Congo Dr
1
Marocco
1
fine
(1-0)
Mali
0
Tunisia
1
fine
(0-1)
Cameroon
0
Algeria
1
fine
(0-1)
Ghana
0
Nigeria
0
fine
(0-0)
Egitto
1
Senegal
0
fine
(1-0)
Senegal
1
Egitto
0
fine
(1-0 : 0-0 : 0-0)
Nigeria
1
Ghana
1
fine
(1-1)
Algeria
1
Cameroon
2
fine
(0-1)
Marocco
4
Congo Dr
1
fine
(2-0)
Tunisia
0
Mali
0
fine
(0-0)
Olanda
3
Usa
1
fine
(2-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
QATAR 2022
2 min

Una Svizzera che cresce di pari passo con l’ambizione

A 48 ore dall’ottavo di finale, nel clan rossocrociato tutti sono convinti che quella con il Portogallo rimane una sfida in bilico
Hockey
1 ora

Coppa Spengler, per l’Ambrì c’è Vili Saarijärvi

Per il torneo di Davos, Luca Cereda potrà contare sull’innesto del difensore finlandese classe 1997 del Langnau, Saarela, Michaelis e Rowe col Davos
HOCKEY
15 ore

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare
SCI ALPINO
15 ore

A Lake Louise Sofia Goggia concede il bis

Dopo la vittoria di venerdì, l’italiana si è ripetuta. Terzo posto per Corinne Suter a 37 centesimi dalla vincitrice. Tredicesima Lara Gut-Behrami
QATAR 2022
15 ore

L’Argentina scherza con il fuoco, ma alla fine sorride

Messi e compagni fanno poco per superare l’Australia e all’ultimo secondo Kuol potrebbe mandare tutti ai supplementari
hockey
15 ore

Con gli uomini contati, ma con il cuore l’Ambrì vince

I leventinesi interrompono contro il Rapperswil la striscia negativa, cambiando marcia dopo un primo tempo disastroso
SCI ALPINO
18 ore

Solo sei centesimi separano Kilde da Odermatt

Sulla Bird of Prey di Beaver Creek la vittoria è andata al norvegese. Terzo posto per il canadese Crawford. Noni Feuz e Hintermann
QATAR 2022
19 ore

Olanda troppo quadrata, gli Stati Uniti si arrendono

Finisce 3-1 per gli Oranje il primo ottavo di finale dei Mondiali. Decisivo Dumfries con due assist e un gol
Bob
1 gior

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
1 gior

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
1 gior

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
1 gior

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
1 gior

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
1 gior

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
1 gior

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
1 gior

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
1 gior

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
1 gior

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Atletica
laR
 
28.01.2021 - 16:44
Aggiornamento: 17:42

Ajla Del Ponte e la nuova dimensione: ‘Mi sento più forte’

La 24enne valmaggese pronta al debutto (domani a Karlsruhe) in una stagione olimpica dalle grandi attese dopo gli ottimi risultati di quella passata

ajla-del-ponte-e-la-nuova-dimensione-mi-sento-piu-forte

Dentro è sempre lei, Ajla Del Ponte, quella semplice ragazza della Vallemaggia che per divertimento correva per le piste di tutto il Ticino con la casacca dell’Us Ascona addosso. Fuori, però, quella ragazzina è ormai cresciuta ed è diventata una grande atleta che sta portando con onore i colori rossocrociati in giro per il mondo, tanto che a 23 anni è già passata da Europei, Mondiali e Olimpiadi. Un’evoluzione continua che ha subìto un’impennata impressionante nella passata stagione, condizionata sì dalla pandemia, ma che ha visto la sprinter di casa nostra migliorare i suoi tempi tanto al coperto quanto all’aperto (personale dei 100 m abbassato da 11"29 a 11"08), raccogliere titoli nazionali (60 e 100 m) e inanellare successi, tra cui due prove della Diamond League e il Galà dei Castelli di Bellinzona.

Sì, l’Ajla Del Ponte che domani a Karlsruhe aprirà la sua stagione disputando i 60 m (alle 20.23 le due batterie, alle 21.30 la finale) nella prima tappa (a porte chiuse) del World Athletics Indoor Tour è decisamente un’atleta diversa rispetto a 12 mesi or sono. Fuori, agli occhi di tutti, è oramai una grande protagonista dell'atletica mondiale. Ma anche un po’ dentro…

«Per me si tratta di una semplice evoluzione, se prima sentivo un certo tipo di sensazioni quando correvo a Locarno o a Macolin, ora le ho in un contesto internazionale – afferma convinta e con estrema lucidità la studentessa di Lettere, che ha raggiunto solo oggi la Germania, dove sui 60 m se la vedrà con avversarie del calibro delle britanniche Dina Asher-Smith (campionessa del mondo in carica sui 200 m e che torna a gareggiare al coperto dopo 3 anni di assenza) e Asha Philip (oro agli Europei indoor 2017), nonché della polacca Ewa Swoboda (vincitrice lo scorso anno proprio del titolo di regina della velocità nella serie di meeting del World indoor tour e campionessa continentale in carica), della francese Carolle Zahi e della tedesca Tatjana Pinto, tutte atlete che vantano un personale migliore del 7”17 della ticinese –. Diciamo che sto percorrendo delle scale e semplicemente sono arrivata al piano successivo. Chiaramente ho dovuto lavorare anche sul piano mentale per raggiungere la consapevolezza che sì, faccio parte delle migliori in questo momento, ho le mie carte da giocare e sono altrettanto buone di quelle delle mie avversarie. A Karlsruhe me la vedrò con una campionessa del mondo e una europea in carica, ma non sarò lì per arrivare seconda o terza, bensì per lo stesso loro motivo, vincere».

La giusta adrenalina e sensazioni positive

Le intenzioni sono chiare, ma le sensazioni? «Sto bene, in queste ultime settimane ho sentito l’adrenalina salire, a maggior ragione dopo aver visto i nomi delle atlete di primo piano che affronterò, ma si tratta di uno stress positivo dato dalla grande voglia di iniziare a gareggiare dopo tanto lavoro. In fondo un po’ di agitazione per l’esordio stagionale c’è sempre, anche perché la prima gara è particolare, serve a prendere le misure e a capire dove si è e cosa si è in grado di fare. Sono consapevole che le aspettative dopo la scorsa stagione sono alte, ma sono io stessa la prima a voler puntare in alto, per cui sono relativamente tranquilla e come detto ho tanta voglia di iniziare. Ormai è da metà ottobre che mi alleno: a novembre ho passato un mese in Olanda e a inizio 2021 sono stata circa tre settimane in Sudafrica per un campo di allenamento, per il resto mi sono divisa tra il Ticino e Macolin. Il lavoro di per sé non è cambiato molto rispetto agli anni precedenti, all’inizio si fa tanto volume per poi andare verso la qualità e così è stato in Sudafrica, dove abbiamo cercato di affinare i dettagli».

Un lavoro che si ripete ma che non riparte mai da zero… «Evidentemente ogni anno si lavora sulle basi gettate in quelli precedenti, per cui se tutto va bene è una crescita costante, anche a livello fisico. E questo mi permette di fare meglio determinate cose. Non a caso nella preparazione abbiamo posto molto l’accento sulla forza specifica e devo dire che mi sento decisamente più forte in molti aspetti rispetto all’anno scorso, in particolare sul lanciato. È una bella sensazione e non vedo l’ora di verificare il riscontro in gara e di vedere come tutto si svilupperà. Per contro sulle partenze sono ancora piuttosto altalenante. Non è facile da spiegare, da una parte so che posso essere facilmente davanti, ma questo a volte mi porta a sedermi sugli allori. In particolare in allenamento, quando manca l’adrenalina delle competizioni, non riesco sempre a essere performante nelle partenze, mentre poi in gara spesso effettuo il salto di qualità. Meglio così che il contrario in ogni caso, speriamo di confermarlo».

Un passo alla volta, ma quei Giochi sullo sfondo...

Il World Athletics Indoor Tour (serie di meeting alla fine dei quali viene stilata una classifica per disciplina, Del Ponte dovrebbe prendere parte anche alle tappe di Liévin e Toruń) è solo il primo dei molti appuntamenti di una stagione giocoforza incerta, come ancora per nulla sicuro è purtroppo lo svolgimento (ed eventualmente le condizioni) dell’avvenimento principe, i Giochi olimpici di Tokyo, che dopo essere stati rinviati la scorsa estate sempre a causa della pandemia sono programmati tra il 23 luglio e l’8 agosto… «L’obiettivo principale è quello di concentrarmi su di me per migliorarmi, anche perché l’atletica è sì uno sport agonistico ma la sfida principale è con se stessi. A livello di risultati divido la stagione in due, al coperto e all’aperto e per il momento guardo solo a questa prima parte, che vedrà un primo sprint fino ai Campionati svizzeri del 20-21 febbraio prima di un “reset” per affrontare gli Europei indoor in Polonia (sempre a Toruń dal 5 al 7 marzo, ndr). Poi chiaramente quando ogni giorno vado in pista ad allenarmi, in testa quale obiettivo ultimo per quest’anno ho Tokyo e spero che le Olimpiadi si terranno regolarmente, ma di più non posso fare. Non sappiamo nemmeno se dovremmo vaccinarci, per cui non ha senso pensarci troppo, meglio concentrarmi su me stessa e su ciò che posso influenzare».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved