Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
VAN Canucks
4
LA Kings
0
fine
(0-0 : 2-0 : 2-0)
kambundji-cambia-la-data-ma-non-il-bello-del-gala
fotoservizio Ti-Press
+3
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
10 ore

‘Occasione ghiotta per tornare a vincere’

Zaccheo Dotti lancia la sfida al Langnau. ‘Le prestazioni ci sono, la differenza la fanno i dettagli’
Hockey
11 ore

Kristian Pospisil al Davos

Il 25enne nazionale slovacco arriva nei Grigioni proveniente dai campioni di Finlandia del Lukko Rauma
Gallery
Nuoto
11 ore

‘Svizzeri’ a squadre, sul podio Lugano e A-Club

Ai Campionati giovanili di Losanna quarto posto per la Turrita. Quinta la Nuoto Sport Locarno, ottavi i ragazzi di A-Club. Al femminile, ottava la Num
Minifootball
13 ore

Due su due per il Trevano e primato in classifica

Battuto anche il Kriens: i luganesi comandano la Prima Lega. Coach Demartini: ‘Ma non rilassiamoci: pensiamo già alla prossima sfida’
Gallery
Taekwondo
13 ore

Campionati svizzeri, bottino pieno per il Summit Lugano

Nel Kiorugi (combattimento olimpico) oro per Luca Tesanovic, campione svizzero juniores -63 kg; bronzo per il fratello Danilo fra gli élite -68 kg
l’angolo delle bocce
13 ore

Battute finali nella Coppa Ticino

Le semifinali vedranno di fronte da un lato Torchio-Agno e Ideal-Sb Lugano, dall’altro Riva San Vitale-San Gottardo e Gerla-Chiodi/Montagna
Gallery
Calcio
13 ore

Young Boys, vincere e sperare. Proprio come il Milan

Per accedere agli ottavi di Champions League i campioni svizzeri devono battere il Manchester United e sperare che il Villarreal superi l’Atalanta
Giornalisti sportivi
14 ore

Dall’Atsg 10’000 franchi a favore di Aiuto Sport Ticino

Premio Giuseppe Albertini a Giotto Morandi del Grasshopper, riconoscimento al Merito sportivo a Enzo Filippini e Boris Angelucci
Tiri liberi
14 ore

La triste coperta corta delle Tigri bianconere

La scialba prova contro il Monthey ha messo una volta di più a nudo i limiti di un Lugano costretto a... fare le nozze coi ‘fichi secchi’
Hockey
15 ore

Per Bullo, Vallario e Raselli Olimpiadi un po’ più vicine

Il selezionatore della Nazionale femminile convoca 23 giocatrici per le ultime amichevoli della Svizzera prima dei Giochi
Calcio
17 ore

Arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

Ferrero è stato arrestato dalla Guardia di finanza nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Paola per reati societari e bancarotta
Roller
18 ore

Il Biasca lotta e torna da Diessbach con un punto

Due volte in avanti, i rivieraschi si fanno riprendere e superare. Ma hanno comunque la forza di rimandare il verdetto al supplementare
Salto con gli sci
18 ore

Quattro trampolini, in Germania (ancora) senza spettatori

A porte chiuse le prove di Oberstdorf e Garmisch-Partenkirchen. Ancora da definire l’accesso al pubblico per i due concorsi austriaci
Hockey
20 ore

Jerôme Bachofner torna in riva alla Limmat

Dopo tre stagioni con lo Zugo, l’attaccante 25enne si accorda con i Lions, con cui nel 2018 aveva vinto il titolo
Podismo
20 ore

Delorenzi e Lucchina regolano il plotone di crossisti

Massiccia partecipazione alla quarta tappa di Coppa Ticino. Che ora si prende un mese di pausa e tornerà a metà gennaio
Hockey
1 gior

‘Contro il Davos ci è mancato un po’ di tutto’

Kneubuehler torna sulla sconfitta dell’Ambrì in casa dei grigionesi. ‘Stanchi dal giorno prima? No, è più mentalmente che non eravamo pronti”
Calcio
1 gior

Il Bellinzona torna da Bienne con un pareggio

Terzo pari, in rimonta, per i Granata di Aeby. ‘All’intervallo ero arrabbiato, poi i ragazzi si sono assunti maggoiri responsabilità’
Tennis
1 gior

Due a zero alla Croazia, la Davis torna in Russia

Per la terza volta dopo 2002 e 2006 i russi mettono le mani sull’Insalatiera. Il punto decisiva lo conquista Daniil Medvedev
SCI ALPINO
1 gior

Il forte vento causa l’annullamento della libera di Beaver Creek

Gli organizzatori hanno provato sia ad abbassare il punto di partenza, sia a posticipare per tre volte il via, ma senza risultati
Formula 1
1 gior

È una domenica bestiale: il Mondiale torna in parità

Lewis Hamilton vince il penultimo Gran Premio della stagione sull’asfalto di Gedda e pareggia i conti con Verstappen. Si deciderà tutto all’ultima corsa
BASKET
1 gior

La Sam Massagno si offre la testa della classifica

La Spinelli batte l’Olympic, mentre il Lugano cede al Monthey e scivola in ultima posizione
Calcio
1 gior

Croci-Torti: ‘I giocatori mi seguono in maniera spettacolare’

Il tecnico del Lugano soddisfatto dopo il 2-0 al Sion, settimo risultato utile consecutivo a Cornaredo. ‘In casa vogliamo solo vincere’
Sci
1 gior

Sofia Goggia è addirittura da tris. Ma stavolta Lara c’è

L’italiana vince anche il superG di Lake Louise, dopo i trionfi nelle due libere, al termine di un testa a testa con la ticinese, battuta per 11 centesimi
CALCIO
1 gior

Il Chiasso chiude il 2021 con una sconfitta

Troppe le occasioni sbagliate dai rossoblù contro lo Young Boys II. Vitali: ‘Soltanto la capolista è al di sopra delle altre’
Calcio
1 gior

Lugano invincibile a Cornaredo, superato anche il Sion

I bianconeri s’impongono 2-0 contro i vallesani grazie alle reti di Bottani e Facchinetti centrando il settimo risultato utile in casa con Croci-Torti.
Gallery
Hockey
1 gior

Due reti in otto minuti e game over per l’Ambrì Piotta

Il Davos segna due gol in avvio di confronto, poi controlla il match e mette le mani sul successo, condannando i leventinesi alla resa
AUTOMOBILISMO
1 gior

La domenica a Gedda si apre con un pauroso incidente

In Formula 2 subito dopo il via la vettura di Fittipaldi travolge quella del francese Pourchaire: coscienti, i due piloti si trovano entrambi all’ospedale
UNIHOCKEY
1 gior

Repubblica Ceca battuta, la Svizzera è medaglia di bronzo

Bella prestazione delle elvetiche ai Mondiali di Uppsala, dopo la pesante sconfitta di sabato in semifinale contro la Svezia (14-1)
atletica
 
03.05.2021 - 20:280

Kambundji: ‘Cambia la data ma non il bello del Galà’

La 28enne velocista bernese mette le Olimpiadi nel mirino (anche con la 4x100) e già pregusta l'edizione 2021 del Galà dei Castelli di cui è amatissima madrina

Se c’è una cosa che contraddistingue Mujinga Kambundji, è l’allegria che l’accompagna in ogni occasione, segno distintivo di un carattere che parrebbe solare dal quale sgorga una simpatia che la gente del resto ha colto, eleggendola a beniamina dell’atletica rossocrociata, tre le atlete più amate in assoluto del panorama sportivo elvetico.

Un legame forte, costruito a suon di successi e di apparizioni pubbliche improntate al sorriso che in Ticino ben conosciamo, perché proprio anche alla realtà locale del Galà dei Castelli, il meeting internazionale che da un decennio allieta il Comunale in una serata estiva di festa, del quale l’atleta bernese è diventata anche una sorta di madrina, per avervi partecipato sempre, per avervi vinto a due riprese.

‘Il miglior meeting al quale partecipare’

Alla base del suo amore per Bellinzona e per il Galà non vi sono solo i due record svizzeri battuti (uno eguagliato, per la precisione) all’ombra dei castelli, bensì anche quel feeling che è nato con gli appassionati ticinesi e con un ambiente unico nel suo genere dal quale la stessa Mujinga è rimasta affascinata. Fino a eleggere il Galà stesso quale miglior meeting al mondo al quale prendere parte, in senso assoluto, unendo in un giudizio così lusinghiero la qualità dello spettacolo, l’ospitalità, l’ambiente e il calore umano.

Non sorprende, quindi, che Kambundji si sia trovata come a casa nei giorni trascorsi a Bellinzona, in compagnia delle ragazze della staffetta rossocrociata 4x100 e 4x400 e dello staff tecnico della Nazionale dell’atletica che ha diretto un campo d’allenamento al Comunale di preparazione ai Mondiali di Chorzow dello scorso weekend, grazie anche all’intervento e ai buoni uffici di Chico Cariboni, anima e direttore tecnico del citato Galà dei Castelli, nonché impegnatissimo allenatore del locale Gab (Mujinga non è andata in Polonia, ma si aggregherà alle compagne per il resto della stagione agonistica che culminerà nelle Olimpiadi di Tokyo).

L'infortunio è alle spalle

Un passo indietro, per tornare a inizio dicembre, all’infortunio al piede che ha ormai superato da tempo e che le ha precluso la stagione indoor. Nel 2019 lo fece per scelta, di stare a riposo. Stavolta invece l’elvetica si è dovuta arrendere a causa di un infortunio rimediato in allenamento (metatarso fratturato appoggiando male un piede su un tappetino durante un allenamento). Non fu necessario intervenire chirurgicamente, ma la stagione invernale ne risultò compromessa. Sul piano sportivo, il 2020 è stato un anno da dimenticare. Un altro problema fisico le aveva infatti impedito anche la partecipazione ai Campionati svizzeri e al Galà dei Castelli, il cui pubblico aveva comunque voluto salutare presentandosi al Comunale in veste di applauditissima madrina. «Volevo assolutamente esserci, volevo essere parte dell’evento. Non ricordo l’ultima volta che ho assistito a un meeting dagli spalti, ma è stato molti anni fa. Era un’emozione che avevo voglia di rivivere», ricorda la 28enne campionessa bernese, bronzo nei 200 ai Mondiali di Doha nel 2019. La quale, poi, completamente guarita, a metà ottobre aveva ripreso gli allenamenti proprio in vista degli appuntamenti indoor. La voglia di tornare in pista, però, le è stata fatale. La rinuncia più dolorosa? Gli Europei a Torun (Polonia) di inizio marzo.

Guardare avanti per ripartire

E qui torniamo al sorriso di cui sopra. Mujinga confessa di averlo smarrito, ma solo per un paio di giorni, giusto il tempo di metabolizzare l’accaduto, di scacciare i cattivi pensieri relativi all’infortunio e alle sue possibili conseguenze, e di decidere di guardare avanti, con i Giochi olimpici di Tokyo quale grande obiettivo stagionale. Confortata dal fatto che il secondo stop «non mi ha mai fatto temere di non tornare a essere veloce come prima - spiega con convinzione -. Mi alleno senza più alcuna limitazione omai da molto tempo, ho rispettato bene i piani di recupero e di rientro alle competizioni. Ammetto che all’inizio è stato un duro colpo. Ero carica, in vista della stagione indoor, dopo un’estate ai box, senza gare, molto frustrante. Non vedevo l’ora dei concorsi. Per un paio di giorni ha prevalso lo sconforto. Poi però capisci che gli infortuni fanno parte del gioco, che non hai altra scelta se non rialzarti, andare avanti e ricominciare ad allenarti. Sapevo che per Tokyo non ci sarebbe stato alcun problema, di conseguenza non è stato poi così complicato sul piano mentale rinunciare di nuovo alla stagione indoor, dopo aver già perso quella estiva».

Obiettivo Tokyo

La stagione 2021 all’aperto la rivedrà protagonista, dopo molti mesi. «Devo iniziare a prendere confidenza con distanza un po’ più lunghe: 300 e 200 mi aiutano a trovare le giuste sensazioni, più di quanto facciano le distanze più brevi. Voglio diventare sempre più veloce, di gara in gara, con un obiettivo ben distinto davanti, le Olimpiadi. La preparazione prosegue secondo i piani, conto di arrivare a Tokyo al picco della forma».

Ha dovuto forse adattare in maniera diversa dal solito carichi e piani di lavoro a seguito dell’infortunio? «Ho ripreso il lavoro dove lo avevo lasciato. Certo, all’inizio non ho potuto correre, dovevo sempre capire cosa mi potevo permettere e cosa ancora no, rimodulando gli sforzi di seduta in seduta. Poi però ho ripreso a lavorare come sempre su corsa, velocità ed esplosività, anche se con un leggero ritardo iniziale».

‘L’approccio è sempre quello: il duro lavoro’

Campionessa conosciuta a livello mondiale, Mujinga vive serenamente con la fama che si è costruita a suon di ottime prestazioni. Nulla è cambiato, dal punto di vista dell’approccio al lavoro e alla disciplina, rispetto ai suoi esordi sulla ribalta internazionale. «Non è cambiato niente, no. Oggi come ieri devo lavorare ogni giorno molto duramente per ottenere dei buoni risultati. La concorrenza non sta certo a guardare. Ammetto che quanto ho già conquistato mi ha dato fiducia e consapevolezza. Essere conosciuti e apprezzati fa molto piacere, non lo nego, ma per quanto attiene il lavoro nulla è cambiato: prima di ogni gara sono nervosa come se fosse la prima volta, poco importa il risultato che avevo ottenuto nell’edizione precedente».

‘Ragiono a corto termine’

Campionessa già affermata, ma anche atleta chiamata a confermare e a tagliare altri traguardi. Spinta da quale motivazione? Ha l’impressione che le manca ancora qualcosa per dirsi atleta completa e appagata? «Le mie ambizioni aumentano proporzionalmente al miglioramento del mio livello di prestazione. Ogni volta che gareggio voglio qualcosa in più rispetto alla gara precedente. All’inizio l’obiettivo era un record svizzero, poi ho alzato l’asticella, di volta in volta, con l’obiettivo do ottenere dei progressi ogni anno, correggendo i difetti, curando i dettagli. Non ho obiettivi a lunga o media scadenza, ragiono a corto termine. Vado molto a sensazioni. quando avverto che in un certo ambito del mio lavoro ho dei margini, o una lacuna, è lì che mi soffermo e insisto».

È una questione anche di orgoglio a incidere sulla volontà di salire sempre più in alto, o si spiega con le normali ambizioni di un’atleta di livello mondiale che compete per primeggiare? «Di fondo, lavoro per migliorare. Ma anche per vedere dove fissare i miei limiti, quali traguardi posso tagliare. E qui l’orgoglio un ruolo lo gioca. Dieci anni fa mai avrei detto che sarei stata in grado di scendere sotto gli 11 secondi nei 100 (10’’95, ndr), e di correre i 200 in 20’’26. Ogni anno però miglioravo, la fiducia aumentava e i risultati sono arrivati».

C’è del potenziale nei 100

Non certo alla fine della carriera, ma nemmeno una campionessa in erba, quali margini ritiene di avere? È solo una questione di dettagli, per salire ancora di livello? «A volte sì, ma altre no, perché c’entrano lavoro e tecnica. Sento di poter essere più veloce nei 100. Nel 2018 ho corso in 10’’95, l’anno successivo secondo me correvo pure meglio ma i tempi non sono arrivati. Il 2020 direi che lo possiamo anche dimenticare. Nei 100 sento di avere un certo potenziale inespresso. Nei 200, più che il tempo, conto di trovare una regolarità di rendimento che non sempre ho avuto, in passato».

Il rinvio del Galà da luglio al 14 settembre deciso dagli organizzatori lo scorso 8 aprile sembra indicare che il meeting del Comunale voglia aspettare la migliore espressione possibile di Mujinga Kambundji. «La data non è mai fissa, a volte cade a inizio stagione, altre nel mezzo, inducendoti a tentare il "tempone", altre ancora invece alla fine, quando puoi ancora essere all’apice della forma, in grado di fare una grande gara. La data cambia, ma ciò che invece è sempre immutato è il piacere che provo a tornare al Galà, competizione che mi ha regalato solo bellissimi ricordi, tra i quali due record svizzeri. Ogni anno Bellinzona - chiude Mujinga è una tappa fondamentale della mia stagione, a prescindere da come la stessa si stia svolgendo. L’atmosfera è incredibile, il tempo è sempre clemente. È un piccolo meeting con un livello di partecipazione altissima».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 7 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved