Verona
1
Lazio
1
fine
(0-1)
Monza
0
Sampdoria
1
1. tempo
(0-1)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
4 ore

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
5 ore

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
5 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
7 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
15 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
21 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
21 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
1 gior

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
1 gior

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
1 gior

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLISMO
29.04.2021 - 17:57
Aggiornamento: 18:21

A St-Imier Colbrelli non si fa sorprendere

Il bresciano vince allo sprint la seconda tappa del Tour de Romandie. Sul podio anche Bevin e Hirschi. Maglia gialla sempre sulle spalle di Rohan Dennis

a-st-imier-colbrelli-non-si-fa-sorprendere

Dopo essere stato battuto sul filo di lana da Peter Sagan nella prima frazione, Sonny Colbrelli si è perso la rivincita, aggiudicandosi la frazione che ha portato il Tour de Romandie da La Neuveville a St-Imier. L'italiano ha preceduto il neozelandese Bevin, terzo mercoledì, mentre sul gradino più basso del podio è salito Marc Hischi, bravo nel tentare lo sprint, ma che nulla ha potuto contro due avversari molto più velocisti di lui. La maglia gialla di leader della classifica generale rimane sulle spalle dell'australiano Rohan Dennis, grande protagonista dei chilometri finali di una tappa che ha proposto cinque salite di seconda categoria e una, l'ultima, di prima. E proprio sulla Vue-des-Alpes, una volta ripresi i sei uomini andati in fuga sin dal mattino (Pernsteiner, Hamilton, Villella, Tolhoek, Caicedo e Taaramäe, con l'estone che ai -45 km se n'è andato solo e ha resistito fino alle prime rampe dell'ultima salita), la maglia gialla ha preso in mano la situazione. Dennis ha risposto a un primo attacco di sette uomini, tra i quali Reichenbach e Woods, si è messo lì davanti con a ruota i compagni di squadra Thomas e Porte, ha impresso un'andatura da tirare il collo a tutti e si è di fatto dedicato a una cronometro personale anche nel tratto di discesa dopo lo scollinamento. In pratica, Dennis ha lavorato per Thomas e Porte, impedendo che nescessero attacchi da parte dei principali avversari in classifica generale, tutti rimasti con il gruppo dei migliori.

In vista dei chilometri finali, però, davanti si sono messi gli uomini della Bahrain per preparare lo sprint di Colbrelli che questa volta è riuscito a non farsi beffare... «Devo ringraziare soprattutto Haig e Caruso per come hanno lavorato in vista dello sprint – ha affermato il bresciano –. Anche stavolta sono forse partito un po' troppo da lontano, ma sono riuscito a resistere. Ho sofferto molto, perché stata una giornata dura, ma ho stretto i denti e ho tenuto la ruota dei migliori. Per fortuna, sull'ultima salita avevamo molto vento in faccia, per cui nessuno ha provato a fare la differenza».

Nel gruppetto dei 36 migliori hanno concluso anche Sébastien Reichenbach e Matteo Badilatti, mentre Simon Pellaud ha regolato il primo gruppo inseguitore, giunto a 43” da Colbrelli. In questo drappello, anche un Chris Froome che ancora una volta non è riuscito a tenere le ruote dei migliori. Stefan Küng ha chiuso a 1’02”, mentre Mathias Frank ha concesso 1’15”.

In classifica generale, alle spalle di Dennis, grazie agli abbuoni si è inserito Bevin a 8”. Hirschi guadagna 4”di abbuono e sale in sesta posizione a 11” dall'australiano.

Venerdì terza tappa, corsa in circuito con partenza e arrivo a Estavayer. In programma sette Gpm, ma tutti di terza categoria.

Seconda tappa, La Neuveville - St-Imier (165,7 km): 1. Sonny Colbrelli (I/10” di abbuono) 4h21'42. 2. Patrick Bevin (Nz/6”). 3. Marc Hirschi (S/4”). 4. Clément Champoussin (F). 5. Diego Ulissi (I). 6. Wilco Keldermann (Ol). 7. Ilan van Wilder (Bel). 8. Fausto Masnada (I). 9. Rui Costa (Por). 10. Marc Soler (Sp). Seguono: 16. Ion Izaguirre (Sp). 19. Geraint Thomas (Gb). 21. Miguel Angel Lopez (Col). 27. Steven Kuijswijk (Ol). 30. Sébastien Reichenbach (S). 31. Richie Porte (Aus). 33. Michael Woods (Can). 34. Matteo Badilatti (S). 36. Rohan Dennis (Aus) t.s.t. 37. Simon Pellaud (S) a 43”. 63. Stefan Küng (S) a 1’02”. 64. Mathias Frank (S) a 1’15”.

Classifica generale: 1. Rohan Dennis (Aus) 8h39'48''. 2. Bevin a 8''. 3. Thomas a 9''. 4. Porte s.t. 5. Colbrelli s.t. 6. Hirschi a 11''. 7. Jesus Herrada (Sp) a 14''. 8. Mattia Cattaneo (I) a 15''. 9. Kelderman a 16''. 10. Van Wilder s.t. Seguono: 13. Lopez a 19”. 15. Izaguirre a 21”. 21. Woods a 25”. 24. Badilatti a 27”. 32. Reichenbach a 31”. 46. Küng a 1’19”.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved