laRegione
Nuovo abbonamento
facebook-non-sara-piu-preinstallata-sui-futuri-smartphone-huawei
Le stime sul mercato mondiale degli smartphone nel 2019 prevedendo un calo di Huawei (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Tecnologia
Tecnologia
3 sett
Col coronavirus la tv è tornata in auge
La pandemia ha fatto riguadagnare punti alla televisione, indica un rapporto della Reuters. Cresce il bisogno di accedere ad informazioni affidabili.
Tecnologia
1 mese
Facebook, metà dei dipendenti a lavoro remoto nel 2030
Mark Zuckerber vuole adottare misure per iniziare ad aprire all'impiego a distanza anche per gli attuali lavoratori
Tecnologia
1 mese
Spariscono le Sim dei telefoni e arrivano nuovi rischi
Intervista al professor Alessandro Trivilini (Supsi) sul nuovo fenomeno, che ammonisce: attenzione ai furti d'identità nell'internet sommerso
Tecnologia
2 mesi
Meteorologia, senza gli aerei osservazioni in calo
L'emergenza Covid ha messo in ginocchio l'aviazione. Difficile senza questi mezzi il monitoraggio atmosferico e climatico
Tecnologia
2 mesi
Zoom annuncia migliorie alla sicurezza
L'applicazione di teleconferenza era stata al centro dell'attenzione per falle e uso dei dati personali
Tecnologia
2 mesi
Stampanti 3D a filamento: la lezione è virtuale
Doppio programma online a cura del FabLab, il laboratorio di fabbricazione digitale progettato dalla Supsi.
Tecnologia
2 mesi
Hacker violano Zoom, oltre 500'000 credenziali sul dark web
L'applicazione di videoconferenze è stata presa di mira: dati di mezzo milione di utenti sono in vendita nel lato scuro della rete
Tecnologia
3 mesi
Una tastiera braille sugli smartphone Android
L'ha sviluppata Google, e si può scaricare gratuitamente (per ora, però, funziona solo per l'inglese)
Tecnologia
07.06.2019 - 19:360

Facebook non sarà più preinstallata sui futuri smartphone Huawei

Neanche WhatsApp, Instagram e Messenger. Ma gli utenti potranno comunque scaricarle e usarle. Google: 'il bando dell'azienda cinese rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale'

Il boicottaggio Usa di Huawei chiama in causa anche Facebook. Il colosso di Mark Zuckerberg si adeguerà al divieto di fare affari con la società cinese, e di conseguenza tutte le sue app - non solo Facebook ma anche WhatsApp, Instagram e Messenger - non saranno più preinstallate sui futuri smartphone di Huawei.

Chi li comprerà potrà comunque scaricarle e usarle, ma la mossa rischia di aumentare i timori dei consumatori e di far calare le vendite di Shenzhen. Le nuove norme, però, danneggiano anche le aziende americane, e non solo. A evidenziarlo è Google, secondo cui il bando contro Huawei rappresenta un rischio per la sicurezza nazionale.

I problemi nascono dall'iscrizione di Huawei nella "entity list", la lista nera del commercio Usa che vieta alle società a stelle e strisce di vendere beni e servizi all'azienda cinese. L'amministrazione Trump ha concesso una licenza temporanea di tre mesi che scadrà a fine agosto. Dopo quella data, in assenza di sviluppi, i big tecnologici americani dovranno tagliare i ponti con la compagnia asiatica.

Per "garantire la conformità" alle nuove regole, Facebook non consentirà più a Huawei di preinstallare le sue app sui nuovi smartphone. Per i telefoni in circolazione non cambia nulla. Quelli futuri arriveranno nei negozi senza le app di Facebook, ma gli utenti potranno scaricarle come fanno già con molte altre, da Candy Crush a Spotify. Il download sarà dal Play Store, il negozio di Google per Android, o da un negozio analogo, se e quando Huawei lancerà il suo sistema operativo Ark.

Google è preoccupata e fa pressione su governo USA

Proprio su questo si concentrano i timori di Google che, secondo il Financial Times, è in pressing sul governo Usa. Se Huawei non potrà più avere gli aggiornamenti di Android - è il ragionamento di Google - la società cinese svilupperà una sua versione modificata di Android, che renderà gli smartphone più vulnerabili anche agli attacchi hacker.

Google ha chiesto al Dipartimento del commercio di prorogare la licenza di Huawei o di essere esclusa dal divieto commerciale. Stessa richiesta è stata avanzata dai produttori di chip americani quali Qualcomm, preoccupati di perdere un cliente grosso come Huawei. Proprio l'azienda cinese nei giorni scorsi ha esplicitato il suo peso: il bando commerciale - ha detto - danneggerà oltre 1'200 aziende statunitensi, con ripercussioni su decine di migliaia di posti di lavoro". A perderci, però, sarà anche Huawei, perché questa pubblicità negativa allontana i clienti. Gli analisti di Canalys in settimana hanno corretto al ribasso le stime sul mercato mondiale degli smartphone nel 2019, prevedendo proprio un calo di Huawei.

 

© Regiopress, All rights reserved