ginevra-sam-in-palio-c-e-il-primato
Basket
15.01.2021 - 13:330
Aggiornamento : 14:56

Ginevra-Sam, in palio c'è il primato

Massagno ospite dei Lions per la vetta della classifica. Domenica all'Elvetico il Lugano ospita il Nyon

Dopo due partite decisamente al ribasso, con vittoria contro Nyon e sconfitta contro Monthey, la Sam cerca se stessa a Ginevra contro una compagine costruita per vincere tutto. Né più né meno della Sam. «Abbiamo tutte le carte in regola per andare a imporci a Ginevra - dice Gubitosa - perché abbiamo dimostrato di non essere secondi a nessuna altra squadra. Certamente non potremo andare in campo come abbiamo fatto nelle ultime due partite casalinghe».

Uno per tutti

Che tipo di discorso ha fatto in settimana? «Già da lunedì ho parlato chiaro, inchiodando tutti davanti alle loro responsabilità. Se non si torna a difendere come abbiamo fatto prima di Natale e non si gioca tutti assieme in attacco, non andremo da nessuna parte. Sono concetti basilari perché abbiamo costruito il nostro percorso con queste caratteristiche e abbiamo visto i risultati».

Alcuni giocatori non difendono, altri non sono attivi neanche in attacco. «È vero, abbiamo abbassato la nostra intensità e se lo fai contro Kovac e compagni, prendi una legnata. Loro giocano molto fisicamente, sono forti in ogni reparto con cambi adeguati. Noi dobbiamo tornare a essere noi stessi e giocare uno per tutti».

Tigers, partita da vincere 

Per il Lugano è la prima all’Elvetico in questo nuovo anno. La trasferta infrasettimanale per la Swiss Basketball Cup a Neuchâtel ha mostrato una squadra che non molla mai, pur con il limite di avere soli due stranieri e senza Stevanovic. Per non dire dell’uscita di Steinmann dopo 23 minuti che ha pesato non poco sulla sconfitta di un solo punto. Contro il Nyon, vincitore a sorpresa contro Neuchâtel una settimana fa, non è una squadra da sottovalutare: contro una Sam svagata, era riuscito ad infilare 51 punti a metà gara. Rispetto a Neuchâtel occorrerà una maggior continuità di rendimento sull’arco dei 40 minuti e un atteggiamento migliore in alcuni singoli. In particolare Louissant che vanifica spesso il suo rendimento con palle perse, tiri senza costrutto, nonostante qualità tecniche di un certo spessore. Allo stesso modo sarà necessario che Jackson diventi più protagonista in attacco perché i  bianconeri hanno bisogno anche dei suoi punti. Lo stesso dicasi per Bracelli, poco attivo nelle conclusioni quando ha nelle mani tiri aperti. Per fortuna i giovani lanciati da Cabibbo hanno sinora risposto più che discretamente.

Insomma, i bianconeri, pur con i limiti di panchina di cui abbiamo detto, hanno dimostrato di poter giocarsela alla pari contro le squadre di media e bassa classifica.

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved