WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
CAL Flames
01:00
 
TOR Leafs
ANA Ducks
01:00
 
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
WAS Capitals
SJ Sharks
01:00
 
COB Jackets
CAL Flames
01:00
 
TOR Leafs
ANA Ducks
01:00
 
Detroit Red Wings
CHI Blackhawks
01:30
 
gli-europei-di-noe-ponti-risultati-superiori-alle-attese
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
3 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
4 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
5 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
7 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
7 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
7 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
8 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
8 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
8 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
8 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
9 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
10 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
12 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
14 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
19 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Hockey
1 gior

Ambrì sconfitto a Zurigo con onore e ripreso dal Berna

I Lions fanno la differenza nell’ultimo periodo dopo l’1-1 al termine dei primi due tempi. In classifica i leventinesi cedono agli Orsi il decimo posto.
Hockey
1 gior

A Zugo un martedì pazzo, che al Lugano frutta un punto

Serata incredibile alla BossardArena, in cui succede di tutto, decisa da Hansson al supplementare. Con i bianconeri che, però, perdono Schlegel
Sci
1 gior

A Schladming 7 elvetici a punti, ma lontani da Linus Strasser

Il tedesco si impone nello slalom sulla Planai precedendo il norvegese McGrath e l’austriaco Feller. Tanguy Nef (decimo) miglior rossocrociato.
Calcio
1 gior

Roy Hodgson ci ripensa: dovrà salvare il Watford

A 74 anni e 188 giorni l’ex selezionatore della Svizzera prende il posto dell’esonerato Claudio Raineri e diventa il più anziano allenatore della Premier.
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 gior

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Nuoto
 
24.05.2021 - 15:160
Aggiornamento : 16:00

Gli Europei di Noè Ponti: ‘Risultati superiori alle attese’

Impegnato in tantissime gare, il ticinese torna da Budapest con due finali individuali in due gare e una serie di tempi e di prestazioni straordinari

All’attivo, 12 finali, dato molto significativo che rappresenta un record assoluto in una rassegna continentale per il movimento natatorio rossocrociato. Tre, le medaglie conquistate, record della rassegna di Helsinki del 2000 eguagliato (i protagonisti di allora furono la ticinese Flavia Rigamonti, Chantal Strasser e Remo Lütolf). È decisamente positivo il bilancio che Swiss Aquatics può stilare, di ritorno dai Campionati europei di Budapest chiusi, quanto alle medaglie, dal bronzo di Roman Mityukov nel 200 dorso di sabato. Un terzo posto al quale affiancare l’argento di Jérémy Desplanches nei 200 misti e di Lisa Mamié nei 200 rana. Prestazioni di altissimo livello che sono lo specchio dell’eccellente stato di salute del nuoto svizzero a livello agonistico e che hanno partorito non meno di 18 record svizzeri.

A queste enormi soddisfazioni ha contribuito in larga misura anche il ticinese Noè Ponti, finalista - a titolo individuale - nei 100 e 200 delfino, protagonista di una rassegna tanto appagante sul piano dei risultati quanto sfiancante, su quello atletico ed emotivo. Addirittura 14 le gare del 20enne locarnese (ha fatto parte delle staffette 4x100, 4x200, 4x100 mista (poi squalificato) e 4x100 “mista mista” con Lisa Mamié e Maria Ugolkova), un solo giorno di riposo, prima dei 100 delfino del weekend, la gara nella quale, pur nuotando tre volte attorno ai 51’40 - ha pagato lo scotto alla stanchezza, fisica e psicologica, al termine di una settimana logorante.

Campionato di altissimo livello

«Motivi per festeggiare ce n’erano eccome», racconta Noè Ponti, tornato a casa dopo un'ultima notte a Budapest passata, in parte, a scaricare la tensione accumulata, pur restando in albergo, dal quale era autorizzato a uscire solo per andare in piscina. «È stato il secondo Europeo in vasca lunga al quale ho preso parte - analizza -, il primo in cui mi sono presentato a un livello tale da poter competere ai massimi livelli, nel quale ho dimostrato di essere entrato molto bene nel mondo dei “grandi”. Ho preso parte e a due gare individuali, e in entrambe ho raggiunto la finale: due finali su due gare non sono un obiettivo scontato che riesce a tutti. Parliamo pur sempre di un Campionato europeo assoluto, una competizione alla quale tanti colleghi sono arrivati molto preparati. Non tutti i più forti in assoluto, forse, ma si è comunque assistito a un campionato di altissimo livello. I 100 dorso, i 100 stile... pazzeschi, di un livello pari a un campionato del mondo. La 100 delfino è stata superiore a quella dei Mondiali di Quanzhou. Ciò significa che il nuoto sta crescendo, il livello si sta alzando tantissimo. Ho ottenuto risultati superiori alle attese. Non pensavo di riuscire a nuotare i 200 delfino in 1’55’’18, di fare un 48’’50 a stile nella staffetta. Ho nuotato tre volte attorno ai 51’40 nei 100 delfino, conquistando una finale per niente scontata, per mancare la quale sarebbe stato abbastanza sbagliare una virgola. Ribadisco, posso ritenermi molto soddisfatto. Sono arrivato un po’ stanco alla fine, anche perché era il settimo giorno di gara, e non posso certo dire di essere stato risparmiato dai responsabili di Swiss Aquatics. Ho bruciato molte energie fisiche e mentali».

Un sovraccarico di impegni

La federazione svizzera, a questo si riferisce Ponti, lo ha mandato in acqua per tante staffette appesantendo molto il suo programma, a scapito delle prestazioni individuali - comunque eccellenti - e dei 100 delfino, la disciplina preferita da Noè, alla quale è giunto inevitabilmente un po’ scarico, fisicamente e mentalmente, al termine di una settimana nella quale è sceso in acque molte, troppe volte. Non si tratta di montare casi o polemiche, ma la segnalazione ci sta, anche per rispetto dell’atleta stesso e degli enormi sacrifici che fa per arrivare a uno degli appuntamenti stagionali più attesi nelle migliori condizioni possibili. «Ho avuto l’impressione che Swiss Aquatics privilegiasse le staffette a scapito delle gare individuali. Non è stato semplice da digerire. Anche perché al 90 per cento il nuoto è una disciplina individuale, le gare che più contano sono quelle. Non voglio credere che ai responsabili federativi importasse poco delle mie gare, ma l'impressione che ne ho ricavato è stata un po’ questa. Non so cosa sarebbe successo con un carico un po’ inferiore, ma forse nei 100 delfino che sono arrivati alla fine avrei avuto un po’ di energia in più. In finale stavo andando molto bene, stavo pure rientrando sui primi, ma le forze sono venute meno negli ultimi 15 metri, quando mi è “caduto” addosso tutto quanto avevo fatto lungo la settimana. Ho comunque nuotato a tre riprese attorno ai 51”40, un ottimo risultato».

Tuttavia, quella sensazione di “fastidio” un po’ resta… «Ho speso tante energie, discutendo di questa questione. Non ha inciso tanto fisicamente, bensì sul piano mentale. Ho però fatto un’esperienza molto utile per il futuro. D’ora in poi ai grandi eventi programmeremo meglio le gare che intendo fare. Ne parlerò con Massimo Meloni (l’allenatore, ndr) e poi riferiremo ai responsabili i Swiss Aquatics le nostre scelte».

‘Quanto mi mancavano queste gare’

Al di là di risultati straordinari che ne attestano la crescita, Noè Ponti da Budapest torna con il sorriso anche per altri motivi: «Mi sono divertito tantissimo, è bellissimo essere tornato a competere con colleghi di altri paesi, poter parlare con altre persone. Ho fatto nuove conoscenze, tra le quali James Guy (terzo della 100 delfino, ndr), ma anche tanti altri atleti inglesi, molto simpatici, e i francesi, ospiti del nostro stesso albergo. Mi ha fatto molto bene essere tornato a gareggiare all’estero con colleghi di altre nazionalità. È una cosa che mi era mancata molto, in questi ultimi mesi».

Quella di cui Noè fa parte è una Nazionale svizzera di nuoto davvero molto competitiva, con giovani talenti dalle grandi prospettive. «Nel gruppo rossocrociato c’è un bell’ambiente: chi scherza di più, chi meno, ma credo sia così in tutte le nazionali. È a squadra svizzera più forte di sempre, il livello è molto alto. Abbiamo raggiunto dodici finali, ritoccato diciotto record svizzeri , portato a casa tre medaglie. Giovani e meno giovani, stiamo tutti tenendo alti i colori del nuoto nazionale. Questi successi anche di squadra ti stimolano a ottenere ancora di più».

A tal proposito, va registrata la voglia di Noè Ponti di… ricominciare ad allenarsi. Nemmeno il tempo di tornare a casa che già si torna in acqua? «Stacco un paio di giorni, riprendo domani. Ho voglia di tornare ad allenarmi per le Olimpiadi. Una tappa di avvicinamento alla quale tengo in modo particolare è il “Sette Colli” (gara internazionale di Roma dal 25 al 27 giugno, ndr). Mi trovo benissimo con la Nazionale italiana, e a mia volta sono molto ben voluto dai colleghi azzurri».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved