MOUTET C. (FRA)
0
NADAL R. (ESP)
0
1 set
(1-4)
ticino-terra-di-biker-chiama-l-europa
Non mancano i passaggi spettacolari
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
3 ore

‘La Coppa Svizzera deve essere soltanto l’antipasto’

Joe Mansueto per la prima volta in Ticino: ‘Il nostro è un impegno a lungo termine, il trofeo è uno stimolo in più. Lugano e Chicago sullo stesso piano’
Motociclismo
6 ore

Ritardi al KymiRing, e salta il Gp della Finlandia

Il protrarsi di lavori e pratiche per l’omologazione fanno slittare al 2023 il ritorno finnico del Motomondiale
Tennis
7 ore

Jil Teichmann avanza sul rosso di Parigi

Battuta in due set la sera Danilovic, l’elvetica stacca il biglietto per i sedicesimi del Roland Garros. Dove sfiderà la bielorussa Azarenka
Hockey
9 ore

Per il Lugano di McSorley c’è Oliwer Kaski

Il 26enne difensore, iridato con la maglia della Finlandia, vestirà la maglia bianconera per le prossime due stagioni
Hockey
9 ore

Lars Weibel: ‘La via tracciata è quella giusta’

Il direttore delle squadre nazionali è soddisfatto di quanto mostrato finora dalla Svizzera in Finlandia. ‘Hischier? Classe mondiale’
Hockey
23 ore

Filip Pesan nuovo tecnico del Losanna?

Il 44enne ex selezionatore della Repubblica Ceca avrebbe raggiunto un accordo valido per le prossime due stagioni con la società vodese
Hockey
1 gior

Scherwey lascia la Nazionale. ‘Lo devo al mio corpo’

Il club gli avrebbe concesso di restare, ma l’attaccante del Berna decide di tornare a casa per operarsi. ‘A un certo punto non sentivo più il piede’
Calcio
1 gior

L’apostrofo rosa tra il Botta e la Nazionale

Nel giorno del suo 31esimo compleanno Mattia Bottani festeggia la convocazione di Yakin: ‘Non ci credevo più, proverò a dimostrare che non si sbaglia’
CALCIO
1 gior

Al Grasshopper non meno di nove partenze

Le cavallette cambiano pelle in vista della prossima stagione. Al momento, cinque mancati rinnovi e quattro rientri dal prestito
tiro
1 gior

Vittoria di Oxana Baetscher ai Campionati cantonali juniores

All’84esima edizione della Giornata cantonale del giovane tiratore a 300 m, successo della pregassonese davanti a Luca Veglio e Alex Patocchi
scherma
1 gior

Ancora un titolo svizzero a squadre del Club Lugano Scherma

Ai Nazionali di spada di Neuchâtel, festeggiano le ragazze U20, battendo in finale il Ginevra di un solo punto. Quarto posto per le U17
PODISMO
1 gior

Oehen e Stampanoni trionfano al Tamaro Trail

Elhousine Elazzaoui ha invece migliorato il trentennale record della Giubiasco-Carena. Domenica in programma la Staffetta Vigor
Hockey
1 gior

Smacco Danimarca: la Slovacchia le soffia il posto all’ultimo

Tatar e compagni infliggono una severa lezione agli scandinavi. Mentre nell’altro girone anche gli Stati Uniti chiudono la prima fase con un successo
Altri sport
1 gior

‘Dopo Merckx e Cancellara, riecco il ciclismo nel Mendrisiotto’

Presentata la 5ª tappa del Tour de Suisse in agenda il 16 giugno sulle strade che hanno già vissuto epiche battaglie. ‘Favorito Marc Hirschi’
CICLISMO
1 gior

Tappa a Hirt, Hindley rosicchia 4” alla maglia rosa Carapaz

Nella giornata del Mortirolo, al Giro d’Italia si impone il ceco, davanti al giovane olandese Arensman. Domani altra frazione di montagna
CALCIO
1 gior

Pascal Besnard lascia la presidenza del Servette

Didier Fischer, patron della Fondazione 1890, diventa amministratore del club e rileva ad interim la carica dell’ex giocatore granata
TENNIS
1 gior

Laaksonen accede al secondo turno del Roland-Garros

L’elvetico ha superato in quattro set lo spagnolo Pedro Martinez e si appresta a sfidare il danese Holger Rune (Atp 40)
TENNIS
1 gior

Finisce subito l’avventura francese di Viktorija Golubic

La 29enne zurighese battuta in tre set (6-2 2-6 6-1) dalla statunitense Katie Volynets, piazzata al di là della centesima posizione nella classifica Wta
CALCIO
1 gior

Breitenreiter lascia lo Zurigo per l’Hoffenheim

Dopo aver vinto il titolo della Super League, il tedesco fa ritorno in Bundesliga con un contratto valido per le prossime due stagioni
Hockey
1 gior

Svizzera, due punti per chiudere. Ai quarti contro gli States

Rossocrociati imbattuti e primi di gruppo dopo la fase preliminare del Mondiale, al termine di una partita contro i tedeschi decisa ai tiri di rigore
Calcio
1 gior

Che regalo di compleanno per Bottani: convocato in Nazionale

Confermando le indiscrezioni della vigilia, Murat Yakin ha selezionato il numero dieci del Lugano, che proprio oggi compie 31 anni, per la Nations League
CICLISMO
2 gior

Ellen van Dijk, l’ora al femminile ha un nuovo nome

Sulla pista del velodromo solettese di Grenchen, la trentacinquenne olandese ha battuto il primato della britannica Lowden: 49,254 metri
Calcio
2 gior

L’Fcl e una squadra da (ri)costruire, con il Crus e per l’Europa

Il giorno dopo la conclusione di una trionfale stagione, la società bianconera ha voluto fare il punto gettando già lo sguardo alla prossima annata
CALCIO
2 gior

Alex Frei è il nuovo allenatore del Basilea

L’ex attaccante rossoblù, fresco di promozione in Super League con il Winterthur, ha firmato un contratto di due anni con il club che lo ha lanciato
Tennis
2 gior

Stan Wawrinka deve già salutare il Roland Garros

Il 37enne vodese, rientrato sul circuito solo a fine marzo dopo oltre un anno di stop, è stato sconfitto al primo turno in quattro set dal francese Moutet
corsa d’orientamento
2 gior

Tornano i big e vincono nei boschi malcantonesi

Ad Astano si impongono Manuele Ren (nonostante qualche sbavatura) davanti a Tobia Pezzati ed Elisa Bertozzi su Elena Pezzati
MOUNTAIN BIKE
14.10.2020 - 17:07

'Ticino terra di biker' chiama l'Europa

Prendono avvio al Monte Ceneri i campionati continentali di cross-country. Daniele Zucconi: 'Se dieci anni fa mi avessero detto che...'

Diciassette anni fa, su un percorso completamente diverso, ma sempre alle pendici del Monte Tamaro, il mondo imparava a conoscere un nome che da lì in poi avrebbe fatto la storia della mountain bike: Nino Schurter, argento mondiale nella categoria juniores. A quasi vent’anni di distanza, il grigionese sarà ancora una delle grandi attrazioni degli Europei che da giovedì a domenica si svolgeranno nei boschi del Monte Ceneri. A contendergli il palcoscenico, il pupillo di casa, quel Filippo Colombo reduce da un brillante settimo posto ai Mondiali di settimana scorsa a Leogang (Austria). Per lui, l’occasione di gareggiare sul percorso di casa, in un’edizione degli Europei messa in piedi nel giro di pochissimi mesi, dopo la rinuncia di Graz. Un’organizzazione resa più complicata dalle normative anti-pandemia imposte dalle autorità sanitarie, le quali non hanno però scoraggiato un Velo Club Monte-Tamaro che della mountain bike a Sud delle Alpi è stato pioniere. Di tutto questo abbiamo discusso con Daniele Zucconi, “deus ex machina” della mtb in Ticino, colui che dieci anni fa aveva dato vita a un progetto di crescita capace di portare Filippo Colombo ai vertici delle classifiche mondiali… «Lui è solo la punta dell’iceberg. Se dieci anni fa mi avessero detto che un giorno al via degli Europei avremmo avuto sette ragazzi con un trascorso nel Vc Monte-Tamaro non ci avrei creduto. Sì, perché oltre a Colombo la Nazionale svizzera schiererà al via tra gli juniores anche il grigionese Janis Baumann (argento ai recenti Mondiali) e le ticinesi Linda Zanetti e Giulia Alberti, mentre con la selezione italiana prenderanno il via della gara U23 Andreas Vittone, Andrea Colombo e Juri Zanotti. Il progetto era nato nel 2010-11 proprio sulla spinta di Filippo Colombo, il quale mi aveva chiesto di mettere in piedi una sezione dedicata alla mountain bike per lui e per alcuni suoi amici interessati alla disciplina. Aveva appena 14 anni, ma le idee erano già belle chiare: me lo aveva detto in modo molto diretto, il suo obiettivo era di diventare uno dei migliori biker svizzeri. Obiettivo raggiunto e superato. La nostra intuizione era stata di puntare in primo luogo sull’istruzione tecnica, per cercare di ridurre il gap esistente con il movimento di oltre San Gottardo. Un indirizzo che ha portato i suoi frutti e ha avvicinato altri club a questa disciplina. Oggi i migliori giovani escono dal Vc Monte-Tamaro, ma sono convinto che in futuro anche altre realtà, come il Vc Capriasca o il Vc Tre Valli Biasca, forniranno giovani al movimento nazionale».

Nel 2003, Filippo Colombo era all’inizio del suo percorso scolastico, ma Daniele Zucconi in mountain bike ci andava, eccome. E quei Mondiali se li ricorda bene… «In qualità di atleta, però, non di organizzatore. Avevo preso parte alla Maratona vinta da Thomas Frischknecht e avevo chiuso attorno alla 60.ma posizione. Si arrivava sulla pista di atletica di Cornaredo e Frischknecht aveva approfittato della sventura del francese Thomas Dietsch, al comando fino a 5 km dall’arrivo, quando aveva forato. Dietsch, tra l’altro, nelle settimane precedenti era alla ricerca di un albergo a buon mercato e lo avevo invitato a casa mia, dove era rimasto per 15 giorni, dando vita a quella che è rimasta una bella amicizia».

'Un dovere nei confronti degli atelti'

Dal 2003 al 2020, cosa hai pensato quando Marzio Cattani ti ha prospettato l’opportunità di organizzare gli Europei? «Ho detto immediatamente di sì, perché questa era un’occasione da non lasciarsi sfuggire. Anche perché sarebbe stato un bel segnale nei confronti degli atleti, costretti a rimanere senza gare per quasi tutta la stagione. Sapevamo che sarebbe stata una sfida di non poco conto, soprattutto a causa delle restrizioni anti-pandemia, ma volevamo dare un segnale forte a sostegno di tutto il movimento».

Le settimane a disposizione per organizzare un evento di questa portata sono state poche… «Un paio di mesi, ma tutto il gruppo ha lavorato in maniera incredibile. Ognuno ha fatto la sua parte e anche di più per farci trovare pronti. Penso che negli ultimi due mesi Marzio Cattani abbia lavorato esclusivamente per gli Europei. È stata una sfida enorme anche a livello di gestione sanitaria. Il Cantone ci ha imposto paletti molto stretti, ad esempio per quanto attiene alla presenza di pubblico e noi abbiamo seguito scrupolosamente quelle che erano le direttive impartite dalle autorità sanitarie. L’unico rammarico è che la presenza di pubblico sarà molto limitata, ma la sicurezza degli atleti, degli addetti ai lavori e degli spettatori ha sempre rappresentato la nostra priorità».

Veniamo al percorso, completamente ridisegnato rispetto a quello dei Mondiali 2003… «Saranno al massimo 100 i metri che coincidono con il tracciato vecchio. L’anello è di 4,2 km, molto duro e molto tecnico. Non vi sono salite lunghissime, ma continui strappi che rendono il tracciato nervoso e ideale per atleti esplosivi e molto bravi nella conduzione della bicicletta. Occorre essere in grado di pedalare a tutta nelle salite e recuperare in discesa senza perdere lucidità e velocità, in caso contrario non è possibile reggere un’ora e mezza di gara. Filippo questo percorso lo conosce a memoria, non dobbiamo spostargli nemmeno un sassolino. Tutte le Nazionali sono comunque qui da mercoledì e hanno avuto la possibilità di allenarsi. È importante imparare a memoria quei sei o sette passaggi molto tecnici che possono permettere di fare la differenza e che, se non ben assimilati, possono portare a inconvenienti quali cadute o forature».

'Schurter sarà protagonista'

Gli svizzeri, la cui scuola tecnica è ritenuta all’avanguardia, dovranno cercare di riscattarsi da una prima parte di stagione non particolarmente esaltante… «È vero, il nostro movimento è abituato a dominare, ma quest’anno non ha ottenuto i risultati ai quali eravamo abituati. D’altra parte, vi sono nazioni emergenti che stanno lavorando molto bene: la Francia è da sempre l’antagonista principale della Svizzera, ma negli ultimi anni l’Italia ha lavorato in maniera eccellente e nei prossimi anni dovrebbe raccogliere i frutti. Per quanto riguarda la prova di sabato, sono convinto che l’uomo da battere sia ancora Nino Schurter. Questo è un percorso tagliato su misura per le sue caratteristiche. Sono sicuro che potrà fare una grandissima prestazione. Tra i favoriti inserisco anche il nome del francese Titouan Carod, bronzo ai Mondiali, mentre per quel che riguarda il campione del mondo in carica, Jordan Sarrou, molto dipenderà da come ha “digerito” la prima settimana da iridato».

I Mondiali del 2003 avevano dato grande slancio al movimento della mountain bike in Ticino. Lo stesso potrebbe valere per gli Europei… «In questi ultimi anni dell’importanza della mountain bike, non soltanto a livello agonistico, si è accorto anche l’Ente del turismo. È un movimento in forte espansione, favorito dal fatto di avere a disposizione un territorio ideale per questo sport. Lo slogan recita “Ticino terra di ciclismo”, ma io credo sarebbe più giusto dire “Ticino terra di biker”. E negli ultimi anni è esplosa la passione per la e-bike, un mezzo che permette a molte persone di raggiungere traguardi (e montagne) che prima erano loro precluse. Ma attenzione, però: perché con la pedalata assistita in vetta ci possono arrivare pure biker non esperti, ma la discesa rimane sempre e comunque pericolosa se non si possiedono solide basi tecniche. Inoltre, andrà posta attenzione alla convivenza tra biker ed escursionisti, categorie che attualmente occupano gli stessi sentieri. Occorrono tolleranza e buon senso da ambo le parti e, magari, l’allestimento di sentieri separati che consentono a entrambe le categorie di usufruire delle nostre splendide montagne».

Il programma

Giovedì

15.00 Team Relay

Venerdì

14.30 Eliminator (qualificazioni)

16.30 Eliminator (finali)

Sabato

10.00 Cross country U23 uomini (6 giri)

12.15 Cross-country élite donne (6 giri)

14.30 Cross-country élite uomini (7 giri)

Domenica

10.00 Cross-country juniores ragazzi (5 giri)

12.15 Cross-country juniores ragazze (4 giri)

14.30 Cross-country U23 donne (5 giri)

La selezione svizzera

Elite uomini: Filippo Colombo, Mathias Flückiger, Lukas Flückiger, Lars Forster, Andri Frischknecht, Thomas Litscher, Nino Schurter, Matthias Stirnemann.

U23 uomini: Vital Albin, Alexandre Balmer, Nick Burki, Fabio Püntener, Joel Roth, Loris Rouiller, Luca Schätti, Fabio Spena.

Juniores uomini: Janis Baumann, Roman Holzer, Dario Lillo, Timo Müller, Lars Sommer, Finn Treudler, Andrin Walter, Luke Wiedmann.

Elite donne: Ramona Forchini. Sina Frei, Linda Indergand, Alessandra Keller, Nicole Koller, Jolanda Neff, Kathrin Stirnemann, Andrea Waldis.

U23 donne: Ronja Blöchlinger, Noëlle Buri, Jacqueline Schneebeli, Tina Züger.

Juniores donne: Giulia Alberti, Elisa Alvarez, Nicole Göldi, Annika Liehner, Eliane Schenk, Vera Schmid, Linda Zanetti.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved