ULTIME NOTIZIE Tecnologia
TECNOLOGIA
4 gior

L’essere umano sempre al centro

L’intelligenza artificiale a 25 anni dalla prima sfida vinta da un computer contro un campione del mondo di scacchi
Tecnologia
5 gior

’Musk? Cosa vuoi sia per lui uno stupido smartphone!’

Messo alle strette da Apple e Android, il visionario sudafricano, naturalizzato americano, dopo auto, missili e social media guarda ai telefonini
Tecnologia
1 sett

Acquisti in WhatsApp, al via il test in alcuni Paesi

Quattro (più due) le nazioni coinvolte da Meta nella sperimentazione commerciale, senza intermediari, sulla piattaforma di messaggeria
Tecnologia
1 sett

Facebook, via dai profili preferenze religiose e politiche

Dal primo dicembre il social cambia in favore della privacy
Tecnologia
1 sett

Musk riammette Trump su Twitter, ma lui resta su Truth

Il nuovo patron del social network ha riattivato l’account dell’ex presidente Usa dopo un sondaggio fra gli utenti
Tecnologia
1 sett

Mentre Twitter e Meta licenziano, TikTok continua ad assumere

La piattaforma cinese è impegnata in un piano triennale di reclutamento di circa 3’000 ingegneri nelle sue sedi in tutto il mondo
Tecnologia
4 sett

Google parlerà tutte le lingue, pure quelle delle... catastrofi

Sono i tre passi avanti del motore di ricerca fra i più utilizzati al mondo: dall’inclusione alle allerte a una maggiore risoluzione dei video
Social
1 mese

Instagram nel caos, profili sospesi e followers spariti

Diversi utenti hanno segnalato la sospensione dei propri account e la perdita dei followers
TECNOLOGIA
1 mese

L’informatica per il benessere

I sistemi informatici possono migliorare non solo la produttività, ma anche il benessere delle persone
Tecnologia
1 mese

Dopo il down mondiale, WhatsApp torna a funzionare

I messaggi stanno ripartendo dopo l’interruzione di un paio d’ore di questa mattina
Tecnologia
1 mese

Whatsapp non funziona: impossibile inviare e ricevere messaggi

La popolare app di chat è in down dalle 8.45 circa. Ignote le cause e la durata del disservizio
10.11.2020 - 20:49
Aggiornamento: 11.11.2020 - 11:15

Apple passa a Silicon e alza l'asticella su batteria e velocità

Cupertino introduce i primi tre Mac con architettura basata su Arm, scaricando Intel e promettendo prestazioni da record

di Luca Berti
apple-passa-a-silicon-e-alza-l-asticella-su-batteria-e-velocita
Un momento della presentazione (Keystone)
+6

L'hanno promesso e l'hanno fatto. Alla Apple si sbarazzano dei chip di Intel è passano ai propri processori Silicon, basati su tecnologia Arm (leggi la nostra intervista ai creatori del chip). Un cambiamento pressoché epocale – almeno dalla fine dell'era "PowerPc" – che promette di moltiplicare la potenza di portatili e computer pur diminuendo i consumi, limitando in maniera drastica la generazione di calore e garantendo una maggiore durata di batteria. Fino a 20 ore di riproduzione video per il nuovo MacBook Pro da 13 pollici.

I primi tre Mac a ricevere il nuovo processore M1 sono il MacBook Air, il Mac Mini e, come detto, il MacBook Pro da 13 pollici. Ma si è già capito che in futuro saranno convertiti anche tutti gli altri prodotti della linea, per buona pace del produttore di Cpu di Santa Clara, che nel 2006 aveva mandato in pensione l'era dei processori "made by Apple". Ora la storia si ripete, ma al contrario. E, a guardare le specifiche del nuovo chip marchiato con la mela morsicata, il cambiamento è impietoso.

Il nuovo processore

A rivoluzionare l'architettura su cui si baseranno i futuri computer di Cupertino c'è il nuovo processore M1, il primo di una serie, si è fatto capire durante l'evento online andato in onda nella sera di martedì 10 novembre. Si tratta di un chip basato sulla tecnologia Arm, presente soprattutto negli smartphone di numerosissimi produttori e che da tempo funge da base per iPad e iPhone. 

Pur nelle iperboli della comunicazione di marketing cui Apple ormai ha abitato fan e delatori, le nuove caratteristiche e il nuovo approccio sembrano davvero costituire "un gigantesco salto in avanti". L'M1, integra in un solo e piccolo chip basato sulla tecnologia a 5 nanometri 4 nuclei di calcolo ad alte prestazioni ("i più veloci del mondo") e altri 4 ad efficenza energetica ("comunque capaci di fornire prestazioni paragonabili all'attuale MacBook Air"), 8 nuclei grafici così come diverse tecnologie proprietarie di Apple, tra cui quelle dedicate all'apprendimento automatico e all'intelligenza artificiale, la 'Secure Encleve' (ovvero la cassaforte che custodisce i dati più critici e personali per l'utente) e i controller per le connessioni Thunderbolt 4. C'è stata pure la memoria di sistema. Il tutto consumando meno degli attuali processori di Intel. "Raggiungiamo il doppio di prestazioni di un Pc, utilizzando un quarto della potenza", garantiscono da Cupertino. E proprio la massima efficienza permette anche di non spegnere praticamente mai il computer, tenendolo invece in uno stato di sonno profondo da cui risvegliarlo in modo repentino. L'effetto, garantiscono, è quello che si ha già oggi con un iPad.

Il nuovo MacBook Air – il portatile più piccolo e sottile della gamma – dovrebbe permettere persino di montare video ad alta risoluzione e il Mac mini, una delle macchine in genere pensate per semplici lavori d'ufficio, ora potrebbe diventare una macchina interessante per i creativi e per chi gioca. Le prove sul campo, che dovranno verificare le affermazioni fatte durante la presentazione, non tarderanno comunque ad arrivare, visto che i tre computer sono già disponibili per le ordinazioni e che le spedizioni inizieranno da settimana prossima.

Software dedicato per un ulteriore incremento della velocità

Come promesso, poi, Apple ha già convertito tutta la gamma di propri software per funzionare nativamente sui nuovi processori, cosa che garantirà un ulteriore incremento della velocità percepita dagli utenti. A partire dalla nuova versione del sistema operativo, denominata "Big Sur", che verrà rilasciata giovedì. Le applicazioni native conterrano sia il codice Silicon, sia quello eseguibile sui modelli che ancora hanno processori Intel. Per le applicazioni non ancora adattate alla nuova Cpu è stato realizzato un interprete – Rosetta 2 – che permetterà di far girare i vecchi software anche sulla nuova architettura. Nel frattempo, visto che M1 condivide l'architettura con i dispositivi mobili di Apple, le applicazioni che oggi girano su iPad e iPhone saranno eseguibili anche sui nuovi Mac.

Leggi anche:

Con la spinta di Apple, Arm va all'attacco di Intel

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved