roby-rolfo-vedrei-male-una-stagione-senza-pubblico
'Con tanti impegni sarà difficile trovare una data di ripiego per tutti'
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Altri sport
4 ore

Lo sport sballottato da un anno di pandemia

Riviviamo a grandi linee quanto successo nel mondo sportivo dalle prime decisioni per contrastare il coronavirus nel febbraio 2020 a oggi
Sci
4 ore

Lara Gut-Behrami trionfa in Val di Sassa

La ticinese si è imposta nella discesa femminile. Secondo posto per Corinne Suter. Terza Kira Weidle
Calcio
10 ore

Reto Ziegler, USAto sicuro per il Lugano

Il 35enne ex internazionale elvetico, reduce dall'esperienza oltreoceano, è pronto ad aiutare i bianconeri (in emergenza difesa) già da domani a Losanna
Gallery
Hockey
18 ore

All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil

I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
18 ore

A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì

Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
22 ore

Via alla terza fase del massimo campionato

La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
1 gior

Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax

Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
1 gior

Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale

La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior

L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi

I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
1 gior

Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale

Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
Gallery
Hockey
1 gior

Il Ginevra archivia la pendenza in poco più di 5 minuti

Partita a senso unico sul ghiaccio della Cornèr Arena, con il Lugano di Serge Pelletier che incassa una sonora sconfitta: finisce 2-6
GINNASTICA
1 gior

Scandalo Usa: Geddert viene accusato, poi si suicida

L'ex tecnico della nazionale era stato accusato solo qualche ora prima di violenze e traffico di esseri umani, dopo la vicenda legata all'ex medico Larry Nassar
VELA
1 gior

Sulle onde virtuali s'assegna il titolo svizzero

Lunedì 1. marzo scatta la terza edizione del campionato nazionale eSaling. Knöpfel: 'Permetterà anche di far scoprire la vela a chi non l'ha mai praticata'
Motociclismo
11.04.2020 - 06:100

Roby Rolfo: 'Vedrei male una stagione senza pubblico'

Il 40enne pilota che vive a Lugano parla dello stop del Motomondiale, ma non solo. 'In Superbike e Supersport c'è chi rischia di chiudere baracca'

I motori, per ora restano spenti. Dopo il debutto azzoppato in Qatar, dove si erano disputate solo le corse di Moto2 e Moto3, mentre la MotoGp aveva già saltato il turno proprio a seguito del coronavirus, il mondiale 2020, sempre per lo stesso motivo, continua a mordere il freno. «È una situazione anomala: c’è parecchia incertezza su quando e come il campionato potrà riprendere - commenta Roby Rolfo, quarantenne torinese trapiantato in Ticino che l’aria del Motomondiale l’ha respirata per diverse stagioni -. Nella mia carriera non mi è mai capitato di vivere una situazione così, ma non fatico a immaginare che questa incertezza crei non pochi grattacapi ai vari team».

Fermo, ovviamente, lo è però anche il mondiale Endurance Ewc, che vede in lizza pure il pilota luganese con il suo team Moto Ain, vittorioso nelle prime due gare stagionali. «Dopo la notizia dello spostamenteo della 24 Ore di Le Mans (invece del 18 e 19 aprile si terrà il 29 e 30 agosto, ndr), proprio in questi giorni ci hanno comunicato la cancellazione della 8 Ore di Oschersleben, il 6 giugno. È vero che, considerando che il nostro campionato si articola su poche gare, bene o male siamo già abituati a pause piuttosto prolungate tra una corsa e l’altra, d’altro canto però ora dobbiamo fare i conti anche con l’impossibilità di allenarci proprio per non avvantaggiare nessuno».

‘Si va verso un mondiale light’

Come si vive una situazione così? «Indipendentemente dal campionato a cui partecipi, il sentimento penso sia lo stesso per tutti: abbiamo tutti voglia di correre, e chiaramente quando vedi che diverse gare vengono stralciate dal calendario originale non fa mai piacere. Se già nel nostro caso l’appuntamento di Oschersleben è stato definitivamente tolto dal palinsesto, posso tranquillamente immaginarmi che il Motomondiale 2020 alla fine avrà un calendario forzatamente light: con tutti gli impegni, sarà difficile trovare una data di ripiego per tutti gli appuntamenti, anche perché a livello logistico sarebbe decisamente complicato ipotizzare un calendario con gare ogni weekend. A rigor di logica, a quel punto la precedenza sarà data a quelle piste che possono vantare più risorse rispetto alle altre: mettere in scena un Gran Premio ha ovviamente un costo non indifferente (al Mugello, tanto per fare un esempio, ospitare una gara di MotoGp comporta costi dell’ordine di tre milioni di euro, che arrivano addirittura a otto milioni per Valencia, teatro dell’ultima prova del campionato), ragion per cui se di dovrà fare una scelta su quali gare mantenere, uno dei criteri preponderanti sarà la possibile affluenza di pubblico. Personalmente, come pilota, vedo male l’eventualità di correre su circuiti senza pubblico, idea che era stata pure ventilata per la Formula uno».

’Sto lavorando per Suzuka’

Oltre a creare non pochi grattacapi agli organizzatori, la pandemia di coronavirus sta mettendo ancora più in difficoltà le squadre non ufficiali. Non a caso, nel Motomondiale la Dorna aveva già annunciato un importante sostegno verso questi team… «Nell’insieme non è certo una situazione facile per nessuno. Né nel Motomondiale, né nel mondiale Endurance, e ancora più in generale per tutte quelle realtà sportive che sono sorrette per buona parte da sponsor: se l’organizzazione non interviene elargendo un sostegno concreto a queste squadre, saranno molto poche quelle che potranno permettersi novità, e soprattutto in Superbike e Supersport qualcuna potrebbe anche dover chiudere baracca. Come fatto dalla Dorna per il Motomondiale, nell’Endurance la Fim ed Eurosport, che è l’organizzatore, hanno già annunciato il loro sostegno, che deve comunque ancora essere quantificato. In ogni caso una situazione così rischia di accentuare ancora di più il divario tra le squadre ufficiali e le altre».

Il Mondiale di Roby, sempre che non ci siano altri cambiamenti, dovrebbe riprendere il 19 luglio con la 8 Ore di Suzuka, «appuntamento per il quale sto già lavorando, anche perché in Giappone non sarò con la mia squadra abituale, in quanto a Suzuka correrà solo la categoria Stock: sono in trattativa con un team giapponese della Honda, e fortunatamente queste discussioni le avevo già iniziate prima che scoppiasse la pandemia. Ma ora cerchiamo anche di capire se effettivamente si gareggerà: la gara figura sì ancora in calendario, ma il rischio che qualcosa cambi ancora c’è, se penso che le Olimpiadi di Tokyo si sarebbero dovute svolgere dopo quella data e nel frattempo sono già state rinviate».

SPORT: Risultati e classifiche

© Regiopress, All rights reserved