laRegione
Nuovo abbonamento
Lucerna
3
Lugano
3
fine
(0-2)
Servette
1
S.Gallo
1
fine
(0-1)
Thun
3
Xamax
0
fine
(2-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
2 min
Partita rinviata per Covid-19 nel torneo della Mls
Negli Stati Uniti un test positivo e un secondo caso sospetto fermano la sfida tra Dc United e Toronto
Gallery
Calcio
42 min
Questo Lugano fa e disfa, alla fine è 'solo' pareggio
Bianconeri in doppio vantaggio alla pausa, sul 3-0 al 47', ma beffati dalla rimonta del Lucerna (3-3) trascinato da Schürpf. Palo di Lavanchy al 93'
CICLISMO
1 ora
Stefan Küng firma il poker ai 'nazionali' a cronometro
A Belp ha preceduto Dillier e Bissegger. Tra le ragazze juniores, terzo posto per la ticinese Linda Zanetti
FORMULA 1
1 ora
Hamilton domina il Gran premio di Stiria
Il britannico vince davanti al compagno di squadra Bottas. Al primo giro Leclerc tocca Vettel e le Ferrari sono costrette al ritio
Gallery
Calcio
3 ore
Renzetti: 'Faranno di tutto per farci proseguire'
A meno di due ore dal calcio d'inizio di Lucerna-Lugano, ci si interroga sul prosieguo di una stagione macchiata dal caso Kryeziu
CALCIO
4 ore
Il futuro del Manchester City nelle mani del Tas
Attesa per domani mattina la sentenza del Tribunale dello sport sul ricorso del club inglese, il quale rischia due anni di sospensione dalle Coppe europee
ATLETICA
9 ore
Ajla Del Ponte brilla anche a Bulle
Al meeting della Gruyère la ticinese ha corso i 100 metri in 11''08 miglior prestazione europea della stagione
CALCIO
2 gior
Casi di Covid-19 a Zurigo e Gc, rinviate le partite
Le due squadre in quarantena fino al 17 luglio a seguito della malattia di Mirlind Kryeziu e Amel Rustemoski
FORMULA 1
2 gior
Racing Point da urlo? C'è una spiegazione
Lawrence Stroll ha costruito una trama di alleanze che porterà alla futura Aston Martin il know-how della Mercedes. Intanto, in Austria Verstappen è il più veloce
CALCIO
2 gior
A Lucerna il Lugano non vuole partire battuto
Dopo la bella prestazione contro il San Gallo, i bianconeri puntano a un successo in trasferta che li avvicinerebbe di molto all'obiettivo finale della salvezza
CALCIO
2 gior
Primo caso di coronavirus in Super League
Il difensore dello Zurigo Mirlind Kryeziu positivo al Covid-19. Ha sintomi lievi e si trova in quarantena
NUOTO
25.07.2019 - 06:300
Aggiornamento : 15:54

Dalla parte degli atleti

La rivolta di Mack Horton e Duncan Scott contro le ombre di doping che accompagnano Sun Yang deve convincere chi lotta contro il doping a darsi una mossa

«Le sue azioni e il modo in cui è stata gestita l’intera faccenda la dicono lunga». Parole e rabbia di Mack Horton, campione australiano passato alla storia dei Mondiali di nuoto di Gwangju per il clamoroso gesto in occasione della premiazione dei 400 vinti dal cinese Sun Yang, accusato senza mezzi termini dall’australiano di essere un «truffatore dopato». Non è salito sul podio, non ha stretto la mano al vincitore della gara, e non si è unito a lui e all’italiano Detti per la foto di rito.

Coerente con la linea dura che ha sposato da tempo – è impegnato in dimostrazioni contro la scarsa attenzione in casi di ambiguità legati al doping che purtroppo nel nuoto non mancano – ha espresso tutto il suo dissenso in maniera plateale e molto efficace.

Il riscontro e il sostegno che ha avuto depongono a favore della validità della tesi che ha sostenuto e difeso in mondovisione, lanciando una precisa accusa: il plurititolato cinese ha un paio di scheletri nell’armadio, e candido non è. Con l’aggravante che nemmeno è stato fatto abbastanza per smascherarlo e punirlo.

Nell’ambiente, evidentemente, la pensano tutti così. Tuttavia, dirlo apertamente è molto più difficile che esserne solo convinti. Così, una volta aperto il varco, ci si è infilato anche il britannico Duncan Scott, terzo nei 200, salito sì sul podio, ma senza stringere la mano al cinese ancora una volta vincitore, il quale lo ha apostrofato dandogli del ‘perdente’.

Imbarazzo, tremendo imbarazzo, per la federazione internazionale, costretta a fare i conti con la protesta vibrante degli atleti, che hanno salutato Horton alla stregua di un eroe. Paladino di una giustizia che la Fina non è riuscita a fare per un vizio di forma. Sun Yang c’è, e vince, nonostante in gennaio avesse distrutto a martellate le provette di un controllo antidoping durante un litigio con un incaricato, per una procedura che non riteneva regolare.

C’è puzza di bruciato. Horton ha sollevato il coperchio del calderone dal quale l’odore sgradevole proviene.

Il suo strepito non è stato vano: la solidarietà dei colleghi è stata spontanea e diffusa, a dimostrazione che, se il dissenso viene dall’interno, c’è ancora speranza per gli onesti, a fronte dell’auspicato bando per i bari.

Sarà il tribunale dello sport a esprimersi, in settembre, sulle martellate che hanno mandato in frantumi le provette, facendo schizzare ovunque le schegge del dolo. Altre federazioni, in casi come questi, sospendono l’atleta in attesa di giudizio, e pretendono la procedura veloce per smarcarsi da sospetti ingombranti. Quella cinese, che ha poca voglia di privarsi di un atleta pluridecorato, squalificato solo per tre mesi nel 2014 per uso di sostanze stimolanti così da favorirne il ritorno in tempo per i Giochi asiatici, non lo ha fatto. Il risultato? La gogna, e tanti indici accusatori puntati addosso.

Eclatante, bella, la ribellione degli atleti. Bene hanno fatto ad alzare la voce, benché non possano certo ergersi a giudici. C’è un iter da seguire, ma intanto la condanna la si può fare sentire. Esprimendo tutta la loro rabbia, hanno dato un segnale forte. Forte quasi come una squalifica. La loro parte l’hanno fatta. Ora pretendono che le rivendicazioni trovino il conforto degli organismi preposti alla giustizia che invocano.

Ci voleva, una levata di scudi così. Chissà che possa rappresentare una svolta, e convincere chi lotta contro il doping a stringere i bulloni per evitare che si torni a parlare di leggerezza, vizio di forma o superficialità, per questioni che meritano invece la massima severità.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved