SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Rockets di nuovo battuti

Il Basilea a Biasca si impone 7-2
Hockey
3 ore

Champions, 4 svizzere agli ottavi di finale

Il Davos vincitore contro l’Ocelari e lo Zurigo - pur sconfitto in Svezia- raggiungono agli ottavi di finale Zugo e Friborgo
Calcio
3 ore

Champions, vincono Napoli e Inter

Ad Amsterdam dilagano i partenopei, l’Inter soffrendo batte il Barça
Calcio
7 ore

Insulti razzisti, Atalanta multata

12mila euro di ammenda per le ingiurie contro il presidente della Fiorentina
Calcio
9 ore

Possibile ritorno di Messi al Barça

Il fuoriclasse argentino potrebbe riabbracciare la Catalogna la prossima estate
CICLISMO
10 ore

Tre Valli varesine, vince Pogacar

Successo allo sprint per lo sloveno, che sabato nel Lombardia difenderà lo scettro vinto lo scorso anno
VOLLEY
11 ore

Weekend da cinque punti per il Bellinzona

Le ticinesi hanno sconfitto nettamente Val-de-Travers e soltanto al tie-break l’Aadorf
COSE DELL’ALTRO MONDO
11 ore

Aaron Rodgers si accomoda nell’elitario club dei 500

Il quarterback di Green Bay ha infranto il muro del mezzo migliaio di touchdown lanciati. Meglio di lui solo Brady, Brees, Manning e Favre
FORMULA E
12 ore

Contratto pluriennale per Buemi

Il pilota elvetico ha firmato per il team inglese Envision Racing
Calcio
15 ore

L’Italia chiede al Brasile l’estradizione di Robinho

L’ex attaccante del Milan violentò una 23enne a Milano nel 2013. È condannato a nove anni di reclusione per violenza sessuale di gruppo
ATLETICA LEGGERA
15 ore

Ai ‘ticinesi’ doppietta di Sepulveda, Borin, Küng e Cerutti

Oltre 150 atleti si sono dati appuntamento al Comunale di Bellinzona per giocarsi i 31 titoli in palio
CORSA D’ORIENTAMENTO
16 ore

La finale di Coppa del mondo sorride agli svizzeri

A Davos e Klosters, ottime prove degli elvetici che hanno tenuto testa a svedesi e norvegesi. Elena Roos terza nella prova long
SCI ALPINO
17 ore

Ernia del disco per Justin Murisier

Il 30enne vallesano è stato sottoposto a intervento chirurgico. Swiss Ski non precisa la durata della sua assenza
TIRI LIBERI
17 ore

Lugano in costruzione, Sam già rodata

Cosa ha lasciato il primo turno di campionato al di là della sconfitta del favorito Friborgo. Tigers al lavoro, la Spinelli attende esami più tosti
Swimrun
31.07.2021 - 18:31

Sabina Rapelli, tra terra e acqua mirando a una medaglia

La ticinese, in coppia con Alexis Charrier, il 6 settembre parteciperà al suo terzo World Championship Ötillö in Svezia. Obiettivo: il podio.

sabina-rapelli-tra-terra-e-acqua-mirando-a-una-medaglia
Sabina Rapelli e Alexis Charrier

Lo sguardo è già rivolto al 6 settembre, quando nell’arcipelago di Stoccolma si disputerà quello che è considerato il campionato mondiale di swimrun: 65 chilometri a corsa e dieci a nuoto da isola a isola, “ö till ö” in svedese (da qui il nome della competizione che, disputata per la prima volta nel 2006, aveva di fatto dato il via a questa disciplina). «L’obiettivo è una medaglia, ma il livello è altissimo e in una gara così lunga può succedere di tutto». Sabina Rapelli sa di cosa parla, perché quella sfida l’ha già affrontata due volte. La seconda, nel 2019, con Alexis Charrier con il quale gareggerà anche quest’anno. Arrivarono quarti nella categoria mista, «ma rispetto ad allora, quando andammo ‘solo’ per accumulare esperienza, abbiamo compiuto un grande salto». Oggi, afferma la 27enne di Stabio, «siamo sicuri dei mezzi che abbiamo e del livello raggiunto. Poi, se non riusciremo a centrare il podio, farà nulla: sapremo di avercela messa tutta».

I risultati colti dopo il World Championship Ötillö 2019, motivano le ambizioni di fare bene all’appuntamento più prestigioso in calendario, annullato nel 2020 a causa della pandemia. «Un terzo posto in Francia, nell’ottobre 2019, ci aveva fatto capire di avere le possibilità di arrivare più in alto». Era seguita la vittoria di categoria a Catalina Island, nella prima gara del circuito Ötillö organizzata negli Usa; alla quale Sabina e Alexis avevano partecipato aggiudicandosi una competizione in Inghilterra l’estate precedente, il cui premio era il volo.

Il lockdown ha complicato un po’ la preparazione «e, come per tutti gli sportivi, la difficoltà era dovuta anche all’incertezza di quando avrebbero ripreso le gare e quindi all’assenza di obiettivi precisi. Siamo comunque riusciti ad allenarci, non in gruppo ma per conto nostro, con il lago a prendere il posto della piscina per il nuoto, rispettando le limitazioni legate alla diffusione del coronavirus».

Alla ripresa delle gare, nell’estate 2020, Sabina e Alex hanno collezionato un primo e un secondo posto di categoria; entrambi ottenuti in Francia. «Ci siamo poi concessi una pausa per ricaricare le batterie: siamo partiti in vacanza e abbiamo praticato altre attività, come lo sci o le escursioni salendo in ciaspole e scendendo in snowboard; così da staccare dalla routine». La seconda ondata della pandemia ha di nuovo messo in stand-by le competizioni. «Il circuito Ötillö ha ripreso a giugno e abbiamo scelto di partecipare alla tappa in Svezia, poiché ha un tratto di gara che corrisponde a un pezzo del Mondiale». Chiudono terzi di categoria e «molto contenti, perché le squadre più forti al mondo sono quelle svedesi. Ottenere quel risultato pur commettendo errori (ci siamo anche persi su un’isola), ci ha soddisfatti, anche perché nel 2019 non riuscivamo a tenere il passo dei team più forti».

Il salto di qualità è arrivato grazie ai miglioramenti ottenuti in entrambi gli sport. Sabina «cercando di correggere le mie debolezze nel nuoto, lavorando parecchio sulla tecnica per riuscire ad avvicinarmi al livello»; e Alexis alzando ulteriormente un livello comunque già buono. «Nella corsa ci siamo concentrati sull’aspetto aerobico; abbiamo abbassato i nostri tempi sulle distanze corte, cinque e dieci chilometri; ma abbiamo fatto progressi pure a livello tecnico. I trail in Svezia sono parecchio tecnici e dopo due anni e diverse gare là, siamo progrediti tanto in quel senso e ciò ci permette di essere più veloci su quei percorsi difficili».

‘Ci motiviamo a vicenda’

Coppia nello sport e coppia anche nella vita, Sabina e Alexis in questo senso nello swimrun non sono la regola. «Non tutti i team sono composti da partner». Un doppio rapporto che può avere il vantaggio di «saperci motivare a vicenda. E questo, quando la motivazione di uno dei due non è al massimo, è un elemento importante e ci consente di riuscire ad allenarci sempre; perché se uno di noi fatica un po’, sente che l’altro c’è. Inoltre siamo in grado di organizzarci bene anche nella quotidianità e nella pianificazione delle gare».

Per contro – spiega Sabina Rapelli – a volte si creano situazioni non semplici. «Ad esempio quando uno è in difficoltà o un po’ scarico, l’altro investe parecchie energie per riuscire a motivarlo. Perciò il modo in cui uno di noi si sente, influisce sull’altro anche nella preparazione. È vero che non ci alleniamo sempre insieme, però lo facciamo la maggior parte delle volte». L’inevitabile maggiore confidenza reciproca, «ci porta a discutere senza filtri e anche quando le cose non vanno bene, ci diciamo tutto ciò che pensiamo. Però questo è un contro che al contempo può essere un pro, perché ci consente di conoscere i nostri limiti reciproci».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved