Napoli
4
Lazio
0
fine
(3-0)
MIN Wild
4
TB Lightning
2
fine
(2-1 : 0-1 : 2-0)
Napoli
4
Lazio
0
fine
(3-0)
MIN Wild
4
TB Lightning
2
fine
(2-1 : 0-1 : 2-0)
i-tre-moschettieri-all-assalto-della-sanremo
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
2 ore

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
4 ore

Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin

Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
5 ore

‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’

Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
5 ore

Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’

Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Tennis
7 ore

Australian Open, in dubbio la presenza di Nole

Novak Djokovic non vuole piegarsi al ‘ricatto’ dell’obbligo vaccinale imposto dagli organizzatori del primo Slam stagionale
Calcio
7 ore

Derby, un punto a testa per Bellinzona e Chiasso

La rete di Cortelezzi nel finale consente ai granata di rimediare al gol trovato da Maurin nel primo tempo
Calcio
7 ore

Martin Blaser (Fc Lugano): ‘Bene, avanti con questo entusiasmo’

Il Ceo della società bianconera, il cui futuro è garantito grazie al nuovo stadio del Pse, si dice soddisfatto e assicura: ‘Se potremo ci rinforzeremo’
Formula 1
7 ore

Il mondo dei motori piange la scomparsa di Frank Williams

L’inglese, ex pilota e patron dell’omonima scuderia dagli anni Settanta, è deceduto oggi all’età di 79 anni. Domenicali: ‘Se ne è andato un gigante’
gallery
Hockey
1 gior

Prima il Natale, poi... l’Epifania per l’Ambrì Piotta

Non basta un vantaggio di quattro reti (dopo soli 8 minuti): i biancoblù subiscono prima la rimonta e poi il sorpasso dello Zugo
Gallery
Calcio
1 gior

Lugano corsaro al ‘Letzi’, decide Custodio di testa

Quarta vittoria consecutiva dei bianconeri che in classifica salgono a quota 26, come il Basilea
Calcio
1 gior

Prisma, pm: plusvalenze per mascherare perdite d’esercizio

Questa in sintesi è l’ipotesi su cui stanno lavorando la procura di Torino e la Guardia di Finanza
Hockey
1 gior

Cereda: ‘Il dio dell’hockey sta guardando da un’altra parte’

Il coach biancoblù ha ben poco da rimproverare ai suoi, nonostante la sconfitta di Bienne. ‘Lo sforzo è stato buono, eccezion fatta per i primi minuti’
Hockey
1 gior

L’amarezza di Boedker: ‘Potevamo e dovevamo vincere’

Sotto di tre reti alla prima pausa, il Lugano di McSorley riesce a riprendere il Friborgo. Che però trova la stoccata decisiva nel prolungamento
Calcio
1 gior

Perquisizioni della ‘finanza’ nella sede della Juventus

Le Fiamme Gialle stanno recuperando documenti relativi alla compravendita di diritti alle prestazioni sportive
Hockey
2 gior

Il Lugano raddrizza il match, ma a vincere è il Friborgo

Sotto di tre reti alla prima pausa, i bianconeri rifanno superficie. Per poi cedere il passo al capolista nell’overtime
Hockey
2 gior

L’Ambrì per un soffio s’arrende al Bienne

Dopo un pessimo avvio i leventinesi di Luca Cereda riescono a rimontare, ma nel finale arriva la rete decisiva di Hofer per il 3 a 2 definitivo.
CICLISMO
20.03.2021 - 06:000

I tre moschettieri all'assalto della Sanremo

Oggi si corre il primo ‘monumento’ stagionale. Favoriti Van Aert, Alaphilippe e Van der Poel. Le carenze elvetiche nelle volate

È una delle cinque classiche più importanti al mondo, uno dei cinque monumenti del ciclismo internazionale. Ed è la prima a ritrovare la collocazione naturale dopo il 2020 scombussolato dalla pandemia. Si torna a correre in marzo, in condizioni molto diverse rispetto all’ultima edizione di agosto. E si torna a correre su un tracciato pressoché identico a quello che ha contribuito a creare la storia della Classicissima di primavera. Si attraverserà di nuovo la Liguria, non mancheranno i tre Capi (Mele, Cervo e Berta), antipasto per i due strappi più importanti, la Cipressa e il Poggio, che lanceranno verso il traguardo di via Roma (arrivo previsto oggi attorno alle 15.50), dopo ben 299 km di corsa destinati però ad accendersi soltanto negli ultimi 50 km. A far difetto, rispetto alla tradizione, sarà soltanto il Turchino, impraticabile per una frana, sostituito dalla salita del colle Giovo. 

La Sanremo è da sempre l'unica delle grandi classiche appannaggio dei velocisti, salvo qualche rara eccezione con un colpo di mano decisivo sul Poggio. E il 2021 potrebbe essere proprio uno di quegli anni. Sì, perché i grandi favoriti sono tre, tutti capaci di vincere una volata a ranghi più o meno compatti, ma soprattutto in grado di fare la differenza sul Poggio e tenere a distanza il ritorno del plotone. Wout van Aert, Julien Alaphilippe e Mathieu van der Poel sembrano i candidati principali al successo. Tutti e tre arrivano da una Tirreno - Adriatico corsa da protagonisti: due vittorie, due secondi posti e due terzi per il belga, una vittoria per il transalpino, due vittorie e un secondo posto per l'olandese. Il francese sembrerebbe avere in mano meno carte, ma in finali con il plotone allungato ha dimostrato di saper essere veloce, tant’è che delle ultime due edizioni una l’ha vinta e l’altra l’ha persa di un niente contro Van Aert.

Scattare sul Poggio e tenere fino alla fine è diventata negli anni specialità quasi impraticabile, se non per atleti con il motore superiore, alla Cancellara. Ecco perché una chance la si potrebbe dare anche al campione del mondo a cronometro, Filippo Ganna. Ma se togliamo i tre di cui sopra, a contendersi la vittoria dovrebbero essere soprattutto i velocisti puri, gente come Michael Matthews, Giacomo Nizzolo, Elia Viviani, Sam Bennett.

Svizzera, mancano i velocisti

Quella delle volate a ranghi compatti è una specialità nella quale il ciclismo svizzero non ha mai eccelso, se non in alcune rare occasioni. Un ciclismo svizzero che altrove sa come mettersi in mostra ai massimi livelli. La stagione del World Tour è iniziata da appena un mese e già i rossocrociati sono saliti quattro volte sul podio, nonostante il gioiellino del movimento elvetico, Marc Hirschi, non abbia ancora iniziato a correre (esordirà settimana prossima al Giro della Catalogna). In evidenza si sono messi Stefan Bissegger e Gino Mäder, due della nuova generazione. Bissegger ha ottenuto la prima vittoria da professionista nella cronometro della Parigi-Nizza, dopo aver preceduto il campione del mondo Filippo Ganna nella crono dell’Uae Tour in febbraio. E, sempre sulle strade della corsa verso il sole, nella tappa regina Mäder ha sfiorato la vittoria, ripreso a 20 metri dal traguardo da Primoz Roglic. Stefan Küng, dal canto suo, ha chiuso al secondo posto la cronometro della Tirreno - Adriatico, battuto da Van Aert, ma davanti a Filippo Ganna. Prestazioni che lasciano ben sperare per il prosieguo della stagione, ma non per un successo alla Sanremo. Negli anni, il ciclismo svizzero ha avuto un solo grande velocista, Urs Freuler. In parallelo alla sua impressionante carriera su pista (dieci titoli mondiali), negli anni Ottanta il glaronese si era fatto un nome quale velocista su strada. Nel 1981 vinse una tappa al Tour de France, ma il suo territorio di caccia preferito era il Giro, dove timbrò il cartellino ben 15 volte.

Prima e dopo Freuler, però, le volate non hanno mai arriso al ciclismo rossocrociato, incapace di forgiare campioni del calibro di Cipollini, Zabel, Greipel, Cavendish o Petacchi. Per spiegare il motivo di questa carenza, basta dare un’occhiata alla filosofia della formazione in svizzera. Gente come Küng, Bissegger o Hirschi, prima di iniziare la carriera su strada si sono fatti le ossa in pista. Swiss Cycling ha costantemente concentrato la formazione sulle discipline di resistenza, con l’inseguimento a squadre quale fiore all’occhiello del movimento. Una strategia che ha dato i suoi frutti, con numerose medaglie e titoli mondiali nell’inseguimento individuale (Küng), nel Madison (Marvulli e Risi) e nello scratch (Marvulli). Le discipline dello sprint, al contrario, sono state quasi dimenticate.

Negli ultimi anni, tuttavia, la federazione sembra aver cambiato rotta, come conferma Beat Müller, capo degli sport di competizione per Swiss Cycling… «In futuro vogliamo poter contare di più sui velocisti. Un buon velocista porta spesso a casa un mazzo di fiori». Vale a dire: sono maggiori le occasioni di vincere una volata che di imporsi in una tappa di montagna… Per scovare il nuovo Freuler, la federazione sta affrontando il problema alla radice, vale a dire investendo nel talent scouting… «Fino a due anni fa nella ricerca dei talenti non rilevavamo sistematicamente le prestazioni degli sprint, in quanto l’attenzione era posta soprattutto sulla performance aerobica. Ora, con un semplice salto in lungo da fermo, misuriamo l’esplosività dei candidati, ciò che ci permette di fare una previsione molto accurata sulle prestazioni in bicicletta». Una volta selezionati, i candidati verranno inseriti nel sistema di formazione di Swiss Cycling. «L’obiettivo è di riuscire un giorno a costituire un gruppo di sprinter in grado di rivaleggiare ai massimi livelli. La strada per scovare il prossimo re dello sprint elvetico è ancora lunga, ma il casting è stato lanciato.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved