thomas-bach-categorico-niente-piano-b-per-i-giochi-di-tokyo
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
13 ore

Cunti beffa l'Ambrì, costretto alla resa al supplementare

Un tocco del topscorer del Bienne al 61'01'' decide una sfida che la squadra di Cereda, sotto 2-0 al 27', era riuscita a riaprire per ben due volte
Calcio
15 ore

Un cinico Lugano spazza via l'aria di crisi

I bianconeri vincono 3-0 a Sion una sfida fondamentale in chiave classifica e riassaporano il gusto della vittoria dopo sette partite
Hockey
15 ore

La National League rinvia decisioni e riforme

La Lega attenderà la fine della stagione. I giocatori saranno maggiormente coinvolti in tutte le discussioni
Hockey
16 ore

Ambrì, stagione conclusa per Matt D'Agostini

Tempi di recupero lunghi per il 34enne canadese. Julius Nättinen riprenderà a giocare presto, una volta riassorbito l'ematoma alla coscia sinistra
PODISMO
17 ore

Niente Giro della Media Blenio nemmeno nel 2021

Per il secondo anno consecutivo la manifestazione è stata annullata a causa della pandemia di Covid-19. L'alternativa della pratica individuale
Sci freestyle
18 ore

Nicole Gasparini terza ad Airolo, Conedera e Buzzi nel Top-10

Ottimi risultati dei ticinesi nel moguls negli ultimi due appuntamenti della Raiffeisen Fis Freestyle Ski Europa Cup Airolo 2021
SCI NORDICO
20 ore

La Norvegia domina la staffetta, Svizzera settima

Solida prestazione del quartetto rossocrociato in una gara che ha visto salire sul podio mondiale anche Russia e Finlandia. Grande delusa, la Svezia solo sesta
ATLETICA LEGGERA
21 ore

Simon Ehammer sogna una medaglia nell'eptathlon

Agli Europei indoor di Torun la delegazione svizzera presenta 23 atleti. Nell'asta Angelica Moser spera di fare meglio del quarto posto del 2019
SCI ALPINO
22 ore

Feuz pronto per l'assalto alla Coppa di specialità

Il bernese ha chiuso all'ottavo posto la seconda prova cronometrata in vista delle due discese di Saalbach. Bene Weber (5.), Odermatt undicesimo
CICLISMO
22 ore

Il Tour de Suisse numero 84 da Frauenfeld ad Andermatt

Svelato il percorso della corsa nazionale in programma, pandemia permettendo, dal 6 al 13 giugno. Venerdì 11 la carovana transiterà dal Ticino
Hockey
23 ore

Il Lugano pronto a rinnovare la collaborazione con i Rockets

La società bianconera, azionista di minoranza dell'Hockey Club Biasca Sa, conferma la disponibilità a continuare la cooperazione per la stagione 2021-22
BASKET
1 gior

Sam battuta sul filo di lana, Olympic in semifinale

Il quarto di Coppa a Nosedo deciso da un 'tap-in' di Cotture, e il Friborgo supera l'ostacolo Massagno. Gubitosa: 'Siamo mancati nell'insieme'
Hockey
1 gior

Per i Rockets è un mercoledì da leoni

Nella terzultima uscita di regular-season i ragazzi di Landry e McNamara battono l'Academy e fanno un passo verso i pre-playoff. Decide tutto Loïc Vedova
Hockey
1 gior

‘Giocando come martedì, possiamo battere chiunque’

Per Trisconi, la partita di Zugo ‘ha avuto un finale amaro, ma ha ribadito che l'Ambrì da diverse partite a questa parte sta giocando bene’
OLIMPIADI
21.01.2021 - 17:050
Aggiornamento : 19:44

Thomas Bach categorico: ‘Niente piano B per i Giochi di Tokyo’

Il presidente del Cio conferma le date del 2021 (23 luglio - 8 agosto). Ma non tutti sono così ottimisti e c'è chi chiede un rinvio al 2024

Quando nel marzo 2020 hanno preso la storica decisione di rinviare i Giochi olimpici di Tokyo di un anno, gli organizzatori avevano assicurato che avrebbero avuto regolarmente luogo nel luglio 2021. Se così fosse, si tratterebbe di una vittoria dell'umanità sul coronavirus, ma a sei mesi dalla scadenza, l'auspicato trionfo sembra ancora incerto. La strada per le seconde Olimpiadi estive della storia in terra giapponese, dopo quelle del 1964, sempre a Tokyo, non è mai stata facile con accuse di tangenti, inflazione dei costi del nuovo stadio olimpico e preoccupazioni per le temperature estive spesso roventi nella capitale giapponese. Ma questi eventi non erano nulla in confronto al vero e proprio muro che gli organizzatori si sono trovati dinnanzi dall'inizio del 2020 con la pandemia di Covid-19 che ha portato al rinvio dell'evento, una prima in tempo di pace. E con l'attuale recrudescenza mondiale del coronavirus, anche in Giappone, lo svolgimento dei Giochi, riprogrammati dal 23 luglio all'8 agosto 2021, è lontano dall'essere una certezza matematica.

Ufficialmente, gli organizzatori continuano ad affermare forte e chiaro che saranno in grado di organizzare i Giochi per l’estate 2021, anche nel caso in cui il virus non dovesse ancora essere sotto controllo… «Non abbiamo motivo di credere, in questo momento, che i Giochi olimpici di Tokyo non si possano aprire il 23 luglio nello stadio Olimpico di Tokyo – ha affermato Thomas Bach, presidente del Comitato olimpico internazionale (Cio) in un'intervista con l'agenzia giapponese Kyodo –. Ecco perché non esiste un piano B ed ecco perché siamo totalmente impegnati a rendere questi Giochi sicuri e di successo».

Tuttavia, Bach ha suggerito che il numero di spettatori potrebbe essere ridotto, dicendo che il Cio deve essere «flessibile» e disposto a compiere «sacrifici» per proteggere la vita delle persone. «Lo svolgimento dei Giochi rappresenta il nostro unico obiettivo e in questa fase non stiamo discutendo altro», ha affermato il direttore generale del Comitato organizzatore, Toshiro Muto, all'agenzia stampa Afp.

Ciò nonostante, Taro Kono, un ministro giapponese molto influente in chiave Olimpiadi, settimana scorsa si è lasciato scappare che gli organizzatori avrebbero dovuto «pensare a piani di emergenza» nel caso in cui qualcosa fosse andato storto.

Rinvio al 2024?

Un recente sondaggio ha mostrato che l'80% dei giapponesi è contrario allo svolgimento nel 2021 delle Olimpiadi, con il 35% favorevole a cancellarle e il 45% propenso a un ulteriore posticipo. Anche gli ex atleti sono scettici, come il quattro volte campione olimpico di canottaggio Matthew Pinsent dal Regno Unito, che recentemente ha definito “grottesca” l’idea di tenere i Giochi a Tokyo nel 2021. Ha persino proposto di posticipare l’edizione di Tokyo al 204 e quella di Parigi al 2028.

L’avvicinamento agli Australian Open di tennis (8-21 febbraio) può rappresentare l’esempio di ciò che gli organizzatori nipponici dovranno affrontare questa estate. Attualmente, diversi giocatori risultato infetti e molti di più sono costretti alla quarantena. In questi giorni nella capitale giapponese e in altri dieci distretti del Paese è stato ripristinato lo stato d’emergenza.

Mentre questioni cruciali, come la presenza o meno di spettatori dall'estero, non sono ancora state affrontate, una cosa è già certa: quelle di Tokyo saranno le Olimpiadi estive più costose della storia. I costi aggiuntivi causati dal rinvio e dall'attuazione di un protocollo sanitario per affrontare il coronavirus sono stati stimati in quasi 300 miliardi di yen (2,48 miliardi di franchi), ciò che porta il budget ufficiale totale per a 1’644 miliardi di yen (14 miliardi di franchi). E questo importo non include altri pesanti investimenti del governo giapponese legati all'evento ed effettuati tra il 2013 e il 2018.

La speranza dei vaccini

Mentre gli atleti, alcuni dei quali stanno ancora lottando per ottenere il ticket per il Giappone, e migliaia di volontari rimangono nel limbo, l'inizio della staffetta della torcia olimpica rimane previsto per marzo. Almeno per il momento. Un’eventuale cancellazione rappresenterebbe un colpo durissimo per il movimento olimpico e per l'orgoglio nazionale del Giappone. Tokyo era già stata privata delle Olimpiadi nel 1940, riassegnate a Helsinki e poi rapidamente cancellate a causa dello scoppio della seconda guerra mondiale. I funzionari giapponesi sperano che il sostegno popolare per i Giochi possa aumentare nei prossimi mesi, soprattutto con l'arrivo dei vaccini, il primo dei quali dovrebbe essere autorizzato dalle autorità nipponiche entro la fine di febbraio in modo da inoculare dapprima i soggetti a rischio. A Tokyo la vaccinazione non dovrebbe essere obbligatoria per atleti e pubblico a Tokyo, ma Thomas Bach ha proposto di fare «grandi sforzi» per garantire che il maggior numero possibile di partecipanti e spettatori siano vaccinati in anticipo. 

Rimane da dirimere una questione potenzialmente controversa: gli atleti dovrebbero essere considerati una priorità per la vaccinazione? Può darsi che si riveli necessario per garantire la sicurezza delle Olimpiadi, ha detto di recente l'alto funzionario del Cio Dick Pound.

 

 

 

 

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved