Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
Genoa
0
Udinese
0
1. tempo
(0-0)
andre-de-grasse-dall-oro-olimpico-al-gelato-di-bellinzona
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
16 min

Slalom maschile a Kitzbühel: successo storico per Ryding

Per il 35enne britannico è il primo successo in Coppa del Mondo. Fra i rossocrociati il migliore è stato Loic Meillard, che si aggiudica il settimo posto
Sci
2 ore

Discesa femminile a Cortina, la vincitrice è Sofia Goggia

La sciatrice italiana si aggiudica la sesta vittoria di stagione. Al quarto, sesto e nono posto le rossocrociate Suter, Gisin e Gut-Behrami
Gallery
Hockey
17 ore

L’Ambrì Piotta vince in scioltezza a Langnau 

Contro un avversario decimano, i leventinesi s’impongono 4-0. Decima sconfitta consecutiva per i bernesi. Moses di nuovo a segno
Calcio
20 ore

Valon Behrami rescinde con il Genoa

Il 36enne centrocampista ticinese in questa Serie A è sceso in campo con il club ligure solo in dieci occasioni, per un totale di 305 minuti
Calcio
21 ore

Oltre un milione di richieste in 24 ore di prevendita

A ruba la domanda per un biglietto per la fase clou del Mondiale in Qatar. Ben 140mila per la sola finale
CALCIO
21 ore

Irruzione in casa Lindelöf, moglie e figli si nascondono

L’episodio è avvenuto mercoledì, quando il difensore del Manchester United era impegnato in trasferta a Brentford. Domani non giocherà contro il West Ham
CALCIO
22 ore

Il Grasshopper deve fare a meno di Pusic

Il 23enne centrocampista è alle prese con i postumi dell’infezione da Covid
BIATHLON
22 ore

Svizzere nelle retrovie nella 15 km di Anterselva

Il forte vento ha condizionato la gara e nessuna atleta è stata capace di uscire indenne dallo stand di tiro. Amy Baserga ha chiuso al 28esimo posto
BASKET
23 ore

Il Lugano cerca il miracolo contro il Friborgo

Quella che non molto tempo fa era una sfida per il titolo, è diventata una contesa impari. Sam Massagno a Boncourt pensando alla Coppa di Lega
CALCIO
1 gior

Adrian Durrer, obiettivo esordio in Super League

Il ventenne del Lugano, giunto quest’inverno dal Basilea, vuole approfittare dell’occasione per compiere il salto di qualità
Sci
1 gior

Dietro alla solita Goggia Gisin e Hälen, Gut-Behrami non forza

Nel secondo allenamento in vista della discesa di sabato a Cortina vinto ancora dall’italiana, l’obvaldese ha chiuso terza, la bernese quarta
TENNIS
1 gior

Gli Australian Open perdono la detentrice del titolo

La giapponese Naomi Osaka è stata battuta in tre set dalla statunitense Anisimova. In campo maschile, Berrettini resiste al talento di Alcaraz
Sci
1 gior

Marco Odermatt sfiora il podio a Kitzbühel

Sulla Streif vince il norvegese Aleksander Kilde davanti al 41enne francese Johan Clarey, terzo l’austriaco Mayer. Settimo Beat Feuz
Sci freestyle
1 gior

Forse non c’è più, il sogno a testa in giù di Nicole Gasparini

La mancata qualifica per i Giochi di Pechino è un brutto colpo per la 24enne di Cadro, troppo spesso colpita da infortuni nella sua carriera sulle gobbe
SCI ALPINO
1 gior

Per Kryenbühl il cerchio si è finalmente chiuso

A un anno esatto dalla terribile caduta sul salto finale, lo svittese è tornato sulla Streif di Kitzbühel. Non senza una buona dose di ansia
Hockey
1 gior

È la fine del Sonderfall Ticino. ‘Siamo stati ascoltati’

Lugano e Ambrì non sono più un’eccezione nel panorama nazionale. Marco Werder: ‘C’è felicità per una decisione che ricrea equilibrio con gli altri club’
Hockey
1 gior

Ad Ambrì senza limitazioni per l’anniversario di Coppa

In una pista di nuovo piena e gli spalti aperti, sabato contro il Davos i biancoblù celebreranno lo storico successo ottenuto nel gennaio 1962 sul Villars
Hockey
1 gior

‘Niente è scontato finché non hai la conferma in tasca’

Dodici anni dopo Sannitz, con Fora (e Simion) il Ticino torna a calcare la ribalta del torneo olimpico maschile di hockey
CALCIO
1 gior

Campana fa le valigie e torna al Wolverhampton

Il giovane ecuadoriano lascia il Grasshopper deluso dal poco tempo di gioco trovato in maglia biancoblù. Per lui, 15 presenze e tre reti
Atletica
 
15.09.2021 - 18:090
Aggiornamento : 18:58

Andre De Grasse, dall’oro olimpico al gelato di Bellinzona

Abbiamo incontrato a margine del Galà dei Castelli (dove ha vinto i 100 m) il 26enne canadese campione sui 200 m a Tokyo (dove ha vinto altre 2 medaglie)

Imponendosi nei 100 m del Galà dei Castelli, il canadese Andre De Grasse si è preso una piccola rivincita sullo statunitense Fred Kerley, che nella gara regina dei Giochi di Tokyo vinta dall’italiano Jacobs lo aveva relegato per cinque centesimi al terzo posto. La “delusione” per l’ennesima medaglia di un colore diverso dall’oro (in bacheca aveva già quattro allori mondiali e tre olimpici, ora diventati sei) era però stata spazzata via appena tre giorni dopo, quando lo sprinter dell’Ontario nato nel 1994 da mamma di Trinidad e Tobago e papà delle Barbados si era preso un titolo olimpico dei 200 m che, a soli 26 anni, lo ha proiettato nella storia dello sport canadese e mondiale. Lo abbiamo incontrato a margine del meeting bellinzonese.

Signor De Grasse, è passato un mese e mezzo dalle Olimpiadi in cui oltre all’oro nei 200 e al bronzo nei 100 m, ha chiuso anche al terzo posto la 4x100. Ha realizzato quello che ha compiuto in Giappone?

Effettivamente anche a distanza di oltre un mese, non credo di averlo ancora compreso appieno, ma ora che la stagione volge al termine avrò il tempo per rifletterci e capirne la portata. So di aver compiuto qualcosa di importante, anche dalla reazione della gente, di chi mi sta vicino e delle persone per strada, che già mi riconoscevano prima, ma ora ancora di più e con grandissimo entusiasmo, non smettono di celebrarmi. E devo dire che questo mi fa sentire bene, è una bella sensazione e mi rende orgoglioso non solo a livello personale, ma anche per il mio Paese e la nostra gente. E mi sprona a migliorare ancora.

Dopo tanti bronzi e argenti, possiamo dire che è stata una liberazione vincere l’oro?

Direi proprio di sì, è stata una gioia grandissima e per certi versi anche un sollievo. Nel corso degli anni avevo già conquistato diverse medaglie, ma non l’oro e questo nonostante non avessi mai smesso di allenarmi al massimo, anche dopo le delusioni. Mi era sempre mancato quel qualcosa per compiere l’ultimo passo, ma fortunatamente la mia famiglia mi ha trasmesso valori quali la pazienza, la perseveranza e la cultura del lavoro, che mi hanno aiutato a non mollare. E alla fine tutto questo ha pagato.

Pensa che ora la sua vita cambierà?

Certo, indubbiamente sì. Mi porterà più fama e più soldi, che dovrò essere bravo a gestire e magari a sfruttare per dare l’esempio. Mi piacerebbe essere un modello che possa ispirare le nuove generazioni e motivarle, in particolare i bambini e le bambine canadesi, voglio far capire loro che se io ho vinto una medaglia d’oro, possono farlo anche loro. Quindi sì, questo titolo per me rappresenta uno di quei momenti che ti cambiano la vita, ma ciò non significa che cambierò anche io, anzi cercherò di rimanere sempre lo stesso e di continuare a lavorare come ho fatto negli ultimi anni. E vincere altre medaglie.

In particolare una immaginiamo…

Sì, quella dei cento metri. È uno dei miei grandi obiettivi a livello sportivo. Chiaramente continuerò a correre anche i duecento, di cui detengo già il record nazionale (il 19”62 registrato proprio in finale a Tokyo, ndr), ma i cento sono una sfida personale, anche perché appunto a differenza dei duecento il record canadese (9”84) è ancora nelle mani di due elementi che mi hanno ispirato e riuscire a raggiungerli per me vorrebbe dire moltissimo. Mi riferisco a Donovan Bailey e Bruny Surin, due tra i più grandi dell’atletica canadese. Donovan ha vinto l’oro olimpico nei 100 m ad Atlanta 1996 (quando io avevo appena 4 anni) e parlo spesso con lui, abbiamo una bella relazione e mi dà sempre ottimi consigli, è un mentore per me. Anche Bruny (oro proprio assieme a Bailey nella 4x100 m ad Atlanta, ndr) è molto disponibile e mi motiva continuamente dicendomi che posso battere il record, per cui è un obiettivo al quale tengo molto. Per raggiungerlo devo abbassare il mio personale (9”89) di cinque centesimi, che possono sembrare pochi ma a questi livelli non lo sono, di conseguenza ho ancora tanto lavoro davanti, ma so che ce la posso fare.

Pensando allo sport in Canada, in primis ci vengono in mente hockey e basket, cosa l’ha spinta verso l’atletica?

Sono cresciuto giocando a hockey e a basket come la maggior parte dei bambini canadesi, poi un giorno il mio futuro allenatore Tony Sharpe (ex sprinter, ndr) mi disse che avevo un grande potenziale e che avrei dovuto lasciar perdere gli altri sport e dedicarmi alla velocità. Inizialmente non volevo, preferivo continuare a giocare a pallacanestro e persino a calcio, poi mi convinsi di provare a praticare l’atletica perlomeno in estate e visto che ogni estate miglioravo tantissimo, dal college in poi (grazie anche a una borsa di studio per gli Stati Uniti) decisi di focalizzarmi unicamente sull’atletica, con Sharpe che mi diceva che sarei potuto diventare uno degli uomini più veloci al mondo e un campione olimpico. Direi che ho fatto bene ad ascoltarlo. E devo anche dire che l’atletica in Canada negli ultimi anni ha guadagnato rispetto e credibilità, chiudendo almeno in parte il divario con gli sport citati e più praticati nel nostro Paese. Oggi ci sono più competizioni e anche gli sponsor sono più propensi a sostenere i nostri atleti e questo è un bene. Un contesto che logicamente favorisce una progressione anche nelle prestazioni e non è un caso che a Tokyo con sei medaglie (di cui 2 d’oro, ndr) sia stata una delle migliori Olimpiadi per la nostra atletica. E le prospettive per il futuro sono buone.

Ci dica qualcosa in più su di lei fuori dalla pista, sappiamo che la sua compagna è la campionessa del mondo 2019 dei 100 m ostacoli, la statunitense Nia Ali, e avete due figlie (più una dal matrimonio precedente della statunitense)…

Esatto, di tre anni e di tre mesi circa. Non è sempre facile riuscire a equilibrare il ruolo di padre e gli impegni e i sacrifici che l’atletica ad alti livelli richiede, ma tutto sommato credo di riuscirci piuttosto bene. Il fatto che anche mia moglie pratichi atletica, da una parte rende ancora più difficile combinare il tutto, dall’altra però fa sì che ci capiamo ancora meglio, sappiamo cosa vuol dire praticare uno sport ad alto livello. Per il resto sono una persona piuttosto normale, mi piace andare in spiaggia, al cinema, fare festa e visitare posti facendo il turista. Godermi la vita, insomma.

A proposito di turista, era la sua prima volta a Bellinzona, le è piaciuto il Ticino?

Assolutamente sì, è un posto magnifico, ci sono le montagne, i fiumi e i laghi, ho anche visitato i Castelli. Ma devo confessare che la cosa che mi ha colpito di più, è il gelato, in Canada non abbiamo gelato così buono, per cui tornerò sicuramente e mi piacerebbe portare la mia famiglia.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved