SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
8 ore

Flamenco nel pallone, Al Hilal in finale

La formazione saudita batte 3-2 i brasiliani e approda all’atto decisivo del Mondiale per club, dove sfiderà il Real o gli egiziani dell’Al Ahly
HOCKEY
10 ore

Gdt Bellinzona, è ancora tempo di emozioni

Dopo la semifinale di Coppa persa contro il Martigny, che quel trofeo l’ha poi vinto, da giovedì spazio alla magia playoff. ‘C’è il livello per salire’
Salto con gli sci
13 ore

Mondiali, Simon Ammann ci sarà

Il ‘Folletto del Toggenburgo’ farà parte del contingente rossocrociato per le gare iridate di Planica, previste dal 21 febbraio al 5 marzo
Atletica
13 ore

Moggi e Petrucciani da record a Macolin

I due ticinesi dell’Lcz tra i grandi protagonisti nel weekend, ma da segnalare ci sono anche i due primati di categoria stabiliti da Laura Torino Imberti
COSE DELL'ALTRO MONDO
13 ore

Una squadra in Europa? No, meglio quattro

La Nfl sta pensando di sbarcare sul Continente con un’intera division. Un’idea che non andrà in porto prima di un decennio, viste le molte incognite
Sci
14 ore

Lara a difesa del suo titolo iridato

In programma mercoledì a Méribel il superG femminile, con la ticinese – campionessa in carica – ovviamente fra le favoritissime
NATIONAL LEAGUE
15 ore

Il Berna mette le mani su Josh Teves

Il ventisettenne difensore canadese rinforzerà gli Orsi fino al termine della stagione: arriva dai finlandesi dell’Jyväskylä
Formula 1
15 ore

Nuovo look per l’Alfa Sauber

Livrea rosso-nera per la vettura del team con sede a Hinwil, che conferma i piloti Bottas e Zhou nel Mondiale che scatta il 5 marzo in Bahrain
Parigi 2024
15 ore

‘Niente russi finché c’è la guerra’

Anne Hidalgo, sindaca della capitale francese, cambia idea: ora è contraria alla presenza di Mosca alle Olimpiadi di Parigi del 2024
Sci
16 ore

Combinata d’oro per Pinturault

Sulle nevi di casa, il veterano francese precede sul podio gli austriaci Schwarz e Haaser. Rossocrociati senza acuti
Basket
17 ore

Calendari troppo fitti e time out sprecati

Fra i problemi del nostro basket c’è l’uso spesso improprio e controproducente da parte degli allenatori dei minuti di sospensione
BASKET
16.04.2021 - 14:05
Aggiornamento: 16:36

‘Battere l'Olympic ha un sapore speciale’

Coach Gubitosa parla della sfida al vertice tra la sua Spinelli Massagno e Friborgo. Lugano in trasferta a Neuchâtel. Dusan Mladjan lascia la Nazionale

battere-l-olympic-ha-un-sapore-speciale

Il programma di oggi prevede un big match a Massagno, dove la Spinelli ospita alle 17.30 l’Olympic Friborgo, e la trasferta dei Tigers di Lugano in quel di Neuchâtel contro avversari che sono capaci del meglio e del peggio da una gara all’altra.

La sfida con l’Olympic è di quelle che non necessitano di particolari motivazioni per tutti i contendenti, dato che lotta di vertice si tratta. La Sam è seconda in classifica con sei punti di vantaggio sui burgundi, ma con una partita in più. Il calendario di Dusan Mladjan e compagni prevede, oltre alla gara di oggi, le trasferte a Ginevra, mercoledì prossimo, e a Monthey il primo maggio. Un vantaggio, anche al netto del 2-0 negli scontri diretti, che garantisce già il secondo posto. Ma la Spinelli è anche a due soli punti da Ginevra e quindi le motivazioni sono ancora maggiori perché, dovesse vincerle tutte, i massagnesi arriverebbero al primo posto. Un rush finale che mette i brividi, dato che avere il vantaggio del fattore campo, con qualche apertura al pubblico che potrebbe aiutare, non è da sottovalutare. 

Ma, tornando alla gara di oggi, bisogna anche essere consapevoli che i burgundi sono un avversario che non concede né distrazioni né risparmio di energie e la loro vittoria sul campo del Ginevra di una settimana fa, ne è una testimonianza.

Per Gubitosa è La Partita, da sempre oramai, perché l’Olympic rappresenta il tutto del basket svizzero: «Battere l’Olympic è una di quelle soddisfazioni che va al di là dei due punti, perché si sa che è una squadra costruita per l’Europa e quindi di valore. In Coppa abbiamo sprecato una terza vittoria, dopo le due in campionato, che fa molto male ancora oggi. La voglia di non lasciarli risalire in classifica è tanta e ce la metteremo tutta».

Ancora senza Marko Mladjan? «Marko lo riavremo per i playoff, non prima ma confido sulla determinazione di tutti per portare a casa la vittoria. Non potremo avere passaggi a vuoto e quindi ognuno dovrà stare in campo con la massima disponibilità a combattere su ogni pallone».

I Tigers vanno in campo a Neuchâtel con la voglia di puntare al quinto posto per evitare una delle prime tre nei playoff. Il Neuchâtel è una compagine ricca di alti e bassi ma capace di inguaiare chiunque avversario quando è in giornata. I ragazzi di Cabibbo sono usciti vincenti contro il Boncourt con grande carattere ma solo nel secondo tempo. Se la difesa sarà quella dei primi 20 minuti di una settimana fa, saranno guai perché i neocastellani hanno un roster di buon livello. Ma il Lugano ha già dimostrato, al netto dall’avere due soli stranieri in squadra, di sapersela giocare contro tutte. Occorrerà avere una grande forza difensiva e sviluppare un attacco efficace. Cabibbo è un coach che sa gestire bene la squadra e, pur con i limiti evidenti, sta ottenendo risultati più che buoni. Un colpo di coda a Neuchâtel sarebbe un toccasana per tutto l’ambiente bianconero.

L’addio alla nazionale di Dusan Mladjan

Dopo 18 anni, Dusan dice addio alla Nazionale: l’età, 36 anni, la famiglia, i tre figli, il lavoro sono i fattori che hanno inciso sulla sua decisione. Non è più tempo per dedicare le estati alla nazionale o tutti gli spazi che il calendario concede quando gioca la Nazionale. Lui è stato certamente uno dei giocatori più significativi della Nazionale, dove ha debuttato a soli 17 anni ben 18 anni fa: è l’uomo dell’ultimo tiro per antonomasia, l’ultimo in ordine di tempo quello contro la Serbia, il giocatore dai tiri “impossibili” già da quando giostrava nelle giovanili, sia nei club sia nelle Nazionali. Noi avremo il piacere di poterlo seguire ancora a livello di club e la rincorsa al titolo della Spinelli passerà anche dalle sue mani per cui, per ora, diciamogli grazie per quanto ha fatto per la nostra nazionale in attesa di altri exploit in collina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved