Milan
Salernitana
15:00
 
Milan
Salernitana
15:00
 
swiss-olympic-e-la-grande-sfida-di-pechino-2022
Tra un anno l'apertura al Nido di rondine
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
calcio e finanza
9 ore

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
15 ore

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
16 ore

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
17 ore

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
19 ore

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
20 ore

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
21 ore

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
22 ore

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
22 ore

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
OLIMPIADI
04.02.2021 - 16:510
Aggiornamento : 17:49

Swiss Olympic e la grande sfida di Pechino 2022

Allo studio soluzioni per clima, pandemia, concentrazione delle competizioni e necessità di preparare Ghiochi estivi e invernali praticamente in contemporanea

Le Olimpiadi invernali di Pechino scatteranno tra un anno esatto. Le numerose prove, le condizioni meteorologiche e la pandemia di coronavirus rendono la missione di Swiss Olympic molto esigente in termini di logistica. «La nostra più grande sfida è rappresentata dalla necessità di preparare due Giochi olimpici in parallelo», ha spiegato Ralph Stöckli, capo missione di Swiss Olympic, in una conferenza stampa virtuale. Ci sarà solo un intervallo di 180 giorni tra la cerimonia di chiusura dei Giochi estivi di Tokyo e l'inizio dei giochi invernali di Pechino nello stadio Bird's Nest il 4 febbraio. In due settimane, 109 eventi in 7 diversi sport e 15 discipline si svolgeranno nelle tre sedi di Pechino, Yanqing e Zhangjiakou. Tra le nuove discipline da testare ci saranno il monobob femminile e la competizione Big-Air nello sci freestyle, disciplina in cui Mathilde Gremaud e Andri Ragettli hanno appena trionfato agli X-Games di Aspen.

Mentre il numero totale di atleti è stato ridotto sotto i 2’900, Swiss Olympic prevede di inviare un record di 180 concorrenti. «Questo dimostra che negli sport invernali siamo sulla strada giusta», aggiunge Stöckli con soddisfazione. Le squadre nazionali di hockey femminile e maschile hanno già assicurato la loro selezione. Per i giochi paralimpici, che inizieranno un mese più tardi, Swiss Olympic conta su una delegazione di tra cinque e 15 atleti.

Condizioni meteorologiche difficili

«Pechino è pronta, questa è la notizia positiva – afferma Stöckli –. Ma la pandemia di coronavirus non molla». Numerose prove-test, non solo sportive, ma anche logistiche, sono state vittime del Covid-19. «Cancellazioni che non rappresentano l’ideale percorso di avvicinamento, ma che toccano tutte le nazioni.

Come a Pyeongchang nel 2018, le condizioni climatiche rappresenteranno una sfida per gli atleti e gli accompagnatori. Le fluttuazioni di temperatura sono caratteristiche del clima invernale di Pechino. «Dobbiamo essere pronti a tutto – aggiunge il medico della delegazione, Patrick Noack –. Senza dimenticare la cattiva qualità dell'aria in una metropoli con una popolazione di 20 milioni di abitanti».

Non è ancora possibile dire in che misura la pandemia di coronavirus influenzerà il comportamento dei partecipanti. È chiaro che gli organizzatori e le delegazioni beneficeranno delle esperienze di Tokyo. Swiss Olympic raccomanda ai suoi atleti e funzionari di essere vaccinati contro il coronavirus. «Da parte nostra non ci sarà però alcun obbligo», assicura Noack.

Critica internazionale della Cina

I Giochi di Pechino sono stati oggetto di pesanti critiche. Centottanta organizzazioni internazionali hanno chiesto il boicottaggio dei Giochi per il mancato rispetto dei diritti umani. La situazione è particolarmente grave per la comunità uigura. «Siamo consapevoli che la Cina ha un approccio diverso alla politica – afferma Stöckli –. Ma le Olimpiadi permetteranno all'opinione pubblica di tutto il mondo di concentrarsi sulla Cina e attirare l'attenzione su queste carenze. Possiamo dare un segnale forte vivendo i valori olimpici e testimoniando l’importanza di una società aperta e libera», conclude il capo missione elvetico.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved