Lugano
4
Ambrì
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
Lugano
4
Ambrì
1
fine
(1-1 : 1-0 : 2-0)
il-miracolo-starwings-specchio-dello-scarso-valore-tecnico-globale
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 min

Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida

Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
18 min

L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’

Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
1 ora

Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby

L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
4 ore

Yann Sommer calciatore dell’anno

Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Calcio
4 ore

Irak battuto 1-0, Iran qualificato al Mondiale

Quella in Qatar sarà la sesta rassegna iridata alla quale gli iraniani parteciperanno, il terzo Campionato del mondo consecutivo
Calcio
7 ore

Basilea, Fabian Frei prolunga fino al 2024

Il 33enne centrocampista anche nel giro della Nazionale sta disputando la decima stagione con i renani
Sci
7 ore

Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch

Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
12 ore

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
BASKET
1 gior

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
TIRI LIBERI
18.05.2021 - 17:170

Il miracolo Starwings specchio dello scarso valore tecnico globale

L'eliminazione dei Ginevra Lions nei quarti di finale mette in luce pecche anche a livello di coaching staff. Ma un grande plauso va alla squadra basilese

a cura de laRegione

77-75 a Basilea, 70-73 a Ginevra: queste le cifre della débâcle dei Lions contro gli Starwings nei quarti di finale dei playoff. Al netto dei meriti di Basilea per come ha saputo mettere in campo grinta e determinazione, stiamo parlando dell’ottava in campionato che estromette la dominatrice della stagione che ha già incamerato due trofei, la Sb Cup e la Coppa Svizzera. Stiamo parlando di una squadra, i Lions, che costa più di un milione e mezzo, al cospetto dei basilesi che hanno un bilancio appena superiore ai 300'000 franchi, più della metà in tasse varie. Infine, stiamo parlando di un complesso che dispone di quattro stranieri e di cinque nazionali, al cospetto di una squadra che gioca praticamente in sei, massimo sette se uno esce per falli. Non è nemmeno Davide contro Golia, piuttosto un panfilo di Abramovich al cospetto di un pedalò domenicale. Non è una rarità che in una partita secca una squadra nettamente più debole possa fare il colpaccio, ma che succeda in due partite consecutive nello spazio di tre giorni è un qualcosa di mai visto. 

Quando in gara 1 gli Starwings furono messi sotto con oltre 20 punti di scarto, nessuno se ne era meravigliato, tutto nella logica delle cose. Quando il gara 2 Basilea aveva vinto allo scadere si era pensato a un vuoto pneumatico nelle teste ginevrine. Ma quando in gara 3 si è visto Millon infilare la tripla vincente a meno di un secondo dalla sirena c’era di che restare secchi. Anche perché avevamo visto gli stessi basilesi soccombere contro un Lugano privo di Nikolic e Steinmann appena dieci giorni prima. 

Quali conclusioni trarre? Semplice, direi, abbiamo una situazione globale di poco valore tecnico e c'è da chiedersi dove andremo a finire, considerate le difficoltà di molti club. L’uscita di Ginevra mette in risalto anche l’incapacità di Stimac e suoi collaboratori di riuscire a cambiare le cose nello spazio di tre giorni, pur disponendo di qualità tecniche invidiabili rispetto alle avversarie. Eppure Ginevra in gara 3 ha presentato gli stessi schemi, ha giocato a ritmi bassi molto graditi dagli Starwings, ha costretto gli avversari a sudarsi poco la ricerca del canestro e ha sbagliato non poco in fase realizzativa: ma, a mio parere, è mancata una condizione psicologica adeguata che doveva essere preparata con grande acume. Andare in campo pensando che “tanto prima o dopo la vinciamo”, è un errore pagato caro. Anche la gestione dei cambi è stata poco efficace, per non parlare dei secondi tiri sprecati a iosa. Il fatto che non ci sia stata una reazione dalla panchina, quando Ginevra nell’ultimo quarto è rimasto fermo a quota 65 per 3’32” ed era sotto di 5 punti, è tutto dire. Significa non aver capito quanto fosse pericoloso aver sprecato sei attacchi di fila e, per fortuna, Basilea aveva fatto altrettanto. Già nell’ultimo quarto della finale di Coppa, Ginevra era stato vicino alla frittata, facendosi rimontare 16 punti di margine dall’Olympic, ma stiamo parlando dei burgundi mica degli Starwings. Un enorme plauso a questa squadra che ha strameritato di arrivare in semifinale e chissà non continui a stupire.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved