SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
3 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
8 ore

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
9 ore

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
10 ore

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
12 ore

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
12 ore

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
13 ore

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
14 ore

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
CALCIO
14 ore

Parcheggi limitati a Cornaredo, meglio i mezzi pubblici

L’Fc Lugano comunica che verranno creati parcheggi a lisca di pesce su una corsia di via Ciani (imbocco da via Brentani). Chiuso lo sterrato della Gerra
Nuoto
06.04.2021 - 11:52
Aggiornamento: 19:34

A Uster con in testa Budapest e un po' anche Tokyo

Scatta mercoledì nel canton Zurigo un'edizione dei Campionati svizzeri che per Noé Ponti e compagni rappresenta una tappa sulla strada per Europei e Olimpiadi

di Stefano Minotti
a-uster-con-in-testa-budapest-e-un-po-anche-tokyo

Missione Budapest, pensando a Tokyo. È questo il mantra della Federazione svizzera di nuoto in queste settimane che segnano l’avvicinamento agli appuntamenti più importanti di una stagione che da oggi a Uster propone i Campionati nazionali. La rassegna continentale inizierà esattamente un mese dopo il termine degli Svizzeri, essendo in programma dall'11 al 23 maggio in Ungheria, con le ultime gare che si disputeranno esattamente due mesi prima della cerimonia d’apertura dei Giochi olimpici. Pur essendo vicini, non è però ancora tempo per pensare ai cinque cerchi, considerato che i quattordici atleti che sono finora riusciti a qualificarsi per gli Europei formano una delegazione che potrebbe risultare tra le più vincenti della storia del nuoto rossocrociato. Sì perché i risultati dell’ultimo anno ci dicono che Jérémy Desplanches, Lisa Mamié, Noè Ponti e Roman Mityukov sono riusciti a issarsi e a resistere stabilmente ai vertici delle classifiche continentali nelle proprie discipline e tutti nutrono giustificate ambizioni in vista dei prossimi impegni internazionali.

Non si nasconde il locarnese Noè Ponti, a Uster per saggiare la sua condizione in vista di Budapest, dove spera di qualificarsi per una o più finali e, perché no, togliersi la soddisfazione di una medaglia continentale, lui che nel dicembre del 2020, a Rotterdam, aveva nuotato in 51"15 la terza prestazione dell’anno europea e mondiale sui 100 m delfino, e attualmente è il quinto migliore del 2021. Quella ungherese sarà per il 19enne locarnese una tappa fondamentale al fine di definire gli obiettivi specifici ai quali ambire ai Giochi Olimpici anche se, già sin d’ora, Noè non nasconde la consapevolezza del fatto che una finale sembrerebbe alla sua portata.

Un nuovo formato in risposta alla pandemia

I presupposti per ambire al successo sono certamente ottimi. Un team formato dal giusto mix di giovani talenti e atleti più navigati, quindi, si ritroverà ad Uster a partire da mercoledì per i primi campionati nazionali in vasca lunga post-Covid19. Una rassegna (prevista originariamente la prima settimana di aprile) che per cause di forza maggiore ha dovuto trovare un nuovo assetto: non più quattro giornate divise tra eliminatorie e finali, ma dieci gruppi di competizioni nei quali si affronteranno prima le donne, poi gli uomini, occupando le dieci mezze giornate prima con le eliminatorie mattutine e poi con le finali pomeridiane. Questo per evitare, naturalmente, eccessivi assembramenti a bordo piscina o in camera di chiamata; onde limitare i contatti, inoltre, il numero di atleti e allenatori e stato contingentato e l’accesso agli spettatori sarà vietato. Un piano di protezione necessario allo svolgimento di una competizione carica di importanza perché precede, come detto, l’estate olimpica. Ai blocchi di partenza si ritroverà tutta l’élite del nuoto nazionale, con l’obiettivo di rimpolpare la delegazione che partirà verso Budapest o per staccare gli ultimi biglietti disponibili per il Giappone. Attualmente sono nove gli atleti già qualificati per le Olimpiadi: oltre a quelli già citati saranno della spedizione anche Maria Ugolkova e i quattro membri mancanti per completare le staffette 4 x 100 mista femminile e 4 x 200 stile libero maschile.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved