quei-non-vaccinati-che-provocano-mal-di-testa-alla-nba
Andrew Wiggins non potrà disputare le partite casalinghe dei Warriors
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
7 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
7 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
9 ore

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
10 ore

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
10 ore

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
18 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
1 gior

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
1 gior

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
1 gior

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
1 gior

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
1 gior

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 gior

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
BASKET
28.09.2021 - 15:30
Aggiornamento: 17:47

Quei non vaccinati che provocano mal di testa alla Nba

Motivi personali, religiosi e teorie del complotto: c’è di tutto tra quel 10% di giocatori ‘no vax’. Tra 21 giorni la stagione potrebbe iniziare senza alcune star

Scelte personali, argomentazioni religiose, teorie del complotto... Se il 90% dei giocatori Nba sono vaccinati, il restante 10%, tra cui Kyrie Irving e Bradley Beal, rifiuta il vaccino e questo potrebbe influenzare la loro stagione. Con grande dispiacere dell’Nba, che sente la tensione salire.

Lunedì per diversi club è stato il giorno del “media day”, tre settimane prima dell’inizio del campionato. E il tema della non vaccinazione era sulla bocca di tutti. A Brooklyn, Irving non era presente per rispondere ai giornalisti, a differenza delle altre stelle dei Nets, Kevin Durant e James Harden. E per una buona ragione: non gli era stato permesso. Il mese scorso, il sindaco di New York, Bill de Blasio, ha emesso un ordine esecutivo che richiede agli atleti professionisti di dimostrare di aver ricevuto almeno una dose di vaccino per poter scendere sui parquet.

Questione privata

Irving, che ha comunque risposto alle domande in videoconferenza, ha rifiutato di dire se fosse stato vaccinato o meno. Ma non c’erano dubbi sul motivo della sua assenza. «Vorrei mantenere queste cose private – ha detto –. Sono prima di tutto un essere umano. Non sono qui oggi, ma questo non significa che in futuro non potrei unirmi alla squadra», ha detto, rifiutando però di precisare se avrebbe giocato nella prima partita in casa prevista per il 24 ottobre contro Charlotte.

‘Il piano di Satana’

Lo scorso fine settimana, un articolo di Rolling Stone sui giocatori “no vax” nella Nba ha ricordato che Irving ha recentemente condiviso sui social media i post di un teorico della cospirazione, sostenendo che “le società segrete stanno inoculando il vaccino per collegare i neri a un grande computer come parte di un piano di Satana”.

Una campagna di disinformazione che ha trovato un’eco in certi spogliatoi e gruppi di discussione, continua il mensile, citando fonti anonime all’interno della Lega. Ma a pochi giorni dai campi di allenamento pre-stagione, la tensione sembra aumentare tra coloro che sono stati vaccinati, compresi lo staff e il personale, e il 10% dei giocatori che non lo sono stati, cioè una cinquantina di giocatori.

«Tutti quelli che sono vaccinati dovrebbero essere arrabbiati con quelli che non lo sono. Non esigere la vaccinazione da parte dei giocatori Nba è assurdo», ha affermato un assistente allenatore alla Espn, sotto garanzia di anonimato. La Lega ha cercato di rendere obbligatoria la vaccinazione, ma ha rinunciato quando il sindacato dei giocatori (Nbpa) in agosto ha rifiutato in una riunione.

Motivazioni religiose

Bradley Beal, al quale è stato impedito di giocare nel Team Usa ai Giochi di Tokyo dopo aver contratto il coronavirus, ha espresso apertamente il suo rifiuto di essere vaccinato per “motivi personali”. Lui e gli altri giocatori non vaccinati dovranno rispettare misure restrittive.

I protocolli della Lega richiedono che siano testati quotidianamente nei giorni di allenamento, viaggio e partita, a differenza dei vaccinati. «È un modo per costringerci ad accettare il vaccino. Ma perché le persone vaccinate continuano a prendere il Covid? Si può ancora essere infettati e trasmettere il virus pur essendo vaccinati, quindi...» ha affermato Beal.

Alcuni fanno affidamento sulle loro credenze religiose, come l’ala Orlando Jonathan Isaac. «Dio ci chiama a essere saggi e a fidarci delle nostre convinzioni su ciò che vogliamo fare, ed è così che mi sento riguardo al vaccino. Ognuno dovrebbe essere libero di fare la propria scelta», ha sostenuto lunedì.

Il motivo religioso è stato usato anche la settimana scorsa dall’ala dei Golden State Warriors Andrew Wiggins, che ha chiesto di essere esentato dal divieto di disputare le partite casalinghe, per le quali la Città di San Francisco richiede la prova della vaccinazione. Una richiesta negata dalla Lega.

‘Vaccinato o fuori squadra’

Per Kareem Abdul-Jabbar, una delle leggende del basket e sostenitore della vaccinazione, «l’NBA dovrebbe insistere che tutti i giocatori e lo staff siano vaccinati, pena l’esclusione dalla squadra».

Mentre la stragrande maggioranza dei vaccinati rimane in silenzio, alcune star hanno parlato delle loro ragioni. «Ho molte persone nella mia famiglia con cui passo il tempo. Non ho intenzione di mettere a rischio le loro vite», ha detto la guardia di Portland Damian Lillard. «Sì, sono vaccinato e penso che sia la decisione migliore. Ho dei figli. Quello che so è che la vaccinazione mi permetterà di tenere al sicuro la mia famiglia», ha affermato Giannis Antetokounmpo, che si appresta a rimettere in palio il titolo con la maglia di Milwaukee.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
andrew wiggins kyrie irving nba no vax vaccinazione
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved