SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BOCCE
7 ore

Ai Mondiali di Roma la giovane Svizzera non delude

I giovani rossocrociati tornano dalla competizione juniores con un argento e un bronzo, conquistati dai ticinesi Ryan Regazzoni e Giorgia Cavadini
ATLETICA
11 ore

Kipchoge batte se stesso A Berlino nuovo record

A trentasette anni il keniano si ripete sulle strade della capitale tedesca, dove aveva già stabilito il primato della maratona nel 2018
CICLISMO
16 ore

Evenepoel iridato di prepotenza

Arriva anche il titolo mondiale nella stagione strepitosa del giovane belga
Calcio
17 ore

La vittoria contro il Basilea lancia definitivamente il Chiasso

Contro l’U21 renana decide il gol di Manicone al decimo della ripresa e settimana prossima c’è la capolista Stade Nyonnais
tennis
17 ore

Stan Wawrinka fuori in semifinale a Metz

Il vodese costretto al forfait dopo 17 minuti del penultimo atto contro Bublik, per un problema alla coscia
MOTOMONDIALE
18 ore

MotoGp, vince Miller, Quartararo ottavo, Bagnaia a terra

L’australiano della Ducati ha terminato la gara nipponica davanti a Binder e Martin. Il francese allunga in vetta al Mondiale
NATIONS LEAGUE
1 gior

Svizzera corsara, successo storico in Spagna

Dominando nel primo tempo e soffrendo nella ripresa, i rossocrociati trovano tre punti importantissimi: a segno Akanji ed Embolo
Hockey
1 gior

Il Lugano accelera ma non decolla

Buona prestazione dei bianconeri che però soccombono anche al Losanna
Hockey
1 gior

Ambrì, la prima sconfitta sotto gli occhi di McCourt

In vantaggio di un gol fino al 49’, i biancoblù di Cereda beffati da un Ginevra Servette che aggancia il capolista Bienne grazie a due gol in un minuto
CALCIO
1 gior

Rossocrociati in Spagna pensando già al Qatar

La nazionale Svizzera affronta stasera le Furie rosse per la Nations League
CICLISMO
1 gior

Le speranze mondiali dell’emergente Mauro Schmid

Domani a Wollongong, in Australia, in palio il titolo iridato della corsa in linea
TENNIS
1 gior

La notte dei sorrisi (e delle lacrime) che non scorderemo mai

A Londra, nel torneo da lui stesso ideato, King Roger ha chiuso una carriera irripetibile. Federer nell’Olimpo come Muhammad Ali e Michael Jordan.
HOCKEY
2 gior

Un ottimo tempo non basta, Lugano kappaò a Ginevra

Alle Vernets seconda sconfitta in tre partite per i bianconeri, nella sera del debutto di Connolly. ‘Dobbiamo capire il power-play cos’ha che non va’.
HOCKEY
2 gior

Ambrì, la fuga, il rilassamento e il sollievo

Dopo un avvio strepitoso i biancoblù lasciano rientrare in partita l’Ajoie, ma all’overtime riesce a trovare la quarta vittoria di fila, grazie a Virtanen
HCL
2 gior

Il Lugano fermato a Ginevra, nonostante un ottimo primo tempo

Nella loro prima trasferta stagionale bianconeri battuti alle Vernets nella sera del debutto di Connolly. Le due reti ticinesi firmate da Granlund e
HCAP
2 gior

L’Ambrì sbanca Porrentruy

I biancoblù infilano la quarta vittoria consecutiva, vincendo in terra giurassiana dopo il supplementare per 5-4
Tennis
2 gior

A Metz Wawrinka batte anche Ymer: è semifinale

Il giorno dopo aver eliminato dal torneo francese il numero 4 al mondo, il vodese riesce a buttar fuori anche il numero 100: finisce 6-4 4-6 7-6
Football americano
2 gior

Super Bowl: la Apple si beve la Pepsi

L’accordo pluriennale entrerà in vigore a partire dalla prossima edizione della finalissima di campionato di National Football League
ATLETICA
2 gior

Al MilLe Gruyère i ticinesi a caccia di un posto al Weltklasse

Domani a Ginevra saranno i giovani mezzofondisti a chiudere le finali nazionali di Swiss Athletics, e per i rossoblù quest’edizione sembra promettere bene
gallery
hockey
2 gior

È tempo di derby, anche fra le donne

Domenica alla Gottardo Arena il primo storico incontro tra Hcap Girls e Ladies Lugano. Allenatori concordi: ‘Sulla carta il Lugano è il grande favorito’
BASKET
2 gior

Cambio della guardia alla Sav: Cambieri nuovo presidente

Dopo cinque anni Michele Sera lascia il ruolo di coordinatore della Sezione basket della polisportiva, cedendo il testimone a un giovane di Vacallo
FUTSAL PER SORDI
2 gior

Il Ticino primeggia a Seon e bussa alle porte della Champions

Terza affermazione consecutiva dei ragazzi dell’United Deaf Club ai Campionati nazionali nel Canton Argovia, dove trionfano senza perdere un solo incontro
Gallery
Tennis
2 gior

Aspettando Federer: il lungo commiato di un eterno

Dopo l’ultimo saluto alla regina, Londra fa da sfondo a un altro addio, stavolta sportivo: quello di re Roger
Calcio
3 gior

L’Acb batte il Lugano e si aggiudica il torneo di Giubiasco

Davanti a un migliaio di spettatori i granata segnano due volte nel finale e vincono il triangolare organizzato per l’ottantesimo dell’Usg
BASKET
3 gior

La Sam torna in campo. Per provare a vincere

Fabio Regazzi e la Spinelli guardano ambiziosi alla nuova stagione. ‘L’anno scorso c’è mancato qual-cosa per arrivare a met-tere le mani su un trofeo’
Tennis
3 gior

Riecco ‘Stan the Man’: batte Medvedev e vola ai quarti

Prima grossa soddisfazione per Wawrinka dal suo ritorno alle competizioni: il vodese batte il numero 4 al mondo con il punteggio di 6-4 6-7 (7/9) 6-3
Tennis
3 gior

Roger dice addio al fianco di Rafa

Sarà un doppio giocato con Nadal l’ultima partita della carriera di Federer
NATIONS LEAGUE
3 gior

La Spagna ci dirà quanto sia lecito sognare

La Svizzera, che sabato affronterà le Furie rosse, è in cerca di risposte e di conferme in vista dei Mondiali
atletica
laR
 
03.05.2021 - 20:28

Kambundji: ‘Cambia la data ma non il bello del Galà’

La 28enne velocista bernese mette le Olimpiadi nel mirino (anche con la 4x100) e già pregusta l'edizione 2021 del Galà dei Castelli di cui è amatissima madrina

kambundji-cambia-la-data-ma-non-il-bello-del-gala
fotoservizio Ti-Press
+3

Se c’è una cosa che contraddistingue Mujinga Kambundji, è l’allegria che l’accompagna in ogni occasione, segno distintivo di un carattere che parrebbe solare dal quale sgorga una simpatia che la gente del resto ha colto, eleggendola a beniamina dell’atletica rossocrociata, tre le atlete più amate in assoluto del panorama sportivo elvetico.

Un legame forte, costruito a suon di successi e di apparizioni pubbliche improntate al sorriso che in Ticino ben conosciamo, perché proprio anche alla realtà locale del Galà dei Castelli, il meeting internazionale che da un decennio allieta il Comunale in una serata estiva di festa, del quale l’atleta bernese è diventata anche una sorta di madrina, per avervi partecipato sempre, per avervi vinto a due riprese.

‘Il miglior meeting al quale partecipare’

Alla base del suo amore per Bellinzona e per il Galà non vi sono solo i due record svizzeri battuti (uno eguagliato, per la precisione) all’ombra dei castelli, bensì anche quel feeling che è nato con gli appassionati ticinesi e con un ambiente unico nel suo genere dal quale la stessa Mujinga è rimasta affascinata. Fino a eleggere il Galà stesso quale miglior meeting al mondo al quale prendere parte, in senso assoluto, unendo in un giudizio così lusinghiero la qualità dello spettacolo, l’ospitalità, l’ambiente e il calore umano.

Non sorprende, quindi, che Kambundji si sia trovata come a casa nei giorni trascorsi a Bellinzona, in compagnia delle ragazze della staffetta rossocrociata 4x100 e 4x400 e dello staff tecnico della Nazionale dell’atletica che ha diretto un campo d’allenamento al Comunale di preparazione ai Mondiali di Chorzow dello scorso weekend, grazie anche all’intervento e ai buoni uffici di Chico Cariboni, anima e direttore tecnico del citato Galà dei Castelli, nonché impegnatissimo allenatore del locale Gab (Mujinga non è andata in Polonia, ma si aggregherà alle compagne per il resto della stagione agonistica che culminerà nelle Olimpiadi di Tokyo).

L'infortunio è alle spalle

Un passo indietro, per tornare a inizio dicembre, all’infortunio al piede che ha ormai superato da tempo e che le ha precluso la stagione indoor. Nel 2019 lo fece per scelta, di stare a riposo. Stavolta invece l’elvetica si è dovuta arrendere a causa di un infortunio rimediato in allenamento (metatarso fratturato appoggiando male un piede su un tappetino durante un allenamento). Non fu necessario intervenire chirurgicamente, ma la stagione invernale ne risultò compromessa. Sul piano sportivo, il 2020 è stato un anno da dimenticare. Un altro problema fisico le aveva infatti impedito anche la partecipazione ai Campionati svizzeri e al Galà dei Castelli, il cui pubblico aveva comunque voluto salutare presentandosi al Comunale in veste di applauditissima madrina. «Volevo assolutamente esserci, volevo essere parte dell’evento. Non ricordo l’ultima volta che ho assistito a un meeting dagli spalti, ma è stato molti anni fa. Era un’emozione che avevo voglia di rivivere», ricorda la 28enne campionessa bernese, bronzo nei 200 ai Mondiali di Doha nel 2019. La quale, poi, completamente guarita, a metà ottobre aveva ripreso gli allenamenti proprio in vista degli appuntamenti indoor. La voglia di tornare in pista, però, le è stata fatale. La rinuncia più dolorosa? Gli Europei a Torun (Polonia) di inizio marzo.

Guardare avanti per ripartire

E qui torniamo al sorriso di cui sopra. Mujinga confessa di averlo smarrito, ma solo per un paio di giorni, giusto il tempo di metabolizzare l’accaduto, di scacciare i cattivi pensieri relativi all’infortunio e alle sue possibili conseguenze, e di decidere di guardare avanti, con i Giochi olimpici di Tokyo quale grande obiettivo stagionale. Confortata dal fatto che il secondo stop «non mi ha mai fatto temere di non tornare a essere veloce come prima - spiega con convinzione -. Mi alleno senza più alcuna limitazione omai da molto tempo, ho rispettato bene i piani di recupero e di rientro alle competizioni. Ammetto che all’inizio è stato un duro colpo. Ero carica, in vista della stagione indoor, dopo un’estate ai box, senza gare, molto frustrante. Non vedevo l’ora dei concorsi. Per un paio di giorni ha prevalso lo sconforto. Poi però capisci che gli infortuni fanno parte del gioco, che non hai altra scelta se non rialzarti, andare avanti e ricominciare ad allenarti. Sapevo che per Tokyo non ci sarebbe stato alcun problema, di conseguenza non è stato poi così complicato sul piano mentale rinunciare di nuovo alla stagione indoor, dopo aver già perso quella estiva».

Obiettivo Tokyo

La stagione 2021 all’aperto la rivedrà protagonista, dopo molti mesi. «Devo iniziare a prendere confidenza con distanza un po’ più lunghe: 300 e 200 mi aiutano a trovare le giuste sensazioni, più di quanto facciano le distanze più brevi. Voglio diventare sempre più veloce, di gara in gara, con un obiettivo ben distinto davanti, le Olimpiadi. La preparazione prosegue secondo i piani, conto di arrivare a Tokyo al picco della forma».

Ha dovuto forse adattare in maniera diversa dal solito carichi e piani di lavoro a seguito dell’infortunio? «Ho ripreso il lavoro dove lo avevo lasciato. Certo, all’inizio non ho potuto correre, dovevo sempre capire cosa mi potevo permettere e cosa ancora no, rimodulando gli sforzi di seduta in seduta. Poi però ho ripreso a lavorare come sempre su corsa, velocità ed esplosività, anche se con un leggero ritardo iniziale».

‘L’approccio è sempre quello: il duro lavoro’

Campionessa conosciuta a livello mondiale, Mujinga vive serenamente con la fama che si è costruita a suon di ottime prestazioni. Nulla è cambiato, dal punto di vista dell’approccio al lavoro e alla disciplina, rispetto ai suoi esordi sulla ribalta internazionale. «Non è cambiato niente, no. Oggi come ieri devo lavorare ogni giorno molto duramente per ottenere dei buoni risultati. La concorrenza non sta certo a guardare. Ammetto che quanto ho già conquistato mi ha dato fiducia e consapevolezza. Essere conosciuti e apprezzati fa molto piacere, non lo nego, ma per quanto attiene il lavoro nulla è cambiato: prima di ogni gara sono nervosa come se fosse la prima volta, poco importa il risultato che avevo ottenuto nell’edizione precedente».

‘Ragiono a corto termine’

Campionessa già affermata, ma anche atleta chiamata a confermare e a tagliare altri traguardi. Spinta da quale motivazione? Ha l’impressione che le manca ancora qualcosa per dirsi atleta completa e appagata? «Le mie ambizioni aumentano proporzionalmente al miglioramento del mio livello di prestazione. Ogni volta che gareggio voglio qualcosa in più rispetto alla gara precedente. All’inizio l’obiettivo era un record svizzero, poi ho alzato l’asticella, di volta in volta, con l’obiettivo do ottenere dei progressi ogni anno, correggendo i difetti, curando i dettagli. Non ho obiettivi a lunga o media scadenza, ragiono a corto termine. Vado molto a sensazioni. quando avverto che in un certo ambito del mio lavoro ho dei margini, o una lacuna, è lì che mi soffermo e insisto».

È una questione anche di orgoglio a incidere sulla volontà di salire sempre più in alto, o si spiega con le normali ambizioni di un’atleta di livello mondiale che compete per primeggiare? «Di fondo, lavoro per migliorare. Ma anche per vedere dove fissare i miei limiti, quali traguardi posso tagliare. E qui l’orgoglio un ruolo lo gioca. Dieci anni fa mai avrei detto che sarei stata in grado di scendere sotto gli 11 secondi nei 100 (10’’95, ndr), e di correre i 200 in 20’’26. Ogni anno però miglioravo, la fiducia aumentava e i risultati sono arrivati».

C’è del potenziale nei 100

Non certo alla fine della carriera, ma nemmeno una campionessa in erba, quali margini ritiene di avere? È solo una questione di dettagli, per salire ancora di livello? «A volte sì, ma altre no, perché c’entrano lavoro e tecnica. Sento di poter essere più veloce nei 100. Nel 2018 ho corso in 10’’95, l’anno successivo secondo me correvo pure meglio ma i tempi non sono arrivati. Il 2020 direi che lo possiamo anche dimenticare. Nei 100 sento di avere un certo potenziale inespresso. Nei 200, più che il tempo, conto di trovare una regolarità di rendimento che non sempre ho avuto, in passato».

Il rinvio del Galà da luglio al 14 settembre deciso dagli organizzatori lo scorso 8 aprile sembra indicare che il meeting del Comunale voglia aspettare la migliore espressione possibile di Mujinga Kambundji. «La data non è mai fissa, a volte cade a inizio stagione, altre nel mezzo, inducendoti a tentare il "tempone", altre ancora invece alla fine, quando puoi ancora essere all’apice della forma, in grado di fare una grande gara. La data cambia, ma ciò che invece è sempre immutato è il piacere che provo a tornare al Galà, competizione che mi ha regalato solo bellissimi ricordi, tra i quali due record svizzeri. Ogni anno Bellinzona - chiude Mujinga è una tappa fondamentale della mia stagione, a prescindere da come la stessa si stia svolgendo. L’atmosfera è incredibile, il tempo è sempre clemente. È un piccolo meeting con un livello di partecipazione altissima».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved