justin-l-uomo-gatlin-il-campione-e-quell-ultimo-gala
+4
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tiri liberi
1 ora

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
7 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
18 ore

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
21 ore

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
22 ore

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
22 ore

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
22 ore

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
Atletica
23 ore

Al cross capriaschese doppietta per Roberto Delorenzi

Alla terza tappa della Coppa Ticino Ftal fanno festa gli atleti di casa, con sette vittorie e undici podi
Tennis
1 gior

Susan Bandecchi vince il torneo Itf 25’000 di Ortisei

Per la ticinese è il quarto successo in carriera, il primo nel 2021. In doppio sconfitta solo in finale, in coppia con la svizzera Ylena In-Albon
Calcio
1 gior

Dal 2022 più squadre in Promotion League e Prima Lega

L’Asf riforma le strutture delle categorie ed elimina il limite di Under 21 in Promotion League per promuovere i giovani talenti
Pugilato
1 gior

Andrija Petric vince per ko a Como

Il pugile di Minusio ha mandato al tappeto alla seconda ripresa Bojan Cestic. Previsti due incontri anche in dicembre
Roller hockey
1 gior

Biasca rimontato dall’Uttigen e playoff più lontani

Nel campionato di Lna Camillo Boll e compagni partono alla grande (2-0) ma poi subiscono la rimonta e perdono 5-2. Il quarto posto ora è a sette punti
Gallery
Unihockey
1 gior

Un successo e una sconfitta per Ticino e Verbano

Il Tiuh sbanca Altendorf ma subisce la legge dell’Eggiwil, il Vuh doma il Davos ma cede al Langenthal/Aarwangen
Sci
1 gior

Cancellate le Universiadi invernali di Lucerna

La decisione del comitato organizzatore in seguito alle restrizioni all’entrata da diversi Paesi decise dalla Confederazione
BASKET
1 gior

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
1 gior

Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin

Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
1 gior

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
1 gior

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Tennis
2 gior

Australian Open, in dubbio la presenza di Nole

Novak Djokovic non vuole piegarsi al ‘ricatto’ dell’obbligo vaccinale imposto dagli organizzatori del primo Slam stagionale
Calcio
2 gior

Derby, un punto a testa per Bellinzona e Chiasso

La rete di Cortelezzi nel finale consente ai granata di rimediare al gol trovato da Maurin nel primo tempo
Calcio
2 gior

Martin Blaser (Fc Lugano): ‘Bene, avanti con questo entusiasmo’

Il Ceo della società bianconera, il cui futuro è garantito grazie al nuovo stadio del Pse, si dice soddisfatto e assicura: ‘Se potremo ci rinforzeremo’
Formula 1
2 gior

Il mondo dei motori piange la scomparsa di Frank Williams

L’inglese, ex pilota e patron dell’omonima scuderia dagli anni Settanta, è deceduto oggi all’età di 79 anni. Domenicali: ‘Se ne è andato un gigante’
gallery
Hockey
2 gior

Prima il Natale, poi... l’Epifania per l’Ambrì Piotta

Non basta un vantaggio di quattro reti (dopo soli 8 minuti): i biancoblù subiscono prima la rimonta e poi il sorpasso dello Zugo
Gallery
Calcio
2 gior

Lugano corsaro al ‘Letzi’, decide Custodio di testa

Quarta vittoria consecutiva dei bianconeri che in classifica salgono a quota 26, come il Basilea
Calcio
3 gior

Prisma, pm: plusvalenze per mascherare perdite d’esercizio

Questa in sintesi è l’ipotesi su cui stanno lavorando la procura di Torino e la Guardia di Finanza
Atletica
 
11.09.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:23

Justin l'uomo, Gatlin il campione e quell'ultimo Galà

I 100 m del meeting di Bellinzona potrebbero essere l'ultima gara in carriera per il 39enne sprinter statunitense, che ha deciso di raccontarsi a laRegione

Uno, due, tre, quattro. E basta. È il numero di uomini che nella storia dell’atletica sono riusciti a correre i 100 metri più veloce di Justin Gatlin e del suo 9”74 centrato il 15 maggio 2015 a Doha. Cinque medaglie olimpiche (di cui l’oro nella disciplina regina ad Atene 2004) e dieci mondiali (quattro titoli, due nei 100 m, uno nei 200 e uno con la staffetta 4x100 m) sono invece la parte più luccicante di una carriera nella quale non sono mancate anche le ombre, con due squalifiche per doping che lo hanno in particolare fermato per quattro anni tra il 2006 e il 2010. Una dicotomia tra luce e oscurità che ritroviamo anche nei suoi occhi, quando ce lo troviamo davanti. Occhi lucidi e arrossati, che sommati ai lineamenti gentili del volto esprimono una fragilità per certi versi inattesa e in contrapposizione con l’esplosività e la fermezza che esprime in pista, ma che in seguito ritroviamo anche nelle risposte alle nostre domande.

Piaccia o no, il 39enne americano che molto probabilmente chiuderà la sua attività agonistica martedì con il Galà dei Castelli è stato uno dei personaggi che hanno segnato gli ultimi 18 anni della velocità mondiale. Già, un personaggio, perché come spesso capita in questi casi la figura del campione prevale, nel bene e nel male, sulla persona che ci sta dietro. Ed è proprio quella persona che abbiamo inizialmente cercato di conoscere un po’ meglio.

«In effetti sono due cose ben diverse – ci conferma il velocista a stelle e strisce, che incontriamo al termine di una sessione di allenamento allo stadio Comunale –. Gatlin è un campione, è feroce, un combattente tosto che ama la competizione, uno a cui piace mettere in piedi un bello spettacolo e affrontare sfide impegnative. Justin invece è molto più tranquillo e disteso, calmo, anche più riflessivo e decisamente meno impulsivo. È appassionato di cinema, gli piacciono attori come Leonardo di Caprio e Danzel Washington, così come adora la musica. In particolare quando si tratta di rilassarsi al di fuori delle competizioni (ma la usa anche tra una gara e l’altra, nel riscaldamento e in allenamento) ascolta dall’R&B all’hip hop fino al rock’n’roll, ha tutto sui Black Sabbath, Guns n’Roses, Drake e Cypress Hill. Ama poi viaggiare ed esplorare e conoscere posti nuovi. È vero, in questi anni di carriera spesso Justin è rimasto nascosto, per certi versi si è quasi sottomesso a Gatlin, ma dentro di me è sempre stato presente ed stato importante anche lui, perché non sarebbe potuto esistere uno senza l’altro».

Lei è anche papà giusto?

Esatto, mio figlio Jace ha ormai undici anni mentre otto mesi mia moglie Daynise ha dato alla luce Jacks. Cerco di essere un papà divertente e serio al punto giusto, quello che mi preme di più è poter insegnare ai miei figli come stare al mondo, parlando loro sia delle cose belle sia di quelle meno belle. Non è sempre facile, in particolare ora che il primo sta diventando grande e comincia a vedere e affrontare i veri problemi. Oltretutto spesso devo farlo a distanza, perché non mi possono certo seguire in giro per il mondo, però devo anche dire che essendo costretti a stare spesso lontani, poi apprezziamo ancora di più il tempo che possiamo condividere. È anche grazie a loro se sono riuscito ad arrivare fino a 39 anni a questi livelli, sono stati una grande fonte di motivazione.

E seguiranno le orme di papà nell’atletica?

Mi piacerebbe, ma non li forzerò. A dire il vero, Jace è piuttosto robusto, è un “big boy”, tanto che ha undici anni ma ne dimostra almeno 13. E non a caso attualmente pratica football americano. Jacks invece è ancora molto piccolo, ma posso dire che gattona già molto veloce e questo potrebbe essere un buon segno (ride, ndr).

E la sua infanzia, com’è stata?

È stata felice, ho vissuto a Brooklyn fino a circa sei anni e poi la mia famiglia si è trasferita in Florida. Ho avuto la fortuna di poter fare molte esperienze, ho suonato la tromba, il sassofono e il piano, così come ho potuto praticare più sport, dal football al baseball, pure il nuoto, ma alla fine ho scelto l’atletica. Ho sempre saputo di essere molto veloce, ma non sapevo che l’atletica fosse un vero sport, organizzato con dei campionati e tutto il resto. Quando me ne sono reso conto, non ho avuto dubbi, mi sono detto “ecco quello che fa per me”.

Ci permetta di aprire una parentesi visto oltre a essere americano, è nato e ha vissuto i primi anni della sua vita a New York. Domani (oggi, ndr) ricorre il 20esimo anniversario degli attacchi alle Torri Gemelle, che ricordi ha e che sensazioni le suscita?

Mi vengono ancora i brividi. Ricordo benissimo quel giorno, avevo 19 anni, ero al College e terminata la prima ora di lezione sono tornato al dormitorio, dove la tv era accesa e stava riportando quanto successo, con la prima torre che era già stata colpita e il secondo aereo dirottato. Sono rimasto lì a guardare con i miei compagni, eravamo tutti scioccati e non potevamo credere a quello che stava succedendo. Ed è stato devastante rendersi poi conto di quante persone avevano perso la vita. Da quel giorno, l’undici settembre per noi americani è una giornata molto triste, ma è giusto ricordarla, per rispetto di chi non c’è più ma soprattutto perché cose simili non devono più accadere.

Tornando all’atletica, le chiedo in maniera molto diretta: il Galà dei Castelli di martedì sarà l’ultima gara della sua carriera?

Non ne sono ancora sicuro, ma è molto probabile. Finita la stagione, mi prenderò del tempo per valutare se avrò ancora la volontà e i mezzi per andare avanti un altro anno e per partecipare ai Mondiali che si svolgeranno proprio negli Stati Uniti, a Eugene. In ogni caso, se dovesse essere la mia ultima gara, sarò contento che sia proprio a Bellinzona, un posto e un meeting di cui mi sono innamorato. Sin dalla mia prima partecipazione nel 2018, sono rimasto colpito dallo scenario in cui si inserisce il meeting, con le montagne e la natura che mi hanno fatto sentire anche più vicino a Dio. Inoltre, il Galà è una piccola (ma dalla qualità altissima) manifestazione che sprigiona un’energia incredibile, a cominciare dalla vicinanza con gli spettatori e con la gente del posto, tanto che uno dei miei momenti preferiti è la visita al mercato cittadino (oggi dalle 11, ndr). Sì, chiudere qui non sarebbe affatto male.

L’idea di chiudere un capitolo che ha riempito la maggior parte dei 39 anni della sua vita, che sensazioni le provoca?

Strane, una sorta di mix. Da una parte sono contento di quanto ho ottenuto in tutti questi anni e sono pronto a dire basta, dall’altra ammetto che sono anche un po’ nervoso e spaventato, perché la corsa è stata il centro della mia vita finora. Inizialmente era solo un sogno, speravo di diventare un professionista e di poter competere ai maggiori livelli, ma poi una volta raggiunto questo obiettivo, correre è diventato tutto, l’unica cosa che contava. E so già che mi mancherà, ma sono anche consapevole che nella vita ho ancora molto da dare all’infuori dell’atletica. E per quanto come detto un po’ intimorito, sono pronto a compiere questo passo, a lasciare un mondo al quale rimarrò comunque vicino come tifoso e magari perché no come consulente (per allenare mi ci vorrà più tempo credo) e a esplorarne uno nuovo, che finora era abituato a osservarmi e a criticarmi come Gatlin, ma al quale voglio far conoscere anche Justin.

A proposito di mondi, quello dell’atletica com’è?

Per nulla facile. In particolare negli Stati Uniti, è uno sport magari meno considerato di altri ma sul quale c’è molta pressione. Un giorno vinci e tutti ti applaudono, il giorno dopo perdi e vieni fischiato. Devi continuamente dimostrare di essere all’altezza e oltretutto sei praticamente da solo. Nelle discipline di squadra se non sei al cento per cento, magari lo compensano i compagni, ma nell’atletica non è così, devi sempre essere al massimo perché se sei al 95 per cento, non basta.

E in questo mondo che sta per lasciare e che tanto le ha dato, lascia anche dei rimpianti? Magari per degli errori che ha commesso?

So che si aspetta che dica di sì… E forse un rimpianto effettivamente ce l’ho ed è quello di essere stato troppo ingenuo. Onestamente, tutto ciò che è successo nella mia carriera, è ciò che sono. Se non fossi stato costretto a rimanere lontano dallo sport per quattro anni, se non avessi vissuto quella che per me è stata una tragedia sportiva, non sarei cresciuto e non sarei diventato l’atleta e soprattutto la persona che sono oggi. Justin Gatlin.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved