tadej-pogacar-il-re-mida-su-due-ruote
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
ATLETICA
10 ore

Mujinga supersonica: titolo europeo in 22’’32

La bernese si mette al collo la medaglia d’oro nei 200 agli Europei di Monaco di Baviera. È il terzo podio stagionale per la trentenne dell’St Berna
BEACH VOLLEY
11 ore

Nina e Tanja torneranno in campo per giocarsi l’oro

La svittese e la zugana sono in finale nel torneo fermminile, dove affronteranno le lettoni Kravcenoka e Graudina che non hanno ancora perso un set
gallery
calcio
12 ore

Il Gambarogno ‘è abbastanza maturo per tentare il colpaccio’

Il Mister Gabriele Censi è convinto della possibilità della sua squadra di eliminare il Kriens dalla Coppa: ‘per loro non sarà una passeggiata’
TUFFI
13 ore

Roma, dai tre metri Michelle Heimberg si colora d’argento

Altra medaglia dagli Europei al Foro Italico, dove la ventiduenne argoviese è stata battuta soltanto dall’italiana Chiara Pellacani
mountain bike
13 ore

Vince Pidcock, Colombo è di nuovo terzo

Il britannico precede il danese Fini Carstensen e il ticinese, sul podio come l’anno scorso a Novi Sad, autore di una gara sempre nelle prime posizioni
CICLISMO
14 ore

Grenchen incorona Bigham nuovo re dell’ora: 55,548 km

Il britannico della Ineos, team per il quale lavora anche come ingegnere, sul velodromo solettese supera nettamente il primato del belga Campenaerts
hockey
17 ore

Il Lugano è a Straubing, ‘un viaggio per conoscerci meglio’

I bianconeri affrontano i Tigers, mentre Oliwer Kaski vuole continuare a migliorarsi: ‘Devo riuscire a centrare gli angolini’
atletica
20 ore

Petrucciani, Spitz, Joseph e Gaio al Galà dei Castelli

Con loro molte star internazionali come Van Niekerk, James, Martinot-Lagarde, Czykier e Vallortigara
atletica
21 ore

Débâcle staffetta: nono tempo e finale mancata

Svizzera eliminata nella 4 x 100 degli Europei a causa del cambio mancato tra Salomé Kora e Melissa Gutschmidt
Hockey
21 ore

L’esempio di Dominik Kubalik. ‘Chissà cosa potrà capitare’

La stella di Filip Chlapik brilla sul ghiaccio della Gottardo Arena. Paolo Duca: ’Se riuscirà a sfondare anche da noi? Di sicuro ci vorrà del tempo’
la storia
23 ore

La campionessa di nuoto senza piscina

Lana Pudar, 16 anni, prima bosniaca oro agli Europei. È nata e cresciuta a Mostar, città divisa tra croati e musulmani, che non si accordano sui lavori
NUOTO
1 gior

L’entusiasmo di Noè. ‘E Parigi è sempre più vicina’

Quello romano è un bilancio straordinario per una Svizzera entrata nella top ten europea. ‘Prima di partire nessuno se lo sarebbe immaginato’
ATLETICA
1 gior

Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei

La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
1 gior

Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger

Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
CICLISMO
18.07.2021 - 20:25

Tadej Pogacar, il re Mida su due ruote

Il 22.enne sloveno ha vinto per la seconda volta il Tour de France e sembra trasformare in oro tutto ciò che tocca. Sui Campi Elisi volata trionfale di Van Aert

Ad appena 22 anni, Tadej Pogacar ha conquistato per la seconda volta il Tour de France. L'ultima frazione, quella che si è conclusa sui Campi Elisi di Parigi, è andata al campione belga Wout van Aert, già vincitore sabato in una cronometro nella quale Stefan Küng ha chiuso al quarto posto e Stefan Bissegger al quinto.

Se Van Aert ha compiuto un'impresa (ha vinto in montagna la tappa del doppio Ventoux, a cronometro e in volata; l'ultimo capace di tanto era stato Bernard Hinault), impedendo di fatto a Mark Cavendish di superare il record di vittorie di tappa detenuto in coabitazione con Eddy Merckx, l'uomo del giorno è ovviamente il giovane sloveno che si sta sempre più rivelando come il grande dominatore del ciclismo moderno. In Francia è stato praticamente perfetto: a cronometro ha subito messo le cose in chiaro già al quinto giorno, togliendo alla Svizzera la possibilità di staccare un successo parziale (secondo posto per Küng), sulle Alpi ha messo tutti quanti in riga, scavando un distacco poi rivelatosi determinante, mentre sui Pirenei è andato a conquistare due vittorie consecutive negli ultimi due arrivi in salita (Col du Portet e Luz-Ardiden).

Sul podio finale di Parigi, Pogacar è stato accompagnato dal danese Jonas Vingegaard, grande rivelazione della prova e l'unico ad averlo messo in difficoltà in salita (nella tappa del Ventoux) e dall'ecuadoriano Richard Carapaz, capitano di una Ineos che ha fallito per il secondo anno consecutivo l'assalto alla maglia gialla e che, per altro, non ha vinto nemmeno una delle 21 tappa in programma. Il vantaggio con il quale Pogacar ha chiuso la Grande Boucle si è fissato in 5’20” ed è il margine più ampio dal 2014 e dalla vittoria di Vincenzo Nibali. Proprio come lo scorso anno, il capitano della Uae Emirates ha portato a casa, oltre alla maglia gialla, anche quella a pois della montagna e quella bianca di miglior giovane.

È vero, quelli che potevano essere considerati come i principali avversari del vincitore uscente – l'altro sloveno Primoz Roglic e il gallese Geraint Thomas – sono caduti nella terza tappa e sono stati costretti ad alzare bandiera bianca (Roglic, addirittura, ha lasciato anzitempo la corsa). Ma comunque, ben difficilmente avrebbero potuto mettere i bastoni tra le ruote di Pogacar... «Quest'anno avevo molta più pressione, Quando non mi trovavo in sella le sollecitazioni erano maggiori. Ma, francamente, una volta in bicicletta non ho trovato grandi differenze», ha commentato la maglia gialla. 

Tadej Pogacar sembra re Mida: tutto ciò che tocca si trasforma in oro. Nel 2021 non ha corso molto, incentrando la stagione proprio sulla Grande Boucle, ma in primavera era comunque riuscito ad aggiudicarsi l'Uae Tour, la Tirreno - Adriatico e la Liegi - Bastogne - Liegi. E scusate se è poco. A soli 22 anni, la sua carriera da professionista conta già 28 successi.

L'estrema facilità con la quale ha imposto la sua legge, ha naturalmente scatenato una ridda di supposizioni sulla regolarità delle sue prestazioni. Nel ciclismo, a mettere troppo spesso la mano sul fuoco si rischiano brutte ustioni, ma è altresì vero che Pogacar possiede tutti i requisiti fisici e mentali per essere considerato un fenomeno. Probabilmente di quelli che nascono una volta a generazione, ma che comunque nascono e che sono quindi in grado di compiere imprese impossibili per tutti gli avversari. Sospetti di doping che si sono poi rivolti verso la squadra della Bahrain, la quale a Pau ha dovuto subire una pesante perquisizione, molto criticata dai corridori.

Nel complesso, si è trattato di un Tour de France folle, corso a velocità elevatissima, con alcune cadute davvero spaventose e che ha condotto a Parigi 141 superstiti (43 ritiri) stremati. Una Grande Boucle che per la terza volta consecutiva ha premiato le nuove generazioni: dopo il successo di Egan Bernal (22 anni) nel 2019, quelli di Pogacar nel 2020 e nel 2021 (e Vingegaard, secondo, ha appena 24 anni, Van Aert e Van der Poel 26). Una Next Gen che sta sempre più assumendo il comando del plotone (non dimentichiamo la vittoria di Bernal al Giro).

Bilancio elvetico

Dei sei corridori rossocrociati partiti tre settimane fa da Brest, nessuno si è ritirato prima di Parigi, il che rappresenta un successo non scontato. È però mancato l'acuto, quella vittoria che nel 2020 aveva festeggiato Marc Hirschi, quest'anno handicappato da due brutte cadute proprio nel primo giorno di gara. Alla fine, comunque, dopo aver stretto i denti per diversi giorni il 22.enne bernese è stato tra i preziosi gregari di Pogacar sulla via del trionfo. Per lui, adesso, l'orizzonte si chiama Giappone.

E ai Giochi prenderà parte anche Stefan Küng, rimasto a secco di vittorie, nonostante due buone prestazioni a cronometro (in particolare la prima, battuto soltanto da Pogacar). Da segnalare pure Stefan Bisegger, l'altro cronoman elvetico. Al suo esordio al Tour de France, ha portato a termine la prova con un buon quinto posto nella cronometro di sabato. Il campione svizzero Silvan Dillier si è invece messo al servizio di Mathieu van der Poel, il quale rimarrà uno dei grandi protagonisti della Grande Boucle, con la vittoria nella seconda tappa e la conquista di quella maglia gialla sempre sfuggita al nonno Raymond Poulidor.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
carapaz tadej pogacar tour de france vingegaard
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved