la-svizzera-riapre-le-porte-largo-al-tour-de-romandie
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
HOCKEY
13 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
16 ore

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
17 ore

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
18 ore

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
18 ore

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
19 ore

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
19 ore

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
19 ore

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
20 ore

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
23 ore

Verbano e Ticino agguantano i playoff

Il Vuh si è imposto 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt, il Tiuh ha piegato 4-3 il Basilea secondo in classifica
tennis
23 ore

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
23 ore

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
1 gior

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
1 gior

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
CALCIO
1 gior

‘Siamo pronti per affrontare i campioni svizzeri’

Mattia Croci-Torti soddisfatto della vittoria in amichevole contro il Chiasso, nonostante qualche assenza: ‘Lunedì rientra Amoura dalla Coppa d’Africa’
RALLY
1 gior

Loeb trionfa a Montecarlo. Mai nessuno come lui

A quasi 48 anni il campione alsaziano diventa il pilota più vecchio ad aver vinto nel Wrc, cogliendo nel Principato il suo ottantesimo trionfo
PALLANUOTO
1 gior

Buon punto per gli Sharks a Ginevra

La compagine luganese costringe al pareggio il Carouge (11-11). Esordio positivo per coach Argentiero
BIATHLON
1 gior

Anche senza Weger, settimo posto per la staffetta

Ad Anterselva, pur in assenza del suo leader la Svizzera ottiene il miglior risultato stagionale a soli 44” dal podio
Sci
1 gior

La Streif è rossocrociata, Feuz trionfa davanti a Odermatt!

Gli elvetici dominano la discesa di Kitzbühel: per il bernese è il terzo successo sull’Hahnenkamm, per il nidvaldese il primo podio nella prova regina
SKICROSS
1 gior

Doppietta per Ryan Regez a Idre Fjäll

Nella tappa svedese di Coppa del mondo, il bernese si è imposto in entrambe le prove disputate. Assente Smith, la migliore elvetica è stata Sanna Lüdi
Sci
1 gior

A Cortina podio di Gisin, male Gut-Behrami, malissimo Goggia

La ticinese lontana (13esima) anche nel superG vinto dall’italiana Curtoni, con l’obvaldese ottima terza. Caduta e Olimpiadi a rischio per la bergamasca
FREESTYLE
1 gior

Ragettli ad Aspen si mette l’oro al collo

Solo settimo nel Big Air, il grigionese dimentica subito la delusione centrando il successo nello slopestyle agli X-Games in Colorado
TENNIS
1 gior

Nadal non si ferma, nuova delusione per Zverev

L’iberico approda ai quarti di finale degli Australian Open grazie alla vittoria sul francese Mannarino. Il tedesco spedito a casa dal canadese Shapovalov
Hockey
2 gior

Steso il Berna in rimonta: il Lugano torna in corsa

Sotto di due reti, i bianconeri rifanno superficie e grazie alle trasformazioni di Arcobello e Loeffel trovano il sucesso ai rigori
CICLISMO
26.04.2021 - 17:180
Aggiornamento : 17:34

La Svizzera riapre le porte, largo al Tour de Romandie

Dopo un 2020 senza grandi corse, si riparte dal TdR alla ricerca dell'erede di Primoz Roglic. Percorso con parecchia salita, ma occhio alle condizioni meteo

Da domani si cambia registro. Fin qui il calendario ha proposto soprattutto corse di un giorno, con tre monumenti su cinque (Sanremo, Fiandre, Liegi, la Roubaix è stata posticipata) e classiche di grande prestigio (Gand-Wevelgem, Freccia, Amstel…). Questo capitolo si è di fatto chiuso con il trionfo di Tadej Pogacar alla Liegi ed è giusto che a traghettare il plotone dalla stagione delle classiche a quella delle grandi corse a tappe sia stato proprio il vincitore dell’ultimo Tour de France.

Domani, dunque, si riparte. E il grande ciclismo torna finalmente in Svizzera, dopo l’annullamento nel 2020 di Tour de Romandie, Tour de Suisse e Mondiali. Si riparte dalle strade romande per una corsa che da qui a domenica dovrà designare il successore dello sloveno Primoz Roglic, vincitore delle ultime due edizioni, ma assente quest’anno in un parterre comunque molto ben rappresentato.

Quella che un tempo veniva chiamata la “corsa verde” scatterà con un prologo da Oron-la-Ville, nel canton Vaud, per un’edizione che rischia di essere bagnata, soprattutto tra giovedì e sabato. Richard Chassot, patron del TdR, è da sempre abituato a compiere salti mortali tra le insidie della meteo e si è portato avanti con il lavoro, stilando un piano B per il tappone di sabato, quello che dovrebbe chiudersi a Thyon, con il plotone che per la prima volta in stagione salirebbe sopra quota 2000 metri. Non rimane che sperare nella clemenza di dio Pluvio, in quanto un eventuale cambio di programma andrebbe a detrimento dell’interesse tecnico e sportivo di un Romandia nel quale la montagna non manca.

Primoz Roglic, come detto, non ci sarà. Lo sloveno ha deciso di non più gareggiare prima del Tour de France e ha ceduto la leadership della Jumbo all’olandese Steven Kuijswijk, tra i potenziali vincitori. I nomi dei papabili a indossare l’ultima maglia gialla in quel di Friborgo sono parecchi, a cominciare dal britannico Geraint Thomas, per passaer all’australiano Richie Porte, allo spagnolo Ion Izaguirre, all’australiano Lucas Hamilton, al colombiano Miguel Angel Lopez (alla “prima” con i colori Movistar), o ancora al portoghese Rui Costa. Attesi con grande interesse anche Chris Froome, Peter Sagan e soprattutto l'elvetico Marc Hirschi, reduce da un'ottima Liegi, nonostante un leggero ritardo di preparazione.

Al via ci saranno pure 17 svizzeri, una pattuglia molto nutrita, in particolare grazie alla presenza di una selezione di Swiss Cycling. Ma quanti di loro hanno davvero la possibilità di salire su un podio che dal 2004 (Fabian Jeker, secondo) non accoglie più ciclisti svizzeri? «Credo che Marc Hirschi o Gino Mäder (quest’ultimo non al via, ndr) abbiano le qualità per salire un giorno o l’altro sul podio – afferma il selezionatore nazionale Michael Albasini, 7 vittorie al TdR –. Ai miei tempi era molto più difficile, ora sono convinto che il podio rappresenti una possibilità nel futuro prossimo. Quest’anno uno svizzero può prendere la maglia nella cronometro iniziale, ma tenerla fino a Friborgo è un’altra storia».

Per vedere uno svizzero in giallo bisognerà fare affidamento soprattutto su Stefan Küng e Stefan Bissegger, i quali nel prologo di Oron cercheranno di mettere in riga il campione del mondo a cronometro, l’italiano Filippo Ganna, in stagione già battuto da entrambi. Ma per i due passisti elvetici, il tracciato del Romandia sarebbe comunque troppo esigente per mantenere l’insegna del primato fino a Friborgo. Già il secondo giorno sono in programma nove salite di terza categoria, mentre giovedì vi saranno cinque Gpm di seconda categoria e uno di prima (la Vue-des-Alpes). Sulla carta, l’unico giorno dedicato ai velocisti dovrebbe essere quello di venerdì, con la corsa in circuito a Estavayer-le-Lac (ci saranno comunque sette strappi di terza categoria da superare). Sabato, poi, il tappone tra Sion e Thyon 2000, con tre salite di prima categoria (Anzère, Suen e Thyon che culminerà a 2’076 metri d’altitudine) e due di terza. L’ultima fatica, domenica, con un cronometro di 16,2 km a Friborgo, con uno strappo di 700 metri in pavé.

Costretto a rispettare i vincoli sanitari, il Tour de Romandie 2021 non sarà accessibile al pubblico nelle aree di partenza e arrivo. Per ammirare il passaggio del plotone a bordo strada, sarà necessario indossare la mascherina.

Matteo Badilatti: ‘Percorso interessante’

Tra i 17 elvetici al via, anche il poschiavino Matteo Badilatti, inserito in una Goupama in gran parte a tinte rossocrociate (con Küng, Reichenbach e Lienhard)… «Per noi svizzeri il Romandia rappresenta sempre una corsa molto bella, anche perché correre in casa, nonostante l’assenza del pubblico, ha un gusto diverso. Quest’anno il percorso sembra piuttosto ondulato, per cui mi ci dovrei trovare molto bene».

La compagine francese ha incassato settimana scorsa la decisione del suo capitano Thibaut Pinot, di non prendere il via al Giro d’Italia che scatterà sabato 8 maggio da Torino. Il transalpino, però, non aveva comunque in programma il TdR… «Al momento non pensiamo al Giro. Siamo molto concentrati su questa corsa. La squadra è equilibrata su tutti i terreni e penso che saprà offrire spettacolo. Cercheremo di adattarci alla corsa giorno per giorno». Nella speranza di dover lavorare per difendere la maglia gialla che Küng potrebbe conquistare domani a Oron.

Matteo Badilatti si trova a suo agio soprattutto quando la strada si alza sotto i pedali, per cui in questo Romandia dovrebbe trovare pane per i suoi denti… «Il percorso sembra interessante, ma devo dire che non conosco le salite in programma. Soltanto lo strappo in pavé di Friborgo per averlo fatto al Tour de Suisse. Non ho mai affrontato l’ascesa di Thyon, così come le altre più importanti della corsa: mi lascerò sorprendere, a dipendenza da come risponderà la gamba».

Le tappe

Martedì, 1ª tappa:¬ prologo a Oron-la-Ville (4,05 km)

Mercoledì, 2ª tappa:¬ Aigle - Martigny (168,1 km)

Giovedì, 3ª tappa: ¬La Neuveville - St-Imier (165,7 km)

Venerdì, 4ª tappa:¬ circuito a Estavayer-le-Lac (168,7 km).

Sabato, 5ª tappa: ¬Sion - Thyon 2000 (161,3 km)

Domenica, 6ª tappa: ¬cronometro a Friborgo (16,2 km)

In totale:¬ 684,05 km per 12'471 m di dislivello.

Squadre e principali protagonisti

Ag2r: ¬Mathias Frank (S), Alexis Gougeard (F)

Astana:¬ Ion Izaguirre (Sp), Alexey Lutsenko (Ucr)

Bahrein: ¬Damiano Caruso (I), Jan Tratnik (Slo), Jack Haig (Aus)

Bora: ¬Peter Sagan (Slc), Lennard Kämna (Ger), Wilco Kelderman (Ol)

Cofidis: ¬Jesus Herrada, Tom Bohli, Natnael Berhane (Eri)

Deceuninck: ¬Rémi Cavagna (F), Stijn Steels (Bel)

Ef Education: ¬Rigoberto Uran (Col), Stefan Bisegger (S)

Groupama:¬ Matteo Badilatti (S), Sébastien Reichenbach (S), Stefan Küng (S)

Ineos:¬ Rohan Dennis (Aus), Filippo Ganna (I), Richie Porte (Aus), Geraint Thomas (Gb), Andery Amarod (Cr)

Intermarché Wanty:¬ Jan Bakelants (Bel), Jan Hirt (Cec), Louis Meintjes (Sa)

Israel SN: ¬Chris Froome (Gb), Patrick Bevin (Nz), Alex Dowsett (Gb), Michael Woods (Can)

Jumbo Visma:¬ Steven Kuijswijk (Ol), Sepp Kuss (Usa), Tony Martin (Ger), Jos van Emden (Ol)

Lotto Soudal: ¬Philippe Gilbert (Bel), Kobe Goossens (Bel), Filippo Conca (I)

Movistar:¬ Dario Cataldo (I), Miguel Angel Lopez (Col), Marc Soler (Sp)

Team BikeExchange: ¬Damien Howson (Aus), Lucas Hamilton (Aus)

Team Dms: ¬Chad Haga (Usa), Nico Denz (Ger)

Team Qhubeka: ¬Sergio Henao (Sol), Dylan Sunderland (Aus)

Terk: ¬Jacopo Mosca (I), Kenny Elissonde (F)

Uae Emirates: ¬Rui Costa (Por), Oliviero Troia (I), Marc Hirschi (S), Diego Ulissi (I)

Swiss Cycling:¬ Mathias Flückiger (S), Simon Pellaud (S), Joel Suter (S)

Gli svizzeri al via

¬Marc Hirschi (Uae Emirates), Mathias Frank (Ag2r Citroën), Tom Bohli (Cofidis), Stefan Bissegger (Ef Education), Matteo Badilatti, Fabian Lienhard, Stefan Küng, Sébastien Reichenbach (tutti Groupama-Fdj), Reto Hollenstein (Israel Start-Up Nation), Johan Jacobs (Movistar), Mathias Reutimann, Joel Suter, Cyrille Thièry, Claudio Imhof, Mathias Flückiger, Joab Schneiter, Simon Pellaud (tutti Swiss Cycling).

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved