario sull’Euro con un successo inglese

Un gol di Mead decide la sfida inaugurale contro l’Austria. Le ragazze rossocrociate debutteranno sabato pomeriggio sfidando la selezione portoghese
Tennis
10 ore

Una folle maratona di oltre quattr’ore: Nadal in semifinale

Encomiabile lo spagnolo in campo nonostante dolori agli addominali, ma Taylor Fritz spreca la chance. Ora il maiorchino se la vedrà con il focoso Kyrgios
Tennis
12 ore

Davis, in Ecuador la Svizzera giocherà sul duro

A metà settembre si giocherà a Salinas, località balneare che abitualmente ospita un torneo Challenger
TOUR DE FRANCE
12 ore

Clarke vince la tappa del pavé, Van Aert sempre in giallo

In classifica sorride soprattutto Pogacar, che guadagna oltre due minuti su Roglic
BOCCE
14 ore

Il campionato ticinese sorride ancora a Laura Riso

Quarto oro cantonale per l’esponente della Gerla, che in finale al bocciodromo di Lugano ha prevalso sulla locarnese Rosaria Cadei
AUTOMOBILISMO
14 ore

Dopo Misano Alex e Ivan restano in lotta per il titolo

I due piloti ticinesi in lizza nelle Gt4 European series sono al giro di boa della loro stagione, sempre con in linea di mira il successo in classe Pro-Am
Calcio
16 ore

Liga, il quarantenne Joaquin prolunga fino al 2023

Ennesima stagione da professionista per il capitano del Betis
Calcio
16 ore

Calcio femminile: si riparte dalla Lnb

Giocatrici della regione e controllo da parte dell’Fc Lugano
Hockey
18 ore

Draft Nhl, Lian Bichsel sarà chiamato al primo turno?

Da qualche anno nessuno svizzero viene più scelto fra i migliori
Calcio
18 ore

Beloko dallo Xamax al Lucerna

Per il centrocampista contratto fino al 2025
salary cap
1 gior

Fiala e Jokic: stessa nazione, due mondi diversi

Sull’esempio dell’hockeista svizzero e del cestista serbo, ecco una piccola panoramica delle differenze salariali negli sport a stelle e strisce
HOCKEY
1 gior

Mike Grier nuovo general manager di Timo Meier a San José

Il 47.enne ex attaccante diventa il primo Gm di colore nella storia della Nhl. Suo fratello Chris ricopre lo stesso ruolo nei Miami Dolphins della Nfl
CALCIO
1 gior

Boris Babic, un’arma in più per l’attacco del Lugano

Il 25enne proveniente dal San Gallo ha firmato con i bianconeri un contratto triennale. In Super League vanta 68 presenze e 9 reti
CICLISMO
01.10.2021 - 17:55

Acqua e fango, sarà davvero l’Inferno del Nord

Domenica è in programma un’inedita Parigi-Roubaix, spostata in autunno a causa della pandemia. Per la prima volta dal 2002 si prevede meteo inclemente

Prima che la pandemia arrivasse a sconvolgere l’ordine delle cose, la passerella dei neocampioni del mondo era rappresentata dal Giro di Lombardia, posizionato proprio a ridosso della corsa iridata. Quest’anno, invece, dopo i Mondiali nelle Fiandre, il plotone si è spostato di poco, rimanendo nel Nord del continente ciclistico. Domenica, infatti, andrà in scena un’inedita Parigi-Roubaix, giunta alla 118ª edizione. Inedita non tanto nel percorso di 259 km, quanto nella sua collocazione temporale. Dopo che nel 2020 il ciclismo mondiale aveva rinunciato all’Inferno del Nord, costretto ad alzare bandiera bianca come solo in occasione delle due guerre mondiali era successo, lo scorso aprile gli organizzatori dell’Aso si erano visti obbligati a posticipare l’evento, sempre a causa del Covid-19, spostandolo, appunto, in autunno. E così, si tornerà in sella sui ciottoli tra Compiègne e Roubaix dopo oltre 900 giorni dall’ultima volta. E sarà, appunto, un’edizione inedita. Perché inedito sarà il paesaggio, con i campi di pannocchie di mais a fare da cornice al plotone e inedito sarà il pavé, con l’erba verde cresciuta in mezzo alle pietre. Il temuto passaggio nella Foresta dell’Arenberg, il 19º dei 30 settori in programma (per un totale di oltre 50 km), nelle settimane scorse assomigliava a un tappeto verde. È stata necessaria una complicata operazione di pulizia per liberare il percorso dall’erba.

Un’altra differenza rispetto alle edizioni disputate in aprile (ma non legata alla collocazione temporale della prova) è che per la prima volta negli ultimi 20 anni, domenica ad accompagnare i corridori non dovrebbero esserci nuvoloni di polvere, bensì nuvoloni d’acqua. La pioggia, a quanto affermano le previsioni meteo, non dovrebbe cadere nelle ore di gara, ma inzupperà il percorso in modo importante durante i giorni precedenti fino alla notte su domenica. Ciò significa che le strade saranno ancora bagnate e, soprattutto, i tratti in pavé estremamente scivolosi. Sembrano inevitabili, dunque, parecchie cadute, soprattutto in un finale di stagione che vede i corridori esausti dal profilo fisico e mentale. A rendere ancor più insidiosa l’edizione 2021, il fatto che nessuno dei 180 partenti può vantare la benché minima esperienza di una Parigi-Roubaix fangosa. L’ultima volta con tempo inclemente risale al 2002, nell’edizione del centenario, quando sotto la pioggia battente si era imposto il belga Johan Museeuw (come Cancellara tre volte primo nel velodromo di Roubaix). In quell’occasione, solo 41 dei 190 corridori partiti avevano raggiunto il traguardo, con i cuori sollevati e i volti incrostati dal fango.

Chi non teme freddo e umidità è Stefan Küng... «Mi piace quando fanno 10 gradi e piove», afferma il turgoviese, il quale è reduce dall’11º posto colto nel 2019, in un’edizione vinta dal belga Philippe Gilbert. Un ottimo risultato per un atleta che afferma di amare l’Inferno del Nord, ma con il quale, nelle sue quattro precedenti partecipazioni, le strade in pavé non erano state particolarmente clementi, con cadute e sfortune varie. Rimane da capire quanta benzina resta nel serbatoio dell’elvetico, impegnato nelle ultime settimane prima agli Europei, poi ai Mondiali. Comunque sia, al termine della prova in linea di domenica scorsa a Lovanio, il turgoviese non aveva nascosto le sue ambizioni... «Attaccherò con tutte le mie forze».

Da Compiègne partiranno cinque dei sei rossocrociati presenti ai Mondiali. L’unico assente sarà Marc Hirschi, il quale si sta preparando per il Giro di Lombardia in programma domenica 9 ottobre. Le condizioni atmosferiche, potenzialmente terribili, non faranno che ridurre il numero dei papabili alla vittoria. Tra di loro, spiccano i nomi dei soliti noti, l’olandese Mathieu van der Poel e il belga Wout van Aert, grandi specialisti del ciclocross, ma anche quelli del ceco Zdenek Stybar, dello slovacco Peter Sagan e dell’olandese Mike Teunissen, con un passato da biker tra i boschi e, di conseguenza, molto abili nella conduzione del mezzo tecnico. Ma in condizioni meteo molto difficili, tutto diventa possibile, per cui non è da escludere una possibile clamorosa sorpresa. Non ci sarà, ovviamente, il neocampione del mondo Julian Alaphilippe, il cui fisico non è tagliato per la Roubaix. La maglia iridata la presenterà domenica prossima al Lombardia.

Una prima a livello femminile

Centoventicinque anni dopo la prima edizione, anche il ciclismo femminile si misurerà sul pavé dell’Inferno. La prima edizione della Roubaix femminile si disputerà infatti domani, da Denian al Velodromo, per una distanza complessiva di 116,4 km e 17 settori di pavé. Gli ultimi 85 km saranno in tutto e per tutto identici a quelli della corsa maschile. Al via tre svizzere: Marlen Reusser, argento nella crono ai Giochi e ai Mondiali, Elise Chabbey e Noemi Rüegg. Il plotone sarà composto da 132 ragazze. La Roubaix è il terzo dei cinque monumenti del ciclismo a creare una corsa femminile, dopo il Fiandre (2004) e la Liegi (2017).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
ciclismo parigi-roubaix pavé
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved