MUSETTI L. (ITA)
2
TSITSIPAS S. (GRE)
3
fine
(7-5 : 6-4 : 2-6 : 3-6 : 2-6)
l-umile-vichingo-sbarca-a-losanna-il-record-siamo-seri
Il carisma del fenomeno degli ultimi Giochi. 'Mi sento nervoso, ed è un bene' (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
2 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
3 ore

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
5 ore

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
5 ore

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
6 ore

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
6 ore

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
6 ore

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
6 ore

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
6 ore

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
7 ore

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
8 ore

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
25.08.2021 - 17:52
Aggiornamento : 21:41

L'umile vichingo sbarca a Losanna. 'Il record? Siamo seri!'

Il fulmine di Tokyo Karsten Warholm ad Athletissima avrà tutti gli occhi addosso, e con lui il ticinese Petrucciani. Ma senza le tv: 'Almeno non è mattina'

Karsten Warholm, Jakob Ingebrigtsen oppure ancora Armand Duplantis. Quella Scandinavia un tempo famosa soprattutto per l'hockey oggi si riscopre superpotenza dell'atletica, e domani alla Pontaise di Losanna sfiderà il resto del mondo. Sono finiti i tempi in cui erano i nordamericani i motori dei meeting: dopo l'ondata caraibica, o sarebbe meglio dire giamaicana, ora i campioni più attesi sono gli eredi dei vichinghi, e il loro condottiero è quel Karsten Warholm autore di quello stratosferico 45''94 sui 400 ostacolo ai Giochi pandemici di Tokyo, ma che ad Athletissima sarà ai blocchi di partenza dei 400 piani, a fianco di un onsernonese Ricky Petrucciani che, probabilmente, tratterrà a stento l'emozione.

Warholm, venticinquenne longilineo ostacolista nato a Ulsteinvik, nella Norvegia meridionale (si fa per dire), possiede tutto il carisma necessario per diventare uno dei trascinatori di questo sport a livello planetario. Pur se, intelligentemente, del resto, lo scandinavo dà prova di grande saggezza prima di provare a destreggiarsi in una disciplina che, mancando gli ostacoli, non è la sua. «Il record del mondo? Siamo seri...» risponde Warholm, a chi gli chiede se per domani sera sulla pista vodese da lui bisognerà attendersi fuoco e fiamme. «Devo essere umile, perché ho molto rispetto: anzi, direi che sono nervoso, e mi piace questa cosa. Il fatto di non essere sugli ostacoli mi motiva, per me si tratta di una sfida diversa, per capire dove posso arrivare, a fianco di atleti che non conosco, o che conosco meno».

Tuttavia, non si tratta certo della prima volta che il norvegese si cimenta su questa distanza. «Nel 2018, a Berlino (agli Europei, ndr), ho provato a unire le due discipline, ma alla fine ho fatto incredibilmente fatica a finire i 400 piani, a causa della ripetizione dello sforzo. Stavolta vedremo come andrà. Magari, se fossi in una buona giornata, e tutto andasse nel migliore dei modi, potrei anche puntare al primato europeo...».

Curiosamente, però, lontano dai riflettori dell'Eurovisione. Infatti i 400 piani non fanno parte del programma ufficiale della Diamond League, così Warholm (e Petrucciani) inizieranno prima della diretta televisiva internazionale, prevista alle 20 in punto, mentre Warholm scatterà dalla corsia numero sette alle 19.54 precise. «A differenza di Tokyo, almeno non correremo al mattino – conclude –. Francamente ai Giochi è stato un qualcosa di miracoloso riuscire a fare una corsa del genere in mattinata...».

Ricky riprende la caccia a Rusterholz

Il meeting di Losanna, tuttavia, non vivrà soltanto delle imprese dei campioni venuti da fuori. Anzi. Mai come quest'anno la presenza svizzera è qualificata. Qualitativamente e quantitativamente. A partire proprio dal già citato Petrucciani il quale, a maggior ragione dopo aver brillato nei 100 sabato a Berna, soprattutto pensando al fatto che ha soli 21 anni, sembra avere tutte le carte in regola per abbattere il record dei 400 m, stabilito proprio a Losanna nel 1996 da Matthias Rusterholz. L'attenzione degli appassionati sarà però anche focalizzata sul basilese Jason Joseph, con il suo record nazionale di 13''12 sui 110 ostacoli, in una stagione in cui nessuno al mondo è sceso sotto i 13 secondi, oppure ancora sul grigionese William Reais, astro nascente dei 200 m in salsa rossocrociata, che con il suo personale di 20''24 sarà in grado di dare fastidio agli sprinter americani.

Soprattutto, però, ci si attende un finale pirotecnico con la staffetta 4 x 100, dove il quartetto da sogno composto dalla nostra Ajla Del Ponte e da Riccarda Dietsche, Mujinga Kambundji e Salomé Kora punterà a ripetere il 42''04 che aveva portato le quattroo velociste a mancare di un niente il podio alle Olimpiadi nipponiche. Senza dimenticare la lacrimuccia che lo stadio vodese riserverà a Lea Sprunger, alla sua ultimissima apparizione nei 400 ostacoli sulla fascinosa pista della Pontaise.

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved