Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
Zugo Academy
GCK Lions
19:00
 
rotterdam-crocevia-olimpico-per-noe-ponti
Ti-Press/Crinari
+2
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
L'ANGOLO DELLE BOCCE
1 ora

Buona la prima per Eichenberger-Gianinazzi

Grande inizio di stagione per la coppia dell’Ideal Coldrerio. A Cavergno ha battuto 12-0 Rossi - Lorenzetti (Torchio)
Gallery
Tennis
1 ora

Australian Open, Nadal-Berrettini in semifinale

Rafa ha sconfitto Shapovalov in cinque set, l’azzurro ha fatto lo stesso contro il francese Monfils. Donne, avanti Ashleigh Barty e Madison Keys
sci alpino
3 ore

Sara Hector vince il gigante a Plan de Corones

Male le elvetiche: la rossocrociata meglio piazzata è Andrea Hellenberger, 19esima
tiri liberi
3 ore

3x3 in rampa di lancio. Quali ripercussioni sulle Nazionali?

Nelle selezioni delle squadre 3x3 tanti giocatori nel giro anche della Nazionale maggiore. A quali competizioni dare la priorità?
Nuoto
4 ore

Mondiali di Fukuoka rinviati al 2023

La rassegna iridata avrebbe dovuto svolgersi lo scorso anno, ma venne posticipata per la vicinanza con i Giochi e per l’emerganza sanitaria
calcio
4 ore

Eray Cömert passa dal Basilea al Valencia

Il difensore centrale dei renani e della Nazionale rossocrociata ha firmato un contratto con gli spagnoli fino al 2026
SCI ALPINO
6 ore

Plan de Corones, prima manche: Vlhova avanti, Gisin 11esima

La slovacca ha dato 34 centesimi di distacco alla leader della classifica di specialità, la svedese Sara Hector, terza l’americana Shiffrin
HOCKEY
20 ore

Daniel Carr alle Olimpiadi con la maglia del Canada

L’attaccante del Lugano convocato da Claude Julien assieme a Desharnais (Friborgo), Winnik (Ginevra) e Noreau (Zsc Lions)
CICLISMO
1 gior

Incidente a Egan Bernal durante un allenamento in Colombia

Il vincitore del TdF 2019 è stato trasportato all’ospedale. La prima diagnosi parla di frattura del femore e della rotula. Intervento chirurgico a ore
Hockey
1 gior

‘Per vincere a Zugo serve uno sforzo collettivo’

Dopo il successo ai rigori sul Berna, il Lugano pensa alla prossima sfida. Schlegel: ‘Ogni passo avanti, anche piccolo, è preziosissimo‘
Hockey
1 gior

Sei turni di squalifica per Marc-Antoine Pouliot

Esemplare sanzione per l’attaccante del Ginevra Servette, reo di aver caricato un arbitro nella partita contro il Friborgo
Gallery
Nuoto
1 gior

Noè Ponti in forma nonostante i carichi di lavoro

Parata di stelle al 55esimo Challenge International di Ginevra. Buoni i tempi del ticinese della Nuoto Sport Locarno e di Benjamin Pfeiffer dell’A-Club
FOOTBALL
1 gior

Playoff infuocati, sfida da favola tra Mahomes e Allen

Weekend elettrizzante nella Nfl. Eliminati i grandi vecchi Tom Brady e Aaron Rodgers. Tre partite decise all’ultimo secondo, una all’overtime
Sci
1 gior

Lara Gut-Behrami si prende una pausa per rigenerarsi

La ticinese ha ammesso di sentirsi affaticata ‘sia mentalmente sia fisicamente’ e ha deciso di non partecipare alle ultime prove di Cdm prima dei Giochi
tennis
1 gior

Melbourne, nei quarti Tsitsipas contro Sinner

Il greco ha domato non senza fatica e in cinque set l’americano Taylor Fritz. L’italiano ha battuto De Minaur in tre set
Pechino 2022
1 gior

168 atleti per ripetere Pyeongchang: obiettivo 15 medaglie

Il capomissione elvetico Ralph Stöckli, già arrivato a Pechino, fissa il traguardo auspicato da Swiss Olympic
Unihockey
1 gior

Verbano e Ticino agguantano i playoff

Il Vuh si è imposto 6-3 in rimonta sul campo del Grünenmatt, il Tiuh ha piegato 4-3 il Basilea secondo in classifica
tennis
1 gior

Daniil Medvedev passa ma qualcosa concede

Il russo ha sconfitto in quattro set lo specialista del “serve and volley” franco-americano Maxime Cressy. Cornet per la prima volta ai quarti a 32 anni
Sci alpino
1 gior

Ticinesi in evidenza sulle nevi grigionesi e italiane

Massimiliano Gusmini ha vinto il bronzo ai Campionati svizzeri junior a Davos, Ginevra Ostini ha firmato un doppio successo nelle prove Fis a Courmayeur
Sci
1 gior

Lesione parziale al legamento del ginocchio, ma Goggia non molla

La bergamasca nella caduta a Cortina ha subìto pure una piccola frattura del perone ma assicura che proverà a difendere il titolo olimpico di discesa
BASKET
1 gior

Come da copione, vince la Sam, perde il Lugano

La Spinelli passa senza grossi problemi a Boncourt, mentre i Tigers sono costretti a cedere di fronte alla prima forza del campionato
Nuoto
07.12.2020 - 11:000
Aggiornamento : 29.12.2020 - 16:24

Rotterdam crocevia olimpico per Noè Ponti

Due record nazionali stracciati, due limiti per Tokyo conquistati, un terzo sfiorato. Il pazzesco weekend olandese del 19enne ticinese

Ha stracciato due record svizzeri, nei 100 e nei 200 delfino, portati via a un certo Jérémy Desplanches, noto alle cronache sportive per l’argento ai Mondiali e l’oro agli Europei nei 200 misti, non un carneade di passaggio finito per sbaglio in piscina, per intenderci. Ha ottenuto la qualificazione ai Giochi olimpici di Tokyo con otto mesi di anticipo sull’appuntamento clou dell’annata 2021 in due gare, i già citati 100 e 200 delfino, sfiorando il limite anche nei 200 misti (mancavano 5 centesimi, tempo per rimediare ce n’è in abbondanza). Infine, si è tolto dalle spalle, per quanto larghe è sempre bene non caricarle troppo, il peso dei suddetti limiti che più avanti avrebbe anche potuto diventare un ostacolo verso l’appuntamento a cinque cerchi di Tokyo, il sogno avverato, il traguardo ormai tagliato e quindi messo tra gli obiettivi centrati, che cominciano a essere tanti e sempre più prestigiosi

Questa lunga premessa riassume i tre ottimi motivi per i quali Noè Ponti, 19 anni talento forgiato in casa Nuoto Sport Locarno e lanciato in orbita dai quadri nazionali con i quali si allena sotto la stretta “marcatura” di Massimo Meloni, può dirsi estremamente orgoglioso di quanto raccolto e felice di risultati superiori alle attese che ne attestano l’incredibile ascesa. Una crescita che era programmata, alla quale stava lavorando da mesi, che ma non si pensava potesse sfociare già adesso in prestazioni di livello mondiale, capaci di avvicinarlo all’élite di una disciplina che gli regalerà presto altre soddisfazioni.

Il protagonista

‘Che gare, che gioia’

La carica accumulata venerdì, Noè l'ha riversata sul weekend ottenendo altri due risultati di portata mondiale. Il rischio di "smarrirsi", dopo la sbornia di emozioni dei 100 delfino, c'era... «Non mi sono perso, no - esordisce Ponti, atterrato a Zurigo in tarda serata -. Sono stracontento di come sono andate le gare, non avrei potuto chiedere di più. Sono rimasto concentrato per cercare di dare il meglio in tutte le gare. Cosa non scontata, dopo il tempo realizzato venerdì. Ho migliorato il personale sia nei 200 delfino sia nei 200 misti. Ho mancato il terzo limite per 5 centesimi, sarebbe stata la ciliegina sulla torta, ma quell'obiettivo me lo tengo per la prossima volta. Non ho alcun rammarico. Era importante ottenere un buon tempo anche nei misti, e l'ho realizzato. Non ero mai sceso sotto i 2'. Non sapevo quale tempo fossi in grado di nuotare, era pur sempre il terzo giorno di gare. Ero un po' stanco, fisicamente e soprattutto mentalmente. Era lecito attendersi che fossi un po' provato, dopo le prime due grandi prestazioni, ma è andata molto bene. Ho interpretato la gara esattamente come mi aveva chiesto Massimo (Meloni, l'allenatore, ndr)».

Non c'è tempo per assopirsi sugli allori, si guarda già avanti. «Per essere la prima gara in lunga da molto tempo, è pazzesco quello che sono riuscito a fare, ma c'è ancora molto da lavorare. Mi sono comunque tolto un gran peso, posso lavorare senza la pressione derivante dall'obbligo di fare il tempo. Posso arrivare serenamente agli Europei (Budapest, 17-23 maggio 2021) e concentrarmi solo sulle gare e sulla preparazione».

Un weekend folle

Ripercorriamolo, il cammino di Noè a Rotterdam, talmente eccezionale che sarebbe un peccato non riviverlo, a bocce ferme, per il piacere di riassaporare quelle emozioni che Noè ha avuto la fortuna e la bravura di vivere sulla propria pelle. Fino a ricavarne brividi, fino alle lacrime liberatorie di venerdì.

Già, venerdì, quel pazzo venerdì iniziato con la sveglia suonata ma ignorata da Noè, salvo poi essere destato dal bussare alla porta della camera d’albergo da Meloni un’ora dopo, un quarto d’ora dopo l’orario indicato per la partenza alla volta della piscina. Come dire che se già la partenza del giorno è stata particolare, il prosieguo lo è stato anche di più. Non a caso, venerdì 4 dicembre è stato il giorno - storico, perché no - del clamoroso 51’’15 della finale (vinta) dei 100 delfino con il quale aveva migliorato il di per sé già formidabile 51’’24 nuotato in mattinata che già era straordinario record svizzero nonché qualificazione ai Giochi olimpici. Un risultato definito dallo stesso Noè «pazzesco», senza troppi altri commenti. Parlano le lacrime versate, scotto da pagare alle emozioni che una prestazione così fa sgorgare dall’anima. Una scarica di adrenalina senza tanti precedenti simili, quella. Legittima, alla luce della portata di quel 51’’15: la seconda miglior prestazione europea dell’anno solare 2020, la prima se consideriamo la stagione agonistica che scatta in settembre. Un tempo molto vicino a quello del detentore del record del mondo dei 200 delfino, l’ungherese Kristof Milak (51’’14), non lontana dal 50’’92 di Caeleb Dressel (detentore del record mondiale sulla distanza), migliore di quello del russo Andrej Minakov, medaglia d’argento ai Mondiali dello scorso anno (51’’37). E come non ricordare, per l’effetto piacevole che fa l’accostamento alle leggende del nuoto, che il tempo che Noè ha impiegato per i secondi 50 metri della sua fatica in batteria risulta essere il terzo tempo “di ritorno” di sempre nella storia dei 100 delfino, inferiore solo a quello dello stesso Dressel e Michael Phelps, l’uomo delle 28 medaglie olimpiche, 23 delle quali d’oro.

Ma a proposito di accostamenti, ecco il paragone (un giochino un po’ fine a se stesso ma ugualmente indicativo) con le gare del passato, e che gare: con 51’’15 Noè Ponti avrebbe vinto l’oro alle Olimpiadi di Londra nel 2012 (non una gara velocissima - come ricordato dallo stesso locarnese, ma pur sempre una finale olimpica). E sarebbe stato bronzo ai Mondiali dello scorso anno, vinti dall’immancabile Dressel.

Secondo limite al centesimo

E arriviamo a sabato, al secondo posto nei 200 delfino, nuotati in 1’56’’48, altro record svizzero frantumato tolto a Desplanches (1’57’’58), altro tempo limite - e fanno due - per i Giochi, stavolta preciso al centesimo, segno che anche il destino, quando è giornata, ci mette lo zampino. Sarebbe forse servito qualcosa in più, per contro, ieri, nei 200 misti chiusi in 1’59’’72, un crono che resta di altissimo livello ma che preclude a Noè il terzo tagliando per Tokyo per soli 5 centesimi. Un’inezia, alla quale sarà presto possibile rimediare, magari in un appuntamento mirato che non preveda sei gare in 48 ore, con la “mista” in coda a un weekend lungo nel quale ha avuto il suo bel peso tutto quanto è successo a livello emotivo in quel pazzo venerdì appena rievocato. Noè può già dirsi scafato e fortissimo, ma emozioni pazzesche (parole sue) come quelle del primo giorno a Rotterdam non sono per nulla facili da gestire. Lo ha fatto già talmente bene che nessuno si sogna di dare peso a quei cinque centesimi che mancano nei 200 misti per completare un’opera che ha già saputo cesellare a meraviglia. Per completare la quale c’è tutto il tempo che serve. E non c’è più il peso della prestazione a tutti i costi: il presupposto migliore, unito al suo talento e all’impegno che ci mette, per regalarsi presto il terzo gettone olimpico. A questo punto è solo una questione di tempo: anche questa è una signora conquista.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 6 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved