tom-l-thi-in-ritardo-con-la-messa-a-punto
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
gallery
Hockey
2 ore

Dai pascoli di Heidi al record mondiale: questo è Ambühl

L’attaccante 38enne si appresta a superare oggi il record assoluto di partite a un Mondiale. Al quale prese parte per la prima volta nel 2004
tennis
8 ore

A Wimbledon nessun punto per tennisti e tenniste

Atp e Wta hanno preso questa decisione in seguito alla scelta degli organizzatori di escludere i giocatori e le giocatrici russi e bielorussi
CICLISMO
8 ore

Démare piazza il tris a Cuneo

Il francese si è imposto in volata nella 13esima tappa. In rosa resta Juan Pedro Lopez.
Hockey
9 ore

La Slovacchia si impone di misura, la Lettonia ai rigori

Battuti rispettivamente Kazakistan e Austria per 4-3. I baltici sono ormai salvi
Formula 1
9 ore

Barcellona, dove si capisce il mondiale

Le Red Bull si presentano sul circuito spagnolo alleggerite di altri 4 kg. Per aiutare Verstappen a raggiungere Leclerc in vetta al Mondiale.
hockey
10 ore

Jonas Siegenthaler, il tailandese dell’hockey

Il 25enne difensore ci parla della sua origine e della sua avventura nordamericana. ‘Ho ingoiato tanta emme, ma alla fine ci sono riuscito’.
Calcio
11 ore

Gilardi e l’Acb ‘volano’ in Challenge League

La società granata è l’unico club di Promotion League ad aver ricevuto la licenza per la lega cadetta, che ritrova dopo 9 anni
CALCIO
12 ore

Forse non è l’uovo di Colombo, ma vale la pena provare

La Swiss Football League ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff, novità suscettibili di rendere più interessante il torneo
Calcio
13 ore

L’Acb è in Challenge League: licenza concessa in seconda istanza

L’accoglimento del ricorso, unito alla rinuncia del Breitenrain, vale di fatto la promozione a prescindere dai risultati sul campo
Motociclismo
25.03.2021 - 16:07
Aggiornamento : 26.03.2021 - 16:08

Tom Lüthi: ‘In ritardo con la messa a punto’

Il 34enne bernese alle porte delle 19esima stagione nel Motomondiale ammette il gap che accusa sulla concorrenza: ‘Non siamo al punto in cui vorremmo essere’

Ats, a cura de laRegione

Da pretendente al titolo a poco più che comparsa. È questo il triste percorso fatto da Thomas Lüthi nella passata stagione di Moto2, la categoria alla quale aveva fatto ritorno due anni fa dopo l'altrettanto deludente campionato passato in MotoGp. A giudicare dai test effettuati, anche la stagione entrante si presenta complicata, per il 34enne pilota bernese, alle porte della 19esima stagione sulle due ruote.

Lüthi ha dimostrato nelle stagioni precedenti, e confermato nell’annata 2019 chiusa al terzo posto nella generale e condita da quattro podi filati, di poter competere con i migliori, in una categoria della quale è ormai da tempo uno dei piloti più affermati. Tuttavia lo scorso anno ha chiuso senza alcun piazzamento di rilievo, e con addirittura le quattro ultime gare consecutive senza alcun punto all’attivo. Una stagione così deludente, il 34enne di Linden non se la può più permettere, pena il levarsi di voci critiche che ne suggeriscono il pensionamento. Un’ipotesi che l’elvetico, molto legato al mondo delle due ruote e convinto di avere ancora molto da dire, non vuole prendere in considerazione.

Come ricordato, nel 2019 ha vissuto una delle sua stagioni più felici, simili a quella del 2016 e 2017 nelle quali ha lottato fino alla fine per la conquista del titolo. Lo scorso anno, invece, ha raccolto solo 72 punti (undicesimo rango). Peggio - escluso il 2018 trascorso nella classe regina - fece solo nel lontano 2004. L’anno successivo, però, trionfò nell’allora 125 (primo elvetico dopo Stefan Dörflinger nel 1985). Nel suo palmarès, 17 Gran Premi vinti, 65 podi, l’ultimo nel 2019 a Valencia.

Il cambio di scuderia (è passato agli spagnoli del Sag Team) non ha ancora dato i frutti sperati: i test di preparazione non sono andati in maniera soddisfacente. «Non siamo ancora al punto in cui vorremmo essere», dichiarò Lüthi a inizio marzo. La messa a punto della sua Kalex non lo pone infatti ancora allo stesso livello dei colleghi più ambiziosi. È addirittura risultato più lento del suo compagno di scuderia l’olandese Bo Bendsneyder, di 13 anni più giovane, il quale non vanta alcun piazzamento di rilievo nei 49 Gran Premi disputati in carriera.

Abbastanza impietoso l’esito degli ultimi test effettuati in Qatar: Lüthi (ventesimo) è risultato di un secondo più lento rispetto al collega più rapido, Sam Lowes. a titolo di paragone, Bendsneyder è giunto sesto, a ridosso dei migliori. «È evidente che mi aspettavo di essere più veloce, ma non siamo ancora al punto in cui vorremmo essere. Va però detto il ritmo gara mi dà sensazioni più confortanti che non il singolo giro veloce», afferma il bernese, consapevole che le attuali difficoltà nella messa a punto della sua moto rappresentano un ostacolo non di poco conto.«Abbiamo bisogno di fare ancora numerosi passi avanti prima di consentirmi di avvicinarmi ai migliori anche nelle qualifiche». Il tempo, però, è tiranno, la stagione incombe. «Devo restare rilassato, non posso permettermi di innervosirmi. I progressi non tarderanno». Nell’attesa, domenica non può che ambire a un piazzamento nei primi dieci, sarebbe già un risultato di un certo spessore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
moto2 motomondiale tom lüthi

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved