LA Kings
3
ANA Ducks
4
3. tempo
(0-0 : 1-2 : 2-2)
LA Kings
3
ANA Ducks
4
3. tempo
(0-0 : 1-2 : 2-2)
tigers-un-lustro-per-rifare-la-prima-squadra
Ti-Press
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
6 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
8 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
8 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
11 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
11 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
11 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
12 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
12 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Basket
30.03.2021 - 14:050
Aggiornamento : 19:38

Tigers, un lustro per rifare la prima squadra

Per sfruttare al meglio l'opportunità data dal Polo sportivo bisogna creare i presupposti per un futuro più strutturato

di Mec

Il consiglio comunale di Lugano ha dato il via libera alla messa in opera del nuovo complesso sportivo di Cornaredo, in primis alla costruzione del nuovo stadio e del palazzetto dello sport. Due strutture vitali per il futuro sportivo d’élite a Lugano senza le quali lo sport di punta sarebbe costretto a rinunciare alla serie A per il calcio e a uno sviluppo limitato delle altre discipline legate al palazzetto, in particolare basket e pallavolo ma non solo. Infatti il palazzetto potrà ospitare manifestazioni di livello internazionale di sicuro impatto come, tra l’altro, la boxe, la ginnastica artistica e ritmica, il tennis da tavolo e il tennis indoor. Insomma, una struttura che si presta a tutta una serie di avvenimenti che porteranno a un ulteriore sviluppo turistico ed economico della città e del Ticino in generale. 

Il primo augurio è che non ci sia un referendum che ne ostacolerebbe l’avvio, anche perché non è pensabile demolire tutto quanto è stato fatto in questi anni, in particolare dal FC Lugano e dai suoi dirigenti, per avere e mantenere una squadra in serie A, e quanto hanno lottato gli altri sport per avere un palazzetto. Del palazzetto se ne parlava già alla fine degli anni Settanta e ricordo che al carnevale di Molino Nuovo del 1979, con il compianto Giovanni Cansani, con Fiorenzo Poggiali e gli allievi di terza maggiore, avevamo fatto un unico carro con il tema del “Palazzetto fantasma”. Sono passati da allora 42 anni e siamo ancora qui ad aspettare il palazzetto. Allora erano i privati a volerlo costruire ma la città aveva altri progetti da sostenere e quindi tutto è stato rimandato. 

Il Pse attuale ha avuto una gestazione di dieci anni e non si è ancora convinti della sua necessità, al di là di scelte più o meno prioritarie e di intoppi procedurali di varia natura.

In attesa che ci siano sviluppi di natura politica, il referendum è un diritto sancito dalle nostre leggi, occorre che le varie società si attivino anche su un altro piano e qui tocchiamo il tasto della pallacanestro. È abbastanza chiaro che con una squadra come quella attuale, avere un palazzetto o non averlo non fa molta differenza perché, al netto del bisogno per le attività giovanili, non c’è una massa di pubblico in grado di riempirlo in maniera adeguata. I dirigenti bianconeri hanno però quattro o cinque anni di tempo per ricostruire la prima squadra e dare ancora un maggior impulso al settore giovanile. Una ricostruzione che deve partire certamente dai giovani del vivaio ma anche da una struttura societaria e finanziaria di peso che possa garantire stabilità e investimenti adeguati per avere una compagine in grado di lottare per il titolo. Negli ultimi anni il calo di pubblico è stato evidente ed è legato a una mancanza di mezzi finanziari che ha tolto qualità e spettacolarità. Il tifoso è stato abituato a vedere per anni grandi campioni in campo e la squadra vincere titoli e coppe e partecipare alle coppe europee, con l’Elvetico pieno e il tifo vero. Ai dirigenti attuali il compito di attuare nei prossimi anni le migliori strategie possibili per essere pronti a sfruttare al massimo il nuovo palazzetto e ridare a Lugano quella qualità che i tifosi del basket si aspettano.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved