Ciclismo
25.06.2021 - 13:59
Aggiornamento: 17:09

Anche Thomas Pidcock al via del 74esimo Gp Lugano

Il 21enne britannico sarà uno da tenere d'occhio nella gara di domenica: tra gli attesi protagonisti c'è pure lui

anche-thomas-pidcock-al-via-del-74esimo-gp-lugano
Un palmarès che parla da sé (Keystone)

Il Gran Premio di Lugano, che si disputerà domenica, si impreziosisce della presenza di Thomas Pidcock. Il 21enne britannico della Ineos Grenadiers Thomas Pidcock sarà un cliente scomodo per tutti. È un piccolo grande leone abituato a vincere, e sulle strade di Lugano non verrà certo in gita scolastica. Da juniores e da Under 23 ha vinto tutto quanto c’era da vincere. Strada, ciclocross, mtb, pista, non c’è disciplina nella quale non riesca a eccellere.

Col passaggio alla categoria elite ha subito mostrato di che pasta è fatto, proponendosi da subito come uno dei grandi rivali del fortissimo Mathieu Van der Poel. Domenica dovrà badare anche alla concorrenza interna. Con la sua stessa maglia correrà anche Gianni Moscon, che vorrà convincere il Ct azzurro Davide Cassani del suo eccellente stato di forma in vista dei Giochi olimpici. Come gregario di lusso disporranno entrambi di Filippo Ganna, iridato a cronometro e nell'inseguimento. Probabilmente il Varesino non metterà in gioco le sue ambizioni personali e correrà per loro. A Tokio punterà a crono e pista.

I colossi dello squadrone britannico dovranno tuttavia guardarsi dai rivali dell’altro mega team in corsa. La Uae risponderà con i dominatori dell’ultima edizione del Gp di Lugano, Diego Ulissi e Alexandr Riabushenko, con il 3 volte vincitore del Tour de Suisse ed ex iridato, Alberto Rui Costa e con il giovanissimo talento spagnolo Juan Ayuso, recente dominatore del Giro d’Italia U23. E per complicare l’opera, data la sua rinuncia al Tour de France che parte oggi da Brest, quale ultimo graditissimo incomodo, il General Manager Mauro Gianetti, porterà a Lugano anche Fabio Aru. Il corridore sardo ha perso il filo del discorso a causa di numerosi guai fisici. Chissà che non lo possa ritrovare sulle sue strade di allenamento. Sarebbe tuttavia un errore pensare che i rivali fungeranno solo da comparse. Israel Start Up Nation, Bike Exchange, Qhubeka Assos , così come le squadre Professional faranno di tutto per porre una loro ruota davanti alle altre.

Insomma, spettacolo garantito. A bordo strada oppure davanti ai teleschermi. Il canale youtube del Gran Premio mostrerà tutta la corsa. Dal canto suo, per un pubblico affezionato ai mezzi tradizionali, Teleticino la diffonderà a partire dalle 13.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved