14.07.2022 - 11:56
Aggiornamento: 19:53

TikTok mostrerà meno contenuti ‘per adulti’ ai minorenni

L‘app popolarissima fra i più giovani userà un sistema di classificazione dei contenuti in base alla ‘maturità tematica’

tiktok-mostrera-meno-contenuti-per-adulti-ai-minorenni
Keystone

TikTok sta implementando un sistema di classificazione dei contenuti per impedire al pubblico giovane di vedere video ritenuti inappropriati, insieme a nuove funzionalità che consentiranno agli spettatori di personalizzare le sezioni Per Te e Seguiti. Come il sistema di "rating" già usato per film e videogiochi, la classificazione su TikTok organizzerà i video in base alla "maturità tematica". La piattaforma contrassegnerà dunque i filmati che contengono "temi maturi o complessi" a cui assegnerà un "punteggio di maturità". La valutazione del video determinerà se gli spettatori di TikTok sotto i 18 anni possono visualizzarlo o meno, mentre scorrono i loro feed.

Le Linee guida della community di TikTok non cambieranno, ma cambierà il modo in cui l’app mostra i post a determinati segmenti di pubblico. "All’interno di queste rigide politiche, comprendiamo che le persone potrebbero voler evitare determinate categorie di contenuti in base alle loro preferenze personali" ha affermato Cormac Keenan, Head of Trust and Safety di TikTok. "Per i membri della nostra comunità di adolescenti, alcuni contenuti potranno contenere temi maturi o complessi, che possono riflettere esperienze personali o eventi del mondo reale destinati a un pubblico più adulto". Le scene di fantasia ritenute "troppo spaventose o intense per il pubblico più giovane", ad esempio, non verranno visualizzate nelle pagine Per Te per i minorenni. Tra le altre novità, TikTok si impegna a diversificare gli argomenti potenzialmente problematici se visualizzati più volte, come le diete, il fitness estremo, la tristezza e altri temi legati al benessere. "Stiamo addestrando i sistemi a supportare nuove lingue e a comprendere un maggior numero di culture e contesti" sottolinea l’azienda.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved