BOS Bruins
0
Detroit Red Wings
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
1
WAS Capitals
2
1. tempo
(1-2)
NJ Devils
0
SJ Sharks
1
1. tempo
(0-1)
MIN Wild
ARI Coyotes
02:00
 
NAS Predators
COB Jackets
02:00
 
STL Blues
TB Lightning
02:00
 
BOS Bruins
0
Detroit Red Wings
0
1. tempo
(0-0)
FLO Panthers
1
WAS Capitals
2
1. tempo
(1-2)
NJ Devils
0
SJ Sharks
1
1. tempo
(0-1)
MIN Wild
ARI Coyotes
02:00
 
NAS Predators
COB Jackets
02:00
 
STL Blues
TB Lightning
02:00
 
filippo-colombo-non-si-arrende-a-un-tracciato-per-scalatori
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
1 ora

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutta un’altra cosa’
Hockey
1 ora

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ’Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
3 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
3 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
5 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Sci
6 ore

Quarantena per chi vien dal Canada, gare di St. Moritz a rischio

Con le nuove disposizioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica i due superG potrebbero saltare. Gli organizzatori sperano in un’eccezione
Rugby a 7
6 ore

I 7 Sirs in dicembre al prestigioso Dubai7s

Un po’ di Svizzera italiana al più importante torneo internazionale di rugby a sette, unitamente all’altrettanto famoso Hong Kong Sevens
Sci di fondo
6 ore

Cologna salta Lillehammer per allenarsi a Davos

Il 35enne grigionese non sarà presente il prossimo weekend per la tappa norvegese di Cdm e si concentrerà sull’appuntamento casalingo dell’11-12 dicembre
Calcio
7 ore

Con l’Yb sfida d’alta quota, ‘ma dobbiamo rimanere umili’

Lugano domani a Berna contro i campioni svizzeri, che non stanno brillando. Il mister bianconero Croci-Torti: ‘Attenti a non peccare di presunzione’
Tiri liberi
10 ore

Dal carro di Carnevale al palazzetto dello sport

Il ‘sì’ uscito dalle urne sancisce la realizzazione di una struttura che sarà all’altezza delle esigenze sportive e al passo con i tempi
Calcio regionale
16 ore

Team Ticino, i risultati del weekend

Vincono l’Under 21 e l’Under 15, pesante sconfitta per l’Under 18 a Ginevra
Calcio
1 gior

Lionel Messi asso pigliatutto: settimo Pallone d’Oro

L’argentino preferito a Robert Lewandowski. Migliore squadra il Chelsea, miglior portiere Gianluigi Donnarumma, migliore giocatrice Alexia Putellas.
Basket
1 gior

Swiss Basketball, una commissione etica dopo il caso Elfic

Il vicepresidente Claudio Franscella illustra i passi della federazione. ‘Decideremo anche quali sanzioni, se del caso, adottare’
Gallery
Pugilato
1 gior

Vincente e con il sorriso: ‘Richi’ Silva il ring lo saluta così

Il professionista ticinese del Boxe Club Riazzino ha impreziosito la ‘Faido Boxing Night’ con un successo ai punti ai danni del georgiano Rati Migriauli
Hockey
1 gior

Raphael Herburger, un ‘aquilotto’ che non si fida delle Aquile

Il Lugano domani ospita alla Cornèr Arena un Ginevra-Servette che precede di soli 4 punti. L’austriaco: ‘Come noi anche loro non sono dove vorrebbero’
L’angolo delle bocce
1 gior

A Claudio Croci Torti e Morris Gualandris il Gp Borgovecchio

La coppia della Centrale di Novazzano ha battuto in finale Ridha Sediri e Rodolfo Peschiera (San Gottardo)
MOUNTAIN BIKE
07.10.2020 - 17:240
Aggiornamento : 17:47

Filippo Colombo non si arrende a un tracciato per scalatori

A Leogang (Austria) sono iniziati i Mondiali: 'Percorso molto fisico, spero nella pioggia che possa mischiare le carte a favore dei biker tecnici'

Lungo la strada che separa i tracciati conosciuti e molto apprezzati di Nove Mesto e del Monte Ceneri, la carovana della mountain bike (declinazione cross-country) questa settimana fa tappa a Leogang, in Austria, per l’assegnazione delle maglie iridate. Su un circuito nuovo di zecca, lungo il quale i biker pedaleranno per la prima volta. E che ha lasciato tutti a bocca aperta… «Siamo arrivati direttamente dalla Repubblica ceca – conferma Filippo Colombo – e abbiamo trovato un percorso che nessuno si aspettava, estremamente fisico. Tant’è che tutti coloro i quali se lo possono permettere hanno deciso di gareggiare con la bicicletta più leggera a loro disposizione. I 3,6 km del tracciato (210 metri di dislivello) presentano praticamente due sole caratteristiche: salite molto ripide e discese veloci. In pratica, le sezioni tecniche sono ridotte all’osso».

Visto da questa prospettiva, si direbbe che non si tratta di un anello particolarmente favorevole a Filippo Colombo, ma nemmeno a molti dei più forti biker elvetici, ai quali la formazione seguita nel corso degli anni ha garantito soprattutto spiccate capacità tecniche… «Qui si trovano a loro agio in particolare gli scalatori puri. Per quel che mi concerne, per il momento sto ancora cercando il giusto feeling con il terreno. Diciamo che non si addice alla perfezione a quelle che sono le mie caratteristiche. Io sono soprattutto esplosivo, preferisco salite dure ma brevi. Sarei stato molto più felice se avessimo gareggiato su un tracciato simile a quello di Nove Mesto, ma non mi demoralizzo, tutto può ancora succedere».

Anche perché a scombussolare le carte potrebbero esserci le bizze del tempo. Oggi, infatti, a Leogang le condizioni meteo erano tutt’altro che favorevoli (pioggia)... «Per i prossimi due giorni è previsto bel tempo, ma per sabato l’evoluzione rimane incerta. Detto tra noi, spero nella pioggia. Condizioni avverse potrebbero rimescolare le carte. Ci sono molte discese su prato e in caso di pioggia abbondante potrebbero trasformarsi in fanghiglia. Se l’acqua dovesse rendere più insidioso il percorso, l’aspetto prettamente fisico verrebbe meno e ad avvantaggiarsi potrebbero essere quei corridori che fanno della tecnica il loro marchio di fabbrica».

Quello inerente le caratteristiche del tracciato è senza dubbio un tema importante in previsione della gara di sabato, ma in questi giorni gli staff delle varie Nazionali sono impegnati anche a gestire l’aspetto del recupero fisico dei singoli atleti, reduci da una settimana molto esigente, con quattro prove di Coppa del mondo in cinque giorni… «In effetti, in questi giorni ci siamo concentrati soprattutto sul recupero. Oggi abbiamo effettuato il primo allenamento vero e siamo stati in bicicletta per tre ore, senza per altro mai uscire da quelli che sono i parametri della rigenerazione fisica. Sento ancora nelle gambe gli sforzi profusi a Nove Mesto, ma sono convinto che nel corso dei prossimi giorni questo accumulo di fatica verrà espulso. Di norma, in queste occasioni di allenamenti veri se ne fa uno solo, poi nei giorni precedenti la competizione si pensa al recupero, con sedute non più lunghe di due ore e dedicate in primo luogo al riconoscimento delle varie peculiarità del percorso. Seguendo la mia tabella di avvicinamento, sono certo che sabato potrò essere al 100%».

Nonostante un tracciato non tagliato su misura per le sue qualità, il biker ticinese preferisce non rivolgere lo sguardo agli Europei di settimana prossima sull’amato anello del Monte Ceneri… «Il Mondiale è il Mondiale. Sempre e comunque. Sabato partirò per ottenere il miglior risultato possibile. Alla luce delle caratteristiche del percorso, credo che un piazzamento nei 15 rappresenterebbe un risultato eccellente. All’Europeo penserò da domenica in poi, anche perché una gara in più – in una stagione nella quale di competizioni ve ne sono state poche – può aiutare a migliorare la condizione fisica. A maggior ragione se questa gara è il Mondiale».

Per Colombo e per il ciclismo ticinese un top 15 rappresenterebbe un risultato eccellente. Ma nel cross-country la Svizzera è abituata a dominare. Le prove di Coppa del mondo di Nove Mesto, però, hanno lasciato qualche dubbio sulla condizione fisica dei rossocrociati, sia in campo maschile, sia tra le ragazze… «Nino Schurter parte tra i favoriti perché lui è Schurter e Schurter è forte su ogni tipo di terreno. Ma a Nove Mesto non è apparso al massimo della condizione e su un percorso come questo vedo diversi ragazzi in grado di impensierirlo. Non sarà facile, insomma, nemmeno per uno come Nino. Per il resto, credo che le speranze di medaglia in campo maschile siano ristrette a Schurter e a Matthias Flückiger».

La staffetta regala ‘solo’ il bronzo

I Mondiali 2020 sono iniziati in tono minore rispetto alle abitudini. Dopo tre titoli iridati consecutivi, la Svizzera è stata costretta a cedere alla Francia lo scettro della staffetta e ad accontentarsi del bronzo. La medaglia d’argento è andata al collo dell’Italia. La Svizzera si è presentata al via con una formazione piuttosto rimaneggiata rispetto alle abitudini, priva sia di Schurter, sia di Jolanda Neff. Luke Wiedmann, Thomas Litscher, Sina Frei, Nöelle Buri, Elisa Alvaerz e Alexandre Balmer sono stati costretti a concedere 2'06" alla Francia e 31" all'Italia. La certezza del bronzo è arrivata soltanto nell'ultima tornata, quando Balmer, campione del mondo juniores due anni fa a Lenzerheide, si è reso protagonista di un eccellente recupero che lo ha portato dalla quinta posizione al podio.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved