laRegione
Nuovo abbonamento
arnaud-demarre-un-missile-su-bellinzona
+5
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
4 ore

Carr apre e chiude il derby di Biasca, vinto dal Lugano

I bianconeri passano due volte in vantaggio, ma in entrambe le circostanze si fanno rimontare dall'Ambrì Piotta. Poi risolve il canadese
CALCIO
6 ore

Lugano, esordio con i fiocchi

Gran bel primo tempo dei bianconeri che mettono sotto il Lucerna. Nella ripresa, rimasti in dieci (espulso Lungoyi) devono stringere i denti
CALCIO
8 ore

Un Lugano rodato per l'esordio con il Lucerna

Il portiere Osigwe e il laetrale Guerrero sono le uniche due novità proposte da Maurizio Jacobacci
Atletica
12 ore

La piccola Kambundji sta (già) diventando grande

Per gli addetti ai lavori la 18enne Ditaji, fresca del titolo svizzero sui 100 m ostacoli, ha il potenziale per andare persino più veloce della sorella Mujinga
CALCIO
21 ore

Jacobacci: ‘Ripartire da dove ci eravamo fermati’

Lugano pronto alla nuova stagione. Il presidente Renzetti: ‘Tra me e il tecnico nessuna incomprensione, non mi interessa distruggere ciò che ho costruito’
Tennis
1 gior

Niente ruggine, Nadal vince facile. E Djokovic pure

Il mancino di Manacor vince anche il suo secondo impegno a Roma e accede ai quarti, al pari del campione serbo, trionfatore nel derby contro Krajinovic
RALLY
1 gior

In Turchia Loeb tira il carro dopo il venerdì

Ritorno col botto per l'alsaziano, che si lascia alle spalle l'altra Hyundai i20 di Neuville e la Toyota del leader del Mondiale, Sébastien Ogier
CICLISMO
1 gior

Ancora Kragh Andersen, altro colpo Sunweb

Il danese bissa in Borgogna il successo ottenuto a Lione. La maglia verde definitivamente a Bennett, mentre Roglic resta serenamente in giallo
Ciclismo
16.06.2018 - 17:300
Aggiornamento : 17:57

Arnaud Démarre, un missile su Bellinzona

Il francese si aggiudica in volata l'ottava tappa del Tour de Suisse. Domani si chiude con una cronometro

Doveva essere una tappa per velocisti e tale è stata, quella che ieri si è corsa con partenza e arrivo a Bellinzona, lungo un percorso di 123 km. La vittoria è andata al campione francese Arnaud Démare che ha preceduto il colombiano Fernando Gaviria, il norvegese Kristoff e il campione del mondo Sagan. In una splendida giornata di sole e con il solito pubblico delle grandi occasioni, l'ottava frazione del Tour de Suisse è scivolata via senza sussulti. La fuga di giornata è partita nel corso del primo giro con il sudafricano Jakobus Smit, lo statunitense Nathan Brown, l'irlandese Edward Dumbar e il francese Paul Ourselin. Il quaretetto ha guadagnato un massimo vantaggio rimasto inferiore ai due minuti per volontà delle squadre dei velocisti che non volevano perdere l'unica occasione concessa loro dall'edizione 2018 del TdS. Il gruppo ha calcolato perfettamente i tempi del recupero ed è andato a chiudere su Brown e Ourselin quando mancavano appena 9 km all'arrivo. Dumbar e Smit hanno provato ad insistere, hanno stretto i denti rilanciando di continuo l'andatura, ma non avevano chiaramente più alcuna possibilità di giungere al traguardo prima del plotone e in effetti sono stati riassorbiti a meno di 6 km  dalla linea d'arrivo. Negli ultimi chilometri hanno lavorato molto bene la Goupama di Démare e anche la Quick-Step di Gaviria, tant'è che i due sono partiti per lo spunto finale esattamente nello stesso momento. Negli ultimi 200 metri a uscire è stata la potenza del francese che ha saputo recuperare sul colombiano, in un primo momento favorito dall'aver preso l'ultima curva all'interno, e passarlo sulla sua destra per andare a conquistare un successo chiaro.

In classifica generale nessun cambiamento. La maglia gialla è rimasta sulle spalle di Richie Porte che domani si lancerà per ultimo nella cronometro di 34 km che segnerà la conclusione del Tour de Suisse 2018. L'australiano è il grande favorito per la vittoria finale: il compito del colombiano Nairo Quintana, che deve recuperare 17” al rivale, appare quantomai proibitivo. «È stata una giornata stressante, anche se potrebbe non sembrare – ha commentato Porte a fine tappa –. Il percorso era molto tecnico e occorreva fare parecchia attenzione. La squadra ha svolto un ottimo lavoro per cercare di tenermi al sicuro. Sarebbe una grande goia poter vincere il Tour, ma Quintana ad Arosa ha avuto una grande giornata ed è in perfetta forma. La corsa non è ancora finita. Sogno di vincere il TdS perché è una corsa storica e importante e vorrei diventare il secondo australiano dopo Phil Anderson negli anni Ottanta a trionfare». E se Porte rimane l'uomo da battere nella generale, i tifosi che giungeranno in massa anche domani, sperano di poter festeggiare la vittoria di tappa del turgoviese Stefan Küng.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 9 immagini
© Regiopress, All rights reserved